Mollicone non ha fatto in tempo ad avere giustizia per la figlia

Non si era mai arreso, per quell'atroce delitto che gli portò via la figlia, ha continuato a chiedere giustizia per 19 anni. Guglielmo Mollicone è morto colpito da un infarto, era il padre della ragazza uccisa nel 2001, sul cui omicidio si sono accavallate accuse, depistaggi e colpi di scena.

A rischio processo, in una nuova indagine, sono il maresciallo Franco Mottola, ex comandante della stazione dei carabinieri di Arce, la moglie Anna Maria, il figlio Marco, il maresciallo Vincenzo Quatrale e l'appuntato Francesco Suprano. Mottola, i suoi familiari e Quatrale sono accusati di concorso in omicidio. Per Quatrale inoltre si ipotizza anche l'istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi, mentre l'appuntato Francesco Suprano deve rispondere di favoreggiamento. Il 30 giugno ci sarà l'udienza davanti al gup che dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio.

Pochi giorno e forse finalmente avrebbe visto il rinvio a giudizio degli assassini della figlia, una storia incredibile che coinvolge l'arma dei carabinieri, Serena era andata in caserma per sporgere una denuncia probabilmente di spaccio di droga e non ne uscì viva, chi indagava era forse l'assassino, una storia incredibile e crudele, speriamo che comunque venga fatta giustizia. Che ne pensi?

Addio a Guglielmo Mollicone: morto il papà di Serena - Il Corriere ...


 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Manca il tasto per ringraziarti....una classica storia Italiana dove corrotti inquisiti la fanno franca, magari grazie alle leggi che si sono fatti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ora saprà la verità da sua figlia..e riposeranno in pace abbracciandosi senza nessuna distanza//

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Spero che il 30 giugno il tribunale prenda la giusta decisione..e che sia fatta giustizia per questa ragazza e per il suo papà che avrebbe avuto il diritto di avere giustizia per sua figlia potendo essere presente in aula.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963