Maalox e ricoveri (non recovery) tra i servi sciocchi dei nemici di Conte

L'editoriale di oggi del Fatto Quotidiano, dal titolo Ricoveri Fund, è tipico del direttore Travaglio: una illuminante ed esilarante collezione a posteriori delle previsioni accazzo sull'esito della trattativa europea brillantemente condotta dal presidente del Consiglio con il risultato lusinghiero che sappiamo. Vi anticipo qualche assaggio.

"Conte inizia il suo tour in Europa rimediando solo porte in faccia" (La Verità, 9 luglio). Sembra che dopo la vittoria europea del suo odiato premier, homo ridens Belpietro abbia finalmente perduto quel sorrisetto da ebete che portava stampato in faccia dalla nascita.  

"Conte si sta appalesando come uno dei più straordinari illusionisti della nostra storia" (Paolo Mieli, Corriere della Sera, 10 luglio). Mieli sta appalesando il suo progressivo declassamento da giornalista serio, ancorché mediocre, a servo sciocco. Ma potrebbe anche essere uno scherzo della vecchiaia: ha confuso Conte con gli illusionisti Renzi e Berlusconi. 

"Accattonaggio europeo, Conte chiede l'elemosina. Col cappello in mano" (Libero, 14 luglio). Infatti ha portato a casa "l'elemosina" di gran lunga più grossa tra tutti paesi dell'Unione Europea. Appena 209 miliardi. Quando finirà il vergognoso accattonaggio dei giornalisti di Libero (anzi Occupato) foraggiati da decenni da milioni di euro di denaro pubblico, io dico che finiranno loro in mezzo alla strada a chiedere l'elemosina  sul serio.

https://www.change.org/p/tutti-interrompere-i-fondi-statali-a-libero#:~:text=Nel 2004 Libero ha acquistato,profitti per 187 000 euro.

"Conte Dracula. In Europa rischiamo di restare a secco. A questo governo i soldi dell'Europa fanno schifo" (Alessandro Sallusti, Il Giornale, 18 luglio). Gli fanno così schifo che ha accettato solo 209 miliardi, solo 36 in più del previsto, ma giusto per non apparire scortese. Comicissimo Frankestein Sallusti che dà del "Dracula" al presidente Conte. Ci fosse andato lui a Bruxelles, avrebbe messo in fuga per il ribrezzo tutte le prime ministre europee. Invece pare che la svolta della trattativa sia arrivata nella notte di domenica. Giuseppe Conte, alla terza nottata in bianco ma fresco come un Tardelli dell'82, pronuncia un memorabile discorso dal titolo: Della dignità dell'Italia.  Appena finisce viene raggiunto dalla premier danese Mette Frederiksen e da quella finlandese, Sanna Marin, che gli stringono la mano e assicurano: "Noi non siamo contro l'Italia". A quel punto gli altri due frugali, l'austriaco Kurz e l'olandese Rutte rimangono soli come due carciofi selvatici. Vittoria! Ha vinto Conte, ha vinto l'Italia! A quanto pare e come scrivevo giorni fa, per qualche misteriosa ragione il nostro premier (al quale consiglierei di fare palestra) piace molto alle donne e non solo alle italiane. 

Quanto al tulipano stitico Rutte, tornato in patria trova il commento del suo avversario, il sovranista Wilder: "Primo ministro italiano molto soddisfatto, mentre noi pagheremo per le ginocchia deboli di Rutte".

Intanto oggi, durante le comunicazioni di Conte in Senato, l'ex premier Matteo Renzi, a dentoni stretti e obtorto collo, elogia il presidente del Consiglio: "Lei è stato bravo, il Recovery Fund è un fatto epocale". Chissà cosa scriverà ora il maggiordomo pisano di Leopoldino.

https://infosannio.com/2020/07/22/ricoveri-fund-2/

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

48 messaggi in questa discussione

Dirà che Leopoldino avrebbe fatto meglio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Dirà che Leopoldino avrebbe fatto meglio.

Io invece penso che avrebbe fatto molto peggio. All'estero Leopoldino era valutato quanto il due coppe quando la briscola è bastoni. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Io invece penso che avrebbe fatto molto peggio. All'estero Leopoldino era valutato quanto il due coppe quando la briscola è bastoni. Saluti

Come no idio ta . Come no!!! Obama: Sì al referendum aiuta Italia «Renzi dovrebbe rimanere al timone»

di Redazione Online

 

«Renzi ha rappresentato un passo avanti per l’Italia e col referendum ci sarà una spinta per l’economia».Queste le parole del presidente Usa Barack Obama durante la conferenza congiunta con il premier Renzi dopo l’incontro bilaterale che si è svolto nella Stanza Ovale della Casa Bianca. « Io tifo per Matteo Renzi - ha detto Obama - secondo me deve restare in politica comunque vada» il referendum del 4 dicembre. «Siamo d’accordo sul fatto che bisogna concentrarsi sulla crescita per la prosperità delle persone: Matteo sta facendo le riforme in Italia, a volte incontra resistenze e inerzie ma l’economia ha mostrato segni di crescita, anche se ha ancora tanta strada da fare», ha detto Obama. »Il governo di Matteo Renzi - ha aggiunto - sta portando avanti riforme coraggiose, noi sosteniamo il referendum per un sistema politico più responsabile. Il Sì al referendum può aiutare l’Italia a crescere»

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ora Macron strizza l’occhio a Renzi

Non è un caso se Matteo Renzi ha annunciato la nascita della sua nuova formazione politica alla vigilia del’’incontro con il presidente francese: tra la Brexit e la Germania in recessione, Macron ha bisogno di nuovi alleati in Europa. E Matteo Renzi è perfetto per questo scopo

1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Io invece penso che avrebbe fatto molto peggio. All'estero Leopoldino era valutato quanto il due coppe quando la briscola è bastoni. Saluti

Come no idio ta , come no !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Io invece penso che avrebbe fatto molto peggio. All'estero Leopoldino era valutato quanto il due coppe quando la briscola e’ bastoni . 

 

E come no , idio ta . Come no !!                                
   MERKEL: “HO LAVORATO MOLTO BENE CON MATTEO"

"Guardiamo all'Italia con inquietudine", ha detto il ministro degli esteri tedesco Steinmeier, "credo che Renzi abbia fatto la cosa giusta, la cosa  necessaria, ma gli elettori non lo hanno sostenuto"

Angela Merkel accoglie a Berlino Matteo Renzi per l'incontro con Donald Trump (GettyImages) Angela Merkel accoglie a Berlino Matteo Renzi per l'incontro con Donald Trump (GettyImages)

5 dicembre 2016

Si dice "dispiaciuta" la Cancelliera tedesca Angela Merkel all'annuncio delle dimissioni del Premier italiano Matteo Renzi . Ed ha aggiunto: "ho lavorato molto bene con Matteo".

"L'Italia deve continuare sul percorso economico e politico iniziato da Renzi negli ultimi anni. Le persone responsabili a Roma lo sanno" ha commentato a sua volta il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, a margine dell'Eurogruppo a Bruxelles. "Non stiamo affrontando un'eurocrisi", ha aggiunto. 

Preoccupazione invece viene espressa per le dimissioni di Renzi dal ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, ad Atene per un incontro con il capo del governo greco, Alexis Tsipras. "Possiamo rallegrarci che gli elettori austriaci non hanno votato per il candidato delle forze populiste, ma guardiamo invece all'Italia con inquietudine", ha detto Steinmeier, "credo che Renzi abbia fatto la cosa giusta, la cosa necessaria, ma gli elettori non lo hanno sostenuto". "Non si tratta di una crisi dello stato, ma è una crisi di governo che dovrà essere risolta... Non è un messaggio positivo per l'Europa in un periodo così difficile", ha aggiunto Steinmeier che a febbraio diventerà, con tutta probabilità, il nuovo Presidente . 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Dirà che Leopoldino avrebbe fatto meglio.

Senti la fedrigraga sfondata . Sienti a me Sanchina du du du innamorata . Io non lo so cosa avrebbe fatto Matteo. Ma di sicuro so cosa non avrebbe mai fatto e che invece ha fatto il grande Giuseppi l’avvocaticchio : quello di aver governato con un razzista come Salvini , quello di averne avallato tutte le leggi vergogna e di averlo pure difeso impedendo di mandarlo davanti ad un giudice . Non ve lo dovete mai dimenticare . Ne’ te , eroina da tastiera e senza palline , ne’ quel poveraccio molto probabilmente becco del Cazzaro napoletano . 👄👅 Slurp .  !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quante chiacchiere per dire nulla sig.ra marketta.

Sto aspettando il giorno e l'ora in cui la fionderò in laguna  a calci in Q.lo.

Naturalmente fa la gradassa dietro la tastiera, ma quando si devono affrontare le cose a quattro occhi allora scappa come i topi di fogna.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

👄👅 Slurp .  !! 

Xxxxxxxxxxxxxxxxc

Azzz....... già fatto il servizio al padrone, sig.ra marketta?

  •  
Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Quante chiacchiere per dire nulla sig.ra marketta.

Sto aspettando il giorno e l'ora in cui la fionderò in laguna  a calci in Q.lo.

Naturalmente fa la gradassa dietro la tastiera, ma quando si devono affrontare le cose a quattro occhi allora scappa come i topi di fogna.

 

 

Eh si , però l’indirizzo non me lo dai . Io invece te l’ho dato . Su, Sanchina , fai vedere che sei un ormone coraggioso invece che una eroina da tastiera . Lingua tanta ( allenata con i prelievi che fai ) fatti 0. Ti garantisco che tanto male non ti faccio . Non meriti nemmeno quello , troiona !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lei ha dato solo il nome di una via senza indicare il numero interno o il nome del condominio o della villa, immagino che una monolaureata come lei possa vivere solo in una villa, per ricevere la clientela. E che clientela.

Io invece le ho dato un indirizzo e un posto preciso: il portone della chiesa della Madonna della salute di Venezia. Una località neutra, senza sostenitori.

Ci sarà solo uno scontro tra il suo Q.lo, che inesorabilmente finirà in laguna con la benedizione della Madonna, e le mie scarpe grosse

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'ex tappetaro nelle sedi internazionali era valutato in modo abbastanza realistico, cioè zero, però piaceva molto. Infatti ancora oggi lo rimpiangono. Era un agnello docile. L'esatto contrario di Conte. Se avesse saputo raccontare le barzellette sarebbe piaciuto quanto l'ex puttaniere. Da sindaco era schierato per il taglio degli F-35; da premier, al primo incontro con Obama, si calò le braghe. Poi se le calò ancora, in sede Nato, sottoscrivendo il raddoppio della nostra spesa militare senza neppure informare il parlamento. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Poi se le calò ancora, in sede Nato, sottoscrivendo il raddoppio della nostra spesa militare senza neppure informare il parlamento. 

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 viene sbugiardato

http://senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/306271.pdf

dalla Signora Ministro che ha riferito alle competenti commissioni di Camera e Senato

Ultimo punto in discussione al Vertice è la condivisione degli oneriper la sicurezza, ovvero le spese militari. Su questo, come sapete, c’è stata una discussione che dura da anni sull’impegno del 2 per cento del PIL esulla suddivisione all’interno dei bilanci della difesa (tema che in Italiaconosciamo molto bene) tra le spese per gli investimenti e le altre, in par-ticolare quelle per il personale. Anche su sollecitazione italiana ma non soltanto, la discussione si è incentrata molto su questo tema: da una parte si è discusso più che di input economico di output in termini di efficacia dello strumento militare, anche considerati i tempi di ristrettezze di bilancio, un tema non solo italiano, ma ampiamente condiviso e, per onorare l’impegno contenuto nella Risoluzione approvata a luglio dalla Commissione difesa del Senato anche del modo più efficace e più corretto di condividere risorse ed assetti in una logica di condivisione e di complementarietà tra strumenti dell’Alleanza atlantica e rafforzamento del processo di difesa europea.

FOSFY FACCI LA PRESA!

https://www.youtube.com/watch?v=Jn_HHHs-w0w

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Saurino pane e vino ci ricasca. Posa il fiasco de.ficiente! Se il tuo amministratore di condominio FIRMA per il raddoppio della spesa di manutenzione dell'ascensore o per il raddoppio dello stipendio del portiere, e solo DOPO ne informa l'Assemblea dei condomini, questa si riunisce con un unico punto all'o.d.g.: cacciare l'amministratore a calci nel kulo. Un gravoso impegno strutturale che interessa anche i governi successivi, anche le generazioni successive, come quello FIRMATO dall'ex caudillo in Galles, per giunta a nome di un paese che all'art. 11 della Costituzione ripudia la guerra, DEVE, ripeto DEVE, ESSERE PRECEDUTO, ripeto PRECEDUTO, in un paese serio e democratico, da un ampio dibattito non solo in parlamento ma nella società civile e sui media. L'ex caudillo sapeva benissimo cosa andava a firmare. Aveva ricevuto ripetute ed esplicite pressioni da Obama, prima del vertice NATO aveva ricevuto anche una lettera personale da Cameron (dear Matteo...) dello stesso tenore:  pressante invito portare la spesa militare al 2% del PIL. Per un impegno del genere un premier serio come Conte avrebbe chiesto un ESPLICITO mandato parlamentare, cioè UN VOTO IN AULA. Nonché, almeno per rispetto istituzionale, il conforto del capo dello Stato che è il capo delle forze armate. Invece si limitò, A COSE FATTE, a mandare in aula una ministra, per giunta incompetente per sua stessa ammissione sul capitolo spesa militare. La ministra, dopo interminabili bla bla bla, fece un rapido cenno finale alla faccenda, come se fosse stata una bazzecola discussa tra le varie ed eventuali al vertice NATO. E tacque completamente sulla firma e sugli impegni vincolanti presi. Censura quasi totale sulla notizia anche nei media, in particolare Telerenzi (la Rai dell'epoca). VERGOGNOSO!

P.S. va a pulire le spiagge, almeno ti rendi utile. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Un gravoso impegno strutturale che interessa anche i governi successivi, anche le generazioni successive, come quello FIRMATO dall'ex caudillo in Galles, per giunta a nome di un paese che all'art. 11 della Costituzione ripudia la guerra, DEVE, ripeto DEVE, ESSERE PRECEDUTO, ripeto PRECEDUTO, in un paese serio e democratico, da un ampio dibattito non solo in parlamento ma nella società civile e sui media.

In un Paese serio si leggono i trattati prima di battere a casaccio sulla tastiera.

Nel trattato Nato

https://www.nato.int/cps/en/natolive/official_texts_17120.htm

relativamente alle decisioni di finanza pubblica non troviamo

ASSOLUTAMENTE NIENTE

che possa dare forza vincolante a quanto deciso nel corso di summit o simili.

Non a caso la spesa militare dell'Italietta nostra nemmeno ci ha pensato ad arrivare al 2% del PIL.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ti ripeto, caro Saurino pane e vino: posa il fiasco! Qui si parla di un accordo firmato nel 2014 dal presidente del Consiglio dell'epoca con il quale l'Italia si impegnava e si impegna a destinare alla spesa militare almeno il 2% del PIL entro 10 anni cioè entro il 2024. E tu mi tiri in ballo il trattato di fondazione della Nato del 1949? Roba da matti! E perché non il trattato di Campoformio o quello di Versailles? Visto che hai le idee molto confuse e sconfini nel ridicolo (nulla di nuovo sotto il sole), ti informo che per uno STATO SOVRANO nessun impegno è vincolante in assoluto, perché il principio di sovranità è, per definizione, più forte di ogni vincolo (eccetto quello di non infrangere la sovranità altrui). Tra 5 minuti l'Italia può uscire dalla Nato e decidere di farlo con effetti immediati, a prescindere da quel che c'è scritto nel trattato, e nessun Trump può scorreggiare alcunché in contrario. Per contro, tutti i patti e tutti gli impegni formali e scritti, specie se firmati in un consesso internazionale dalle massime cariche dello Stato, sono vincolanti per un PAESE SERIO. Che può certamente sottrarsi ma non può salvare la faccia se viola i patti. Non a caso a ogni vertice Nato dopo quello in oggetto, e in ogni bilaterale con gli USA, ci viene puntualmente ed espressamente ricordato quell'impegno. Io non sono sicurissimo (ma ho buone speranze) che Giuseppe Conte nel 2023 vorrà ancora prestare il suo prezioso servizio al Paese, e non sono sicurissimo (ma ho ottime speranze) che in questo caso vincerà le elezioni. Ma sono sicurissimo che con lui a palazzo Chigi la spesa militare resterà sotto il 2% del PIL. Però trovo inaccettabile che un galantuomo e uno statista serio come lui debba fare una figuraccia partecipando ai vertici della Nato solo perché ha avuto un docile e sottomesso predecessore (invero ne ha avuti più di uno). Una figura istituzionale può anche essere una pecora, ma è inaccettabile e inammissibile che non rispetti la democrazia e il parlamento. Come puoi leggere qui:

https://www.difesa.it/SMD_/CASD/***/CeMiSS/DocumentiVis/Osservatorio_Strategico_2018/03_2018_ITA/01_Pastori_OS_03_2018.pdf

Nel 2014, a conclusione del vertice di Celtic Manor, gli alleati hanno formalizzato l’impegno (prima solo informale) di destinare alle spese per la Difesa il 2% del proprio Prodotto interno lordo.

Hai letto, ebete? In quel vertice della Nato l'Italia, con la firma di Renzi, formalizzò un impegno che prima era solo informale. E che impegno! Un impegno strutturale a quasi raddoppiare, e in modo permanente, la spesa militare! Una "cosetta" che il Parlamento non ebbe modo di discutere in via preliminare, fatto in sè già gravissimo, ma di cui, a quanto pare, non fu nemmeno compiutamente informato a posteriori. La ministra (incompetente) Mogherini (assenti sia il premier che la competente ministra della Difesa) dedicò poche righe all'argomento limitandosi a dire che in Galles sull'aumento di spesa militare furono fatte delle "riflessioni". Roba da matti! "Riflettere", in italiano, è quasi il contrario di "concludere". Nello stenografico della relazione della ministra non c'è traccia della firma italiana sulla conclusione per noi di gran lunga più importante di quel vertice Nato: un impegno formale (ed epocale) ad aumentare di brutto la nostra spesa militare.

VERGOGNA!

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Per contro, tutti i patti e tutti gli impegni formali e scritti, specie se firmati in un consesso internazionale dalle massime cariche dello Stato, sono vincolanti per un PAESE SERIO.

Adesso ci dici quante finanziarie sono state fatte dopo il 2014 che, relativamente al settore difesa, prevedono impegni di spesa in misura pari al 2% del PIL.

Se non ne troverai allora concluderemo che

SIAMO DI FRONTE ALL'ENNESIMA BALLA GALATTICA DEL CIALTRONISSIMO PERACOTTARO SERIALE FOSFORO31.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un decerebrato come Sauro24ore necessita ovviamente di molta pazienza e molte ripetizioni. Gli accordi Nato firmati da Leopoldino nel 2014 prevedono, come ho scritto, il raggiungimento della soglia del 2% entro il 2024. E lui il suo lo fece per accontentare gli "amici" guerrafondai (ed esportatori di armi) Cameron e Obama.

Un inciso: a mio modesto avviso dare un Nobel per la Pace a un Obama è come dare una laurea in Geografia a un terrapiattista.

In effetti la spesa militare crebbe durante il governo Renzi:

https://ilmanifesto.it/boom-di-spese-militari-con-i-governi-a-guida-renzi/

Ma ora c'è la pandemia quindi penso che nel 2024 non saremo i soli nella Nato a restare ben sotto quella soglia. Sempre che nessuno dei due Matteo vada nel frattempo a palazzo Chigi (che il Cielo ce ne scampi e liberi). Anzi io prevedo che anche USA e UK taglieranno il loro budget militare. Di certo fino a ieri hanno speso decisamente troppo in armi e troppo poco in sanità pubblica. Non a caso sono il primo e il terzo paese più colpito dal Covid. Come direbbe Vincenzo De Luca: questa è una prova che Dio esiste. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 ovviamente inizia a blaterare di altro, come consolidata consuetudine.

Stiamo parlando della spesa militare dell'Italietta nostra che, secondo quanto ragliato dal cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31, sarebbe dovuta arrivare al 2% del PIL italiano sulla base degli impegni in sede di vertice NATO del settembre 2014.

Come già detto, nel trattato Nato

https://www.nato.int/cps/en/natolive/official_texts_17120.htm

relativamente alle decisioni di finanza pubblica non troviamo

ASSOLUTAMENTE NIENTE

che possa dare forza vincolante a quanto deciso nel corso di summit o simili.

Non a caso la spesa militare dell'Italietta nostra nemmeno ci ha pensato ad arrivare al 2% del PIL.

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 ovviamente

NON HA TROVATO

una sola finanziaria successiva al 2014 nella quale gli impegni di spesa per il settore difesa sia arrivato al 2% del PIL.

Concludiamo che 

DOBBIAMO CONTABILIZZARE L'ENNESIMA BALLA GALATTICA DEL CIALTRONISSIMO PERACOTTARO SERIALE FOSFORO31.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, fosforo311 ha scritto:

......Non a caso a ogni vertice Nato dopo quello in oggetto, e in ogni bilaterale con gli USA, ci viene puntualmente ed espressamente ricordato quell'impegno. Io non sono sicurissimo (ma ho buone speranze) che Giuseppe Conte nel 2023 vorrà ancora prestare il suo prezioso servizio al Paese, e non sono sicurissimo (ma ho ottime speranze) che in questo caso vincerà le elezioni. Ma sono sicurissimo che con lui a palazzo Chigi la spesa militare resterà sotto il 2% del PIL. Però trovo inaccettabile che un galantuomo e uno statista serio come lui debba fare una figuraccia partecipando ai vertici della Nato solo perché ha avuto un docile e sottomesso predecessore (invero ne ha avuti più di uno). Una figura istituzionale può anche essere una pecora, ma è inaccettabile e inammissibile che non rispetti la democrazia e il parlamento. Come puoi leggere qui:

 

Nel 2014, a conclusione del vertice di Celtic Manor, gli alleati hanno formalizzato l’impegno (prima solo informale) di destinare alle spese per la Difesa il 2% del proprio Prodotto interno lordo.  In quel vertice della Nato l'Italia, con la firma di Renzi, formalizzò un impegno che prima era solo informale. E che impegno! Un impegno strutturale a quasi raddoppiare, e in modo permanente, la spesa militare! Una "cosetta" che il Parlamento non ebbe modo di discutere in via preliminare, fatto in sè già gravissimo, ma di cui, a quanto pare, non fu nemmeno compiutamente informato a posteriori. La ministra (incompetente) Mogherini (assenti sia il premier che la competente ministra della Difesa) dedicò poche righe all'argomento limitandosi a dire che in Galles sull'aumento di spesa militare furono fatte delle "riflessioni". Roba da matti! "Riflettere", in italiano, è quasi il contrario di "concludere". Nello stenografico della relazione della ministra non c'è traccia della firma italiana sulla conclusione per noi di gran lunga più importante di quel vertice Nato: un impegno formale (ed epocale) ad aumentare di brutto la nostra spesa militare.

VERGOGNA!

 

Ahahahahaha , vabbene vabbene , il Cazzaro di Napoli lo conosciamo bene . E’ un idio ta borioso e stroppiante. Ma e’ anche un poveraccio che si inventa le cose. Ora si inventa che Renzi , nel 2014, con un trattato firmato per far piacere al suo “amico” Obama avrebbe aumentato le spese militari Nato nel periodo 2014-2024 . Del 2% del Pil !! . Questo vertice ,di sarebbe svolto in Galles a Celtic Manor.  Naturalmente non c’è niente che possa far risalire ad una notizia del genere che non sarebbe venuta in mente nemmeno a Travaglio Calandrino Marco . Secondo il Cazzaro partenopeo , invece , forse perché in sogno gli e’ apparso lo spirito del fu Gianroberto Casaleggio , da la notizia per certa ed assodata senza però fornirci nessuna prova dell’esistenza della stessa. Di più !! E’ proprio il Cazzaro stesso che ci informa Che non vi e’ nessun verbale e nessuna traccia delle conclusioni di quel vertice che vanno nelle direzioni assunte dal Cazzaro napoletano , ma che Renzi , ideatore di quel piano diabolico , manco era presente . Al suo posto vi era la Mogherini , che definisce incompetente senza darcene ragione alcuna che avrebbe preso epocale e formale impegno ad aumentare le spese militari . Povero Cazzaro , a parte che certi impegni, per essere “epocali “ debbono essere vergati dal PCM , la cosa buffa e’ che , invece , durante gli ultimi 2 governi del PD , le spese sono diminuite . Invece , udite udite , chi invece ha preso formale impegno di aumentarle di 7 miliardi e’ colui , Giuseppi , che il Cazzaro di Napoli , giura e spergiura che con lui non aumenteranno mai . Non ci credete ?? Guardate sotto , lo ha già fatto !!! Ahahahaha , che razza di idio ta e’ il Pulcinella partenopeo ...!! La vergogna ce l’abbiamo sotto gli occhi tutte le volte che ti inventi panzane simili !! 

Conte cede al pressing della Nato: “Alla Difesa sette miliardi in più”

lapresse_xix_20191009_195356_008983.JPG% Giuseppe Conte con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg

La promessa del premier al segretario Stoltenberg: “Aumenteremo la spesa militare di miliardi in più “

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cari forumisti seri, nessuno pretende che un imbranato che si occupa di pulizia delle spiagge debba conoscere i Documenti Programmatici Pluriennali (DPP) del Ministero della Difesa, ma almeno costui potrebbe evitare di parlare accazzo, nelle pause del suo ingrato lavoro, di cose di cui non ha la benché minima contezza. Soprattutto, dovrebbe evitare di dissetarsi con succo d'uva. E invece il nostro Saurino pane e vino, non so se vittima della calura o del Tavernello, stamane letteralmente delira e inquadra ripetutamente nel passato un obbiettivo fissato per la fine del 2024. Ovvero l'adeguamento, firmato da Renzi nel 2014 (bypassando il parlamento), della nostra spesa militare alla soglia NATO del 2% del PIL. Questo cialtrone ignora che si tratta di un impegno formale sottoscritto dal nostro paese, e in quanto tale preso nella più seria considerazione in sede di programmazione finanziaria. Prendiamo, solo per fare un esempio, il DPP della Difesa per il triennio 2019-21. A pag. 16 leggiamo (grassetti e maiuscole sono miei)

Con riferimento alla tematica del “burden sharing”15
(approfondimento nella 3^ Parte del presente DPP, paragrafo
3.7), i dati prospettati dall’Italia alla NATO, costituiscono
una
dimostrazione dell'intento politico di
tendere al raggiungimento dei parametri del citato Defence
Investment Pledge (DIP) compatibilmente con il
quadro macroeconomico nazionale e ponendo in essere
TUTTI GLI SFORZI NECESSARI AFFINCHE' CIO' AVVENGA IL PRIMA POSSIBILE.

E nella nota 15 si specifica:

E cioè del rispetto degli impegni assunti al vertice del Galles
(2014) con il c.d. Defence Investment Pledge (DIP), implicante lo
sforzo di ciascuna Nazione Alleata a tendere, entro il 2024, al 2%
delle spese per la difesa rispetto al PIL ("cash"); al 20% delle spese
per l'investimento rispetto a quelle della difesa (“capabilities”) e
a contribuire a missioni, operazioni ed altre attività (“contributions”).

Chiaro, cialtrone? Dopodiché (e dopo avere smaltito il Tavernello) il cialtrone disinformato Sauro24 potrà andarsi a leggere il citato paragrafo 3.7, che è anche (non a caso) quello conclusivo del DPP, paragrafo dedicato per l'appunto alla discussione dell'impegno in oggetto assunto in sede NATO da Renzi nel 2014. 

https://www.difesa.it/Content/Documents/Documento_Programmatico_Pluriennale_(DPP)_2019_2021_digit.pdf

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
33 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Renzi , ideatore di quel piano diabolico , manco era presente . Al suo posto vi era la Mogherini ,

Ovviamente le mie fedeli ombrette (fedeli al sottoscritto che seguono come ombre, ma soprattutto tra loro) sono sempre in perfetta sincronia. Infatti oggi sono ambedue sbronze. Questo signore presente al summit NATO di Celtic Manor in Galles nel 2014 non era l'ex Tappetaro ma Maurizio Crozza:

https://youtu.be/d_UjfJwv2SY

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Razza di idio ta !! Mi riferivo al Parlamento Italiano. Noto , comunque , che da perfetto idio ta , non spendi una parola su Giuseppi e della sua decisione di aumentare le spese militari per 7 miliardi di euro. il motivo perché non lo fai e’ semplice . Perché sei un Cazzaro . Se lo facessi che Cazzaro saresti !! Invece zitto zitto come i tarponi che squittiscono nelle fogne ma sempre pronto ad accusare altri su comportamenti fatti dai tuoi paladini . A te non ti dico vergogna , a te ti dico che sei un pezzodimmerda !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 farebbe bene a leggersi le leggi di bilancio prima di postare ca ga te epocali.

Per vedere se la spesa militare dell'Italietta nostra è arrivata al 2% del PIL basta cercare gli stanziamenti per il Ministero della Difesa dopo il 2015 e rapportarli al PIL italiano.

Sulla base dei documenti del MINISTERO DELLE FINANZE e dello stesso Ministero della Difesa, risulta che gli stanziamenti per il Ministero della Difesa sono stati i seguenti (in milioni di euro, con arrotondamenti):

2015 : 19.371 milioni di euro pari a 1,18% del PIL

2016 : 19.434 milioni di euro pari a 1,16% del PIL

2017 : 20.269 milioni di euro pari a 1,19% del PIL

2018 : 20.969 milioni di euro pari a 1,19% del PIL

2019 : 21.432 milioni di euro pari a 1,21% del PIL

2020 : 22.942 milioni di euro pari a 1,26% del PIL

(il dato 2020 ovviamente è riferito al dato previsionale del PIL)

Come già detto, la spesa militare dell'Italietta nostra nemmeno ci ha pensato ad arrivare al 2% del PIL.

Da sottolineare:

1 - che la dotazione finanziaria del Ministero della Difesa comprende quella destinata a finanziare la componente CARABINIERI, che è pari a circa 1/3;

2 - dopo il 2014 il più consistente aumento degli stanziamenti a favore del Ministero della Difesa si è registrato nell'ultimo anno, con il premier serio Conte.

FOSFY FACCI LA PRESA!

https://www.youtube.com/watch?v=Jn_HHHs-w0w

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ti ripeto Saurino, posa il Tavernello e prenditi il Maalox. Renzi impegnò l'Italia a portare la spesa militare al 2% del PIL entro il 2024, non entro il 2015 o il '16 o il '17 o il '18 o il '19 o il '20. Ripeto:

entro il 2024, non entro il 2015 o il '16 o il '17 o il '18 o il '19 o il '20.

Ripeto ancora e ficcatelo nella zucca vuota:

entro il 2024, non entro il 2015 o il '16 o il '17 o il '18 o il '19 o il '20.

Ma per le zucche vuote non c'è due senza tre:

entro il 2024, non entro il 2015 o il '16 o il '17 o il '18 o il '19 o il '20.

CHIAROOO???!!!

E il Ministero della Difesa fin dal DPP 2019-21 prende molto sul serio quell'impegno, al punto di scrivere che

SARANNO POSTI IN ESSERE TUTTI GLI SFORZI NECESSARI PER RAGGIUNGERE L'OBBIETTIVO IL PRIMA POSSIBILE.

CHIAROOO???!!!

Repetita iuvant:

SARANNO POSTI IN ESSERE TUTTI GLI SFORZI NECESSARI PER RAGGIUNGERE L'OBBIETTIVO IL PRIMA POSSIBILE.

CHIAROOO???!!!

Ma per le zucche vuote non c'è due senza tre:

SARANNO POSTI IN ESSERE TUTTI GLI SFORZI NECESSARI PER RAGGIUNGERE L'OBBIETTIVO IL PRIMA POSSIBILE.

CHIAROOO???!!!

Se poi nella zucca vuota sopravvivesse qualche isolato ed eroico neurone, come i giapponesi nella giungla, allora capiresti che il fatto che nel previsionale del 2020 siamo ancora molto lontani dalla soglia del 2% dimostra solo una cosa: l'incapace e incompetente Renzi nel 2014 sottovalutò largamente l'entità dello sforzo economico che con la sua firma andava a caricare sulle spalle del paese e dei contribuenti. Anche perché la soglia non va superata una tantum ma stabilmente a partire dal 2024. Per non parlare della finalità a dir poco discutibile dello sforzo economico in oggetto (spesa militare). Aspetto sul quale ci sarebbe da aprire un'altra discussione. Ma non tutto il male viene per nuocere. E' probabile che la crisi economica legata alla pandemia, che potrebbe protrarsi ben oltre il 2024, riduca quegli accordi firmati nel 2014 a carta straccia. Primum vivere, mentre la NATO puo' andare a farsi friggere. 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963