prepariamoci all'esercito di spioni

Roma, 24 mag – I fanatici della dittatura sanitaria si stanno già stracciando le vesti: il nemico numero uno ora si chiama movida, le immagini del terrore sono i lungomare strapieni di gente. E così si corre ai ripari: non solo controllo digitale, app Immuni, braccialetti elettronici e droni vari. A dare manforte alle forze dell’ordine arriveranno anche 60 mila non meglio precisati “assistenti civici” che avranno il compito di vigilare sul rispetto della Fase 2, anche sul distanziamento sociale. Insomma messa così parrebbe proprio una ghiotta opportunità di lavoro destinata agli spioni e ai novelli delatori, quelli che durante la fase 1 hanno ingannato il tempo in quarantena pubblicando sui social la foto del vicino ribelle che andava a fare jogging.

Disoccupati incaricati di “vigilare” sul rispetto delle misure

Insomma a pensar male questo bando indirizzato a “inoccupati, a chi non ha vincoli lavorativi, anche percettori di reddito di cittadinanza o chi usufruisce di ammortizzatori sociali” potrebbe assomigliare alla costituzione di un vero e proprio “esercito di spioni”.ma ci credete realmente che chi prende il reddito da poltrona vada al lavoro??? io no

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963