FCA: liberisti con il kulo degli altri

Un plauso a Carlo Calenda e ad Andrea Orlando per la loro ben motivata posizione contro il mega prestito a garanzia statale a FCA (ex Fiat). Mentre il bulletto stanco di Rignano, quello che litigò di brutto, da sindaco, con Marchionne, per poi fare kulo e camicia col medesimo da premier, sta ovviamente con il potere forte di turno.  Hanno cambiato sede legale e sede fiscale gli eredi esterofili degli Agnelli, ma non hanno perso il vizietto di nonni, genitori e zii: chiedere favori, grossi favori, allo Stato italiano. Hanno ereditato anche la povertà di idee e di coraggio imprenditoriale, la faccia di bronzo e l'ingordigia. Infatti chiedono miliardi in prestito a rischio zero (per loro) e nel contempo vogliono dividersi dividendi miliardari. Ingordi che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca. Bamboccioni viziati. Liberisti con il kulo degli altri, come dice Calenda (non certo un bolscevico) in questa sua magnifica, impeccabile analisi:

https://infosannio.com/2020/05/18/calenda-fca-usa-i-soldi-degli-italiani-per-pagare-dividendi-liberisti-con-il-***-degli-altri/

Modificato da fosforo311
4 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

strano vero? Per una volta sono d'accordo. Una famiglia di parassiti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Un plauso a Carlo Calenda e ad Andrea Orlando per la loro ben motivata posizione contro il mega prestito a garanzia statale a FCA (ex Fiat). Mentre il bulletto stanco di Rignano, quello che litigò di brutto, da sindaco, con Marchionne, per poi fare kulo e camicia col medesimo da premier, sta ovviamente con il potere forte di turno.  Hanno cambiato sede legale e sede fiscale gli eredi esterofili degli Agnelli, ma non hanno perso il vizietto di nonni, genitori e zii: chiedere favori, grossi favori, allo Stato italiano. Hanno ereditato anche la povertà di idee e di coraggio imprenditoriale, la faccia di bronzo e l'ingordigia. Infatti chiedono miliardi in prestito a rischio zero (per loro) e nel contempo vogliono dividersi dividendi miliardari. Ingordi che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca. Bamboccioni viziati. Liberisti con il kulo degli altri, come dice Calenda (non certo un bolscevico) in questa sua magnifica, impeccabile analisi:

https://infosannio.com/2020/05/18/calenda-fca-usa-i-soldi-degli-italiani-per-pagare-dividendi-liberisti-con-il-***-degli-altri/

Ah siiiii ?? Ahahahaha !! Dai su Cazzaro , spiega un po’ dove si annida il  trucchetto del prestito con garanzia che FCA chiede allo Stato. Dai su , facci ridere di prima mattina . Di solito gli ebe ti fanno così !! Iniziano presto e terminano tardi . Bamboccioni viziati ?? Liberisti con il Kulo degli altri ?? Dai su Ebe te vedi se riesci , però , di passare dalle elencazioni delle offese strutturali da mediocre , alla fase di spiegazioni . Insomma , saranno pure bamboccioni capitalisti , ma devi spiegarne i motivi e dimostrarlo . In caso contrario sei il solito Cazzaro obeso .  Nel contempo ti “indigni” per un prestito che la più grande azienda italiana , conformemente alle regole dettate dallo Stato Italiano contempla , ma non dici una parola circa il governicchio di Giuseppi che “regala “ ( non presta ...regala ) soldi pubblici ad Alitalia che e’ diventato , nel tempo , un carrozzone secondo solo alla Cassa del Mezzogiorno . Detto , infine , che Giuseppi , invece , e’ ovviamente e quasi sorprendentemente d’accordo sul prestito che B Intesa andrà ad elargire a FCA con garanzia al 70% della Sace , andiamo ad impartire una sonora lezione al Cazzaro Partenopeo : FCA ha fatto richiesta del prestito di 6,3 sulla base del DL Liquidità numero 23/2020.  Lo ha fatto ad una banca e non allo Stato . Sei connesso idio ta ??  Il Decreto Liquidità (DL 23/2020) non fornisce finanziamenti pubblici (come sanno molto bene tutti i suoi critici, che centinaia di volte l’hanno criticato proprio per questo motivo, ed e’ per questo che il Cazzaro lo ignora ) , ma solo garanzie. Vuol dire che FCA , come ogni altra azienda che rispetti i requisiti ,  non riceve finanziamenti dallo Stato (cioè pubblici), bensì prestiti dal settore bancario (cioè privati).   FCA Italia ha richiesto questa garanzia (che, se accettata, verrà data al 70%) per un prestito triennale che chiedera’ a Intesa San Paolo al fine di poter continuare a supportare la regolarità dei pagamenti alla filiera italiana dei fornitori dell’automotive, nel delicatissimo momento della riapertura degli stabilimenti. Stiamo parlando di circa 10.000 piccole e medie imprese .  FCA Italia ( in Italia) , impiega circa 60.000  dipendenti in 16 stabilimenti produttivi oltre ai quasi 30 poli dedicati alla Ricerca e Sviluppo,  che portano , compreso l’indotto , a circa 300.000 posti di lavoro. Proseguendo ricordo al Pulcinella partenopeo che  FCA Italia ha la sede in Italia, dove paga miliardi di tasse . Perché se così non fosse , non avrebbe potuto chiedere la garanzia statale sui prestiti, proprio perché e’ lo stesso DL Liquidità specificarlo .  Possono farlo solo e soltanto le aziende con sede in Italia. E se invece di lanciare curregge e rutti a profusione , il Cazzaro Napoletano ne avesse letto qualche paginetta , avrebbe visto che questa norma e’ specificata nella prima riga all’articolo 1.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Proseguendo ricordo al Pulcinella partenopeo che  FCA Italia ha la sede in Italia, dove paga miliardi di tasse .

_______&_&______&

Miliardi? Quanti miliardi di tasse, torsolo di cazzaro pisano?

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il problema , Sanchino , e’ che e’ vero ed e’ reale che ti definisco , spessissimo , un ebe te . Mica posso negarlo !! Però lo e te lo motivo il perché mi lascio andare a questa confidenza . E lo faccio sempre perché ritengo giusto che i meno fortunati , possano , almeno , sperare in un riscatto . Te , invece , Sanchino, giochi di rimessa, restituituisci qualche offesuccia gratuita ma , ragionamenti e motivazioni manco una . Ma ti giustifico anche per questo . Non puoi ed allora che ci vuoi fare se non la parte del forumista molto ma molto meno di men che mediocre che ogni 100 volte che interviene su post altrui riesce solo a partorirne uno (1) suo. Diciamo che spadroneggi da par tuo nei “battibecchi “ con Direttoretto . Quello sì , sei in gamba vistE  le difficolta che il Kompagno pone . Riguardo alla tua domanda fatti un giro sul web . E molto probabile che tu trovi qualcosa circa una cifra di 1,6 Pagati più 730 da pagare come da condanna Tribunale . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Miliardi? Quanti miliardi di tasse, torsolo di cazzaro pisano?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non puoi ed allora che ci vuoi fare se non la parte del forumista molto ma molto meno di men che mediocre che ogni 100 volte che interviene su post altrui riesce solo a partorirne uno (1) suo.

___'''______&'''''''''__''''''''''

Lei invece sembra Superman, copiando i pensieri altrui e spacciandoli per propri, torsolo ladro e bugiardo di cazzaro pisano.

Desidera che lo dimostri ancora?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Carlo Calenda è stato chiarissimo (eccetto che per un tappetaro a digiuno di economia cui ha provato a spiegare le cose sui social), ma qui trovate un po' di dati precisi e interessanti:

https://valori.it/fca-dividendi/

Il gruppo FCA dichiara di avere a disposizione al 31/3/2020 la bellezza di oltre 18,5 miliardi di liquidità (12,3 miliardi cash + linee di credito inutilizzate). Ma, stante la ben nota ingordigia dei suoi azionisti e la loro altrettanto nota facciadaculo, l'anglolandese FCA non si vergogna di chiedere, in questo tragico momento, una garanzia allo Stato italiano su un prestito bancario da 6,3 miliardi, che gli servono per pagare i debiti con i fornitori. Mentre la liquidità di cassa non va toccata perché gli azionisti sono in attesa di ulteriori faraonici dividendi in seguito alla fusione con Peugeot (in teoria alla pari, in pratica è quest'ultima che si è comprata FCA) dopo quelli distribuiti negli ultimi anni (per es. dopo la sciagurata cessione all'estero di Magneti Marelli, fiore all'occhiello della nostra componentistica elettronica). FCA poteva tenersi i soldi in cassa rivolgendosi direttamente alle banche o emettendo un bond, ma in questo momento il suo rating è pessimo, addirittura al limite del "livello spazzatura" secondo l'agenzia Fitch, quindi le vantaggiose condizioni legate alla garanzia pubblica non le avrebbe viste neanche col binocolo. Ma lo Stato italiano si accolla i RISCHI, e qui c'è da fare un discorso politico molto serio. Chi ci assicura, a noi contribuenti, che il gruppo FCA non fallisca prima di ripagare il prestito? Nessuno. Stiamo entrando in una crisi economica senza precedenti e il settore auto è tra i più colpiti. Nessuno al momento può dire quando finirà la pandemia, e nessuna banca privata al mondo oggi presterebbe un dollaro senza garanzia pubblica a una casa automobilistica senza pensarci tre volte (eccetto che a Tesla, che produce solo auto elettriche e le vende tutte on line con consegna a domicilio). 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 19/5/2020 in 02:21 , fosforo311 ha scritto:

Un plauso a Carlo Calenda e ad Andrea Orlando per la loro ben motivata posizione contro il mega prestito a garanzia statale a FCA (ex Fiat). Mentre il bulletto stanco di Rignano, quello che litigò di brutto, da sindaco, con Marchionne, per poi fare kulo e camicia col medesimo da premier, sta ovviamente con il potere forte di turno.  Hanno cambiato sede legale e sede fiscale gli eredi esterofili degli Agnelli, ma non hanno perso il vizietto di nonni, genitori e zii: chiedere favori, grossi favori, allo Stato italiano. Hanno ereditato anche la povertà di idee e di coraggio imprenditoriale, la faccia di bronzo e l'ingordigia. Infatti chiedono miliardi in prestito a rischio zero (per loro) e nel contempo vogliono dividersi dividendi miliardari. Ingordi che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca. Bamboccioni viziati. Liberisti con il kulo degli altri, come dice Calenda (non certo un bolscevico) in questa sua magnifica, impeccabile analisi:

https://infosannio.com/2020/05/18/calenda-fca-usa-i-soldi-degli-italiani-per-pagare-dividendi-liberisti-con-il-***-degli-altri/

Appunto liberisti, capitalisti, europeisti,  con il fondoschiena ed i soldi degli Italiani

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Carlo Calenda è stato chiarissimo (eccetto che per un tappetaro a digiuno di economia cui ha provato a spiegare le cose sui social), ma qui trovate un po' di dati precisi e interessanti:

https://valori.it/fca-dividendi/

Il gruppo FCA dichiara di avere a disposizione al 31/3/2020 la bellezza di oltre 18,5 miliardi di liquidità (12,3 miliardi cash + linee di credito inutilizzate). Ma, stante la ben nota ingordigia dei suoi azionisti e la loro altrettanto nota facciadaculo, l'anglolandese FCA non si vergogna di chiedere, in questo tragico momento, una garanzia allo Stato italiano su un prestito bancario da 6,3 miliardi, che gli servono per pagare i debiti con i fornitori. Mentre la liquidità di cassa non va toccata perché gli azionisti sono in attesa di ulteriori faraonici dividendi in seguito alla fusione con Peugeot (in teoria alla pari, in pratica è quest'ultima che si è comprata FCA) dopo quelli distribuiti negli ultimi anni (per es. dopo la sciagurata cessione all'estero di Magneti Marelli, fiore all'occhiello della nostra componentistica elettronica). FCA poteva tenersi i soldi in cassa rivolgendosi direttamente alle banche o emettendo un bond, ma in questo momento il suo rating è pessimo, addirittura al limite del "livello spazzatura" secondo l'agenzia Fitch, quindi le vantaggiose condizioni legate alla garanzia pubblica non le avrebbe viste neanche col binocolo. Ma lo Stato italiano si accolla i RISCHI, e qui c'è da fare un discorso politico molto serio. Chi ci assicura, a noi contribuenti, che il gruppo FCA non fallisca prima di ripagare il prestito? Nessuno. Stiamo entrando in una crisi economica senza precedenti e il settore auto è tra i più colpiti. Nessuno al momento può dire quando finirà la pandemia, e nessuna banca privata al mondo oggi presterebbe un dollaro senza garanzia pubblica a una casa automobilistica senza pensarci tre volte (eccetto che a Tesla, che produce solo auto elettriche e le vende tutte on line con consegna a domicilio). 

Ahahahahaha , senti senti il Cazzaro napoletano !! Ora , pur di avallare una cervellotica tesi , si avvale pure dei servigi di Carlo Calenda . Mi deve scusare Cazzaro , ma quel Calenda e’ lo stesso di cui lei diceva essere un uomo Fiat approdato a fare il ministro non si sa bene come ?? E’ lo stesso Calenda di cui lei diceva di essere un uomo dei poteri forti ?? E’ lo stesso Calenda di cui lei diceva che durante il suo mandato ministeriale favoriva le multinazionali ed i *** legati alle escavazioni petrolifere ?? E’ lo stesso Calenda di cui lei diceva che preferiva i capitalisti di Arcelor e se ne infischiava della salute dei Tarantini ? E’ lo stesso Calenda di cui lei diceva che non legava nemmeno le scarpe a Giggino O’Fischer che ne prese il posto come ministro al Mise ? Lo chiedo perché non vorrei ci fosse stato un caso di omonimia e non me ne fossi accorto . Invece ho la certezza che sei il solito vergognoso Cazzaro . Una sciagura per chi ti sta vicino , un disonesto che parla nel modo peggiore delle persone quando non sono funzionali alle tue cervellotiche teorie ma , subito dopo , tesserne sperticati elogi quando invece le approvano . Niente di nuovo sotto il sole . Solito idio ta e solito Panzanaro . Lascia stare Fca tanto non sei all’altezza . Te avresti dovuto chiedere e chiederti se 1) può chiedere Fca Italy un finanziamento ad una banca? 2) c’è una legge del nostro ordinamento che lo impedisce ? . Dopodiché lascia di nuovo perdere e, dopo aver commentato il giudizio postivo di Giuseppi circa l’accoglimento della domanda del prestito da parte di Banca Intesa , se proprio ti vuoi indignare , fallo per i 3 miliardi , quelli si regalati dallo Stato Italiano, al carrozzone Alitalia .  Non lo farai !! Perché gli idio ti come te , bla bla bla ed ancora bla bla e stop . Concludo : Fca i dividendi li paga dove , come e quando pare a lui , chiaro ebe te !! Sarebbe come se te pretenderesti di venirmi a mangiare 4 etti di pasta a casa mia magari accompagnata da una una bottiglia di Chianti . Se tu solo ci provassi con una legnata nel muso ti rimandarei ai piedi del Vesuvio . Fca ha tutto il diritto A) Di chiedere il prestito ad una banca B) di chiedere che la Sace garantisca il 70% del prestito stesso C) che gli venga concesso perché le garanzie circa i piani industriali , le commesse , il mantenimento delle fabbriche ed i relativi posti di lavoro sono ben relazionati ,  evidenziati e specificati nella domanda stessa pena il non accoglimento della domanda stessa . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 19/5/2020 in 12:36 , ahaha.ha ha scritto:

Proseguendo ricordo al Pulcinella partenopeo che  FCA Italia ha la sede in Italia, dove paga miliardi di tasse .

_______&_&______&

Miliardi? Quanti miliardi di tasse, torsolo di cazzaro pisano?

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Te l’ho già detto ieri , idio ta . Basta che tu vada a ricercarti il post .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Miliardi? Quanti miliardi di tasse, torsolo di cazzaro pisano?

In 1 o 10 anni o addirittura 20. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963