Non amo la polemica personale, ma...

Inviata (modificato)

Non amo la polemica personale, mi interessano i fatti e soprattutto i ragionamenti. Però, se due babbei del forum passano gran parte del  loro tempo ad attaccare e a insultare il sottoscritto, di tanto in tanto è opportuno ripagarli con la stessa moneta.  

https://forum.virgilio.it/argomento/76714-i-conteggi-dell’esperto-virologo-cazzaro-o’professsoorreee/?do=findComment&comment=359491

Ad una settimana dai dati forniteci dal Cazzaro di Napoli Fosforo O’Professsooree  che integralmente riporto sotto , ad ora , in Italia , i morti sono 12 e i contagiati 450. Considerando che i virologi considerano in 8 settimane la fase critica del virus , possiamo dire che , all’incirca , la situazione finale dovrebbe essere di 96 morti e di 3.600 contagiati . Quindi alla previsione del notissimo “virologo” O’Professsooree” mancherebbero ( pur in presenza della peggiore situazione ) 2.404/2.904 morti e 96.000 contagiati . Non so se siete d’accordo con me , ma io , di questo virologo non mi fido !! 

Come avete letto sopra, il 27 febbraio, quando avevamo in Italia 12 morti e 450 contagiati, il cazzaro pisano Mark222220, con il conforto di non meglio precisati virologi, previde un bilancio finale, ripeto finale, di 96 morti e 3600 contagiati. 

Sei giorni prima, il 21 febbraio, quando avevamo solo 20 contagiati (inclusi due turisti cinesi) e zero morti (il primo decesso avvenne quella sera stessa, in Veneto, verso le 23 e fu comunicato il giorno dopo), il sottoscritto scriveva:

Temo che il virus si diffonderà in Italia e nel resto del mondo, contagiando fino all'1 o al 2 per mille della popolazione (per ora in Cina siamo a un contagiato accertato su 18.000 abitanti). Quindi prepariamoci ad avere anche 100.000 casi in Italia e fino a 2 o 3mila morti.

Deduciamo che il cazzaro pisano, pur disponendo di dati più solidi e più preoccupanti dei miei, fece una previsione all'incirca 30 volte più ottimistica della mia. Eppure i due babbei oggi, come al solito quasi all'unisono, mi attaccano e mi insultano perché avrei sottovalutato (in febbraio!) il pericolo incombente. Una delle differenze tra me e loro, a parte l'educazione e la serietà, è il fatto che io non ho mai difficoltà ad ammettere i miei errori. Inoltre, anche quando sbaglio, non scrivo a casaccio. Nel caso in oggetto la mia previsione errata del 21 febbraio si basava su un confronto di massima con la Cina, o meglio con la provincia di Hubei che ha circa la popolazione dell'Italia. In quel momento la Cina contava circa 76.000 casi e 2300 morti (ne mancavano ulteriori 1300, che sarebbero stati aggiunti in aprile dopo un riconteggio, ma io all'epoca non potevo saperlo). Considerai inoltre il fatto che già da qualche giorno i dati cinesi mostravano un rallentamento dei contagi e una diminuzione dei casi attivi, cioè il superamento del picco epidemico. Considerazione rivelatasi a posteriori corretta. Quindi la mia fu una previsione su base induttiva, certamente azzardata ma ragionata e non certo campata in aria. In quel momento nessuno in Italia, ripeto nessuno in Italia prevedeva che le cose, qui da noi e in quasi tutto il resto del mondo, sarebbero andate molto ma molto peggio che in Cina, dove a oggi il tasso di mortalità del Covid è pari allo 0,003 per mille contro il nostro 0,579 per mille. E sfido chiunque a trovare una previsione italiana, del 21 febbraio o anteriore, più pesante della mia in termini di vittime e contagi. Signori, il 21 febbraio, con ancora zero morti in Italia, io già paventavo una strage, sbagliando le stime di circa un ordine di grandezza, ma pur sempre una strage, perché 3000 morti in Italia sono circa le vittime dell'11 settembre alle Torri Gemelle; e quasi mezzo milione nel mondo (avendo ipotizzato fino al 2 per mille della popolazione mondiale contagiata e un CFR fino al 3%) sono grosso modo le vittime della sanguinosa guerra in Iraq o di quella in Siria.

Mentre due settimane dopo, il 5 marzo, in un post delle ore 12:19, quando in Italia contavamo già più di 100 morti e più di 3000 casi, il noto cazzaro Sauro24 dava del "cazzaro" a Marco Travaglio per avere questi saggiamente e con lungimiranza scritto: "meglio una recessione pilotata con pochi morti oggi che una catastrofe incontrollata con una strage domani".  Il noto cazzaro Sauro24, che com'è noto non è saggio, e men che meno lungimirante e intelligente come Travaglio, provvedeva invece ad assicurarci e a tranquillizzarci tutti: 

Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage. 

https://forum.virgilio.it/argomento/77164-facciamo-il-punto-sui-numeri/?do=findComment&comment=361540

Dunque il 5 marzo il noto cazzaro Sauro24 ne sapeva molto più di quanto ne potessi sapere io il 21 febbraio ma, escludendo una strage, egli azzardava una previsione più ottimistica della mia. Infatti dal 5 marzo a fine mese ci furono già oltre 12.000 morti. Ma tutti sappiamo che il ben noto cazzaro Sauro24 è anche una ben nota faccia di bronzo, infatti negli ultimi 4 mesi, e ancora ieri, mi ha rinfacciato con toni insultanti almeno una dozzina di volte quella mia sottovalutazione di febbraio. 

Lascio ogni giudizio ai forumisti seri, magari in un prossimo post ricorderò le sottovalutazioni, talora colossali e incoscienti, e posteriori alla mia, di noti politici e di noti professori e addetti ai lavori. 

Sono stato deriso e insultato all'unisono dai due babbei anche per i suggerimenti che in due o tre occasioni mi sono permesso di dare ai forumisti riguardo la profilassi e la sana alimentazione idonee per fronteggiare al meglio la minaccia del Covid. Suggerimenti ovvi, banali, generalmente condivisi dai medici, ma senza nessuna pretesa di costituire un rimedio assoluto e definitivo. Anzi, proprio perché non esistono vaccini né farmaci specifici, è saggio e opportuno attenersi a certe precauzioni. Per es. smettere di fumare. L'ho suggerito io ma anche un bambino capirebbe che il fumo abbassa le difese naturali contro un patogeno che aggredisce principalmente i polmoni. E lo suggerisce, anzi lo raccomanda, con espresso riferimento al Covid, il ministero della Salute:

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4408

Ho suggerito anche di esporsi ai raggi benefici del Sole, con la dovuta ***, perché questi stimolano la produzione organica di vitamina D (assai scarsa negli alimenti) che a sua volta stimola il sistema immunitario. E ho suggerito di moderare il consumo di carne e di zuccheri (che hanno l'effetto opposto). E di praticare l'esercizio fisico. Peraltro sono abitudini alimentari e comportamentali consigliabili a tutti, a prescindere dal Covid. Qui ne ricordo invece una più specifica. Ho scritto che da inizio marzo, pur abitando al sesto piano, non uso l'ascensore, locale tipicamente chiuso, angusto e poco arieggiato, e ho consigliato a tutti di farlo, nei limiti del possibile e facendo attenzione alle scale soprattutto in discesa. Sono stato per questo dileggiato dai babbei. Ebbene, in una delle ultime puntate di Di Martedì Giovanni Floris chiese all'autorevole virologa Ilaria Capua come regolarsi con l'ascensore in tempo di pandemia. La risposta della prof.ssa Capua fu istantanea e lapidaria: "Fate le scale!"

 

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

44 messaggi in questa discussione

Purtroppissimo il 5 marzo non avevamo elementi per parlare di strage. 

Vedere i disegnini a pagina 12, 13 e 14 della pubblicazione ISTAT

https://www.istat.it/it/files//2020/07/Rapp_Istat_Iss_9luglio.pdf

Purtroppissimo "il 30 gennaio 2020, data emblematica, Giuseppe Conte, affiancato dal ministro Speranza e dal professor Giuseppe Ippolito, in conferenza stampa, afferma: «Eravamo già molto vigili e molto attenti nel monitorare l'evoluzione di questa situazione critica, non ci siamo fatti trovare impreparati. Abbiamo chiuso il traffico aereo da e per la Cina. A quanto ci risulta, siamo il primo paese dell'Unione Europea che adotta una misura cautelativa di questo genere (…)». E conclude con l'inevitabile mantra: «È tutto sotto controllo»

https://www.ilsole24ore.com/art/dal-basta-panico-conte-mascherina-fontana-politica-va-tilt-coronavirus-ACvKWaMB?refresh_ce=1

Purtroppissimo non è il sottoscritto che prima ha parlato di BUFALA DELLA PESTILENZA CINESE e dopo ammonisce "in Italia scherziamo con il fuoco".

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

PS: purtroppissimo non esistono crisi economiche pilotate

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Non amo la polemica personale, mi interessano i fatti e soprattutto i ragionamenti. Però, se due babbei del forum passano gran parte del  loro tempo ad attaccare e a insultare il sottoscritto, di tanto in tanto è opportuno ripagarli con la stessa moneta.  

https://forum.virgilio.it/argomento/76714-i-conteggi-dell’esperto-virologo-cazzaro-o’professsoorreee/?do=findComment&comment=359491

Ad una settimana dai dati forniteci dal Cazzaro di Napoli Fosforo O’Professsooree  che integralmente riporto sotto , ad ora , in Italia , i morti sono 12 e i contagiati 450. Considerando che i virologi considerano in 8 settimane la fase critica del virus , possiamo dire che , all’incirca , la situazione finale dovrebbe essere di 96 morti e di 3.600 contagiati . Quindi alla previsione del notissimo “virologo” O’Professsooree” mancherebbero ( pur in presenza della peggiore situazione ) 2.404/2.904 morti e 96.000 contagiati . Non so se siete d’accordo con me , ma io , di questo virologo non mi fido !! 

Come avete letto sopra, il 27 febbraio, quando avevamo in Italia 12 morti e 450 contagiati, il cazzaro pisano Mark222220, con il conforto di non meglio precisati virologi, previde un bilancio finale, ripeto finale, di 96 morti e 3600 contagiati. 

Sei giorni prima, il 21 febbraio, quando avevamo solo 20 contagiati (inclusi due turisti cinesi) e zero morti (il primo decesso avvenne quella sera stessa, in Veneto, verso le 23 e fu comunicato il giorno dopo), il sottoscritto scriveva:

Temo che il virus si diffonderà in Italia e nel resto del mondo, contagiando fino all'1 o al 2 per mille della popolazione (per ora in Cina siamo a un contagiato accertato su 18.000 abitanti). Quindi prepariamoci ad avere anche 100.000 casi in Italia e fino a 2 o 3mila morti.

Deduciamo che il cazzaro pisano, pur disponendo di dati più solidi e più preoccupanti dei miei, fece una previsione all'incirca 30 volte più ottimistica della mia. Eppure i due babbei oggi, come al solito quasi all'unisono, mi attaccano e mi insultano perché avrei sottovalutato (in febbraio!) il pericolo incombente. Una delle differenze tra me e loro, a parte l'educazione e la serietà, è il fatto che io non ho mai difficoltà ad ammettere i miei errori. Inoltre, anche quando sbaglio, non scrivo a casaccio. Nel caso in oggetto la mia previsione errata del 21 febbraio si basava su un confronto di massima con la Cina, o meglio con la provincia di Hubei che ha circa la popolazione dell'Italia. In quel momento la Cina contava circa 76.000 casi e 2300 morti (ne mancavano ulteriori 1300, che sarebbero stati aggiunti in aprile dopo un riconteggio, ma io all'epoca non potevo saperlo). Considerai inoltre il fatto che già da qualche giorno i dati cinesi mostravano un rallentamento dei contagi e una diminuzione dei casi attivi, cioè il superamento del picco epidemico. Considerazione rivelatasi a posteriori corretta. Quindi la mia fu una previsione su base induttiva, certamente azzardata ma ragionata e non certo campata in aria. In quel momento nessuno in Italia, ripeto nessuno in Italia prevedeva che le cose, qui da noi e in quasi tutto il resto del mondo, sarebbero andate molto ma molto peggio che in Cina, dove a oggi il tasso di mortalità del Covid è pari allo 0,003 per mille contro il nostro 0,579 per mille. E sfido chiunque a trovare una previsione italiana, del 21 febbraio o anteriore, più pesante della mia in termini di vittime e contagi. Signori, il 21 febbraio, con ancora zero morti in Italia, io già paventavo una strage, sbagliando le stime di circa un ordine di grandezza, ma pur sempre una strage, perché 3000 morti in Italia sono circa le vittime dell'11 settembre alle Torri Gemelle; e quasi mezzo milione nel mondo (avendo ipotizzato fino al 2 per mille della popolazione mondiale contagiata e un CFR fino al 3%) sono grosso modo le vittime della sanguinosa guerra in Iraq o di quella in Siria.

Mentre due settimane dopo, il 5 marzo, in un post delle ore 12:19, quando in Italia contavamo già più di 100 morti e più di 3000 casi, il noto cazzaro Sauro24 dava del "cazzaro" a Marco Travaglio per avere questi saggiamente e con lungimiranza scritto: "meglio una recessione pilotata con pochi morti oggi che una catastrofe incontrollata con una strage domani".  Il noto cazzaro Sauro24, che com'è noto non è saggio, e men che meno lungimirante e intelligente come Travaglio, provvedeva invece ad assicurarci e a tranquillizzarci tutti: 

Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage. 

https://forum.virgilio.it/argomento/77164-facciamo-il-punto-sui-numeri/?do=findComment&comment=361540

Dunque il 5 marzo il noto cazzaro Sauro24 ne sapeva molto più di quanto ne potessi sapere io il 21 febbraio ma, escludendo una strage, egli azzardava una previsione più ottimistica della mia. Infatti dal 5 marzo a fine mese ci furono già oltre 12.000 morti. Ma tutti sappiamo che il ben noto cazzaro Sauro24 è anche una ben nota faccia di bronzo, infatti negli ultimi 4 mesi, e ancora ieri, mi ha rinfacciato con toni insultanti almeno una dozzina di volte quella mia sottovalutazione di febbraio. 

Lascio ogni giudizio ai forumisti seri, magari in un prossimo post ricorderò le sottovalutazioni, talora colossali e incoscienti, e posteriori alla mia, di noti politici e di noti professori e addetti ai lavori. 

Sono stato deriso e insultato all'unisono dai due babbei anche per i suggerimenti che in due o tre occasioni mi sono permesso di dare ai forumisti riguardo la profilassi e la sana alimentazione idonee per fronteggiare al meglio la minaccia del Covid. Suggerimenti ovvi, banali, generalmente condivisi dai medici, ma senza nessuna pretesa di costituire un rimedio assoluto e definitivo. Anzi, proprio perché non esistono vaccini né farmaci specifici, è saggio e opportuno attenersi a certe precauzioni. Per es. smettere di fumare. L'ho suggerito io ma anche un bambino capirebbe che il fumo abbassa le difese naturali contro un patogeno che aggredisce principalmente i polmoni. E lo suggerisce, anzi lo raccomanda, con espresso riferimento al Covid, il ministero della Salute:

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4408

Ho suggerito anche di esporsi ai raggi benefici del Sole, con la dovuta ***, perché questi stimolano la produzione organica di vitamina D (assai scarsa negli alimenti) che a sua volta stimola il sistema immunitario. E ho suggerito di moderare il consumo di carne e di zuccheri (che hanno l'effetto opposto). E di praticare l'esercizio fisico. Peraltro sono abitudini alimentari e comportamentali consigliabili a tutti, a prescindere dal Covid. Qui ne ricordo invece una più specifica. Ho scritto che da inizio marzo, pur abitando al sesto piano, non uso l'ascensore, locale tipicamente chiuso, angusto e poco arieggiato, e ho consigliato a tutti di farlo, nei limiti del possibile e facendo attenzione alle scale soprattutto in discesa. Sono stato per questo dileggiato dai babbei. Ebbene, in una delle ultime puntate di Di Martedì Giovanni Floris chiese all'autorevole virologa Ilaria Capua come regolarsi con l'ascensore in tempo di pandemia. La risposta della prof.ssa Capua fu istantanea e lapidaria: "Fate le scale!"

 

Razza di idio ta che non sei altro !! A parte che non ci viveva tanto a capire la mia metafora , una mente intellettualmente onesta avrebbe subito capito che quel che contava era il periodo storico in cui si affermavano certe cose . In caso contrario Giuseppi , Zingaretti , la Gismindo ed un’altra pletora di personaggi , politici o meno , si dovrebbero andare a nascondere e non uscire piu‘ dai loro nascondigli. Tutto l’opposto di te , eminente Cazzaro , che essendo uno stroppiante presuntuoso , appena hai fiutato che questo sarebbe stato l’argomento principe per chissà quanto tempo , ti sei issato sul podio , hai iniziato a fare previsioni , hai cercato di importi come un grande esperto , hai elargito pagelle ai competenti , fatto diagnosi e relative cure , diete ed aspetti climatici favorevoli ed infine , raschiando il fondo del barile , hai dato dell’inconpetente perfino ad un Premio Nobel. E tutte le sere intorno alle 19, credendoti pure uno speacker televisivo , ci aggiornavi con i risultati del giorno , ci facevi previsioni per il giorno dopo . Ci declamavi i morti , i guariti , il numero delle terapie intensive , ci informavi delle situazioni a carattere regionale ed anche lì previsioni a getto continuo con lanzuolate di pagine e pagine copiaincollate di qui e di là incurante delle legnate che ti venivano appioppate giornalmente dal Sauro . E questo cliché e’ andato avanti per mesi e terminato non tanto tempo fa . Ed ora , emeri to *** , vieni pure a fare la vittima . Hai il coraggio di aprire bocca ?? Teee?? Ti dovresti andare a nascondere con tutta la prosopopea che ti divora e che ti rende un idio ta a 360 gradi . Ed invece non lo fai perché sei un idio ta napoletano e quando questi 2 fattori si legano ed uniscono , danno il risultato esatto che te interpreti alla perfezione . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppissimo è assodato che il covid 9 era già presente in Italia a dicembre.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

Purtroppissimo il 5 marzo non avevamo elementi per parlare di strage. 

Vedere i disegnini a pagina 12, 13 e 14 della pubblicazione ISTAT

https://www.istat.it/it/files//2020/07/Rapp_Istat_Iss_9luglio.pdf

Purtroppissimo "il 30 gennaio 2020, data emblematica, Giuseppe Conte, affiancato dal ministro Speranza e dal professor Giuseppe Ippolito, in conferenza stampa, afferma: «Eravamo già molto vigili e molto attenti nel monitorare l'evoluzione di questa situazione critica, non ci siamo fatti trovare impreparati. Abbiamo chiuso il traffico aereo da e per la Cina. A quanto ci risulta, siamo il primo paese dell'Unione Europea che adotta una misura cautelativa di questo genere (…)». E conclude con l'inevitabile mantra: «È tutto sotto controllo»

https://www.ilsole24ore.com/art/dal-basta-panico-conte-mascherina-fontana-politica-va-tilt-coronavirus-ACvKWaMB?refresh_ce=1

Non tirare in ballo il presidente Conte che meriterebbe un monumento per la sua gestione dell'emergenza e che i cittadini americani, inglesi e brasiliani oggi pagherebbero a peso d'oro pur di scambiarlo con i loro leader da opera buffa (dunque pesci fuor d'acqua davanti a una tragedia epocale). Ma ammesso (e non concesso) che il 5 marzo, con 3092 casi e 107 morti (dati aggiornati al 4 marzo), non ci fossero abbastanza elementi per prevedere una strage, figuriamoci quanti ce n'erano a mia disposizione il 21 febbraio (20 casi e zero morti). Eppure, a costo di scandalizzare il tuo amico pisano, io prevedevo fino a 3.000 morti cioè più della strage del terremoto dell'Irpinia, il più disastroso terremoto avvenuto in Italia negli ultimi 100 anni. 

Purtroppissimo per te il 5 marzo c'erano più che abbastanza elementi se non per prevedere almeno per non escludere un strage. Come fece Travaglio nel suo editoriale di quel giorno e come non facesti tu scrivendo:

"Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage".

Nessuna strage??!! La strage ci fu e iniziò subito: 720 morti nella settimana dal 5 all'11 marzo, 2147 morti nella settimana successiva. Gli elementi c'erano tutti e l'acuto e lungimirante Travaglio lo evidenziò scrivendo:

"Il vero e unico oggetto dell'allarme (che non è allarmismo, è sacrosanta precauzione) non è il numero o la percentuale dei morti ma l'espandersi del contagio". 

Il 4 marzo, giorno in cui Travaglio scrive l'editoriale, quella espansione a carattere quasi esponenziale era ormai evidente e preoccupante. Ma non lo era affatto il 21 febbraio, giorno della mia previsione errata, perché gli esiti dei tamponi dei primi 20 casi furono comunicati quasi tutti proprio quel giorno (molti contagi erano verosimilmente precedenti) e perché la notizia del primo decesso fu diffusa il giorno dopo o nella tarda serata. Se confrontiamo i dati del 4 marzo con quelli del 21 febbraio (incluso il primo decesso), troviamo che in poco meno di due settimane la crescita media giornaliera fu pari a circa il 50%. Per l'esattezza +52,2% al giorno nei positivi totali e +47,6% al giorno nei decessi totali. Una crescita media giornaliera del 50% equivale a quintuplicare il dato ogni 4 giorni. Senza il perentorio lockdown deciso dal presidente Conte, decisione dalle pesanti implicazioni economiche e in quel momento senza precedenti in Occidente, non so proprio dove saremmo arrivati. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

il 5 marzo, con 3092 casi e 107 morti

1 - Prevedere una strage con 107 morti? Molto, ma molto difficile. Non a caso era tutto sotto controllo (Giuseppi dixit).

Premesso questo, un luminare sosteneva DOPO il 5 marzo che nelle migliaia di morti di COVID19 occorreva distinguere i morti DA Covid19 (la causa della morte è Covid19) e i morti CON Covid19 (la causa della morte è altra e la morte si sarebbe verificata comunque).

Chi è questo luminare?

2 - Un luminare ha parlato testualmente di BUFALA DELLA PESTILENZA CINESE.

Chi è questo luminare?

3 - Un luminare ha ipotizzato quasi 6 milioni di contagiati alla fine di marzo 2020, dato che avrebbe ricondotto il tasso di mortalità di Covid19 allo 0,17% (more or less). Un dato leggermente più alto della normale influenza stagionale e in linea con i dati Covid19 dell'Islanda a fine marzo.

Segue che oggi, 12 luglio 2020, in Italia circa 20,5 milioni di residenti hanno contratto Covid19. Qualcuno è morto, come succede durante i periodi di influenza stagionale e come è successo in Islanda.

Chi è questo luminare?

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

...Non  tirare in ballo il presidente Conte che meriterebbe un monumento per la sua gestione dell'emergenza e che i cittadini americani, inglesi e brasiliani oggi pagherebbero a peso d'oro pur di scambiarlo con i loro leader ....

Come No Cazzaro , Come No !! Ahahahaha https://www.radioradio.it/2020/03/quando-conte-a-gennaio-diceva-che-litalia-aveva-adottato-tutte-le-misure-necessarie-contro-il-coronavirus/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

geometra filini...premetto che per leggerti nella tua interezza devo prendermi le ferie (cosa che per il fermo virus non potro' 'fare..mica sono uno statale,io)...ma voglio intervenire sul fatto che: conte ci viene invidiato dall'europa..e come no!!! a napule,forse????

“Magistrati in sonno. Indagavano Salvini perché bloccava gli sbarchi, non indagano chi ci porta il coronavirus in casa e lo usa per rimandare le elezioni.”: quando uno degli organi dello Stato é politicizzato, purtroppo é così. Possiamo dannarci l’anima quanto vogliamo, ma andrà sempre così.per sintetizzare,cosi' capisci pure te:è entrato in politica perchè l'hanno messi li' per sbaglio..ma ha imparato in fretta!!!napoletano mancato??o qualcun altro tira i fili e gli fa da ventriloquo?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

17 ore fa, director12 ha scritto:

geometra filini...premetto che per leggerti nella tua interezza devo prendermi le ferie (cosa che per il fermo virus non potro' 'fare..mica sono uno statale,io)...ma voglio intervenire sul fatto che: conte ci viene invidiato dall'europa..e come no!!! a napule,forse????

“Magistrati in sonno. Indagavano Salvini perché bloccava gli sbarchi, non indagano chi ci porta il coronavirus in casa e lo usa per rimandare le elezioni.”: quando uno degli organi dello Stato é politicizzato, purtroppo é così. Possiamo dannarci l’anima quanto vogliamo, ma andrà sempre così.per sintetizzare,cosi' capisci pure te:è entrato in politica perchè l'hanno messi li' per sbaglio..ma ha imparato in fretta!!!napoletano mancato??o qualcun altro tira i fili e gli fa da ventriloquo?? 

Direttoretto, fa un piccolo sacrificio e leggiti i miei post, così forse migliorerai un poco il tuo livello di scrittura. Anche se ovviamente faresti molto meglio a leggerti per interi i Promessi Sposi (almeno 8 volte). 

Correggimi se sbaglio, ma mi par di capire che per tutti gli irregolari che arrivano in Italia il primo impatto con il Belpaese sia un tamponcino ficcato nel naso. Devono essersi convinti che è una strana usanza italiana per dare il benvenuto agli stranieri. Probabilmente è per quello che si scoprono così tanti contagiati. Mentre non mi risulta che se turisti o uomini d'affari svizzeri varcano la frontiera vengano sottoposti al test. Correggimi se sbaglio, ma penso proprio che i contagi importati siano molti di più tra gli arrivi regolari o tra i cittadini italiani che rientrano dall'estero. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

19 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

1 - Prevedere una strage con 107 morti? Molto, ma molto difficile. Non a caso era tutto sotto controllo (Giuseppi dixit).

Premesso questo, un luminare sosteneva DOPO il 5 marzo che nelle migliaia di morti di COVID19 occorreva distinguere i morti DA Covid19 (la causa della morte è Covid19) e i morti CON Covid19 (la causa della morte è altra e la morte si sarebbe verificata comunque).

Chi è questo luminare?

2 - Un luminare ha parlato testualmente di BUFALA DELLA PESTILENZA CINESE.

Chi è questo luminare?

3 - Un luminare ha ipotizzato quasi 6 milioni di contagiati alla fine di marzo 2020, dato che avrebbe ricondotto il tasso di mortalità di Covid19 allo 0,17% (more or less). Un dato leggermente più alto della normale influenza stagionale e in linea con i dati Covid19 dell'Islanda a fine marzo.

Segue che oggi, 12 luglio 2020, in Italia circa 20,5 milioni di residenti hanno contratto Covid19. Qualcuno è morto, come succede durante i periodi di influenza stagionale e come è successo in Islanda.

Chi è questo luminare?

Difficile prevedere una strage con 107 morti (5 marzo)? Figuriamoci quanto lo era per me il 21 febbraio (con zero morti). Ma, come ben capirono il premier (con il Dpcm del 4 marzo) e Travaglio (con l'editoriale del 5 marzo), in quel momento (primi di marzo) il segnale preoccupante non era il numero dei decessi ma la velocità di espansione del contagio. Un "piccolo" dettaglio che ti era sfuggito:

"Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage".

Il "situazione sotto controllo" di Conte risale a gennaio (zero morti e 2 casi provenienti dalla Cina e in isolamento). Ma direi che nel complesso la situazione non è mai sfuggita di mano al governo. L'unico grave errore è stato il non commissariare la Regione Lombardia, inoltre, a mio avviso, si poteva fare di più sul fronte dei test e rendere obbligatori quelli sierologici a campione e la app Immuni. Oggi servirebbero più controlli e più sanzioni contro gli assembramenti di persone senza mascherina o con mascherina non correttamente indossata. La ministra degli Interni dovrebbe intervenire. 

Non ricordo e non credo proprio di avere scritto che il tasso di letalità italiano dovesse essere uguale o molto prossimo a quello islandese. Cortesemente allega il post e la data. Al massimo avrò scritto che la letalità effettiva del virus (in quel dato momento) era più vicina alla letalità misurata in Islanda (in quel dato momento) che a quella misurata in Italia. Per il semplice motivo che i test in Islanda erano molti di più in rapporto alla popolazione. All'epoca si parlava per l'appunto di questi due parametri, ovvero di CFR e IFR. Ma è chiaro - e questo ricordo bene di averlo scritto - che si discuteva su valori provvisori e stime provvisorie. Perché nel corso di una epidemia ambedue, come è ovvio e come ho sempre scritto, variano nel tempo. I valori veri e definitivi di CFR e IFR si rilevano e si stimano solo alla fine del fenomeno. Inoltre, è vero che CFR può variare fortemente da una nazione all'altra (es. tra l'Italia e l'Islanda) o da una regione all'altra (es. tra la Lombardia e il Veneto), sia per motivi oggettivi sia per il diverso numero di test in rapporto alla popolazione; ma può variare (probabilmente meno ma sempre in modo sensibile) anche IFR. Per es. per la diversa stratificazione delle popolazioni per fasce d'età (trattandosi di un virus che fa gravi danni soprattutto negli anziani), per la diversa qualità del sistema sanitario, per la diversa incidenza delle patologie croniche che incrementano la probabilità di morte degli infetti, e per diversi altri fattori locali non tutti ancora chiari. Se a marzo l'Islanda aveva CFR=0,17% questo era comunque una stima per eccesso dell'IFR islandese in quel periodo a causa del numero comunque limitato di tamponi. Oggi l'Islanda ha CFR=0,53% ma naturalmente nel frattempo è cresciuto anche IFR. Probabilmente, dato che è cresciuta la frazione di popolazione testata e dato che il fenomeno si è abbastanza stabilizzato (l'Islanda ha superato il picco ai primi di aprile) è probabile che 0,53% sia una stima migliore dell'IFR rispetto allo 0,17% di marzo. In ogni caso sono dati e stime provvisorie e tuttora intrinsecamente instabili dato l'esiguo numero di decessi. L'Islanda al momento in cui scrivo ha 10 morti (l'ultimo decesso risale al 20 aprile), 1896 casi totali e 21 casi attivi (questi due ultimi dati sono in leggera crescita). Se domani, sfortunatamente, morissero due o tre di questi 21, il CFR crescerebbe sensibilmente.  In ogni caso il CFR islandese non è l'IFR islandese, e men che meno l'IFR italiano. Se prendessimo per quest'ultimo il valore 0,53% oggi avremmo circa 6,6 milioni di casi, cioè l'11% della popolazione. Una percentuale non inverosimile, almeno al Nord. Tuttavia l'età mediana degli italiani è ben maggiore di quella degli islandesi (di circa 10 anni) ed è tra le più alte al mondo. Quindi è probabile che il nostro IFR sia sensibilmente maggiore del loro. Le stime più recenti di IFR (a livello globale) convergono all'interno della fascia [0,5%-1%]. E' probabile che l'IFR italiano si collochi nella parte alta di questa fascia, ma potrebbe anche superare l'1% a causa dell'anomalia lombarda (che ha tuttora poche analogie al mondo). Inoltre non è affatto detto che alla fine della pandemia la suddetta stima globale di IFR non cambi. Come potrebbe cambiare il valore italiano. Una cosa è certa: la letalità effettiva del Covid-19 oggi non è il 14,38% (l'attuale CFR dell'Italia) e per fortuna nemmeno un valore prossimo a questo, come invece cercò per mesi di dimostrare uno sprovveduto forumista applicando in modo tautologico e fantozziano un test denominato test Z (o test zuccavuota). Ed è sicuramente minore anche del 4,38% (l'attuale CFR globale). Tutti gli screening sierologici a campione (effettuati negli USA, in Spagna, in Germania, etc.) dimostrano che la frazione infetta o infettata della popolazione è sempre molto maggiore del totale dei casi accertati via tampone. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Non ricordo e non credo proprio di avere scritto che il tasso di letalità italiano dovesse essere uguale o molto prossimo a quello islandese.

Sei un cialtronissimo cazzaro seriale e quindi NON PUOI RICORDARE quello che hai scritto.

Inoltre credi proprio male: "con quasi 6 milioni di contagiati (al 28 marzo quando avevamo 10.023 morti) il nostro tasso di mortalità scenderebbe allo 0,17%. Cioè molto vicino a quello dell'Islanda (ma è solo un caso)" . Sei cazzaro al punto da ipotizzare SEI MILIONI DI CONTAGIATI in Italia senza uno straccio di prova.  

Detto questo, ancora oggi, dopo 3.568.887 casi testati e 5.938.811 tamponi effettuati, insisti a scrivere che la letalità effettiva di Covid19 è molto inferiore al tasso di letalità osservato, pari al 14 e qualcosa per cento.

Oggi in Italia è stato testato il 6% della popolazione residente, esattamente come in Islanda

https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa2006100

Evidentemente per te il campionamento statistico è un'opinione che deve adattarsi alla tua boria.

In un moto di pietà cristiana risparmio una figuradimedda al cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31, il quale obietterà che quello italiano non è un campione perfettamente casuale.

ESATTAMENTE COME NON LO è QUELLO ISLANDESE in quanto in Islanda "9.199 persons were recruited for targeted testing".

FOSFY FACCI LA PRESA!

https://www.youtube.com/watch?v=lNW_NdA9YEI

Quasi dimenticavo: il cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31, che di statistica ne ha studiata ben poca, non ha ancora capito che il z test non serve per stabilire se il tasso di letalità effettiva di Covid19 sia effettivamente quello che osserviamo.

Il z test serve per verificare se abbiamo sufficiente evidenza statistica per accettare o rifiutare un'ipotesi alternativa e soprattutto NON SERVE per compiacere la boria del cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

2 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

Sei un cialtronissimo cazzaro seriale e quindi NON PUOI RICORDARE quello che hai scritto.

Inoltre credi proprio male: "con quasi 6 milioni di contagiati (al 28 marzo quando avevamo 10.023 morti) il nostro tasso di mortalità scenderebbe allo 0,17%. Cioè molto vicino a quello dell'Islanda (ma è solo un caso)" . Sei cazzaro al punto da ipotizzare SEI MILIONI DI CONTAGIATI in Italia senza uno straccio di prova.  

Detto questo, ancora oggi, dopo 3.568.887 casi testati e 5.938.811 tamponi effettuati, insisti a scrivere che la letalità effettiva di Covid19 è molto inferiore al tasso di letalità osservato, pari al 14 e qualcosa per cento.

Oggi in Italia è stato testato il 6% della popolazione residente, esattamente come in Islanda

https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa2006100

Evidentemente per te il campionamento statistico è un'opinione che deve adattarsi alla tua boria.

In un moto di pietà cristiana risparmio una figuradimedda al cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31, il quale obietterà che quello italiano non è un campione perfettamente casuale.

ESATTAMENTE COME NON LO è QUELLO ISLANDESE in quanto in Islanda "9.199 persons were recruited for targeted testing".

FOSFY FACCI LA PRESA!

https://www.youtube.com/watch?v=lNW_NdA9YEI

Quasi dimenticavo: il cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31, che di statistica ne ha studiata ben poca, non ha ancora capito che il z test non serve per stabilire se il tasso di letalità effettiva di Covid19 sia effettivamente quello che osserviamo.

Il z test serve per verificare se abbiamo sufficiente evidenza statistica per accettare o rifiutare un'ipotesi alternativa e soprattutto NON SERVE per compiacere la boria del cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31.

Ma che cappio scrivi? Sei completamente "nel pallone" avrebbe detto il vecchio Mike! I 6 milioni di contagiati a fine marzo non li ipotizzavo io ma uno studio dell'autorevole Imperial College di Londra. Seguito poco dopo da altri due studi indipendenti con stime analoghe:

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/04/06/news/coronavirus-253286203/

Ne deduciamo che ti sei inventato l'ennesima bufala quotidiana sul sottoscritto. Il quale scrisse che per puro caso quella stima avrebbe portato il nostro IFR (dell'epoca) a circa il livello dell'IFR dell'Islanda (sempre dell'epoca). La quale all'epoca faceva, in rapporto alla popolazione, moltissimi più tamponi di noi quindi aveva senza dubbio un CFR e un IFR più prossimi tra loro di quanto non lo fossero i nostri. E hai scritto un'altra kazzata perché non è vero che oggi abbiamo gli stessi tamponi in rapporto alla popolazione. Il divario è diminuito ma è sempre largamente a favore degli islandesi.  Al momento in cui scrivo (non è ancora uscito il bollettino) 277.548 per milione di abitanti contro i nostri 98.229 per milione, secondo Worldometers. Se invece intendevi dire che oggi abbiamo grosso modo la stessa percentuale di popolazione testata che aveva l'Islanda all'epoca e che quindi anche il nostro IFR attuale dovrebbe essere prossimo al nostro CFR attuale (14,38%), hai inteso dire una provolonata ancora più grande. In sostanza, se ho ben capito, immagini di stabilire un confronto tra il campione italiano attuale dei testati e quello islandese di fine marzo. Ma è del tutto evidente che il nostro campione di oggi, pur comparabile sul piano della numerosità relativa con quello dell'Islanda di allora, è molto ma molto più distorto. Infatti la mortalità grezza dell'Islanda (decessi/popolazione) oggi è circa un ventesimo della nostra. E questo è un dato certo (trascurando i decessi non contati che sono verosimilmente molto più numerosi da noi e che sbilancerebbero ancora di più il confronto). Figuriamoci che rapporto c'era tra la mortalità grezza dell'Islanda di fine marzo e la nostra di oggi: forse 1 a 100. Quindi stai bovinamente confrontando mele con pere. Cioè due fasi epidemiche completamente diverse di due paesi diversi. Una assolutamente gestibile, che consentiva di testare molti pazienti asintomatici o comunque senza sintomi gravi, e un'altra dove, per un lungo periodo, si sono testati quasi esclusivamente i casi gravi, o comunque con febbre, e chissà quanti morivano senza nemmeno fare in tempo a sottoporsi al tampone. Solo ultimamente si stanno estendendo i test e difatti il CFR italiano sta diminuendo, ma in modo lentissimo. E' del tutto evidente che il campione islandese dell'epoca era molto ma molto più rappresentativo del campione italiano di oggi. E non a caso, testando cioè pazienti in condizioni mediamente meno gravi, il loro CFR risultava e risulta molto più basso del nostro e molto più vicino a IFR. 

D'altra parte io ti ho già sfidato sul risultato dello screening sierologico nazionale a campione e ti sei sottratto alla sfida. Il risultato dovrebbe dirci grosso modo quanto vale la frazione dei contagiati ma tarda ad arrivare. Pare che molti italiani abbiano paura di fare il test e di finire in quarantena.  

Il test Z in oggetto rientra tra quelli usati per la verifica di ipotesi statistiche sulla frequenza di un certo attributo della popolazione, nella fattispecie i decessi da Covid tra i positivi al test. Ma nel tuo Zuccavuota test tu assumevi come distribuzione di riferimento proprio quella italiana e trovavi naturalmente e tautologicamente proprio il risultato che volevi trovare. Avresti dovuto usare un riferimento diverso e scientificamente più affidabile. Per es. il campione, piccolo ma pressoché interamente testato, costituito dai passeggeri e dall'equipaggio della Diamond Princess (vedi anche l'articolo allegato sopra), che non a caso è tra i più usati dagli studiosi che cercano di stimare un valore realistico di IFR. Manco a dirlo questi studiosi non considerano il distorto campione italiano. 

https://www.nature.com/articles/d41586-020-01738-2

La tua ottusa ostinazione sullo Zuccavuota test è solo un'ennesima conferma del cosiddetto "bias di conferma", uno dei più diffusi bias cognitivi. 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 - Lo studio dell'autorevole Imperial College di Londra è questo

https://www.thelancet.com/pdfs/journals/laninf/PIIS1473-3099(20)30243-7.pdf

Adesso mi dici dove si legge nello studio dell'autorevole Imperial College di Londra che a fine marzo in ITALIA avevamo sei milioni di contagiati.

FOSFY FACCI LA PRESA!

https://www.youtube.com/watch?v=lNW_NdA9YEI

2 - Un campione di 3.568.887 casi testati e 5.938.811 tamponi effettuati può essere distorto solo per compiacere la tua boria. Ovviamente è perfettamente inutile andare a cercare Covid19 dove puoi escludere che non ci sia, come ricordava lo studio che TU hai allegato qualche tempo fa.

Vale appena il caso di ricordare che TU hai scritto "proprio in questo momento il dottor Walter Ricciardi, rappresentante per l'Italia dell'OMS, dopo avere bollato la sceneggiata del governatore della Lombardia con la mascherina, dice in TV che il test sul Covid-19 è un test in fase sperimentale che può facilmente produrre falsi positivi e falsi negativi. E che questa è una ragione in più per eseguirlo solo e unicamente sui pazienti con chiari sintomi". 

3 - In ogni caso il 6% della popolazione è stato testato, in Italia e in Islanda. Oggi abbiamo questa notizia

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_luglio_13/coronavirus-dieci-volte-piu-letale-dell-influenza-l-italia-media-europea-numero-vittime-5ee69dcc-c369-11ea-bb88-8e386c514e2d.shtml

che ovviamente sbugiarda quello che scrivevi il 25 febbraio 2020, quando la tua boria aveva deciso quanto segue: "cos'ha di specifico il coronavirus COVID-19? Niente, a parte la mancanza (per ora) di un vaccino e, forse, una virulenza maggiore e una letalità leggermente maggiore rispetto ai più comuni virus influenzali, specie per gli anziani e gli immunodepressi".

4 - Ripeto: di statistica ne ha studiata ben poca e quindi non hai ancora capito che il z test non serve per stabilire se il tasso di letalità effettiva di Covid19 sia effettivamente quello che osserviamo. Il z test serve per verificare se abbiamo sufficiente evidenza statistica per accettare o rifiutare un'ipotesi alternativa e soprattutto NON SERVE per compiacere la boria del cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31.

5 - Sommessamente ti ricordo quanto hai scritto il 23 febbraio 2020 (post delle ore 20.05): "l'epidemia in Cina sta nettamente rallentando. Lo stesso accadrà anche da noi. Ma avremo assai meno morti perché il governo Conte, sulla base dell'esperienza cinese, sta prendendo le dovute contromisure".

Secondo WHO (dati al 13 luglio 2020, 10.58 am CEST), in Cina si sono registrati 4.648 decessi. In Italia i decessi sono 34.945.

FOSFY FACCI LA PRESA!

https://www.youtube.com/watch?v=lNW_NdA9YEI

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

5 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

1 - Lo studio dell'autorevole Imperial College di Londra è questo

https://www.thelancet.com/pdfs/journals/laninf/PIIS1473-3099(20)30243-7.pdf

Adesso mi dici dove si legge nello studio dell'autorevole Imperial College di Londra che a fine marzo in ITALIA avevamo sei milioni di contagiati.

2 - Un campione di 3.568.887 casi testati e 5.938.811 tamponi effettuati può essere distorto solo per compiacere la tua boria. Ovviamente è perfettamente inutile andare a cercare Covid19 dove puoi escludere che non ci sia, come ricordava lo studio che TU hai allegato qualche tempo fa.

Vale appena il caso di ricordare che TU hai scritto "proprio in questo momento il dottor Walter Ricciardi, rappresentante per l'Italia dell'OMS, dopo avere bollato la sceneggiata del governatore della Lombardia con la mascherina, dice in TV che il test sul Covid-19 è un test in fase sperimentale che può facilmente produrre falsi positivi e falsi negativi. E che questa è una ragione in più per eseguirlo solo e unicamente sui pazienti con chiari sintomi". 

3 - In ogni caso il 6% della popolazione è stato testato, in Italia e in Islanda. Oggi abbiamo questa notizia

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_luglio_13/coronavirus-dieci-volte-piu-letale-dell-influenza-l-italia-media-europea-numero-vittime-5ee69dcc-c369-11ea-bb88-8e386c514e2d.shtml

che ovviamente sbugiarda quello che scrivevi il 25 febbraio 2020, quando la tua boria aveva deciso quanto segue: "cos'ha di specifico il coronavirus COVID-19? Niente, a parte la mancanza (per ora) di un vaccino e, forse, una virulenza maggiore e una letalità leggermente maggiore rispetto ai più comuni virus influenzali, specie per gli anziani e gli immunodepressi".

4 - Ripeto: di statistica ne ha studiata ben poca e quindi non hai ancora capito che il z test non serve per stabilire se il tasso di letalità effettiva di Covid19 sia effettivamente quello che osserviamo. Il z test serve per verificare se abbiamo sufficiente evidenza statistica per accettare o rifiutare un'ipotesi alternativa e soprattutto NON SERVE per compiacere la boria del cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31.

5 - Sommessamente ti ricordo quanto hai scritto il 23 febbraio 2020 (post delle ore 20.05): "l'epidemia in Cina sta nettamente rallentando. Lo stesso accadrà anche da noi. Ma avremo assai meno morti perché il governo Conte, sulla base dell'esperienza cinese, sta prendendo le dovute contromisure".

Secondo WHO (dati al 13 luglio 2020, 10.58 am CEST), in Cina si sono registrati 4.648 decessi. In Italia i decessi sono 34.945.

1) Sei talmente in confusione che non riesci più nemmeno nel tuo secondo pezzo forte: la ricerca certosina  dei files (ma per fortuna ti resta il primo: la pulizia delle spiagge). Eccoti servito lo studio dell'Imperial College di cui parlavo (ma avevo segnalato due ulteriori studi indipendenti dai risultati analoghi):

https://www.imperial.ac.uk/media/imperial-college/medicine/mrc-gida/2020-03-30-COVID19-Report-13.pdf

Al paragrafo 2.1 leggiamo: In all countries, we estimate there are orders of magnitude fewer infections detected (Figure 2) than true infections, mostly likely due to mild and asymptomatic infections as well as limited testing capacity (che è esattamente quello che cerco, con santa pazienza, di ficcarti nella zucca vuota da almeno 4 mesi, nda). In Italy, our results suggest that, cumulatively, 5.9 [1.9-15.2] million *** have been infected as of March 28th, giving an attack rate of 9.8% [3.2%-25%]

Per altre nazioni, tutte assai meno colpite di noi in marzo, puoi guardare la tabella1. Superfluo ripetere che la tua balzana tesi (CFR ~ IFR) faceva ridere i polli a marzo, figuriamoci oggi che disponiamo di inequivocabili risultati degli studi di sieroprevalenza a campione (come quello spagnolo da cui risultava infetto, in maggio, il 5% della popolazione nazionale, il 10% a Madrid). Ma supponiamo per assurdo che a oggi 14 luglio si sia contagiato solo il 3,2% della popolazione italiana, ovvero immaginiamo di essere rimasti fermi all'estremo inferiore della forchetta stimata al 28 marzo(!) dall'Imperial College. In base alla tua balzana tesi oggi dovremmo contare in Italia un totale di quasi 270.000 morti, cioè quasi il doppio di quelli degli USA (che secondo Worldometers hanno superato i 138.000).

2) Gli esperti e anche i semplici masticatori di statistica (insiemi da te disgiunti) sanno che un campione molto numeroso può essere distorto e condurre a una stima molto peggiore di quella ricavabile da un campione molto più piccolo ma più rappresentativo. Qui puoi trovare un classico e illuminante esempio:

 https://it.wikipedia.org/wiki/Bias_(statistica)#Esempio 

Ti faccio peraltro notare che nel nostro caso il bias è implicito già nell'affermazione che hai citato del prof. Ricciardi. Sottoporre al tampone solo chi ha "chiari sintomi" significa automaticamente distorcere il campione, atteso che l'infezione da Covid-19 è caratterizzata da un'altissima percentuale di asintomatici e paucisintomatici.  Un'altra fonte di distorsione, di ordine inferiore ma non trascurabile, è la limitata sensibilità del test rino-faringeo, che dà luogo a un 30% di falsi negativi. Se la sensibilità fosse pari al 100% non ci sarebbero falsi negativi e il CFR risulterebbe più alto. Vedasi per es. questo caso limite di un malato di Covid ricoverato in un reparto non-Covid perché falso negativo a ben 2 tamponi e che ha infettato 12 pazienti prima di morire:

https://www.dire.it/25-05-2020/464773-muore-per-coronavirus-dopo-due-tamponi-negativi-ecco-la-spiegazione/

3) Io mi trascino un vagone di difetti ma non sono affatto borioso. Ho ampiamente ammesso il mio errore di sottovalutazione di febbraio. Benché avessi previsto 3000 morti, cioè un bilancio da 11 settembre. Mentre tu a marzo, con molti più elementi di me, escludevi la strage. Frequento questo forum da forse 10 anni e non ho mai letto una sola tua parola di autocritica. Ne ho lette molte di boria o vanagloria. L'articolo del Corriere sbugiarda anche te, anzi te più di me. Vi si legge che la letalità dell'influenza stagionale è intorno allo 0,1% e che quella del Covid in Europa è 10 volte maggiore, ovvero l'1%. Siamo quindi lontanissimi dal 14% e passa dell'attuale CFR italiano. Urge immediata applicazione dello Zuccavuota test alla stima del Corriere. 

4) Vedi sopra.

5) Non sono io borioso, sei tu che scrivi con boria colossali panzane e a me tocca pazientemente correggerle visto che altri pietosamente si astengono. Ora puoi parlare a vanvera quanto vuoi, ma dopo la tua categorica previsione del 5 marzo, "Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage", le chiacchiere stanno a zero. Il giorno prima il presidente del Consiglio con un drammatico Dpcm aveva chiuso le scuole di ogni ordine e grado, e molto altro. Roba che nemmeno in tempo di guerra! Ma per te non c'era nessun elemento per prevedere una strage. Roba da matti!  La peggiore figuraccia per sottovalutazione della pandemia nel forum non l'ho fatta io (anzi, al 21 febbraio probabilmente NESSUNO in Italia aveva espresso una previsione più tragica della mia). Le figure dimerda le avete fatte TU il 5 marzo e il tuo amico pisano il 27 febbraio (prevedeva un consuntivo finale di 96 morti e 3600 casi).  

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

ErrataSe la sensibilità fosse pari al 100% non ci sarebbero falsi negativi e il CFR risulterebbe più alto

CorrigeSe la sensibilità fosse pari al 100% non ci sarebbero falsi negativi e il CFR risulterebbe più basso

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 - Avevo preso lo studio sbagliato.

Consideriamo allora quanto si legge nello studio giusto e analizziamolo alla luce di questa notizia

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_luglio_13/coronavirus-dieci-volte-piu-letale-dell-influenza-l-italia-media-europea-numero-vittime-5ee69dcc-c369-11ea-bb88-8e386c514e2d.shtml

Il contesto rimane sempre questo: "con quasi 6 milioni di contagiati (al 28 marzo quando avevamo 10.023 morti) il nostro tasso di mortalità scenderebbe allo 0,17%. Cioè molto vicino a quello dell'Islanda (ma è solo un caso)".

Con 10.023 morti, tenendo conto che "l’analisi dell’Ispi conferma che la letalità del virus in Europa occidentale si aggira intorno all’1% delle persone infette", alla fine di marzo 2020 in Italia i contagiati erano un milione e non sei milioni.

Con 34.967 morti, tenendo conto che "l’analisi dell’Ispi conferma che la letalità del virus in Europa occidentale si aggira intorno all’1% delle persone infette", a oggi in Italia i contagiati sono 3,5 milioni e non sei milioni.

Vale appena il caso di sottolineare che se effettivamente in Italia oggi ci sono 3,5 milioni di contagiati a fronte di 243.000 casi accertati, l'app IMMUNI non serve a un azzoc in quanto viene tracciato solo il 7% dei casi effettivi. 

Lo studio comunque non sembra degno di essere preso con troppa considerazione, sulla base di questo: "... giving an attack rate of 9.8% [3.2%-25%] of the population". Non a caso si concilia male, ma molto male, con 

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_luglio_13/coronavirus-dieci-volte-piu-letale-dell-influenza-l-italia-media-europea-numero-vittime-5ee69dcc-c369-11ea-bb88-8e386c514e2d.shtml

2 - Superfluo ripetere che la tua balzana tesi (CFR ~ IFR)... 

Non ho mai scritto che CFR ~ IFR.

Sfido il cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31 a trovare un mio post nel quale abbia scritto che CFR ~ IFR. 

Al contrario ho dimostrato che la tesi "ogni giorno che passa si rafforza la tesi della prof.ssa Gismondo, che è anche la mia: l'epidemia in Italia è MOLTO PIÙ DIFFUSA di quanto dicano i dati ma, in compenso e di conseguenza, il tasso di mortalità, reale ed effettivo, è MOLTO PIÙ BASSO di quanto dicano i dati stessi (fosforo31, 09 marzo 2020 ore 12.45)  " non trova evidenza statistica nei dati (vedere i post con z-test). 

3 - Vogliamo vedere chi ha fatto la peggiore figura da sottovalutazione della pandemia? Sfida accettata.

Premetto che in base ai disegnini (identificati con FIGURA 3) a pagina 12 della pubblicazione

https://www.istat.it/it/files//2020/07/Rapp_Istat_Iss_9luglio.pdf

era molto, ma molto difficile prevedere una strage.

Premesso questo, partiamo con il festival!

1 - 18 febbraio 2020, ore 17.04: nel clima di allarme globale creato un po' da tutti i media intorno al coronavirus, Libero (anzi Occupato) è nel suo elemento. E ovviamente punta a trasformare l'allarme in panico per vendere più copie.

2 - 21 febbraio 2020, ore 18.15: prepariamoci ad avere anche 100.000 casi in Italia e fino a 2 o 3mila morti. Teniamo conto che la normale influenza provoca ogni anno dai 300 ai 400 morti in fase acuta e tra i 4.000 e i 10.000 morti per le complicanze cardiopolmonari. Quindi non facciamo drammi e soprattutto evitiamo il panico.

3 - 23 febbraio, ore 12.03: immaginiamo per un attimo che il coronavirus fosse nato per una mutazione genetica (NATURALE: la storia del laboratorio militare è una BUFALA) in un pipistrello ITALIANO (a proposito: i pipistrelli sono animali utilissimi, grandi mangiatori di zanzare e insetti nocivi, quindi rispettiamoli e proteggiamoli). A questo punto non ci sarebbe nessun malato in Cina ma due morti quasi 80enni in Italia. Io dico che NESSUNO, eccetto i familiari, ne avrebbe parlato. NESSUNO avrebbe fatto esami al microscopio elettronico. Sarebbero stati considerati le vittime di una banale INFLUENZA (che in Italia fa 300-400 morti l'anno più alcune migliaia per le complicanze). 

4 - 23 febbraio, ore 19.31: in un post su FB la dottoressa Gismondo si sfoga per il terribile sovraccarico di lavoro parlando di pura "follia nello scambiare un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale". E allega le cifre: nell'ultima settimana in Italia sono morte di influenza 24 persone, solo 2 per il coronavirus (in realtà una delle due vittime è risultata positiva ma non è chiara la causa del decesso).

5 - 23 febbraio, ore 20.05: l'epidemia in Cina sta nettamente rallentando. Lo stesso accadrà anche da noi. Ma avremo assai meno morti perché il governo Conte, sulla base dell'esperienza cinese, sta prendendo le dovute contromisure. (Questa vale 3, NdA)

6 - 23 febbraio, ore 22.52: LA VELOCITÀ DI DIFFUSIONE DELL'EPIDEMIA IN CINA NELL'ULTIMO MESE STA NETTAMENTE CALANDO. Sono sicuro che altri (non molti) avranno rilevato questo dato importantissimo, ma la notizia mi era sfuggita. È chiaro che oggi rivedrei al ribasso le mie stime. Diciamo di un fattore tra 5 e 10. Ribadendo che parlo sempre del caso peggiore. (Questa vale 3, NdA)

7 - 24 febbraio, ore 13.14: tale Cristiana Zuccheddu 

https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/cagliari/2020/02/24/nessuna-pandemia-globale-questo-rumore-e-ingiustificato-vi-dico-p-136-990552.html

ripete il mantra "CovD19 è poco più di un'influenza e i casi di influenza stagionale vengono erroneamente considerati infezione da Coronavirus" . Puntuale arriva il benestare del cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31:

credo molto più a questa dottoressa esperta e impegnata "sul campo", che agli autorevoli "virologi della domenica" oscillanti tra le aule universitarie, i social media e gli studi televisivi.

8 - 24 febbraio, ore 16.42: la regione di Wuhan ha la popolazione dell'Italia ma è meno di un ventesimo della popolazione della Cina. Il nostro Nord è quasi mezza Italia, sarebbe assurdo e controproducente paralizzare metà Paese per un'epidemia di influenza un poco più aggressiva del solito. Strumentalizzare in chiave politica questa vicenda è in ogni caso vergognoso. 

9 - 25 febbraio, ore 20.26: cos'ha di specifico il coronavirus COVID-19? Niente, a parte la mancanza (per ora) di un vaccino e, forse, una virulenza maggiore e una letalità leggermente maggiore rispetto ai più comuni virus influenzali, specie per gli anziani e gli immunodepressi.

10 - 25 febbraio, ore 20.26: nella stessa Cina, se non avessero avuto la SARS con una mortalità del 10%, molto probabilmentemente non avrebbero messo in quarantena una città di 11 milioni di abitanti e oggi registrerebbero le vittime attribuendole a un virus influenzale poco più letale del solito.

11 - 25 febbraio, ore 20.26: qualche virologo malato di protagonismo ha lanciato allarmi esagerati, politici e giornali di opposizione hanno vergognosamente strumentalizzato, hanno ricattato il governo e gettato olio sul fuoco. Sono riusciti a innescare, se non il panico, una psicosi collettiva, nazionale, senza precedenti. Ma sono sempre di più gli specialisti seri che cominciano a SMONTARE LA GRANDE BUFALA MEDIATICA DELLA PESTILENZA CINESE. Maria Rita Gismondo, virologa in prima linea, che dirige un laboratorio dove si fanno centinaia di analisi al giorno, ha parlato, evidentemente a ragion veduta, di "FOLLIA" COLLETTIVA innescata da un'infezione "APPENA PIÙ SERIA" di una normale influenza. (Questa vale 5, NdA)

12 - 25 febbraio, ore 20.26: mentre scrivo, altri 4 anziani malati purtroppo hanno ricevuto dal Covid-19 l'ultima spinta, come l'avrebbero ricevuta domani o dopodomani da altri agenti patogeni. Gli allarmisti, i catastrofisti, i politicanti in malafede e i loro servi sciocchi, strumentalizzeranno anche questi poveri morti. Ma le loro bugie e le loro bufale hanno le gambe corte. 

13 - 25 febbraio, ore 21.27: poco fa la virologa Maria Rita Gismondo intervistata dal TG1: "mi sento di dire che finora NESSUNO È MORTO IN ITALIA PER L'INFEZIONE DA CORONAVIRUS, ma solo per gravi patologie preesistenti".

14 - 26 febbraio, ore 09.00: come scrissi, la mia era una personale stima del CASO PEGGIORE (worst case). Poi ho anche scritto che la rivedrei al ribasso considerato l'andamento della velocità di diffusione del contagio in Cina. In ogni caso, anche quelle cifre non sarebbero affatto eccezionali né drammatiche se confrontate con le CIFRE REALI della vittime della "normale" influenza.

15 - 26 febbraio, ore 17.16: (De Magistris chiude le scuole a Napoli, NdA) A mio avviso è un eccesso di prevenzione anche quello di Dema, anche se un proverbio dice che la prudenza non è mai troppa. (Il sindaco di Saronno emette un'ordinanza urgente)  Ma chi meriterebbe l'arresto per procurato allarme è un altro sindaco. Parlo del sindaco di Saronno, il leghista Alessandro Fagioli, che ha fatto affiggere ai muri della sua città (40.000 abitanti) una demenziale "ordinanza urgente"  

16 - 28 febbraio, ore 22.12: una delle varie lezioni positive di questa piccola epidemia virale è... (Piccola epidemia virale: questa vale 10, NdA)

Se non ho fatto male i conti stiamo 33 a 1 per te.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

PS: saluta Maria Rita Gismondo

Modificato da ilsauro24ore

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cazzaro ...c’è un modo solo per salvarti : E devi spari’ !! Fatti buttar fuori da Virgilio , dai le dimissioni in bianco od in nero ma te ne devi Anna’ .  Qua carta canta : o dimostri che le frasi riportate sono in realtà il frutto di un hackeraggio oppure  devi spari’ .  Chiaro ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

4 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

1 - Avevo preso lo studio sbagliato.

Consideriamo allora quanto si legge nello studio giusto e analizziamolo alla luce di questa notizia

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_luglio_13/coronavirus-dieci-volte-piu-letale-dell-influenza-l-italia-media-europea-numero-vittime-5ee69dcc-c369-11ea-bb88-8e386c514e2d.shtml

Il contesto rimane sempre questo: "con quasi 6 milioni di contagiati (al 28 marzo quando avevamo 10.023 morti) il nostro tasso di mortalità scenderebbe allo 0,17%. Cioè molto vicino a quello dell'Islanda (ma è solo un caso)".

Con 10.023 morti, tenendo conto che "l’analisi dell’Ispi conferma che la letalità del virus in Europa occidentale si aggira intorno all’1% delle persone infette", alla fine di marzo 2020 in Italia i contagiati erano un milione e non sei milioni.

Con 34.967 morti, tenendo conto che "l’analisi dell’Ispi conferma che la letalità del virus in Europa occidentale si aggira intorno all’1% delle persone infette", a oggi in Italia i contagiati sono 3,5 milioni e non sei milioni.

Vale appena il caso di sottolineare che se effettivamente in Italia oggi ci sono 3,5 milioni di contagiati a fronte di 243.000 casi accertati, l'app IMMUNI non serve a un azzoc in quanto viene tracciato solo il 7% dei casi effettivi. 

Lo studio comunque non sembra degno di essere preso con troppa considerazione, sulla base di questo: "... giving an attack rate of 9.8% [3.2%-25%] of the population". Non a caso si concilia male, ma molto male, con 

https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_luglio_13/coronavirus-dieci-volte-piu-letale-dell-influenza-l-italia-media-europea-numero-vittime-5ee69dcc-c369-11ea-bb88-8e386c514e2d.shtml

2 - Superfluo ripetere che la tua balzana tesi (CFR ~ IFR)... 

Non ho mai scritto che CFR ~ IFR.

Sfido il cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31 a trovare un mio post nel quale abbia scritto che CFR ~ IFR. 

Al contrario ho dimostrato che la tesi "ogni giorno che passa si rafforza la tesi della prof.ssa Gismondo, che è anche la mia: l'epidemia in Italia è MOLTO PIÙ DIFFUSA di quanto dicano i dati ma, in compenso e di conseguenza, il tasso di mortalità, reale ed effettivo, è MOLTO PIÙ BASSO di quanto dicano i dati stessi (fosforo31, 09 marzo 2020 ore 12.45)  " non trova evidenza statistica nei dati (vedere i post con z-test). 

3 - Vogliamo vedere chi ha fatto la peggiore figura da sottovalutazione della pandemia? Sfida accettata.

Premetto che in base ai disegnini (identificati con FIGURA 3) a pagina 12 della pubblicazione

https://www.istat.it/it/files//2020/07/Rapp_Istat_Iss_9luglio.pdf

era molto, ma molto difficile prevedere una strage.

Premesso questo, partiamo con il festival!

1 - 18 febbraio 2020, ore 17.04: nel clima di allarme globale creato un po' da tutti i media intorno al coronavirus, Libero (anzi Occupato) è nel suo elemento. E ovviamente punta a trasformare l'allarme in panico per vendere più copie.

2 - 21 febbraio 2020, ore 18.15: prepariamoci ad avere anche 100.000 casi in Italia e fino a 2 o 3mila morti. Teniamo conto che la normale influenza provoca ogni anno dai 300 ai 400 morti in fase acuta e tra i 4.000 e i 10.000 morti per le complicanze cardiopolmonari. Quindi non facciamo drammi e soprattutto evitiamo il panico.

3 - 23 febbraio, ore 12.03: immaginiamo per un attimo che il coronavirus fosse nato per una mutazione genetica (NATURALE: la storia del laboratorio militare è una BUFALA) in un pipistrello ITALIANO (a proposito: i pipistrelli sono animali utilissimi, grandi mangiatori di zanzare e insetti nocivi, quindi rispettiamoli e proteggiamoli). A questo punto non ci sarebbe nessun malato in Cina ma due morti quasi 80enni in Italia. Io dico che NESSUNO, eccetto i familiari, ne avrebbe parlato. NESSUNO avrebbe fatto esami al microscopio elettronico. Sarebbero stati considerati le vittime di una banale INFLUENZA (che in Italia fa 300-400 morti l'anno più alcune migliaia per le complicanze). 

4 - 23 febbraio, ore 19.31: in un post su FB la dottoressa Gismondo si sfoga per il terribile sovraccarico di lavoro parlando di pura "follia nello scambiare un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale". E allega le cifre: nell'ultima settimana in Italia sono morte di influenza 24 persone, solo 2 per il coronavirus (in realtà una delle due vittime è risultata positiva ma non è chiara la causa del decesso).

5 - 23 febbraio, ore 20.05: l'epidemia in Cina sta nettamente rallentando. Lo stesso accadrà anche da noi. Ma avremo assai meno morti perché il governo Conte, sulla base dell'esperienza cinese, sta prendendo le dovute contromisure. (Questa vale 3, NdA)

6 - 23 febbraio, ore 22.52: LA VELOCITÀ DI DIFFUSIONE DELL'EPIDEMIA IN CINA NELL'ULTIMO MESE STA NETTAMENTE CALANDO. Sono sicuro che altri (non molti) avranno rilevato questo dato importantissimo, ma la notizia mi era sfuggita. È chiaro che oggi rivedrei al ribasso le mie stime. Diciamo di un fattore tra 5 e 10. Ribadendo che parlo sempre del caso peggiore. (Questa vale 3, NdA)

7 - 24 febbraio, ore 13.14: tale Cristiana Zuccheddu 

https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/cagliari/2020/02/24/nessuna-pandemia-globale-questo-rumore-e-ingiustificato-vi-dico-p-136-990552.html

ripete il mantra "CovD19 è poco più di un'influenza e i casi di influenza stagionale vengono erroneamente considerati infezione da Coronavirus" . Puntuale arriva il benestare del cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31:

credo molto più a questa dottoressa esperta e impegnata "sul campo", che agli autorevoli "virologi della domenica" oscillanti tra le aule universitarie, i social media e gli studi televisivi.

8 - 24 febbraio, ore 16.42: la regione di Wuhan ha la popolazione dell'Italia ma è meno di un ventesimo della popolazione della Cina. Il nostro Nord è quasi mezza Italia, sarebbe assurdo e controproducente paralizzare metà Paese per un'epidemia di influenza un poco più aggressiva del solito. Strumentalizzare in chiave politica questa vicenda è in ogni caso vergognoso. 

9 - 25 febbraio, ore 20.26: cos'ha di specifico il coronavirus COVID-19? Niente, a parte la mancanza (per ora) di un vaccino e, forse, una virulenza maggiore e una letalità leggermente maggiore rispetto ai più comuni virus influenzali, specie per gli anziani e gli immunodepressi.

10 - 25 febbraio, ore 20.26: nella stessa Cina, se non avessero avuto la SARS con una mortalità del 10%, molto probabilmentemente non avrebbero messo in quarantena una città di 11 milioni di abitanti e oggi registrerebbero le vittime attribuendole a un virus influenzale poco più letale del solito.

11 - 25 febbraio, ore 20.26: qualche virologo malato di protagonismo ha lanciato allarmi esagerati, politici e giornali di opposizione hanno vergognosamente strumentalizzato, hanno ricattato il governo e gettato olio sul fuoco. Sono riusciti a innescare, se non il panico, una psicosi collettiva, nazionale, senza precedenti. Ma sono sempre di più gli specialisti seri che cominciano a SMONTARE LA GRANDE BUFALA MEDIATICA DELLA PESTILENZA CINESE. Maria Rita Gismondo, virologa in prima linea, che dirige un laboratorio dove si fanno centinaia di analisi al giorno, ha parlato, evidentemente a ragion veduta, di "FOLLIA" COLLETTIVA innescata da un'infezione "APPENA PIÙ SERIA" di una normale influenza. (Questa vale 5, NdA)

12 - 25 febbraio, ore 20.26: mentre scrivo, altri 4 anziani malati purtroppo hanno ricevuto dal Covid-19 l'ultima spinta, come l'avrebbero ricevuta domani o dopodomani da altri agenti patogeni. Gli allarmisti, i catastrofisti, i politicanti in malafede e i loro servi sciocchi, strumentalizzeranno anche questi poveri morti. Ma le loro bugie e le loro bufale hanno le gambe corte. 

13 - 25 febbraio, ore 21.27: poco fa la virologa Maria Rita Gismondo intervistata dal TG1: "mi sento di dire che finora NESSUNO È MORTO IN ITALIA PER L'INFEZIONE DA CORONAVIRUS, ma solo per gravi patologie preesistenti".

14 - 26 febbraio, ore 09.00: come scrissi, la mia era una personale stima del CASO PEGGIORE (worst case). Poi ho anche scritto che la rivedrei al ribasso considerato l'andamento della velocità di diffusione del contagio in Cina. In ogni caso, anche quelle cifre non sarebbero affatto eccezionali né drammatiche se confrontate con le CIFRE REALI della vittime della "normale" influenza.

15 - 26 febbraio, ore 17.16: (De Magistris chiude le scuole a Napoli, NdA) A mio avviso è un eccesso di prevenzione anche quello di Dema, anche se un proverbio dice che la prudenza non è mai troppa. (Il sindaco di Saronno emette un'ordinanza urgente)  Ma chi meriterebbe l'arresto per procurato allarme è un altro sindaco. Parlo del sindaco di Saronno, il leghista Alessandro Fagioli, che ha fatto affiggere ai muri della sua città (40.000 abitanti) una demenziale "ordinanza urgente"  

16 - 28 febbraio, ore 22.12: una delle varie lezioni positive di questa piccola epidemia virale è... (Piccola epidemia virale: questa vale 10, NdA)

Se non ho fatto male i conti stiamo 33 a 1 per te.

Niente da fare, non ti rassegni, evidentemente ti piace essere randellato, ormai scrivi per convincere solo te stesso e il tuo amichetto bufalaro pisano (cioè due ormai conclamati babbei). Al punto 3 hai potuto citare solo miei post di febbraio, nemmeno uno di marzo, anche se immagino le ore che hai passato a scavare, scavare... 

Compitino a casa: cerca di trovare una previsione, del 21 febbraio o anteriore (quando avevamo zero morti) in cui qualcuno in Italia avesse previsto qualcosa di peggio (o di analogo) di 3000 morti e 100.000 casi, ovvero si fosse avvicinato più del sottoscritto a quella che sarebbe stata la tragica realtà dei mesi successivi.

In ogni caso ti conviene smettere di arrampicarti sugli specchi: non fai che peggiorare la tua già penosa e imbarazzante situazione. Il 5 marzo, con più di 100 morti e più di 3000 casi, con una crescita media giornaliera di questi dati del 50% nelle due settimane precedenti, e soprattutto il giorno dopo il drammatico DPCM con cui il presidente del Consiglio chiudeva le scuole di ogni ordine grado (e molto altro), provvedimento senza precedenti perfino in tempo di guerra, l'inguaribile ottimista Sauro24 escludeva ogni possibilità di "strage":

"Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage"

Amen. 

Voglio ricordare ai forumisti seri la premessa anteposta dal presidente del Consiglio ai provvedimenti del citato DPCM del 4 marzo 2020:

Considerati l'evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento dei casi sul territorio nazionale...

Ma l'inguaribile disinformato Sauro24 il giorno dopo, il 5 marzo, categoricamente e bovinamente affermava: 

"Per quanto ne sappiamo non ci sarà nessuna strage".

Amen.

La strage invece iniziò subito: 720 morti nella settimana dal 5 all'11 marzo, 2147 morti nella settimana successiva. Ma questo forumista borioso, maldestro, maleducato e senza dignità non ha nemmeno la creanza di ammettere l'errore e di scusarsi. Anzi continua penosamente ad aggrapparsi agli specchi. 

[Un piccolo ma interessante inciso storico. Durante la seconda guerra mondiale il governo fascista, e dal '43 il governo Badoglio, non chiusero mai le scuole eccetto che per due prolungamenti delle vacanze natalizie, nel gennaio del '42 e nel gennaio del '43, dovuti alla carenza di carbone per riscaldare le aule. Ma nel '44 e nel '45, mentre l'Italia veniva bombardata, le scuole restarono aperte.]

Ti ripeto, più scrivi più ti esponi allo spernacchiamento generale. Quella stima dell'ISPI riportata dal Corriere è posteriore alle indagini  di sieroprevalenza condotte in Spagna (5% della popolazione contagiata) e in Inghilterra (6,3%) quindi risale almeno alla seconda metà di maggio. E, come ti ho già spiegato, in generale sia CFR che IFR variano nel corso di una epidemia. Un IFR ~ 1% a fine maggio non esclude affatto un IFR più basso o molto più basso a marzo, cioè all'inizio della fase acuta in Europa. Ti ricordo che lo studio precedentemente allegato dell'Imperial College stima, tra l'altro, un tempo mediano per arrivare al decesso dopo il contagio di circa 24 giorni. Quindi bisogna dare ai contagiati il tempo di morire (o di guarire) per andare a determinare il tasso di letalità effettivo IFR. D'altra parte, anche ammesso che a marzo l'IFR fosse già circa pari all'1%, è davvero comica la tua attuale difesa di questo valore contro la stima dei quasi 6 milioni di casi formulata dall'Imperial College (non dal sottoscritto che si limitò a citarla, con il conforto di altri studi indipendenti). Infatti, in questa che è una delle discussioni più ridicole e demenziali nella storia del forum, tu prendevi in considerazione valori via via crescenti del "tasso di mortalità reale ed effettiva" (al crescere nel tempo del tasso apparente misurato in Italia) per escluderli inesorabilmente (cioè tautologicamente) con il tuo comicissimo Zuccavuota test. Iniziasti con il "dimostrare" l'inaccettabilità del tasso tedesco (dell'epoca) cioè lo 0,1% (9 marzo). Poi passasti a scartare lo 0,5% (il tasso "tedesco" nel frattempo era salito). Poi passasti al 3% e via di seguito fino a "dimostrare" (dimostrare nella tua zucca vuota, s'intende) l'inaccettabilità di un tasso del 4,16% (19 marzo) E se non erro, addirittura continuasti con questa pagliacciata in successive discussioni. Il tuo scopo era "dimostrare" che l'IFR italiano non può essere molto più basso del CFR italiano, ma gli studi teorici prima e le indagini sierologiche poi ti hanno ampiamente e definitivamente sbugiardato: IFR<<CFR. Punto.  

https://forum.virgilio.it/argomento/77458-facciamo-il-punto-sul-cazzaro/

 Oggi invece scrivi: 

"Con 10.023 morti, tenendo conto che 'l’analisi dell’Ispi conferma che la letalità del virus in Europa occidentale si aggira intorno all’1% delle persone infette', alla fine di marzo 2020 in Italia i contagiati erano un milione e non sei milioni".

Non pretendo l'impossibile, ovvero che tu ti metta d'accordo con la logica, ma almeno mettiti d'accordo con te stesso! Se il tuo Zuccavuota test rifiutava a marzo l'ipotesi di un IFR del 4,16%, come può la tua zucca vuota oggi accettare, sempre con riferimento a marzo, un IFR dell'1%??? Roba da matti! 

Ti rinnovo caldamente il consiglio: lascia perdere i test statistici e l'epidemiologia, materie per le quali purtroppo sei palesemente negato, e occupati a tempo pieno della pulizia delle spiagge.    

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sig fosforo per favore, faccia post molto più corti, li divida in spezzoni, altrimenti la sig.ra marketta da Pisa non capisce e poi fa confusione.

Si ricordi che ha dovuto acquistare tre neuroni di seconda mano perché i due neuroni due, originali, lo hanno abbandonato anche loro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Sig fosforo per favore, faccia post molto più corti, li divida in spezzoni, altrimenti la sig.ra marketta da Pisa non capisce e poi fa confusione.

Si ricordi che ha dovuto acquistare tre neuroni di seconda mano perché i due neuroni due, originali, lo hanno abbandonato anche loro.

Hai ragione, sono prolisso, ma il Sauro lo è forse più di me. Se uno scrive molte e grosse kazzate, servono molte righe per demolirle. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si dividono in spezzoni, le cose lunghe annoiano, e non vengono più seguite.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ecco l'app che ti darà tutte le risposte https://tuttelerecensioni.com/337/flexjobs .  Come molti, ero scettico sul fatto di pagare per i FlexJobs. Alla fine, mi sono reso conto che cercare una posizione contabile a distanza era come cercare un ago in un pagliaio. FlexJobs ha portato la lista sul mio computer e mi ha fatto risparmiare tempo per la ricerca. Mi sono iscritto al servizio il 21 agosto e mi è stata offerta una posizione il 1° ottobre. Metti da parte il tuo scetticismo; lascia che FlexJobs ti aiuti a trovare il lavoro dei tuoi sogni!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, tersence ha scritto:

Ecco l'app che ti darà tutte le risposte https://tuttelerecensioni.com/337/flexjobs .  Come molti, ero scettico sul fatto di pagare per i FlexJobs. Alla fine, mi sono reso conto che cercare una posizione contabile a distanza era come cercare un ago in un pagliaio. FlexJobs ha portato la lista sul mio computer e mi ha fatto risparmiare tempo per la ricerca. Mi sono iscritto al servizio il 21 agosto e mi è stata offerta una posizione il 1° ottobre. Metti da parte il tuo scetticismo; lascia che FlexJobs ti aiuti a trovare il lavoro dei tuoi sogni!

Il lavoro non deve essere flessibile, deve essere stabile e duraturo. Cioè dignitoso. Inoltre, le cose che si fanno stabilmente in genere si fanno meglio e si amano di più. La produttività del lavoro stabile e duraturo è molto più alta di quella del lavoro flessibile e precario. Flessibilità e precarietà non sono virtù sociali, sono piaghe sociali. Il lavoro non è un'opportunità, è un diritto. E per affermare questo diritto, nonché il fondamentale principio di uguaglianza, nell'era dell'automazione e dell'intelligenza artificiale non c'è che un modo: ridurre drasticamente gli orari di lavoro: lavorare meno, lavorare tutti.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora