GALLERA: IL TRIANGOLO NO (tutto il resto va bene)

Ho già scritto che nutro da sempre profonda stima nel popolo del Manzoni, del Caravaggio e del mitico Agostini (Giacomo). Ma ora, cari lombardi, comincio a preoccuparmi sul serio per la vostra serietà. Dove l'avete smarrita? Perché sbagliare è umano, infatti vi siete fatti governare per 20 anni da un corrotto e l'avete sostituito con un incapace. Ma a tutto c'è un limite! Francamente non capisco come facciate a sopportare ancora un amministratore come Giulio Gallera. Questo signore leggo che è laureato in giurisprudenza, ma immagino, o voglio sperare, che negli ultimi 3 mesi si sia messo a studiare l'ABC dell'epidemiologia, così come hanno fatto milioni di cittadini che non fanno gli assessori alla Sanità di una regione nell'occhio del ciclone pandemico. Parlo ovviamente delle nozioni più elementari, come Ro (già Rt è un pochino più complesso) o la differenza tra un virus e un batterio. Ebbene, l'assessore Gallera ha studiato, e oggi ha voluto spiegarci con un esempio pratico su se stesso cos'è Ro (in realtà lo ha confuso con Rt, ma non sottilizziamo). Ha detto che poiché Ro (in realtà Rt) ha raggiunto in Lombardia il valore 0,51, allora (arrotondando a 0,5) un solo infetto non è in grado di contagiare Giulio Gallera (che vive in Lombardia): ne servono due! Roba da matti! L'assessore ha studiato, ma ha studiato con i piedi. Per fortuna i lombardi sono più preparati e più intelligenti del loro assessore alla Sanità, e questa colossale panzana è diventata subito virale, quasi come il famoso "tunnel per neutrini" della forzidiota Gelmini (all'epoca ministra dell'Istruzione). Meno male, perché la panzana asinina di Gallera, presa alla lettera, sarebbe MOLTO PERICOLOSA. Un pir.la potrebbe "ragionare" così. In Lombardia Ro è tale per cui un singolo contatto non è contagioso. Lo garantisce Gallera. Quindi posso abbracciare e baciare chi voglio e come voglio (pure alla francese) e non corro rischi, a meno che... non sia un triangolo. IL TRIANGOLO NO, per Gallera non va bene. Se incappo in due infetti (o infette) sono fregato. Si noti che Ro, leggasi R con zero, potrebbe essere interpretato dal pir.la come la sigla di Renato Zero. Non essendo un pir.la, se fossi lombardo sarei tentato di mettere mano al forcone, ma essendo napoletano mi limito a un solenne pernacchio:

GALLERA: PRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!

https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/coronavirus-gaffe-di-gallera-con-indice-rt-a-0-51-ci-vogliono-due-persone-per-infettarmi_18642431-202002a.shtml

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Questo  triangolo   ?

L'immagine può contenere: 3 persone, barba e testo

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Ho già scritto che nutro da sempre profonda stima nel popolo del Manzoni, del Caravaggio e del mitico Agostini (Giacomo). Ma ora, cari lombardi, comincio a preoccuparmi sul serio per la vostra serietà. Dove l'avete smarrita? Perché sbagliare è umano, infatti vi siete fatti governare per 20 anni da un corrotto e l'avete sostituito con un incapace. Ma a tutto c'è un limite! Francamente non capisco come facciate a sopportare ancora un amministratore come Giulio Gallera. Questo signore leggo che è laureato in giurisprudenza, ma immagino, o voglio sperare, che negli ultimi 3 mesi si sia messo a studiare l'ABC dell'epidemiologia, così come hanno fatto milioni di cittadini che non fanno gli assessori alla Sanità di una regione nell'occhio del ciclone pandemico. Parlo ovviamente delle nozioni più elementari, come Ro (già Rt è un pochino più complesso) o la differenza tra un virus e un batterio. Ebbene, l'assessore Gallera ha studiato, e oggi ha voluto spiegarci con un esempio pratico su se stesso cos'è Ro (in realtà lo ha confuso con Rt, ma non sottilizziamo). Ha detto che poiché Ro (in realtà Rt) ha raggiunto in Lombardia il valore 0,51, allora (arrotondando a 0,5) un solo infetto non è in grado di contagiare Giulio Gallera (che vive in Lombardia): ne servono due! Roba da matti! L'assessore ha studiato, ma ha studiato con i piedi. Per fortuna i lombardi sono più preparati e più intelligenti del loro assessore alla Sanità, e questa colossale panzana è diventata subito virale, quasi come il famoso "tunnel per neutrini" della forzidiota Gelmini (all'epoca ministra dell'Istruzione). Meno male, perché la panzana asinina di Gallera, presa alla lettera, sarebbe MOLTO PERICOLOSA. Un pir.la potrebbe "ragionare" così. In Lombardia Ro è tale per cui un singolo contatto non è contagioso. Lo garantisce Gallera. Quindi posso abbracciare e baciare chi voglio e come voglio (pure alla francese) e non corro rischi, a meno che... non sia un triangolo. IL TRIANGOLO NO, per Gallera non va bene. Se incappo in due infetti (o infette) sono fregato. Si noti che Ro, leggasi R con zero, potrebbe essere interpretato dal pir.la come la sigla di Renato Zero. Non essendo un pir.la, se fossi lombardo sarei tentato di mettere mano al forcone, ma essendo napoletano mi limito a un solenne pernacchio:

GALLERA: PRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!

https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/coronavirus-gaffe-di-gallera-con-indice-rt-a-0-51-ci-vogliono-due-persone-per-infettarmi_18642431-202002a.shtml

Eh beh , certo . Come e’ possibile , in questo caso , dare torto al Cazzaro di Napoli . La gaffe di Gallera e’ talmente clamorosa da poter rischiare di sfiorare il podio tra quelle sentite ultimamente . Il Cazzaro napoletano , però ed ancora una volta , dimostra tutta la sua ebetaggine , perché , così come ha dimostrato tutta la sua solerzia nel ricordare prontamente le parole del negletto Gallera , non abbia usato lo stesso metro di giudizio quando ad aver superato la soglia massima del ridicolo consentito sono stati i suoi amici e compagni del M5S. Ed allora mi tocca nuovamente prendere l’iniziativa di ristabilire un po’ di quella verità che il Cazzaro Partenopeo  volutamente tralascia ma che , vi assicuro , una volta che ve le ricordo , non hanno niente da invidiare , anzi , a quella partorita dall’Ebe te Gallera . Iniziamo : Quella che mi viene in mente per prima e’ quella dell’ex Ministro a 5 stelle Barbara Lezzi . Bene , questa fece scompisciare dalle risate l’Europa intera , quando , con fare serioso e con tono grave e sostenuto , dichiaro’ senza mezzi termini , che il Pil , prodotto interno lordo , aumenta nei mesi estivi perché vi e’ il contemporaneo e straordinario acquisto da parte delle popolazioni di climatizzatori per combatterlo . Sembra che almeno 2/3 economisti di Stanford abbiano smesso di ridere in occasione delle recenti festività pasquali .  Naturalmente il Cazzaro  non profferì nessuna parola !!  Veniamo alla seconda : Ve la ricordate l’ex Ministro della Sanità a 5 stelle Giulia Grillo ?? Ecco , questa grandissima scienziata che tutto il. Mondo ci invidia , asserì con cognizione di causa e con “dati alla mano “ che i vaccini ai bimbi in età scolare generano molte ma molte patologie in più rispetto al non doverli vaccinare . Tentava addirittura di convincere la popolazione e flirtava tutti i giorni con i No vax e costrinse il grande Roberto Burioni a farle fare una colossale figura di mer da .  Ancora oggi il mondo scientifico internazionale si chiede come sia stato possibile che chi abbia potuto affermare una nefandezza del genere possa essere diventata ministro della repubblica italiana. Anche in quella occasione , però , il Cazzaro napoletano non profferi’ paroia dimostrando un pachidermico ritardo di comprensione.  Notevolissima fu pure quella del l’indimenticabile ex viceministro nonché amico personale e concittadino Giggino Di Maio per gli amici O’Fischer . Vabbè , qua ci sarebbe da sbizzarrirsi iniziando da quella dell’annuncio dal balcone della sconfitta della povertà , ma voglio derubricarle alla stregua di pulcinellate aumme aumme , mi preme invece ricordare quelle frasi dette in diretta Tv e dove , con tono grave e serioso come solo certi illustri scienziati sanno tenere , affermò che il corpo umano era formato da acqua per non meno del 90%. Mi ricordo che il giorno che Giggino affermo’ convintamente quella teoria , avevo sulle ginocchia davanti alla tv mio nipote di 3 anni che fu colpito da una involontaria crisi di riso che termini’ dopo giorni 3 ed ore 6.  Anche il quell’occasione tutto tacque dalle parti del Cazzaro napoletano , ue uaglio’ tu me fecisti chiagnere ..!!  Detto che ce ne sarebbero ancora molte , mi limito a ricordare l’ultima . La ricordo perche fu elaborata in coppia . E trattasi di un tandem di assoluto rilievo : Dibba&Dimma  !! Esponenti di grande rilievo culturale e di spessore socio economico riconosciuti in ambito mondiale . Bene , i due appaiono insieme e , unici nel panorama mondiale , scoprono quale sia la vera causa di una immigrazione incontrollata dai paesi africani . Non solo , prestano tutta la loro scienza al servizio di tutti coloro che , nel tempo , non sono riusciti a debellarla : signore e signori, la causa dell’immigrazione africana dipende solo e soltanto dalla circolazione della moneta francese “afro/francese”. Basterà abolirla ed il Continente africano , poverissimo ed al limite di sopravvivenza , diventerà un paese ricchissimo e pronto a sfruttare le grandi potenzialità insite nel loro territorio e che , di fatto , circolando quella moneta , arricchisce solo la Francia del Caudillo parigino Macron che , giustamente , i gilet gialli vogliono ghigliottinare .  Per la verità , qua , il Cazzaro Napoletano intervenne da par suo avallandone la teoria . Si mostrò in piena sintonia e tento’ pure di convincere il forum della giustezza di quelle affermazioni inviando un centinatio di grafici “fai da te” . Le malelingue dicono che l’mmane lavoro del Pulcinella partenopeo gli valse la nomina a rappresentante di lista del M5S alle vicine elezioni europee e successiva libagione di : Ricottine di Agerola , pasta al forno , pasta e fagioli , mozzarelline di bufala campana , cozze , babà e pastiera con tutto annaffiato da vino frizzante della costa Sorrentina ( non mi sono affatto inventato il menu’ . Lo ha declamato il Cazzaro napoletano con post dell’aprile 2019).
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Ho già scritto che nutro da sempre profonda stima nel popolo del Manzoni, del Caravaggio e del mitico Agostini (Giacomo). Ma ora, cari lombardi, comincio a preoccuparmi sul serio per la vostra serietà. Dove l'avete smarrita? Perché sbagliare è umano, infatti vi siete fatti governare per 20 anni da un corrotto e l'avete sostituito con un incapace. Ma a tutto c'è un limite! Francamente non capisco come facciate a sopportare ancora un amministratore come Giulio Gallera. Questo signore leggo che è laureato in giurisprudenza, ma immagino, o voglio sperare, che negli ultimi 3 mesi si sia messo a studiare l'ABC dell'epidemiologia, così come hanno fatto milioni di cittadini che non fanno gli assessori alla Sanità di una regione nell'occhio del ciclone pandemico. Parlo ovviamente delle nozioni più elementari, come Ro (già Rt è un pochino più complesso) o la differenza tra un virus e un batterio. Ebbene, l'assessore Gallera ha studiato, e oggi ha voluto spiegarci con un esempio pratico su se stesso cos'è Ro (in realtà lo ha confuso con Rt, ma non sottilizziamo). Ha detto che poiché Ro (in realtà Rt) ha raggiunto in Lombardia il valore 0,51, allora (arrotondando a 0,5) un solo infetto non è in grado di contagiare Giulio Gallera (che vive in Lombardia): ne servono due! Roba da matti! L'assessore ha studiato, ma ha studiato con i piedi. Per fortuna i lombardi sono più preparati e più intelligenti del loro assessore alla Sanità, e questa colossale panzana è diventata subito virale, quasi come il famoso "tunnel per neutrini" della forzidiota Gelmini (all'epoca ministra dell'Istruzione). Meno male, perché la panzana asinina di Gallera, presa alla lettera, sarebbe MOLTO PERICOLOSA. Un pir.la potrebbe "ragionare" così. In Lombardia Ro è tale per cui un singolo contatto non è contagioso. Lo garantisce Gallera. Quindi posso abbracciare e baciare chi voglio e come voglio (pure alla francese) e non corro rischi, a meno che... non sia un triangolo. IL TRIANGOLO NO, per Gallera non va bene. Se incappo in due infetti (o infette) sono fregato. Si noti che Ro, leggasi R con zero, potrebbe essere interpretato dal pir.la come la sigla di Renato Zero. Non essendo un pir.la, se fossi lombardo sarei tentato di mettere mano al forcone, ma essendo napoletano mi limito a un solenne pernacchio:

GALLERA: PRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!

https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/coronavirus-gaffe-di-gallera-con-indice-rt-a-0-51-ci-vogliono-due-persone-per-infettarmi_18642431-202002a.shtml

Sottosviluppati (che non vuol dire " sviuluppati sotto" tanto per chiarire) in cerca di rivalsa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rimane il fatto che permangono ancora molti coni d'ombra e che non tutto è lineare come sembra.

- Potrebbe essere che, se un negativo e un positivo si incontrano, matematicamente si sommino e finiscano per annullarsi  a vicenda. Oppure anche che si attraggano a vicenda, finiscano per socializzare fra loro, fidanzarsi ufficialmente, fare il grande passo, rimanere uniti per tutta la vita, procreare e fare nascere tanti positivi e negativi a metà. Seguano insomma piuttosto che le ferree regole della matematica, i principi della fisica, Oppure potrebbero fare un po' alla volta o affidarsi al caso come succede per i maschietti e le femminucce: una volta nasce un positivo e magari la volta dopo una negativina (ci sarebbero da prendere in considerazione anche i casi intermedi però meglio per ora semplificare e magari approfondire in un secondo momento). La stessa cosa, più o meno, dovrebbe succedere se si incontrano un/una mezzo positivo/a e una/un mezzo negativa/o.

- Se si incontrano due positivi o due negativi, teoricamente dovrebbero respingersi. Oppure, se la si guarda da un punto di vista strettamente matematico,b potrebbero diventare invece dei ***. Indifferentemente super positivi oppure super negativi. Non si sa ancora bene. Però, nel caso di fortuito incontro bilaterale fra due mezzo positivi e due mezzo negativi, le cose dovrebbero essere meno traumatiche. Difficile che si respingono. Molto più probabile che, per un banalissimo ragionamento di ricerca della normalità, preferiscano diventare due entità complete: o un positivo/a o un negativo/a.

- Se invece capitano gli incontri multipli, lì è tutto molto più difficile, ci sono una molteplicità di combinazioni rischia di diventare tutto un kasi@no. Rimane cumunque il fatto che si tratta, in ogni caso e fino a prova contraria, di situazioni che non dovrebbero verificarsi in quanto gli assembramenti non sono consentiti. Per cui, in questi casi, più che scervellarsi in complicatissime e improbabili teorie combinatorie, ci si potrebbe trovare piuttosto davanti alla necessità di scervellarsi e industriarsi al fine di dover (gioco forza) recuperare ingenti risorse finanziarie necessarie per pagare le multe. In ogni caso, come minimo, dovrebbe essere nuovamente rimessa in auge l'autocertificazione con obbligo perentorio di dichiarare l'assoluto e/o assodato stato di necessità.

- In sintesi, una cosa sono pertanto le diatribe interminabili fra le simbologie antiche e quelle più recenti, quali ad esempio R0 o RT, che poi lasciano anche un po' il tempo che trovano, ben altra cosa sono invece i casi reali e i fatti della vita. Perché, in fondo, sono, in definitiva, quelli che contano di più.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
52 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Rimane il fatto che permangono ancora molti coni d'ombra e che non tutto è lineare come sembra.

- Potrebbe essere che, se un negativo e un positivo si incontrano, matematicamente si sommino e finiscano per annullarsi  a vicenda. Oppure anche che si attraggano a vicenda, finiscano per socializzare fra loro, fidanzarsi ufficialmente, fare il grande passo, rimanere uniti per tutta la vita, procreare e fare nascere tanti positivi e negativi a metà. Seguano insomma piuttosto che le ferree regole della matematica, i principi della fisica, Oppure potrebbero fare un po' alla volta o affidarsi al caso come succede per i maschietti e le femminucce: una volta nasce un positivo e magari la volta dopo una negativina (ci sarebbero da prendere in considerazione anche i casi intermedi però meglio per ora semplificare e magari approfondire in un secondo momento). La stessa cosa, più o meno, dovrebbe succedere se si incontrano un/una mezzo positivo/a e una/un mezzo negativa/o.

- Se si incontrano due positivi o due negativi, teoricamente dovrebbero respingersi. Oppure, se la si guarda da un punto di vista strettamente matematico,b potrebbero diventare invece dei ***. Indifferentemente super positivi oppure super negativi. Non si sa ancora bene. Però, nel caso di fortuito incontro bilaterale fra due mezzo positivi e due mezzo negativi, le cose dovrebbero essere meno traumatiche. Difficile che si respingono. Molto più probabile che, per un banalissimo ragionamento di ricerca della normalità, preferiscano diventare due entità complete: o un positivo/a o un negativo/a.

- Se invece capitano gli incontri multipli, lì è tutto molto più difficile, ci sono una molteplicità di combinazioni rischia di diventare tutto un kasi@no. Rimane cumunque il fatto che si tratta, in ogni caso e fino a prova contraria, di situazioni che non dovrebbero verificarsi in quanto gli assembramenti non sono consentiti. Per cui, in questi casi, più che scervellarsi in complicatissime e improbabili teorie combinatorie, ci si potrebbe trovare piuttosto davanti alla necessità di scervellarsi e industriarsi al fine di dover (gioco forza) recuperare ingenti risorse finanziarie necessarie per pagare le multe. In ogni caso, come minimo, dovrebbe essere nuovamente rimessa in auge l'autocertificazione con obbligo perentorio di dichiarare l'assoluto e/o assodato stato di necessità.

- In sintesi, una cosa sono pertanto le diatribe interminabili fra le simbologie antiche e quelle più recenti, quali ad esempio R0 o RT, che poi lasciano anche un po' il tempo che trovano, ben altra cosa sono invece i casi reali e i fatti della vita. Perché, in fondo, sono, in definitiva, quelli che contano di più.

Dopo avere messo un like alla parte umoristica del tuo post, faccio un commento sul finale, che è molto serio. Come tutti hanno capito, eccetto il fantozziano Gallera, qui si parla di stime statistiche. D'altra parte gli statistici dicono garbage in garbage out, cioè elaborando dati spazzatura in ingresso otteniamo risultati spazzatura in uscita. E i dati epidemiologici forniti dalle Regioni, con ritardo, approssimazione e confusione paurose, oggi come prima o forse peggio di prima,  sono in buona parte poco meno che spazzatura, come leggiamo qui:

https://www.corriere.it/cronache/20_maggio_23/errori-anomalie-lacune-report-regioniintero-sistema-rischiocon-monitoraggi-parte-3d38fc2a-9c5d-11ea-aab2-c1d41bfb67c5.shtml

Nell'articolo si evidenziano non solo le ridicole incongruenze che portano incredibilmente a stimare per l'Umbria (la regione di gran lunga meno colpita del Centronord) un Rt addirittura maggiore di quello della Lombardia, ma si accenna anche ai rischi legati a una rilevazione statistica così superficiale. Confermando quello che modestamente scrivo da mesi: i tamponi giornalieri che facciamo, pur essendo aumentati nell'ultimo mese, restano largamente insufficienti a monitorare la situazione. Ed è fantozziana anche Repubblica che da mesi si ostina a rapportare il numero dei nuovi casi del bollettino al numero dei tamponi risultante dallo stesso bollettino (ovvero la differenza con quelli del giorno prima). Solo da pochi giorni Repubblica si è accorta che non va usato il numero dei tamponi effettuati (che si fanno anche sui guariti e su altre persone già testate) ma il numero dei casi testati, fornito anch'esso (ma solo da un mese) nel bollettino. Ma anche così il rapporto non ha alcun senso perché i nuovi casi scoperti oggi non sono l'esito dei tamponi di oggi bensì di test effettuati 2,3,4,5,6 e più giorni prima, addirittura fino a 50 giorni prima come ha scritto sul FQ la virologa Gismondo (che lavora in laboratorio e queste cose le sa). Quindi il dato di Repubblica è un rapporto tra mele e pere. Il parametro epidemiologico più importante per la gestione della fase 2 è certamente Rt, ma una sua stima semiempirica può essere ottenuta in modo attendibile solo con un monitoraggio giornaliero serio, basato su dati correnti e omogenei, e su un tracciamento via app che purtroppo non è ancora partito (non è solo colpa del governo ma anche di problemi di compatibilità e protocolli fra i sistemi operativi Android e Ios, si spera finalmente risolti con le API rilasciate da Google e Apple). E andrebbe fatto anche un campionamento sierologico serio perché Rt (a differenza di Ro) è intimamente correlato alla frazione immune della popolazione. La gara è stata fatta, la Abbott ha messo a disposizione gratis 150.000 test di altissima qualità, ma non si capisce perché non sia ancora partito lo screening nazionale, ma solo test a macchia di leopardo eseguiti in ordine sparso da alcune regioni e con kit assai meno affidabili.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, pm610 ha scritto:

Questo  triangolo   ?

L'immagine può contenere: 3 persone, barba e testo

Se il grande Sergio Leone dovesse scegliere tra questi tre a chi affidare i ruoli del Buono, del Brutto e del Cattivo per il suo omonimo e celeberrimo film, penso che su due andrebbe a colpo sicuro. Salvini è indubbiamente il Cattivo (i disastri degli altri due derivano molto più da incapacità che da scelleratezza). Certo il mitico Lee van Cleef, che era un cattivo serio, si rivolterebbe nella tomba. Io lo colloco tra i tre grandi "cattivi" della storia del cinema, con lo Jack Nicholson di Shining e il monumentale John Malkovich nel ruolo dell'ispettore Javert ne I Miserabili. Nessunissimo dubbio nemmeno sul Brutto: Attilio Fontana è oggettivamente e terribilmente più brutto del compianto Eli Wallach. Senza offesa, a me quella faccia ricorda molto la testa di un rettile. E stento a credere che in tutta la Lombardia si possa trovare uno più brutto del governatore. Un grosso problema si pone invece nella scelta del Buono, cioè nella scelta del sostituto del grande Clint Eastwood (che domenica prossima compie 90 anni, splendidamente portati). Quello che è rimasto in lizza, Giulio Gallera, può essere razionalmente definito "buono" solo nel senso di "buono a nulla". Idem gli altri due.  E allora come si regolerebbe il povero Sergio Leone dovendo per forza arruolare Gallera? Ritengo che sarebbe costretto a modificare il titolo del film: Il Fesso, il Brutto e il Cattivo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si conferma che il virus della SCEMPIAGGINE ha un indice di riproduzione molto maggiore di 1. Dopo la monumentale (e pericolosa) pirlata di Gallera, il cantante Al Bano è andato a Domenica in e ha detto: 

"Abbiamo distrutto i dinosauri, distruggeremo anche il virus".

Roba da matti! Intanto non abbiamo ancora distrutto i dinosauri della canzone come Al Bano. Quanto ai dinosauri veri, si estinsero circa 65 milioni di anni fa, probabilmente in seguito al cataclisma provocato dall'impatto di un gigantesco meteorite. Homo sapiens apparve circa 200.000 anni fa, quindi non abbiamo mai convissuto con i dinosauri, e in ogni caso non avremmo avuto i mezzi per sterminarli, se non nell'ultimo scorcio della nostra storia. Semmai sarebbero stati i dinosauri carnivori a sterminare noi. Homo erectus, il più antico ominide della specie homo, risale a meno di 2 milioni di anni fa. Gli australopitechi, che in sostanza erano scimpanzé bipedi, risalgono a 4 milioni di anni fa. Il cantante Al Bano risale a 77 anni fa ma forse fa ancora in tempo a farsi una cultura di base se evita di andare in tv a dire baggianate. 

Ritornando a Gallera e alla Lombardia, nel bollettino di ieri la Regione ha dichiarato ZERO DECESSI. Sarebbe una notizia bellissima se fosse VERA. La Lombardia fin dall'inizio dell'epidemia ha registrato circa (o poco meno) gli stessi decessi di tutto il resto d'Italia. Ieri 50 morti nel resto d'Italia, zero in Lombardia. Sabato 56 morti in Lombardia, zero domenica. Statisticamente il dato è più che dubbio. Forse chi doveva acquisirlo e passarlo alla Protezione Civile si è preso una giornata di ferie. Per carità, nulla di drammatico, ma sarebbe stato doveroso dircelo. Il dato giornaliero dei morti è tragico ma non è affatto critico per la valutazione dell'andamento dell'epidemia. Se si guarda la curva dei decessi giornalieri negli USA (che entro 2 o 3 giorni superano i 100.000 morti), si nota un andamento oscillante, quasi sinusoidale, con minimi periodici in corrispondenza dei fine settimana e massimi a centro settimana. Ma la Mietitrice purtroppo lavora a tempo pieno anche la domenica. 

Mentre l'ex segretario reggente del Pd Maurizio Martina chiede le sacrosante dimissioni di Gallera, è davvero impietosa la Cattiveria di oggi sul FQ:

Gallera, assessore lombardo alla Sanità: 

"Per contagiarmi servono due infetti".

Uno lo tiene fermo e l'altro gli sputa in faccia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963