IL pesce puzza dalla testa

un destino già scritto..il ministro bonafede rimane al suo posto..e dire che i 5s avevano sfiduciato un altro ministro per un disastro ambientale..per un muretto caduto insomma..invece questo ministro ha fatto scarcerare più di 400 boss...il peggior ministro della giustizia della storia..ma ormai per il resto del suo incarico..ha il prestigio a pezzi e la credibilità dimezzata..sempre sotto ricatto  dato il favore fattogli dallo schieramento giallorosso e soprattutto dal PD che non lo può soffrire e da Renzi che sotto sotto lo avrebbe destituito...sfiduciato ..se non ci fosse in palio anche la sua poltrona ..ce ne faremo una ragione della presenza del ministro..in tutti questi anni di vita democratica ..gli italiani si sono abituati a turarsi il naso e andare avanti..nonostante ogni cosa..ogni avvenimento disgustoso..come questo salva poltrone

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Con la nostra disamina ...abbiamo parlato dell'acqua calda..e non abbiamo scoperto il vaso di Pandora.. i sotterfugi e gli scambi di favore sono all'ordine del giorno nella vita politica italiana..dopo tutto il parlamento è espressione della volontà del popolo...più chiaro di così..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, marzianobravo ha scritto:

un destino già scritto..il ministro bonafede rimane al suo posto..e dire che i 5s avevano sfiduciato un altro ministro per un disastro ambientale..per un muretto caduto insomma..invece questo ministro ha fatto scarcerare più di 400 boss...il peggior ministro della giustizia della storia..ma ormai per il resto del suo incarico..ha il prestigio a pezzi e la credibilità dimezzata..sempre sotto ricatto  dato il favore fattogli dallo schieramento giallorosso e soprattutto dal PD che non lo può soffrire e da Renzi che sotto sotto lo avrebbe destituito...sfiduciato ..se non ci fosse in palio anche la sua poltrona ..ce ne faremo una ragione della presenza del ministro..in tutti questi anni di vita democratica ..gli italiani si sono abituati a turarsi il naso e andare avanti..nonostante ogni cosa..ogni avvenimento disgustoso..come questo salva poltrone

vero    lo  dimostra  questo  articolo

https://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2020/01/28/news/latina-collusioni-mafia-lega-fratelli-d-italia-1.343248?ref=fbph&fbclid=IwAR1qpKmwGuofNfBO4wJKGMOVpbaUgTtPBMbvxQnaavV2o808BphznjrN6ro&ncid=fcbklnkithpmg00000001&fbclid=IwAR3vE2fb-ahoLlQDpli6WlalhJGrKEPHziCeT-WDceWHr5TOeQM9PztJhkE

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, marzianobravo ha scritto:

ogni avvenimento disgustoso..come questo salva poltrone

Lo sapevate, vero, che il vicedirettore dell'ospedale in fiera è la prima moglie, nonché madre della figlia, di Salvini?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, marzianobravo ha scritto:

un destino già scritto..il ministro bonafede rimane al suo posto..e dire che i 5s avevano sfiduciato un altro ministro per un disastro ambientale..per un muretto caduto insomma..invece questo ministro ha fatto scarcerare più di 400 boss...il peggior ministro della giustizia della storia..ma ormai per il resto del suo incarico..ha il prestigio a pezzi e la credibilità dimezzata..sempre sotto ricatto  dato il favore fattogli dallo schieramento giallorosso e soprattutto dal PD che non lo può soffrire e da Renzi che sotto sotto lo avrebbe destituito...sfiduciato ..se non ci fosse in palio anche la sua poltrona ..ce ne faremo una ragione della presenza del ministro..in tutti questi anni di vita democratica ..gli italiani si sono abituati a turarsi il naso e andare avanti..nonostante ogni cosa..ogni avvenimento disgustoso..come questo salva poltrone

Sei molto poco e molto male informato. I boss scarcerati non sono 400 ma solo 3 (leggasi TRE). E nessuno di loro è stato fatto scarcerare dal ministro Bonafede.

https://www.ilfoglio.it/il-bi-e-il-ba/2020/05/08/news/i-boss-scarcerati-dal-41bis-non-sono-376-sono-3-317076/

In Italia il potere di stabilire chi entra e chi esce dal carcere non appartiene ai ministri, nemmeno a quello della Giustizia, bensì ai magistrati (di sorveglianza). Le due mozioni di sfiducia contro il miglior ministro della Giustizia degli ultimi 30 anni sono state due barzellette. Una accusava Bonafede di essere troppo giustizialista, l'altra lo accusava esattamente del contrario. Ma la barzelletta più comica l'ha scritta chi ha votato per ambedue. Mentre chi ha organizzato questa invereconda sceneggiata (i due Matteo, la Meloni e la Bonino), per fare cadere o indebolire il governo in uno dei momenti più tragici e più difficili nella storia del Paese, si è dimostrato semplicemente e totalmente INDEGNO, non solo di appartenere alle istituzioni, ma al popolo italiano. 

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ammazza che razza di Cazzaro che sei !! Quindi sarebbero solo tre (leggasi 3) i boss scarcerati . Ahahahahaha , che stupido impostore !! Credi di essere furbo con gli storioni ma hai avuto la sfortuna di incontrarmi sul forum e sputtano tutte le bufale che tenti di far passare . Come questa !! Eheheheh , Cazzaro !! I 3 sono quelli che erano al 41 bis ,  ed 1 in Alta sicurezza 1. Gli altri non erano angioletti ed educande svizzere . Ora ti mando la lista con una precisazione. Quelli in neretto sono boss ( 50).  Ci siamo , Cazzaro ed Impostore ? Ed il “miglior ministro della Giustizia Fofo’ Bonafede , poteva , con un decreto uguale a quello che gli ha fatti rientrare , non farli uscire.                         Della lista si parla da giorni. Pochissimi i nomi finora noti. Livescilia pubblica l'elenco completo aggiornato al 25 aprile scorso. Dei 376 (una sessantina i siciliani)  in tre erano detenuti al 41 bis, uno in Alta Sicurezza 1, cioè un gradino più in basso rispetto al carcere duro, e ugualmente riservato ai criminali più pericolosi appena usciti dal regime più restrittivo, e 372 in Alta sicurezza 3. Quest'ultimo circuito è destinato al contenimento dei detenuti per delitti legati alle mafie o commessi con l'aggravante mafiosa, e per quelli che riguardano gli stupefacenti. La lista non comprende detenuti del circuito di Alta Sicurezza 2 riservato ai terroristi e a chi minaccia l'ordine dello Stato con la violenza.

La lista è stata trasmessa dal Dap alla Commissione parlamentare antimafia. Tocca alle forze dell'ordine garantire la vigilanza. I tre principali nomi dell'elenco sono: il camorrista Pasquale Zagaria, 60 anni, che al processo aveva confessato le sue responsabilità tanto che i giudici parlavano di “iniziale ravvedimento” (starà a casa cinque mesi perché il Dap non avrebbe indicato in tempo al tribunale di Sorveglianza una struttura sanitaria carceraria idonea ad accoglierlo e a curarlo dopo che è stato operato di tumore lo scorso dicembre), il palermitano Francesco Bonura, 78 anni, (affetto da tumore e scarcerato in base ad una legge precedente al decreto 'Cura Italia' del governo per diminuire la popolazione carceraria e contenere il rischio Coronavirus; gli restano da scontare sette mesi) e lo 'ndranghetista Vincenzo Iannazzo (65 anni, detto "il moretto", indicato come il capo del clan di Lamezia Terme, è stato condannato in appello a 14 anni 6 mesi).

Restando in Sicilia ci sono tre ergastolani in detenzione domiciliare: il carceriere del piccolo Di Matteo, Cataldo Franco; il padrino di San Michele di Ganzaria, Francesco La Rocca, fondatore della famiglia mafiosa di Caltagirone (vicino ai corleonesi e schierato con Bernardo Provenzano, La Rocca è citato anche in alcuni dei famosi pizzini trovati nel covo di Montagna dei cavalli); il killer ergastolano Antonino Sudato, mafioso siracusano del clan Nardo-Aparo che avrebbe partecipato alla guerra di mafia della sua zona negli anni dal '90 al '94.

Nell'elenco c'è anche Rosalia Di Trapani, moglie e madre dei boss palermitani Salvatore e Sandro Lo Piccolo. Anche nel suo caso il Coronavirus non c'entra: ha un tumore e le è stato concesso di uscire dal carcere per un mese per sottoporsi alla radioterapia. Non a Palermo, ma a Messina. Il suo caso conferma che nell'elenco ci sono detenuti per cui il rischio di contagio da Covid-19 potrebbe essere molto rischioso e detenuti che hanno bisogno di cure.

Ed ecco l'elenco dei 376 che Livesicilia pubblica in esclusiva: Alessandro Scalinci, Diego GuzzinoPlacido Toscano, Gianluca Livieri, Vincenzo Sassanelli, Giuseppe Sidella, Tommaso Cacucciolo, Ruggero Brancacci, Antonio Merola, Pasqualina Pastore, Giovannina Sgambato, Emanuele CannataRosario Moscato, Nicola Capriati, Gabriele Cacciamani, Jaght Singh, Abbas Ghulam, Jiaz Ahmed, Domenico Esposito, Giovanni Di Martino, Salvatore Mondo, Giuseppe Schettino, Ciro Russo, Marcello Moio, Mario Bisogno, Alfio Cristaldi, Domenico Rigireto, Mario Buonocore, Vito D'Angelo, Gennaro Gennarelli, Rosario Furnari, Pasquale Zagaria, Nicolino Gioffrè, Gaetano Giordano, Sergio Vito Esposito, Sebastiano Giorgi, Emanuele Sebastiani, Fabio Costantino, Antonino Pavone, Vincenzo Bagalà, Francesco Citalone, Antonino Creazzo, Cosimo Alvaro, Oreste Maresca, Vincenzo Nocerino, Bruno Modaffari, Domenico Longo, Roberto Illuminato, Agatino Foti, Francesco Ventrici, Pasquale Lombardo, Michele Surace, Carmine Alvaro, Antonino Bonforte, Francesco Rossi, Davide Divino, Luigi Leonardo Vitrò, Francesco Marcellino, Diego Forgione, Rosario Franceschi, Bruno Pellicanò, Antonio Lovreglio, Giuseppe Assenso, Emilio Pisano, Attilio Giorgi, Saverio Bitonti, Domenico Natale Perre, Giuseppe D'Alterio, Agostino Capone, Teodoro Lisitano, Marco Cosimo Passalacqua, Sergio Scicchitano, Francesco Vardè, Concetto Puglisi, Antonio Buono, Vito Rosario Quinci, Mario Di Bella, Ciro Cosentino, Angelo Ottomano, Massimo Rossi, Giuseppe Zona, Vincenzino Iannazzo, Raffaele Falco, Giosuè Fioretto, Alessio Mecca, Marcello Muto, Maurizio Cancello, Tommaso Tirozzi, Salvatore Trinchera, Vincenzo Morso, Luciano Esposito, Sergio Minucci, Pacifico Silenzio, Fabio Agostino, Dhori Bibo, Angelo Genovese, Luigi Spadafora, Marco Lenti, Paolo Pelaggi, Mariano La Torre, Pietro De Mare, Biagio Iazzetta, Luigi Spinelli, Fabio Lavarone, Candeloro Pio, Guglielmo Salvati, Giuseppe Ferrara, Michele Piccione, Antonino Sacco, Naadem Munir, Ignazio Fragalà, Abramo Saulino, Mario Napoli, Vincenzo Di Perna, Pompeo Napolitano, Domenico Nocerino, Pietro Di NapoliPietro Granà, Romolo Di Silvi, Angelo Gaudino, Antonello Redaelli, Agostino Monaco, Luigi Prinno, Antonio Di Nisio, Antonio Spinoccia, Ciro Quindici, Cosimo Lero, Antonino Costa, Francesco Bonura, Valerio Capogna, Gianfranco Faro, Giuseppe De Pace, Salvatore Cuturello, Daniele Bosco, Saimir Baku, Carlo Cuccia, Nicolae Smolevschi, Francesco Maiolo, Gianfilippo Di Natale, Antonio Patruno, Antonio Di Maro, Gaetano Rano, Giuseppe Sansone, Ferdinando Scremin, Cosimo Nicolì, Angelo Sansottera, Angelo PorcinoAntonio Farina, Giuseppe Nucera, Demetrio Serraino, Paolo Vitellaro, Santa Mallardo, Carmela Gionta, Mariarosa Di Dio, Marcello Ilario Portaro, Carlo Luciano Macrì, Giuseppe Capece, Luciano Di Cicco, Domenico Perre, Said Osman Gharid, Vincenzo Guida, Leonardo Priolo, Giuseppe Raffaele Brandi, Salvatore Scutiero, Antonio Francesco Paiano, Francesco La RoccaCataldo Franco, Saverio Catanzariti, Antonio De Luca, Giovanni Spina, Emiliano Regni, Luigi Delle Donne, Vito Scannicchio, Vincenzo Porpora, Armando Presta, Michele Lo Bianco, Salvatore Conte, Antonino Fotia, Giovanni Dascola, Giuseppe D'Agostino, Francesco Scopece, Salvatore Crimi, Ciro Petti, Salvatore Silvestri, Santo David, Giovanni Vicientin, Gennaro Izzo, Salvatore Sinicropi, Carlo Vitale, Domenico Pepe, Gerardo Pastore, Candido Savarese, Ferdinando Muollo, Nicola Carbone, Gian Claudio Vannicola, Pio Amita, Crescenzo Grimaldi, Luca Martino, Stefano Sartiano, Armando Riccio, Cataldo Prester, Marianna Abbagnara, Antonio Orani, Vincenzo Modugno, Giuseppe D'Andrea, Antonio Lentini, Antonio Iorio, Roberto De Crescenzo, Mario Abbatiello, Emanuele Casella, Antonio Ruggiero, Luigi Strazzulli, Michele Vano, Vincenzo Di Sarno, Giovanni Esposito, Carmelo Di Mauro, Iyobor Oni, Vincenzo Lucio, Vittorio Della Ragione, Gennaro Pinto, Francesco Rinaldi, Michele Gaudino, Giovanni Tufano, Vincenzo De Luca, Pasquale Cristiano, Salvatore Carullo, Giosuè Belgiorno, Vincenzo Bellezza, Roberto Acampora Salvatore Salvati, Alfonso Cesarano, Vincenzo Lauro, Giovanni Pezzella, Raffaele Scarpa, Salvatore Ciotola, Enrico La Vecchia, Renato Licastro, Nicolas Izzo, Domenico Antonio Moio, Mauro Sorrentino, Antonio Diana, Carmelo Motta, Pasquale Mandato, Luca Spagnolo, Michele Loffredo, Armando Savorra, Vincenzo Pellegrino, Nicola Antonio La Selva, Enrico Muzzolini, Antonio Vitiello, Giuseppe Imparato, Antimo Rolando Vasapollo, Salvatore Fido, Domenico Camillo, Giuseppe Di Marca,Giacomo Di DioAntonio Di Dio, Giacomo Gerbino, Gennaro Pelella, Santo Porpora, Margherita Spada, Gaetano Mauro, Rosa Zagari, Pietro Giuseppe Lucifora, Francesco Sansone, Antonietta Di Marco, Antonino RapisardaAntonino BullaRosalia Di Trapani, Alfonso Rispoli, Antonio Nespoli, Antonio Spinelli, Antonio Cambria Scimone, Andrea Venturino, Andrea Abdoush, Fabrizio Garofalo, Gino BontempoMassimiliano MunafòGaetano Lo Coco, Libero Caputo, Tommaso Danese, Antonio Bevilacqua, Antonio Lo Bianco, Massimo Di Maria, Francesco Pollara, Stefano ContinoGiuseppe LibreriGiacomo TeresiMaurizio CrinòAntonino di Dio, Attilio Di Stefano, Marco Langi, Michele Tringale, Orazio Patanè, Alfio Napoli, Roberto NicolosiNunzio Antonino GrassoSalvatore Laudani, Gergj Preci, Carmelo MazzùVito Vincenzo GalloCarmelo Vito Foti, Francesco Doddo, Rosario Calabretta, Luigi Belardo, Giuseppe Menna, Salvatore Puliafito, Rocco Calabrò, Vincenzo Mulè, Gioacchino Chitè, Domenico Di Dio, Giovanni Saluci, Roberto Romeo, Giuseppe Trischitta, Zafer Yildz, Salvatore Fiore, Davide Carpano, Pietro Pellicanò, Nazzareno Franzè, Paolo Zuppardo, Mauro Masciavè, Francesco Mammoliti, Nicola Imbriani, Raffaele Campanile, Pietro Loffredo, Luca Antonio Sebastiano, Antonio Dattolo, Giuseppe Piscopo, Francesco Di Martino, Giuseppe junior Capozio, Antonio Spagnolo, Danilo Coglitore, Alfonso Scoppetta, Eduardo Architravo, Domenico Casillo, Giuseppe Romano, Roberto Martorana, Luciano Cardone, Marco Desogus, Francesco Inguanta, Federico Fantilli, Marco Sutera, Nico Coglitore, Giovanni Donzelli, Romeo Rea, Emilio Cotugno, Antonino Sudato, Modestino Cirella, Aniello Pignataro, Salvatore Perrella, Nicola Verolla, Salvatore Desiderio, Pietro Nacchia, Francesco Barivelo, Rosario Quinci, Maurizio Lucà, Antonio Romeo, Vincenzo Cataldo, Umberto Ambrosio, Antonio Esposito, Bruno Raschillà, Ionel Pavel, Adolfo Greco, Rocco Santo Filippone, Rocco Morabito, Antonino Raso, Luigi Iaboni, Camillo Bartolomeo Testa, Antonio Saponaro, Beniamino Pagano, Luigi Silvestro, Pasquale Naso, Rocco Asciutto, Gabriele Lo Bianco, Antonio Iannaco.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fosforo 31 Non sa che il Dap agisce in questioni di emergenza come la pandemia per tutelare la salute dei cittadini..in questo caso carcerati..ma Bonafede doveva anticipare queste misure di scarcerazione perché non si tratta di gente comune.ma personaggi alquanto loschi..il ministro è stato inopportuno e tardivo nelle sue scelte..ormai i buoi erano scappati..e il pericolo è ritrovarsi faccia a faccia con un malvivente..nella normale vita quotidiana di ognuno 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il torsolo di cazzaro pisano è un fenomeno, non solo è un dirigente FCA e sa tutti i suoi segreti, ma addirittura è un infiltrato nella mafia carcerata, tanto da conoscere nome per nome tutti i carcerati che ad essa appartengono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963