Vorrei precisare ....,

Che sono totalmente d’accordo con coloro che si indignano a sentire le parole del razzista padano che “accosta” il nome di Enrico Berlinguer alla Lega Nord. Mi corre , però , l’obbligo di rammentare ai tanti indignati come me , che se non fosse stato per un certo Matteo Renzi , oggi , il truce Coso , sarebbe ancora Vicepremier e Ministro dell’Interno oppure , in caso di elezioni anticipate , Presidente del Consiglio dei Ministri . Ovviamente do la mia disponibilità a discutere con tutti coloro che vorranno smentire questa possibilità ma , nel contempo , alcuni post scritti nel merito del tema trattato , avrebbero dovuto concludersi con : “Meno male che c’ ha pensato Renzi ad impedire che una di queste possibilità  si sia verificata. “ Insomma , anche un piccolissimo post di ringraziamento non sarebbe stato malvagio ed avrebbe dimostrato un sincero senso di gratitudine . E pensare che qualcuno stacco’ l’Archibugio dalla parete della stalla e schioppettarlo !! Io , per esempio , quella persona l’ho ringraziata . O meglio, ho ringraziato la sua scarsissima qualità della mira . Pensate un po’ se l’avesse avuta migliore ...!! Saluti 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

6 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Che sono totalmente d’accordo con coloro che si indignano a sentire le parole del razzista padano che “accosta” il nome di Enrico Berlinguer alla Lega Nord. Mi corre , però , l’obbligo di rammentare ai tanti indignati come me , che se non fosse stato per un certo Matteo Renzi , oggi , il truce Coso , sarebbe ancora Vicepremier e Ministro dell’Interno oppure , in caso di elezioni anticipate , Presidente del Consiglio dei Ministri . Ovviamente do la mia disponibilità a discutere con tutti coloro che vorranno smentire questa possibilità ma , nel contempo , alcuni post scritti nel merito del tema trattato , avrebbero dovuto concludersi con : “Meno male che c’ ha pensato Renzi ad impedire che una di queste possibilità  si sia verificata. “ Insomma , anche un piccolissimo post di ringraziamento non sarebbe stato malvagio ed avrebbe dimostrato un sincero senso di gratitudine . E pensare che qualcuno stacco’ l’Archibugio dalla parete della stalla e schioppettarlo !! Io , per esempio , quella persona l’ho ringraziata . O meglio, ho ringraziato la sua scarsissima qualità della mira . Pensate un po’ se l’avesse avuta migliore ...!! Saluti 

Mi pare che lei soffra di "renzite" al contrario. Ci sono forumisti per i quali Renzi è l'origine di tutti i mali, e altri per cui è un padreterno.

Un giudizio mediano, per quanto impietoso, imporrebbe di considerarlo per quel che è stato.

Un imitatore di Tony Blair, anche malriuscito.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Mi pare che lei soffra di "renzite" al contrario. Ci sono forumisti per i quali Renzi è l'origine di tutti i mali, e altri per cui è un padreterno.

Un giudizio mediano, per quanto impietoso, imporrebbe di considerarlo per quel che è stato.

Un imitatore di Tony Blair, anche malriuscito.

Non credo che in questo Forum, vi siano utenti che calcolano più di tanto il sig mark, se non il dovuto ad esprimere un opinione, in fondo le sue convinzioni possiamo lasciarle a lui. Delle volte si risponde, altre volte si rimane indifferenti,  il pensiero predominante  dei sottoscritti é : "sono post dal valore della carta igienica virtuale,  di pessima fattura, e quindi neppure buona per l' igiene personale "

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Mi pare che lei soffra di "renzite" al contrario. Ci sono forumisti per i quali Renzi è l'origine di tutti i mali, e altri per cui è un padreterno.

Un giudizio mediano, per quanto impietoso, imporrebbe di considerarlo per quel che è stato.

Un imitatore di Tony Blair, anche malriuscito.

Può darsi che io”soffra “ di Renzite ma , fondamentalmente, “soffro” quando la verità non viene riconosciuta . La risposta a questo post sarebbe dovuta essere o una smentita oppure una presa d’atto che questa soluzione e’ dipesa per merito di Renzi . Tutto qua e senza nessuna dietrologia . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, marzianobravo ha scritto:

Non credo che in questo Forum, vi siano utenti che calcolano più di tanto il sig mark, se non il dovuto ad esprimere un opinione, in fondo le sue convinzioni possiamo lasciarle a lui. Delle volte si risponde, altre volte si rimane indifferenti,  il pensiero predominante  dei sottoscritti é : "sono post dal valore della carta igienica virtuale,  di pessima fattura, e quindi neppure buona per l' igiene personale "

Te via via hai bisogno di una “ripassata “ come la meritano tutti gli idio ti . Lo eri già l’anno scorso quando apparisti con un altro nickname ed ora , a distanza di qualche mese , lo sei ancor di più e , credimi , non era facile battere quel record . Debbo ripetermi : non me ne importa niente dei “ calcoli “ altrui. Per quello devi rivolgerti al Cazzaro di Napoli . Scrivo quel che mi pare e che mi pare giusto debba essere riconosciuto . Quanto alla sua considerazione , credimi , non mi sfiora nemmeno per un nano secondo anche se , vedo , invece , te corri sempre a commentarmi . Si vede ti piace essere malmenato . E , credi  a me , non occorre nemmeno sprecare tanta fatica . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Abbiamo scoperto che questo forum è frequentato solo da idioti, l'unico ge-nio che gli da lustro è un macaco.....da Pisa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Abbiamo scoperto che questo forum è frequentato solo da idioti, l'unico ge-nio che gli da lustro è un macaco.....da Pisa.

Ecco un nervo scoperto, sibillino, e protuberante,ha toccarlo si stringono i denti ,chiunque ne ha almeno uno,ma guai a farlo notare o peggio sfiorarlo,va subito in bestia, come un licantropo,ma la notte è breve, eh sì ,il ritorno alla normalità, alla razionalità, fa scendere dalla pianta, dai castelli in aria , cosa aggiungere?? La genialità è un attitudine innata,non si può diventare eccelsi,infatti la maggioranza ha posti di rilievo, ma con la loro scomparsa ,finiscono nell'oblio, chi viene e verrà ricordato?? Non di certo principi e re,qualche menzione,tutto qua, ma esempio Leonardo, e Michelangelo (sono già 500 anni) un nostro quasi contemporaneo ,Einstein ,che durerà nei secoli  , a noi  è voi il nulla ,al sig.mark un Po di minzione,ma non troppa ,mica vorremmo facesse la doccia 

Modificato da marzianobravo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, mark222220 ha scritto:

Può darsi che io”soffra “ di Renzite ma , fondamentalmente, “soffro” quando la verità non viene riconosciuta . La risposta a questo post sarebbe dovuta essere o una smentita oppure una presa d’atto che questa soluzione e’ dipesa per merito di Renzi . Tutto qua e senza nessuna dietrologia . 

Non mi sembra affatto che lei soffra quando la verità non viene riconosciuta.

Io sto ancora aspettando da 103 giorni che dimostri le bugie che secondo lei avrei scritto nel forum.

Quindi lei è un bugiardo, e i bugiardi non dicono la verità

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, mark222220 ha scritto:

Può darsi che io”soffra “ di Renzite ma , fondamentalmente, “soffro” quando la verità non viene riconosciuta . La risposta a questo post sarebbe dovuta essere o una smentita oppure una presa d’atto che questa soluzione e’ dipesa per merito di Renzi . Tutto qua e senza nessuna dietrologia . 

Non mi sembra affatto che lei soffra quando la verità non viene riconosciuta.

Io sto ancora aspettando da 103 giorni che dimostri le bugie che secondo lei avrei scritto nel forum.

Quindi lei è un bugiardo, e i bugiardi non dicono la verità

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Mi pare che lei soffra di "renzite" al contrario. Ci sono forumisti per i quali Renzi è l'origine di tutti i mali, e altri per cui è un padreterno.

Un giudizio mediano, per quanto impietoso, imporrebbe di considerarlo per quel che è stato.

Un imitatore di Tony Blair, anche malriuscito.

Direi molto malriuscito. Renzi ormai lo conosciamo: è un piccolo populista di destra, un piccolo mestierante che punta tutto sulla narrazione (ma gli italiani non abboccano più), un "amico" dei poteri forti (vedasi il caso Benetton) che vorrebbe passare per riformista liberale. Non ho mai scritto né pensato che sia stato l'origine di tutti i mali, significherebbe sopravvalutarlo.  Al contrario ho scritto che il renzismo è stato un logico e prevedibile cascame del berlusconismo. Il patto del Nazareno lo dimostra. Giuliano Ferrara non lo sopporto, ma è una persona intelligente e quando parlò di "royal baby", scrivendoci un libro, sapeva quel che diceva. Certamente però Renzi è l'origine principale del male fascioleghista. Nel 2013 la Lega di Salvini era al 4,09%, Fratelli d'Italia all'1,96%. Voti più che quadruplicati e più che raddoppiati rispettivamente nel 2018. In mezzo ci fu il disastroso quinquennio renziano. La sua scalata alla segreteria Pd, il sospetto zampino nell'incresciosa vicenda dei franchi tiratori contro Prodi, la sua pugnalata a Letta (stai sereno) il suo triennio di chiacchiere e di riformacce improbabili, la cancellazione di diritti dei lavoratori e i favori a Confindustria, scissioni interne al Pd, menzogne colossali (se perdo il referendum lascio la politica),  l'agonia di una legislatura che doveva finire molto prima (sentenza Porcellum) e l'annetto di governo della controfigura Gentiloni. Fu davvero un miracolo (e anche merito di Di Maio e dei 5 Stelle) se nel 2018 la destra non vinse a mani basse e non si prese la maggioranza assoluta.    

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Direi molto malriuscito. Renzi ormai lo conosciamo: è un piccolo populista di destra, un piccolo mestierante che punta tutto sulla narrazione (ma gli italiani non abboccano più), un "amico" dei poteri forti (vedasi il caso Benetton) che vorrebbe passare per riformista liberale. Non ho mai scritto né pensato che sia stato l'origine di tutti i mali, significherebbe sopravvalutarlo.  Al contrario ho scritto che il renzismo è stato un logico e prevedibile cascame del berlusconismo. Il patto del Nazareno lo dimostra. Giuliano Ferrara non lo sopporto, ma è una persona intelligente e quando parlò di "royal baby", scrivendoci un libro, sapeva quel che diceva. Certamente però Renzi è l'origine principale del male fascioleghista. Nel 2013 la Lega di Salvini era al 4,09%, Fratelli d'Italia all'1,96%. Voti più che quadruplicati e più che raddoppiati rispettivamente nel 2018. In mezzo ci fu il disastroso quinquennio renziano. La sua scalata alla segreteria Pd, il sospetto zampino nell'incresciosa vicenda dei franchi tiratori contro Prodi, la sua pugnalata a Letta (stai sereno) il suo triennio di chiacchiere e di riformacce improbabili, la cancellazione di diritti dei lavoratori e i favori a Confindustria, scissioni interne al Pd, menzogne colossali (se perdo il referendum lascio la politica),  l'agonia di una legislatura che doveva finire molto prima (sentenza Porcellum) e l'annetto di governo della controfigura Gentiloni. Fu davvero un miracolo (e anche merito di Di Maio e dei 5 Stelle) se nel 2018 la destra non vinse a mani basse e non si prese la maggioranza assoluta.    

Noi concordiamo sul fatto che il Pd di Renzi con la sua scellerata politica  abbia fatto rinascere e dato slancio alla dx,ma ormai sono passati anni da quel momento e governo rovinoso per la sx,il problema di oggi è la mancanza di identità del Pd ,sta facendo un gioco a dir poco ambiguo, secondo noi non deve scendere a patti coi pentastellati che pur di rimanere in sella ,farebbero un esecutivo con forza nuova ,non é un sogno lo hanno fatto davvero con la Lega del tanto odiato Salvini. Se la vera sx non vuol passare per poltronara,inconcludente,e ha tirare la carretta,deve ascoltare la volontà del popolo, se può fare un rimpasto ben venga,altrimenti meglio le elezioni, quello che conta è convincere,non resistere a tutti i costi, prossimo  o venturo la corda si spezza,possono esserci emorragia di altri parlamentari, la sconfitta sarebbe nettissima e ineludibile, per rimanere attaccati allo scoglio 5s dove piu' il tempo passa e maggiormente si erode,meglio prendere provvedimenti immediati ed efficaci, risolutivi, gli incompetenti devono stare fuori dalla sx,se non vogliamo che la barca affondi con tutta la ciurma

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Marziano, "lo scoglio" dal quale il Pd deve staccarsi per ritornare ad essere sé stesso, cioè un partito di sinistra, forse non con la bandiera rossa ma certo con la bandiera del bene comune dei cittadini, a mio avviso è ben altro che il Movimento 5 Stelle. L'altroieri Romano Prodi, che del Pd è stato uno dei fondatori, ha detto che la vecchiaia porta saggezza e che quindi Berlusconi in maggioranza nel governo Conte non è un tabù. Praticamente l'ennesimo salvagente (ho perso il conto) lanciato da sinistra al Delinquente. Quello che nel 2008 corrompeva un senatore (reo confesso) a suon di milioni di euro per fare cadere il governo dello stesso Prodi. Governo che peraltro non fece nulla di quello che aveva promesso contro il conflitto di interessi e la posizione dominante di Berlusconi nel sistema televisivo. Il corruttore si salvò grazie all'ennesima prescrizione ma in alcuni paesi seri questo tipo reati corruttivi contro le istituzioni prevede nulla di meno che la pena capitale. Ma oggi il mite e misericordioso Mortadella lo perdona e gli restituisce centralità politica. Forse è stato un atto di penitenza comandatogli dal confessore ma arriva nel momento peggiore. C'è una pandemia in corso e, come dimostrano i vari Trump e Bolsonaro, l'ultima cosa di cui ha bisogno un governo serio è un politicante/affarista/populista in conflitto di interessi. Specie in vista dell'arrivo dei fondi europei che fanno gola ai rapaci poteri forti ma che vanno spesi con la massima oculatezza. L'ex cavaliere, 84 anni ma ne dimostra di più, fuggiasco in Costa Azzurra per proteggersi dal virus, presente sulla scena tramite la patetica controfigura del monarchico Tajani, sarebbe da tempo un rottame politico senza le sue tv e i suoi giornali (suoi perché questo è il paese di Pulcinella e di corrotti come Craxi). Che in questi giorni rilanciano la patetica storiella del vergognoso magistrato, morto parlante, che dovrebbe restituire a un delinquente di tre cotte, tuttora indagato per stragi mafiose, la verginità e lo status di cittadino onesto e perbene. Mentre Prodi gli lancia il salvagente, Marco Travaglio rinfresca la memoria corta del Mortadella e degli italiani:

https://infosannio.com/2020/07/10/promemoria-1/

https://infosannio.com/2020/07/11/promemoria-2/

E siamo solo alla seconda puntata.

Romano Prodi ha fatto cose buone per il Paese, i suoi governi sono stati probabilmente i migliori (o i meno peggio) della Seconda Repubblica, eppure egli è quasi l'esatta incarnazione dello "scoglio" da cui il Pd deve assolutamente staccarsi. Prodi è l'uomo delle privatizzazioni, il principale responsabile di un disastro epocale, cioè la svendita e lo smantellamento di quell'impresa pubblica che era stata il nocciolo propulsivo del nostro boom economico e che tuttora, nonostante tutto, è il meglio, la parte più produttiva e competitiva del nostro tessuto industriale, saccheggiato e semidesertificato dai privati, dai prenditori mascherati da imprenditori come gli Agnelli e i Benetton. Paradossalmente, negli ultimi 35 anni il peggiore nemico della sinistra in Italia, in concreto, non è stato Berlusconi ma Prodi (e in second'ordine D'Alema e Renzi). In questo momento c'è bisogno di più Stato, anche e soprattutto nell'economia.  Bisogna rinazionalizzare, a partire da Autostrade, ma quello deve essere solo l'inizio. L'ultima cosa di cui l'Italia ha bisogno in questo momento sono i rottami come Prodi e Berlusconi, tutori politici e rappresentanti di quel capitalismo familistico e fragile che ha impoverito l'Italia (per arricchire pochi parassiti) e che un virus neanche troppo letale sta provvidenzialmente spazzando via come un castello di cartone. Non solo in Italia. Il Pd di Zingaretti è chiamato a una scelta epocale. Correggere la rotta, dimenticare gli Agnelli e i Benetton, i Renzi e i Berlusconi (con il quale il Pd ha già governato due volte: governo Monti e governo Letta), dimenticare le opere faraoniche e inutili come il Tav Torino-Lione, dimenticare la scuola privata e la sanità privata (camminino sulle loro gambe!), staccarsi dallo scoglio dei poteri forti nazionali (banchieri, prenditori) ed esteri (il colosso imperialista americano che il virus sta sgretolando come un colosso d'argilla) e navigare in mare aperto, guidato dalla stella polare del principio di uguaglianza, verso le mete del bene comune, della giustizia e dell'ambiente. Princìpi e mete che il Pd, a mio avviso, può (e deve) assolutamente condividere con il M5S e con Leu. Certo non con i Berlusconi o i Salvini. E magari anche con gli italiani seri e moderati che sono ormai stufi di seguire i pifferi di Renzi e Berlusconi e che potrebbero confluire in un eventuale partito del premier Conte. Un premier serio, un premier scomodo per i poteri forti. Il caso Benetton lo dimostra, e la tempistica della pipì fuori dal vaso fatta dal prof. Prodi lo conferma. Saluti

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963