barche incendiare a lampedusa

Lampedusa, 6 giu – Questa notte sono state date alle fiamme, nell’isola siciliana tristemente nota per il record di sbarchi, le imbarcazioni con cui sono arrivati negli anni e nei mesi gli immigrati irregolari.i lampedusani non ne possono piu' di essere la porta d'ingresso dell'africa.nessun ferito,nessun morto...incendio domato...di origine naturale.,una cosa è certa:che questi barcono puzzolenti e pieni di batteri non saranno piu' dati per fare altre attraversate..e gia',perchè all'inizio dovevano essere smatite,ma poi qualche frangia politica si è opposta..restituendo i barconi al'africa!!!!!!!!

 
 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Giusto distruggere di volta in volta le imbarcazioni adoperati da questi “Caronte” (sia uomini che donne) che traslocano da una costa all'altra del mare mediterraneo il proprio carico di “barco/nauti”. Solo distruggendo pari pari le varie imbarcazioni si riesce a bloccare le attraversate. Così dovranno comperarle nuove ad ogni viaggio. In breve i fornitori di barche si troveranno senza i soldi per costruirne di nuove. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ahahahahahahah   che  aaaaaammmmmmmmbecccilllate   maldestre 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Domanda secca e precisa – la signorina Rakete Carola … svolge ancora la propria attività di trasborda / attrice (oppure di attrice che trasborda) da una costa all'altra del mare Mediterraneo … domanda secca e precisa. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

4 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

Domanda secca e precisa – la signorina Rakete Carola … svolge ancora la propria attività di trasborda / attrice (oppure di attrice che trasborda) da una costa all'altra del mare Mediterraneo … domanda secca e precisa. 

lo  dovrebbe   sapere  lei   sostenitore   del  coso...  non  l'aveva  fermata  lui   il grancapitanfracassa  ?  come     aveva  rispedito a  casa  loro  i 600 mila   clandestini ...ma  poi  cosa  centrano    i  barchini e  barconi  bruciati   che  evidentemente   se  hanno potuto  incendiarli  non  li  hanno  evidentemente   riusati .. Ma  certo    scrive  ca@@ate  per  diretoinreto e  camerati  e  invidiabilmente  una  vostra  prerogativa ... e  comunque   ciò  non  toglie   che  le  partenze    continuano e  continuavano  comunque  , certo  ne  arrivavano e  arrivano  meno  perché  non  si  contano  più  i  morti  in  mare  che  sono   aumentati checchenedicano  i  maldestri  o  quelli   che   arrivano  via  terra   o   che  sono  sbarcati a  centinaia   di  migliaia   in Grecia 

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

Giusto distruggere di volta in volta le imbarcazioni adoperati da questi “Caronte” (sia uomini che donne) che traslocano da una costa all'altra del mare mediterraneo il proprio carico di “barco/nauti”. Solo distruggendo pari pari le varie imbarcazioni si riesce a bloccare le attraversate. Così dovranno comperarle nuove ad ogni viaggio. In breve i fornitori di barche si troveranno senza i soldi per costruirne di nuove. 

i barconi NON possone essere smaltiti.....ce lo chiede (impone) l'europa!!!!!! ecco la loro  misera considerazione:

 "Le implicazioni di carattere ambientale connesse al fenomeno dei migranti, vanno inquadrate nel particolare contesto di fragilità dell'eco-sistema del Mediterraneo, già sottoposto, quale bacino semichiuso, a rilevantissime pressioni antropiche". Infatti l''area interessata dalle rotte dei barconi dei profughi "costituisce uno degli esempi più importanti per la biodiversità da un punto di vista internazionale. Non è un caso, infatti, che nel canale di Sicilia siano state individuate, più aree Ebsa (Ecologically or biologically significant marine areas), cioè aree più speciali e significative per gli aspetti ecologici e biologici". Un'area che presenta "particolare vulnerabilità”, dal punto di vista ambientale", quindi, con la "corrispondente esigenza di tutela, delle aree marine ricadenti nel Mediterraneo meridionale, interessate al fenomeno della migrazione di clandestini provenienti dalle coste nord-africane"

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e  ci  è  andato  il  diretoinreto  ad  incendiarle   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963