Semo 'n popolo

In questi ggiorni de turismo 'n coma

me so' fatto 'n giretto drento a Rroma

volevo rivedemme tutte le cose vecchie

sto a dì li monumenti, no le catapecchie

e perchè no consideranno che nun piove

d'mparamme puro tutte le cose nove.

Le cose vecchie per quanno me conviene

margrado l'anni paron tenute bene

ma le cose nove devo da di' e un po' me duole

arcune belle, ma tante, troppe sole,

e quello che pe' mme ce sta proprio male

è l'Artare della Patria, er Vittoriale

che più che 'n ovazione a Caput Mundi

me pare 'n monumento a li defunti

è inutile che parlamo d'aria fritta,

nun fu 'na vittoria ma 'na brutta sconfitta.

Così pian piano cammino e tiro sera

e m'arritrovo s'un colle che nun c'era

pensato un di' da chi non c'è più traccia

non posso fare er nome sennò perdo 'a faccia

pieno de monumenti e de palazzi

case moderne, fiori su li terazzi

e poi la 'n centro quello più 'nportante

pensato pe' gloria' l'itala ggente

sopra ce stanno scritte tante cose

che che a mio vede' rincareno la dose

Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi...

ma a guardalli bene n' faccia tutti quanti

e consideranno tutte le debbite 'ccezzioni

vedo che semo un popolo sì, ma de cojioni.

                                                          pasquino

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Se semo un popolo de cojioni vor di' che c'avemo puro chi c'è prenne pel Q.lo tutti i di'.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963