governo ammazza imprese

Piero Sassone, imprenditore piemontese con ristoranti in Italia e a Londra e una scuola di alta cucina in Italia respinge le ‘accuse’ di catastrofismo: «No guardi non sono arrabbiato, non più – precisa Sassone -. Io sono già oltre, perché in questi mesi di emergenza sanitaria per la pandemia da Coronavirus, ho capito che l’obiettivo dei nostri politici è quello di uccidere la libera impresa e impoverire gli italiani».

ai suoi ristoranti in Inghilterra: «Senza domande o strani cavilli burocratici, abbiamo ricevuto 25mila euro per ogni negozio, sono state azzerate le tasse locali per un anno, abbiamo ottenuto il rimborso dell’80% degli stipendi entro cinque giorni dalla presentazione delle buste paga con accredito sul conto dell’azienda. Il tutto mandando semplicemente una e-mail. Il governo italiano pare non voler capire che all’imprenditoria italiana serve liquidità e serve subito».

Sono impegnati ad abbuffarsi a Villa Pamphili e regolarizzare  clandestini e a pensare a nuove tasse/balzelli..ai soliti noti..cioè chi produce lavoro..non i parassiti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Secondo me dovresti darti da fare anche tu Kompagno.

Per esempio, potresti dare 600 euro ai 10 migliori ristoranti di Venezia (dove non si paga quasi niente quando capita di mangiarci) oppure anche a Briatore.

Spenderesti 6.000 euro ma faresti anche un figurone.

NB: hai presente che tutto deriva dal fatto che c'è stato e che da qualche parte continua ad esserci ancora il coronavirus?

Modificato da ildi_vino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pensa invece cosa sarebbe successo se al Governo ci fosse stata una coalizione di populisti anti-Europa, caprone incolto, nonché leghista contadinotto.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Secondo me dovresti darti da fare anche tu Kompagno.

Per esempio, potresti dare 600 euro ai 10 migliori ristoranti di Venezia (dove non si paga quasi niente quando capita di mangiarci) oppure anche a Briatore.

Spenderesti 6.000 euro ma faresti anche un figurone.

NB: hai presente che tutto deriva dal fatto che c'è stato e che da qualche parte continua ad esserci ancora il coronavirus?

venezia  è citta' cara..è risaputo..ma vedi,dall'ultima bancherella che vende pizza a tranci,ai cipriani cè il listino prezzi ben leggibile all'entrata..quindi,chi entra sa prima cosa spende.se poi si fanno spennare,l'hanno voluta loro!!come quei giapponesi,che hanno mangiato granchi  e altri pesci pregiati,il tutto annaffiato con del vino da 150 a bottiglia,poi son oandati a piagnuculare dal sindaco...che giustamente li ha presi a ..pesci in facciia!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963