napoletani .....eccoli la'....sempre in primo piano

Danni alla monumentale fontana del Carciofo in piazza Trieste e Trento, ma anche rapine e colpi di arma da fuoco sparati ad altezza d'uomo: sono le conseguenze - riferite dal consigliere regionale  - dei festeggiamenti a Napoli ieri sera dopo la conquista della Coppa Italia. "Gli operai dell'Abc ci hanno riferito che nella fontana hanno ritrovato maglie, scarpe, bandiere del Napoli.

C.Italia: danni a monumenti e spari nella notte della festa

Modificato da director12

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

Ho stigmatizzato anch'io l'eccesso pericoloso e incivile di esultanza dei tifosi del Napoli.  Ma la colpa maggiore è dei giocatori e soprattutto del presidente De Laurentiis. Personaggio impulsivo e irresponsabile, un incompetente totale di calcio, che io considero, insieme a Corbelli, il peggior presidente della storia del Napoli. Dall'Olimpico a fine partita sono arrivati, in diretta tv, un esempio e un messaggio potenzialmente catastrofici. I giocatori si sono assembrati a esultare senza mascherina e il presidente, insieme al suo collega juventino Andrea Agnelli, ha distribuito baci e abbracci a tutti. Incoscienti! Qualche giorno fa il Bayern Monaco si è laureato, con un paio di giornate di anticipo, matematicamente campione di Germania. Al fischio finale i giocatori hanno tenuto un atteggiamento di estrema compostezza. La stessa cosa avrebbero dovuto fare i giocatori e i dirigenti di Napoli e Juve al termine della finale di Coppa Italia. I tifosi avrebbero capito e si sarebbero regolati di conseguenza.

Mia madre mi insegnò a leggere e scrivere all'età di 4 anni. Una delle prime cose che scrissi fu la formazione del Napoli dell'epoca, che militava in serie B. Quando il Napoli di Maradona vinse il primo scudetto, pur non essendo credente, andai con alcuni amici in pellegrinaggio a piedi da Napoli al Santuario mariano Pompei (28 km). Al secondo scudetto mi tagliai la barba e offrii pizza e birra a una dozzina di amici. Naturalmente ho gioito anche per questa Coppa Italia strappata alla odiata Juve. Nondimeno auspico che la Federazione infligga una pesante multa alla società, più 5 punti di penalizzazione alla squadra in campionato, più almeno 6 mesi di inibizione ai presidenti De Laurentiis e Agnelli. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Ho stigmatizzato anch'io l'eccesso pericoloso e incivile di esultanza dei tifosi del Napoli.  Ma la colpa maggiore è dei giocatori e soprattutto del presidente De Laurentiis. Personaggio impulsivo e irresponsabile, un incompetente totale di calcio, che io considero, insieme a Corbelli, il peggior presidente della storia del Napoli. Dall'Olimpico a fine partita sono arrivati, in diretta tv, un esempio e un messaggio potenzialmente catastrofici. I giocatori si sono assembrati a esultare senza mascherina e il presidente, insieme al suo collega juventino Andrea Agnelli, ha distribuito baci e abbracci a tutti. Incoscienti! Qualche giorno fa il Bayern Monaco si è laureato, con un paio di giornate di anticipo, matematicamente campione di Germania. Al fischio finale i giocatori hanno tenuto un atteggiamento di estrema compostezza. La stessa cosa avrebbero residenti De Laurentiis e Agnelli. 

la soluzione era piu' semplice del previsto:siamo in piena emergenza? ok..il calcio doveva ripartire...nel 2022!! se i vari patroni,societa' calcistiche,veline,tirapalle & assimilabili non guadagnano compensi milionari,a chi puo' fregar de meno??se non giocavano,per esempio,quell'osceno assembramento non avveniva...ok?? e gli incivili andavano a fare gli incivili altrove...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mia madre mi insegnò a leggere e scrivere all'età di 4 anni. Una delle prime cose che scrissi fu la formazione del Napoli dell'epoca, che militava in serie B. Quando il Napoli di Maradona vinse il primo scudetto, pur non essendo credente, andai con alcuni amici in pellegrinaggio a piedi da Napoli al Santuario mariano Pompei (28 km). Al secondo scudetto mi tagliai la barba e offrii pizza e birra a una dozzina di amici. Naturalmente ho gioito anche per questa Coppa Italia strappata alla odiata Juve.

Questa storia non l'avrei scritta. E' solo pane per la bocca larga del torsolo di testicolo da Pisa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Ho stigmatizzato anch'io l'eccesso pericoloso e incivile di esultanza dei tifosi del Napoli.  Ma la colpa maggiore è dei giocatori e soprattutto del presidente De Laurentiis. Personaggio impulsivo e irresponsabile, un incompetente totale di calcio, che io considero, insieme a Corbelli, il peggior presidente della storia del Napoli. Dall'Olimpico a fine partita sono arrivati, in diretta tv, un esempio e un messaggio potenzialmente catastrofici. I giocatori si sono assembrati a esultare senza mascherina e il presidente, insieme al suo collega juventino Andrea Agnelli, ha distribuito baci e abbracci a tutti. Incoscienti! Qualche giorno fa il Bayern Monaco si è laureato, con un paio di giornate di anticipo, matematicamente campione di Germania. Al fischio finale i giocatori hanno tenuto un atteggiamento di estrema compostezza. La stessa cosa avrebbero dovuto fare i giocatori e i dirigenti di Napoli e Juve al termine della finale di Coppa Italia. I tifosi avrebbero capito e si sarebbero regolati di conseguenza.

Mia madre mi insegnò a leggere e scrivere all'età di 4 anni. Una delle prime cose che scrissi fu la formazione del Napoli dell'epoca, che militava in serie B. Quando il Napoli di Maradona vinse il primo scudetto, pur non essendo credente, andai con alcuni amici in pellegrinaggio a piedi da Napoli al Santuario mariano Pompei (28 km). Al secondo scudetto mi tagliai la barba e offrii pizza e birra a una dozzina di amici. Naturalmente ho gioito anche per questa Coppa Italia strappata alla odiata Juve. Nondimeno auspico che la Federazione infligga una pesante multa alla società, più 5 punti di penalizzazione alla squadra in campionato, più almeno 6 mesi di inibizione ai presidenti De Laurentiis e Agnelli. 

forse era meglio che non ti tagliavi la barba...

10 momenti Maradona - Il Post

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

 

Mia madre mi insegnò a leggere e scrivere all'età di 4 anni. Una delle prime cose che scrissi fu la formazione del Napoli dell'epoca, che militava in serie B. Quando il Napoli di Maradona vinse il primo scudetto, pur non essendo credente, andai con alcuni amici in pellegrinaggio a piedi da Napoli al Santuario mariano Pompei (28 km). Al secondo scudetto mi tagliai la barba e offrii pizza e birra a una dozzina di amici. Naturalmente ho gioito anche per questa Coppa Italia strappata alla odiata Juve. Nondimeno auspico che la Federazione infligga una pesante multa alla società, più 5 punti di penalizzazione alla squadra in campionato, più almeno 6 mesi di inibizione ai presidenti De Laurentiis e Agnelli. 

In realtà , invece Sanchina , apprezzo molto la modestia del Cazzaro di Napoli . E’ talmente modesto che non ci ha voluto ricordare che oltre alla formazione del Napoli , a 4 anni , scrisse pure quella del Manchester United in inglese ( che aveva imparato a leggere e scrivere all’età di 3 anni ) e quella del Real Madrid in spagnolo ( che aveva imparato a scrivere a 2 anni ). Che sia andato a piedi fino al santuario mariano di Pompei e’ verissimo. Lo scrisse pure il Mattino di Napoli che impresse in prima pagina la foto del Cazzaro che all’epoca ( così ci ha detto) pesava 130 kg per esaltarne la prestazione che concluse in giorni 2 ed ore 3.  Per quanto riguarda la pizza e birra offerta , il Cazzaro e’ il solito modesto e si rifiuta di dire che tra gli amici percettori , c’erano pure Travaglio Calandrino Marco , Padellaro Antonio ed il nipote di Montanelli giunto appositamente da Fucecchio (Fi). 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

NESSUN  ALTRO  COMMENTO  DICE TUTTO LUI

De Luca come politico e amministratore non mi piace (anche se rispetto al collega Fontana fa la figura di Maradona rispetto a  Turkylmaz) ma per il resto è un grande artista.  Ha perculato il Capitone in maniera divina. Quella del "tre volte somaro" che ha "la faccia come il fondoschiena", quest'ultimo per giunta "usurato", è goduria memorabile. Lo Sceriffo gliele ha dette motivando, e ha assolutamente ragione. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Mia madre mi insegnò a leggere e scrivere all'età di 4 anni. Una delle prime cose che scrissi fu la formazione del Napoli dell'epoca, che militava in serie B. Quando il Napoli di Maradona vinse il primo scudetto, pur non essendo credente, andai con alcuni amici in pellegrinaggio a piedi da Napoli al Santuario mariano Pompei (28 km). Al secondo scudetto mi tagliai la barba e offrii pizza e birra a una dozzina di amici. Naturalmente ho gioito anche per questa Coppa Italia strappata alla odiata Juve.

Questa storia non l'avrei scritta. E' solo pane per la bocca larga del torsolo di testicolo da Pisa.

Egregio, sono una persona semplice che conduce un'esistenza molto prosaica. I rari momenti "poetici" li seleziono perché sono ricordi piacevoli ma anche perché so che faranno arrabbiare le mie due ombrette rancorose, invidiose e poco educate, che nelle loro vitacce incolori la poesia probabilmente non l'hanno mai neppure sognata.

È assolutamente vero che imparai a leggere e a scrivere a 4 anni. I miei mi mandarono all'asilo ma io non ne volli sapere. Il primo giorno di scuola materna mi misi a dare testate contro un albero. Ma i miei non potevano permettersi una baby sitter. Mia nonna era mezza  cieca e a stento poteva occuparsi della mia sorellina. Mentre io in casa ero piuttosto discolo. Allora mia madre, che all'epoca insegnava alle elementari, non trovò di meglio che portarmi tutte le mattine a scuola con lei (altre maestre facevano la stessa cosa con i loro figli piccoli e la direttrice chiudeva un occhio). Quell'anno mia madre aveva una prima elementare e così imparai a leggere e a scrivere come gli alunni "regolari".

Il primo e lungamente agognato scudetto del Napoli (1987) arrivò in maggio, il mese mariano, il mese dei pellegrinaggi al Santuario di Pompei. All'epoca questa in Campania era una tradizione e una devozione fortissima (oggi un po' meno ma resiste). Io sono sempre stato un gran camminatore (per fortuna, altrimenti sarei già morto di obesità) e quasi ogni anno mi facevo i 28 km per accompagnare mia moglie e smaltire calorie, e magari anche per cercare quella fede religiosa che purtroppo non ho mai trovato. L'anno dello scudetto si aggregarono alcuni amici tifosi, in segno di ringraziamento. Mi ricordo che uno di loro, un po' tamarro, si presentò indossando una maglia azzurra con il n.10 di Maradona. Il parroco che guidava il corteo religioso naturalmente gli fece un cazziatone e al primo negozio di abbigliamento lungo il percorso lo obbligò a comprarsi una camicia decente. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Mia madre mi insegnò a leggere e scrivere all'età di 4 anni. Una delle prime cose che scrissi fu la formazione del Napoli dell'epoca, che militava in serie B. Quando il Napoli di Maradona vinse il primo scudetto, pur non essendo credente, andai con alcuni amici in pellegrinaggio a piedi da Napoli al Santuario mariano Pompei (28 km). Al secondo scudetto mi tagliai la barba e offrii pizza e birra a una dozzina di amici. Naturalmente ho gioito anche per questa Coppa Italia strappata alla odiata Juve.

Questa storia non l'avrei scritta. E' solo pane per la bocca larga del torsolo di testicolo da Pisa.

Egregio, sono una persona semplice che conduce un'esistenza molto prosaica. I rari momenti "poetici" li seleziono perché sono ricordi piacevoli ma anche perché so che faranno arrabbiare le mie due ombrette rancorose, invidiose e poco educate, che nelle loro vitacce incolori la poesia probabilmente non l'hanno mai neppure sognata.

È assolutamente vero che imparai a leggere e a scrivere a 4 anni. I miei mi mandarono all'asilo ma io non ne volli sapere. Il primo giorno di scuola materna mi misi a dare testate contro un albero. Ma i miei non potevano permettersi una baby sitter. Mia nonna era mezza  cieca e a stento poteva occuparsi della mia sorellina. Mentre io in casa ero piuttosto discolo. Allora mia madre, che all'epoca insegnava alle elementari, non trovò di meglio che portarmi tutte le mattine a scuola con lei (altre maestre facevano la stessa cosa con i loro figli piccoli e la direttrice chiudeva un occhio). Quell'anno mia madre aveva una prima elementare e così imparai a leggere e a scrivere come gli alunni "regolari".

Il primo e lungamente agognato scudetto del Napoli (1987) arrivò in maggio, il mese mariano, il mese dei pellegrinaggi al Santuario di Pompei. All'epoca questa in Campania era una tradizione e una devozione fortissima (oggi un po' meno ma resiste). Io sono sempre stato un gran camminatore (per fortuna, altrimenti sarei già morto di obesità) e quasi ogni anno mi facevo i 28 km per accompagnare mia moglie e smaltire calorie, e magari anche per cercare quella fede religiosa che purtroppo non ho mai trovato. L'anno dello scudetto si aggregarono alcuni amici tifosi, in segno di ringraziamento. Mi ricordo che uno di loro, un po' tamarro, si presentò indossando una maglia azzurra con il n.10 di Maradona. Il parroco che guidava il corteo religioso naturalmente gli fece un cazziatone e al primo negozio di abbigliamento lungo il percorso lo obbligò a comprarsi una camicia decente. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, director12 ha scritto:

forse era meglio che non ti tagliavi la barba...

10 momenti Maradona - Il Post

Fà il saluto fascista anche lui.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Egregio, sono una persona semplice che conduce un'esistenza molto prosaica. I rari momenti "poetici" li seleziono perché sono ricordi piacevoli ma anche perché so che faranno arrabbiare le mie due ombrette rancorose, invidiose e poco educate, che nelle loro vitacce incolori la poesia probabilmente non l'hanno mai neppure sognata.

È assolutamente vero che imparai a leggere e a scrivere a 4 anni. I miei mi mandarono all'asilo ma io non ne volli sapere. Il primo giorno di scuola materna mi misi a dare testate contro un albero. Ma i miei non potevano permettersi una baby sitter. Mia nonna era mezza  cieca e a stento poteva occuparsi della mia sorellina. Mentre io in casa ero piuttosto discolo. Allora mia madre, che all'epoca insegnava alle elementari, non trovò di meglio che portarmi tutte le mattine a scuola con lei (altre maestre facevano la stessa cosa con i loro figli piccoli e la direttrice chiudeva un occhio). Quell'anno mia madre aveva una prima elementare e così imparai a leggere e a scrivere come gli alunni "regolari".

Il primo e lungamente agognato scudetto del Napoli (1987) arrivò in maggio, il mese mariano, il mese dei pellegrinaggi al Santuario di Pompei. All'epoca questa in Campania era una tradizione e una devozione fortissima (oggi un po' meno ma resiste). Io sono sempre stato un gran camminatore (per fortuna, altrimenti sarei già morto di obesità) e quasi ogni anno mi facevo i 28 km per accompagnare mia moglie e smaltire calorie, e magari anche per cercare quella fede religiosa che purtroppo non ho mai trovato. L'anno dello scudetto si aggregarono alcuni amici tifosi, in segno di ringraziamento. Mi ricordo che uno di loro, un po' tamarro, si presentò indossando una maglia azzurra con il n.10 di Maradona. Il parroco che guidava il corteo religioso naturalmente gli fece un cazziatone e al primo negozio di abbigliamento lungo il percorso lo obbligò a comprarsi una camicia decente. Saluti

Egregio , sono una persona modesta e schiva dal’ apparire. I miei momenti più piacevoli li provo a tavola dove sono capace di ingrufiarmi  l’intera produzione giornaliera di ricottine di Agerola del Caseificio Santoro di Eboli . E non me ne importa niente se le mie ombrette invidiose per non averne mai mangiate sono pure poco educate . Aggiunte ad una decina di mozzarelline di Aversa sono ...A ‘esposizione!! Egregio Sanchino , e’ vero , a 4 anni sapevo già leggere e scrivere grazie a mamma’ che mi portava con se a scuola visto che era Maestra e grazie allo zio n.47 , amico del Provveditore , mi avevano infilato nella sua classe . D’altra parte alla materna non ci volevo stare ed avevo deciso che , a testate, volevo abbattere il platano che era nel giardino . Sospetto che fu per quelle testate che sono diventato sce mo !!  Non volevo neppure la baby sitter . Percheee ‘ ?? Perché ho detto nastro zata visto che negli anni 60 quella figura non ...esisteva . Comunque  a 4 anni non sapevo solo leggere e scrivere . A 5 conoscevo anche il latino , a 6 l’inglese , il fiammingo , lo svedese e pure l’esperanto. Rimarrà un mio vanto essere riuscito , a 8 anni , ad aver indicato la strada da Forcella Fuorigrotta ad una coppia di turisti di Stoccolma , in perfetto svedese . Seppi poi che erano i proprietari di Ikea che omaggiarono la mia famiglia con 3 letti matrimoniali “ ikkokanto”. Quando il Napoli vinse il primo scudetto , mi aggregai alla parrocchia di San Giuseppe a Teduccio per raggiungere , in segno di ringraziamento , il Santuario di Pompei , 28 km. Io pesavo 130 kg ma ero un discreto camminatore . I primi km furono stupendi perché allietavo la comitiva con canti latini ed odi sacre ai quali i fedeli rispondevano con entusiasmo , poi , però , non riuscii più a vederli se non mentre loro, in discesa ,  rientravano a Napoli dopo aver ringraziato ed io ero ancora a 3 km dal santuario . Ricottine e mozzarelline si erano fatte sentire su un ammasso di ciccia di 130kg .  Rientrai il giorno dopo ma fortunatamente mi ero portato dietro 4 panuozzi , 5 babà e due pastiere che mi sorressero fino a casa . Nel secondo scudetto andai con mio padre sul Colle di Capodimonte . Dall’alto vedevo i tifosi che festeggiavano ma io , oltre ad essere contento di ciò , mi appassionai di astronomia e presto ne divenni padrone . Ora sono uno dei più bravi in Italia e pure molto quotato in campo internazionale . Quando il Dott Olaf Stringeld , considerato un luminare , ha un dubbio , mi telefona ed io in 10 minuti glielo risolvo . Essendo un finnico mi ha regalato una renna che io tutti gli anni , per Natale , porto a Spaccanapoli tutta addobbata ed ho un grande successo perché io sono modesto , umile , un figlio del popolo , un grande padre di famiglia , ma ....“ Accoppate che tiè muorto se aggia aggredi’ a renna “. Sul colle c’era pure quel tamarro che c’era anche la volta prima e che indossava la maglia n 10 di Maradona . Ora lo posso dire : non fu il parroco Don Sasa’ a fare il cazziatone al tamarro . Fui io perche’ si aggirava , distraendola , nei paraggi di mia moglie . Ue’ le dissi , ca nisciuno e’ fesso . Vattinne o peccatore . Comunque la maglia di Maradona non ce l’aveva più . Aveva quella di Careca .                                       Tratto dal libro : Le storie del Cazzaro di Napoli , Aniello Auriemma editore - Nola (Na). 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, director12 ha scritto:

Danni alla monumentale fontana del Carciofo in piazza Trieste e Trento, ma anche rapine e colpi di arma da fuoco sparati ad altezza d'uomo: sono le conseguenze - riferite dal consigliere regionale  - dei festeggiamenti a Napoli ieri sera dopo la conquista della Coppa Italia. "Gli operai dell'Abc ci hanno riferito che nella fontana hanno ritrovato maglie, scarpe, bandiere del Napoli.

C.Italia: danni a monumenti e spari nella notte della festa

E' "TIPICO", DELLA LEGA , SPUTARE NEL PIATTO DOVE VORREBBE MANGIARE .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963