Scarichiamo tutti la app IMMUNI

Ieri mattina (con un po' di ritardo) ho scaricato e installato sul mio smartphone la app IMMUNI per il tracciamento dei casi di contagio.

La procedura è stata estremamente semplice e rapida, e assolutamente anonima. Viene chiesto solo di indicare la regione e la provincia di residenza. Se vi spostate, non dovete fare altro che andare nelle Impostazioni della app e indicare la nuova regione o provincia. La app infatti non registra i vostri spostamenti, non effettua nessuna geolocalizzazione. La vostra pri.vacy è in una botte di ferro. Prima di scaricare IMMUNI ho provveduto a controllare, nelle Impostazioni del mio telefonino, che il bluetooth fosse attivo. Laddove necessario, provvedete a escludere il timeout in modo che il bluetooth resti sempre attivo. Ovviamente tenetelo sempre attivo quando uscite e anche in casa se ricevete ospiti. Si tratta di un bluetooth a bassa energia e, come ho potuto verificare, il sovraconsumo della batteria è inavvertibile. La app crea una icona sul vostro telefonino e vi fornisce su richiesta tutte le in.formazioni.   

Invito tutti i forumisti che non lo avessero già fatto a scaricare IMMUNI. La sua efficacia è strettamente correlata al numero degli utilizzatori. Il tracciamento è una delle tre sole armi di cui al momento disponiamo contro il Covid-19, in attesa di un vaccino e di un farmaco specifico.

È una delle TRE T: Testing, Tracing, Treatment. 

Scaricare e usare IMMUNI non è un obbligo ma è certamente un dovere civico.

https://www.immuni.italia.it/

 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Ieri mattina (con un po' di ritardo) ho scaricato e installato sul mio smartphone la app IMMUNI per il tracciamento dei casi di contagio.

La procedura è stata estremamente semplice e rapida, e assolutamente anonima. Viene chiesto solo di indicare la regione e la provincia di residenza. Se vi spostate, non dovete fare altro che andare nelle Impostazioni della app e indicare la nuova regione o provincia. La app infatti non registra i vostri spostamenti, non effettua nessuna geolocalizzazione. La vostra pri.vacy è in una botte di ferro. Prima di scaricare IMMUNI ho provveduto a controllare, nelle Impostazioni del mio telefonino, che il bluetooth fosse attivo. Laddove necessario, provvedete a escludere il timeout in modo che il bluetooth resti sempre attivo. Ovviamente tenetelo sempre attivo quando uscite e anche in casa se ricevete ospiti. Si tratta di un bluetooth a bassa energia e, come ho potuto verificare, il sovraconsumo della batteria è inavvertibile. La app crea una icona sul vostro telefonino e vi fornisce su richiesta tutte le in.formazioni.   

Invito tutti i forumisti che non lo avessero già fatto a scaricare IMMUNI. La sua efficacia è strettamente correlata al numero degli utilizzatori. Il tracciamento è una delle tre sole armi di cui al momento disponiamo contro il Covid-19, in attesa di un vaccino e di un farmaco specifico.

È una delle TRE T: Testing, Tracing, Treatment. 

Scaricare e usare IMMUNI non è un obbligo ma è certamente un dovere civico.

https://www.immuni.italia.it/

 

 

Sicuramente è utile..ma non credo che molti lo scaricheranno..su questo argomento sentono la puzza di pesce marcio .o meglio dire con l'esperienza del sito inps..si fidano poco..la tecnologia in certi sensi mette timore...quindi avanti i più coraggiosi come lei che fanno il passa parola 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

geometra filini..scaricala pure tu...io delle cose inutili non so che farne:una breve ma esaustiva panoramica:

  • apre le porte Bluetooth Low Energy (BLE) che sono un colabrodo di sicurezza;
  • esclude intere fasce di popolazione (devi avere uno smartphone, lo devi sapere usare, ect);
  • è volontaria, e quindi divide (che succede se non voglio usarla, o se non ce l’ho? gli altri mi tireranno le pietre?);
  • è gratis (leggi: il codice è di qualcun altro, non del governo italiano, che ne avrà, al massimo, una licenza;
  • la manutenzione la farà qualcun altro, variando versioni etc;
  • qualcun altro beneficerà dei dati che genererà; e così via);
  • non la scaricherà mai il numero di persone che servirebbe che la scaricassero per avere dei benefici;
  • è a rischio di una enormità di falsi positivi, e di scherzi (pranktrollate) clamorosi;
  • non se ne capisce il senso (ricevere l’alert cosa comporta? il tampone? il trattamento? cosa?).
  • quanto ci è costata questo giochetto??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non perderti in chiacchiere inutili, direttoretto, e non pensare a quello che faranno gli altri. Vai sul sito e comincia a scaricarla tu:

https://www.immuni.italia.it/

LA LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE, diceva Gaber.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Non perderti in chiacchiere inutili, direttoretto, e non pensare a quello che faranno gli altri. Vai sul sito e comincia a scaricarla tu:

https://www.immuni.italia.it/

LA LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE, diceva Gaber.

ah si..quello di sx,ma in famiglia era il cagnolino da cruscotto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sig fosforo

mi spiega cosa vuol dire questa frase?

Immuni è un'app creata per aiutarci a combattere l'epidemia di COVID-19. L'app utilizza la tecnologia per avvertire gli utenti che hanno avuto un'esposizione a rischio, anche se sono asintomatici.

Qualche Domanda:

1) sono asintomatico io o sono stato esposto ad un asintomatico?

2) se il vicino asintomatico non ha mai subito un tampone o similia, Immuni che fa?

3) un guarito non è detto che abbia scaricato Immuni, immuni che fa?

4) un guarito ha scaricato Immuni, Immuni mi avverte: guarda che quello li ti può infettare oppure mi dice stai tranquillo è guarito?

5) immuni mi dice: hai sfiorato un contaminato (che avrebbe dovuto stare in quarantena) che faccio mi metto in quarantena da solo o aspetto che mi obblighino alla quarantena?

Per il momento non scarico proprio niente, ne ho piene le palle degli avvisi e controavvisi che mettono solo confusione (vedi guanti si, guanti no. Mascherine si mascherine no. Distanza 1 mt senza mascherina o 2 mt con mascherina.

Basta ho deciso: speriamo che me la cavo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
58 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

sig fosforo

mi spiega cosa vuol dire questa frase?

Immuni è un'app creata per aiutarci a combattere l'epidemia di COVID-19. L'app utilizza la tecnologia per avvertire gli utenti che hanno avuto un'esposizione a rischio, anche se sono asintomatici.

Qualche Domanda:

1) sono asintomatico io o sono stato esposto ad un asintomatico?

2) se il vicino asintomatico non ha mai subito un tampone o similia, Immuni che fa?

3) un guarito non è detto che abbia scaricato Immuni, immuni che fa?

4) un guarito ha scaricato Immuni, Immuni mi avverte: guarda che quello li ti può infettare oppure mi dice stai tranquillo è guarito?

5) immuni mi dice: hai sfiorato un contaminato (che avrebbe dovuto stare in quarantena) che faccio mi metto in quarantena da solo o aspetto che mi obblighino alla quarantena?

Per il momento non scarico proprio niente, ne ho piene le palle degli avvisi e controavvisi che mettono solo confusione (vedi guanti si, guanti no. Mascherine si mascherine no. Distanza 1 mt senza mascherina o 2 mt con mascherina.

Basta ho deciso: speriamo che me la cavo.

Egregio, IMMUNI è solo una app per il tracciamento dei contatti. Certamente non può fare diagnosi. Anche se io scommetterei che se la pandemia dura ancora qualche anno e non si trova un vaccino, qualcuno prima o poi inventerà una diavoleria per testare con lo smartphone la positività al Covid (ovviamente in modo approssimativo, come già accade per le app che ti misurano la febbre). Se Anselmo risulta positivo al virus (cioè infettato e non ancora guarito) certamente non deve andarsene in giro (se lo fa commette un grave reato). Però tu potresti avere incontrato Anselmo PRIMA che effettuasse il tampone.  La app memorizza TUTTI i tuoi contatti con i soggetti che ce l'hanno installata sul loro smartphone. La app non conosce i nomi dei suoi utilizzatori ma associa un codice allo smartphone e lo memorizza. Quindi se Anselmo è un bravo cittadino che ha scaricato IMMUNI, il tuo smartphone tiene traccia anche di quel contatto. Se Anselmo, dopo qualche giorno o settimana, accusa dei sintomi, si fa il tampone e risulta positivo (tieni conto che il periodo di incubazione è 2-14 giorni ma la positività in rari casi può durare anche più di un mese), il codice di Anselmo viene decodificato dall'autorità sanitaria e IMMUNI ti avverte che sei stato in contatto con un potenziale infetto. Ovviamente senza fare il nome di Anselmo per rispetto della pri.vacy. Questa può essere una in.formazione preziosa per la salute tua, quella dei tuoi familiari e di tutte le persone con cui vieni in contatto. Ovviamente la app ti consiglierà di informare il tuo medico, anche se nemmeno questo è obbligatorio, ma un buon cittadino a mio avviso dovrebbe farlo. In ogni caso immagino che essendo persona coscienziosa tu prenderai delle precauzioni (es. userai scrupolosamente una buona mascherina, ogni tanto ti misurerai la febbre, etc.). Se poi avvertirai dei sintomi specifici del Covid, il tuo medico potrà prescriverti il tampone. Lo scopo della app in buona sostanza è quello di tagliare sul nascere le catene di contagio. Cosa importantissima se pensiamo che da un unico paziente zero è partita e si è successivamente ramificata la pandemia che ha colpito finora almeno 8 milioni di persone (ma probabilmente molte di più) uccidendone circa mezzo milione (anche questo dato è sottostimato). E io credo che sia un dovere civico, non solo come cittadini italiani ma come cittadini del mondo, collaborare tutti nel perseguire questo scopo profilattico. Sul sito di IMMUNI alla voce DOMANDE puoi avere ulteriori delucidazioni. Saluti

https://www.immuni.italia.it/***.html

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non date retta al Cazzaro . Immuni e’ una boiata pazzesca. Ha un limite insormontabile che nessuna delucidazione di Immuni Italia può risolvere . Quella del problema degli Asintomatici. Cioè quella di coloro che hanno contratto il virus ma non manifestano nessun sintomo e quindi non ci pensano proprio a fare un tampone continuando la loro vita di prima contagiando tutti quelli con cui entrano in contatto . Non date retta al Cazzaro napoletano . 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Sicuramente è utile..ma non credo che molti lo scaricheranno..su questo argomento sentono la puzza di pesce marcio .o meglio dire con l'esperienza del sito inps..si fidano poco..la tecnologia in certi sensi mette timore...quindi avanti i più coraggiosi come lei che fanno il passa parola 

Non è una questione di coraggio, Marziano, ma di coscienza civica. ll tracciamento dei contatti è una delle poche valide armi che abbiamo contro questo virus, rinunciarvi è, a mio modesto avviso e nella migliore delle ipotesi, un atto di irrazionale e irresponsabile individualismo. Peraltro un individualista razionale certamente userà IMMUNI perché è una protezione collettiva ma anche individuale, cioè della sua stessa salute. Il problema vero di questa app è che arriva con molto ritardo e per giunta non è obbligatoria. Paesi come Cina, Corea del Sud e Taiwan usano app analoghe in modo intensivo fin da febbraio/marzo e non a caso hanno bilanci epidemici assai meno tragici del nostro. E sono app molto ma molto più invasive e ficcanaso di IMMUNI. Giustamente a mio avviso, in quei paesi hanno ritenuto che la priva.cy delle persone fosse un valore secondario rispetto alla salute pubblica. La app cinese è pure obbligatoria (sotto pena del carcere), ti conosce per nome e cognome e ti segue in tutti i tuoi spostamenti, incluso, con decenza parlando, quando vai al cesso. Non ricordo se a marzo eri già nel forum. All'epoca apersi una discussione per mettere a confronto il modello cinese (basato essenzialmente sul lockdown rigido) e quello coreano (basato sui test e sul tracciamento) ed espressi la mia netta preferenza per il modello coreano, certamente molto meno penalizzante per le attività economiche e più adatto a un paese liberale come l'Italia.  E scrissi che un uso intensivo del testing e del tracing ci avrebbe consentito di limitarci a misure di lockdown abbastanza soft (in effetti in Corea non furono mai create zone rosse). Non posso avere la controprova, ma oggi, col senno di poi, io sono convinto che se IMMUNI fosse stata lanciata tre mesi prima, cioè a metà marzo, e in forma obbligatoria (magari prevedendo un piccolo sussidio pubblico per l'acquisto dello smartphone), ci saremmo risparmiati almeno la metà delle vittime di aprile e maggio. Penso che 50 milioni di telefonini con la funzione di tracciamento installata, schierati in fasi dell'epidemia in cui gli infetti in circolazione erano molto più numerosi che oggi e quando Ro era ben maggiore di 1, sarebbe stata una "potenza di fuoco profilattica" micidiale contro la riproduzione del Covid. Naturalmente del senno di poi son piene le fosse. Inoltre sarebbe stato necessario uno sforzo creativo formidabile da parte degli sviluppatori per scrivere e testare il codice della app e per superare i problemi di interfacciamento con i diversi sistemi operativi (Android e Ios), il tutto in un paio di settimane. Ma se altrove l'hanno fatto, avremmo potuto farlo anche in Italia. Probabilmente all'epoca venne sottovalutata l'importanza del tracing (come pure quella del testing) e si preferì seguire il modello cinese, in modo imperfetto e meno efficace (ma doloroso per l'economia) perché, come scrissi, l'Italia non è la Cina. Saluti

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963