Mi rendo conto di essermi fatto idee sbagliate.

Chissà perché, vedendo panfili parcheggiati e automobili costosissime spesso in garage perché poco usate, avendo notizie di persone con l'aereo privato, mi ero convinto che ci fossero in giro tantissime persone facoltose.

E mi dicevo. Certo che però quei pochi soldi che sono riuscito a conservare negli anni sono ben poca cosa se messi a raffronto con tanta ostentazione di ricchezza e benessere. Anche perché,  nella quasi generalità dei casi, tutto quel ben di Dio era spesso riconducibile a una determinata cerchia di persone. Fra cui, non nascondiamocelo, c'erano quelli con la fabbrichetta, quello col ristorante sempre al completo, dove riuscivi a trovare posto giusto perché trovavi una persona amica che ti voleva bene. Altrimenti dovevi fare notte.

E invece cosa devo constatare ora? Devo constatare che io, con quei pochi spiccioli, sono diventato all'improvviso tra quelli più ricchi e benestanti di tutta la Nazione.

E già, è proprio così perché, in fondo io, bene o male, almeno per un periodo limitato, sono riuscito a sopravvivere. Invece gli altri, quelli che mi hanno sempre guardato dall'alto in basso, in realtà....SONO TUTTI MORTI DI FAME, nessuno di loro ha più una lira né un conto corrente in banca o alla posta e neppure un bancomat e una carta di credito. Che strano, non lo avrei mai detto.

Mi è capitato di sentire in Tv il Capitano ed è stato bravissimo a elencare le categorie lavorative "che sono state dimenticate da questi cattivissimi al governo".

Ha ragione il Capitano, se andiamo a indagare un po', in effetti alcuni sono stati trascurati. Però viene spontaneo pensare che, magari perché in presenza di fondi limitati, accontentando quelli, ci sarebbero comunque altri che chiedono. E chiedono, chiedono, chiedono.

Pertanto, siccome pare che tutti siano ormai alla canna del gas e che nessuno avesse mai messo da parte un centesimo in vita sua forse, probabilmente impegnandoci un po', riusciremmo a trovare anche noi qualcuno che chiede. E chiede. E chiede. E chiede.

È uno che fa la sua bella figura il Capitano quando dice che bisogna dare, dare, dare a tutti e in maniera copiosa. E anche quando dice che non bisogna far pagare tasse perché sono ingiuste e sono anche una bella scocciatura.

Però, visto che, nonostante tutto è previsto un piccolo esborso di circa 55 miliardi, (a occhio e croce pari a due finanziarie pesanti ) e che, secondo le richieste del "Capitano Esentasse" (per carità, condivisibili, ci mancherebbe...) ne servirebbero almeno 550, viene spontaneo chiedersi: DA DOVE PRENDERLI SIGNOR CAPITANO?

PS e NB: Però di una cosa posso, a questo punto, ritenermi felice e soddisfatto. Non sapevo di essere diventato all'improvviso ricco. 

E, a questo punto, se permettete, mi sento anche altrettanto contento e oltremodo orgoglioso di poter d'ora in poi guardare io dall'alto in basso tutte quelle persone, compresi quelli che facevano gli spiritosi portando perfino il domicilio fiscale all'Estero (per mania di grandezza ovviamente) e che ora non riescono neanche più a mettere assieme il pranzo e la cena e che, fra poco, dovranno andare a mangiare alla Caritas. Da oggi a me Agnelli, Ferrero, Papy mi fanno un baffo perché, in realtà altro non sono, al mio cospetto, che dei mistificatori e dei poveracci.

Anche perché allora non era vero niente mentre in realtà erano degli spendaccioni e semplicemnte facevano finta.

Però poi ci ripenso un po' e mi chiedo... possibile che nessuno, ma proprio nessuno di loro, sia riuscito a mettere da parte parte qualche spicciolo per la bisognabe non facciamo altro che gridare al lupo al lupo? (ma proprio nessuno nessuno?).

Sono convinto che i problemi ci sono, per carità, però se dico che in questo periodo mi sono rivalutato molto, secondo voi, mi sto sbagliando e mi sto montando la testa?

 

3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

19 messaggi in questa discussione

4 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

mi sto sbagliando e mi sto montando la testa?

Non è che ti stai sbagliano, stai semplicemente facendo confusione, confondi quelli che hanno il panfilo a Montecarlo con il piccolo negoziante che quando le cose vanno bene riesce a malapena a mettere assieme il pranzo con la cena oppure il piccolo avvocato che fra le cause che perde, quelle che non riscuote, quando ha pagato l'affitto dello studio , il telefono e la corrente elettrica riesce se ha fortuna a portare  casa a fine mese uni stipendio non superiore a quello di un metalmeccanico.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, etrusco1900 ha scritto:

Non è che ti stai sbagliano, stai semplicemente facendo confusione, confondi quelli che hanno il panfilo a Montecarlo con il piccolo negoziante che quando le cose vanno bene riesce a malapena a mettere assieme il pranzo con la cena oppure il piccolo avvocato che fra le cause che perde, quelle che non riscuote, quando ha pagato l'affitto dello studio , il telefono e la corrente elettrica riesce se ha fortuna a portare  casa a fine mese uni stipendio non superiore a quello di un metalmeccanico.

Ma io su quelli sono f'accordo.

Però sono meno d'accordo che "la cosa riguardi tutti". Ma proprio tutti tutti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono pienamente d'accordo con Divino e in parziale disaccordo con Etrusco. Siamo un popolo di vittimisti, atavicamente educati a piangere miseria. Lo abbiamo imparato nei secoli di dominazioni straniere, per sottrarci al balzello dell'oppressore che portava i nostri soldi in Francia, Spagna o Austria. Ma oggi che lo Stato italiano siamo noi, siamo noi a portare il gruzzolo all'estero, o a nasconderlo sotto il materasso. Ed è un circolo vizioso perché quasi sempre ai vertici dello Stato ci sono furbi o populisti che hanno interesse a fare gli interessi dei furbi, e non varano le leggi severe e necessarie. In rari casi un avvocato guadagna quanto un metalmeccanico, ma è ancora più raro che il patrimonio personale e familiare di un avvocato sia pari a quello di un operaio e della sua famiglia. Quindi lo Stato avrebbe a mio avviso dovuto controllare l'ISEE familiare prima di versare 600 e poi 800 euro di sussidio ad avvocati, notai, commercialisti etc. Ma poi Etrusco dovrebbe cortesemente spiegarmi perché un avvocato dovrebbe guadagnare più di un operaio. Mi dirà: l'avvocato ha studiato, ha sacrificato i suoi anni migliori in 5 anni di università. Già, ma aveva quasi sempre alle spalle una famiglia benestante che gli dava da mangiare e che gli pagava gli studi. Mentre l'operaio quei 5 anni di gioventù probabilmente li ha sacrificati nel lavoro, per aiutare lui la sua famiglia. Tutto questo per non parlare dei redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti, e di tutto il NERO che fanno e che, almeno qui al Sud, è un segreto di Pulcinella. Invece voglio dedicare due righe a quegli sfortunati che vivono nella terra di nessuno. Parlo dei disoccupati cui è scaduta la cassa integrazione, degli inoccupati e dei lavoratori saltuari o precari che non hanno diritto al reddito di cittadinanza, magari perché hanno 10.000 euro in banca vincolati su un deposito a 10 anni, o perché hanno un familiare che lavora e che porta l'ISEE appena sopra il limite, oppure perché i genitori gli hanno lasciato un monolocale che gli rende 200 euro al mese. Queste persone vivono molto vicine al limite della povertà ma non hanno reddito, se non spiccioli, non hanno sussidi, non hanno bonus Renzi, non hanno niente dallo Stato, con o senza pandemia. Eppure su tutto quello che comprano pagano l'IVA come tutti gli altri cittadini. Dopo l'introduzione del reddito di cittadinanza sono probabilmente questi gli italiani più sofferenti. Ma sono come fantasmi, non hanno voce. Sono alcuni milioni, concentrati soprattutto al Sud, ma ce ne sono molti anche al Nord e se la passano peggio perché la vita è più cara. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è per fare il polemico però, non so se sono "poco uscito" o "poco informato", ma di Avvocati che non vengono pagati perché perdono le cause io ne conosco e ne ho conosciuti pochi.

Se mi si dice che un Professionista corre i suoi rischi e qualche volta ha delle f@regature, posso essere d'accordo, ma sul fatto che l'Avvocato venga pagato solo se vince una causa, non mi risulta proprio.

Non foss'altro perché la Costituzione prevede che ciascun cittadino ha diritto ad avere un difensore ( scelto da lui o d'ufficio) anche quando è reo confesso.

Se fosse valido quel principio, quale sarebbe l'avvocato che prenderebbe in carico casi;di;quel tipo, sapendo già in partenza che perderebbe quasi certamente?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, ildi_vino ha scritto:

Chissà perché, vedendo panfili parcheggiati e automobili costosissime spesso in garage perché poco usate, avendo notizie di persone con l'aereo privato, mi ero convinto che ci fossero in giro tantissime persone facoltose.

E mi dicevo. Certo che però quei pochi soldi che sono riuscito a conservare negli anni sono ben poca cosa se messi a raffronto con tanta ostentazione di ricchezza e benessere. Anche perché,  nella quasi generalità dei casi, tutto quel ben di Dio era spesso riconducibile a una determinata cerchia di persone. Fra cui, non nascondiamocelo, c'erano quelli con la fabbrichetta, quello col ristorante sempre al completo, dove riuscivi a trovare posto giusto perché trovavi una persona amica che ti voleva bene. Altrimenti dovevi fare notte.

E invece cosa devo constatare ora? Devo constatare che io, con quei pochi spiccioli, sono diventato all'improvviso tra quelli più ricchi e benestanti di tutta la Nazione.

E già, è proprio così perché, in fondo io, bene o male, almeno per un periodo limitato, sono riuscito a sopravvivere. Invece gli altri, quelli che mi hanno sempre guardato dall'alto in basso, in realtà....SONO TUTTI MORTI DI FAME, nessuno di loro ha più una lira né un conto corrente in banca o alla posta e neppure un bancomat e una carta di credito. Che strano, non lo avrei mai detto.

Mi è capitato di sentire in Tv il Capitano ed è stato bravissimo a elencare le categorie lavorative "che sono state dimenticate da questi cattivissimi al governo".

Ha ragione il Capitano, se andiamo a indagare un po', in effetti alcuni sono stati trascurati. Però viene spontaneo pensare che, magari perché in presenza di fondi limitati, accontentando quelli, ci sarebbero comunque altri che chiedono. E chiedono, chiedono, chiedono.

Pertanto, siccome pare che tutti siano ormai alla canna del gas e che nessuno avesse mai messo da parte un centesimo in vita sua forse, probabilmente impegnandoci un po', riusciremmo a trovare anche noi qualcuno che chiede. E chiede. E chiede. E chiede.

È uno che fa la sua bella figura il Capitano quando dice che bisogna dare, dare, dare a tutti e in maniera copiosa. E anche quando dice che non bisogna far pagare tasse perché sono ingiuste e sono anche una bella scocciatura.

Però, visto che, nonostante tutto è previsto un piccolo esborso di circa 55 miliardi, (a occhio e croce pari a due finanziarie pesanti ) e che, secondo le richieste del "Capitano Esentasse" (per carità, condivisibili, ci mancherebbe...) ne servirebbero almeno 550, viene spontaneo chiedersi: DA DOVE PRENDERLI SIGNOR CAPITANO?

PS e NB: Però di una cosa posso, a questo punto, ritenermi felice e soddisfatto. Non sapevo di essere diventato all'improvviso ricco. 

E, a questo punto, se permettete, mi sento anche altrettanto contento e oltremodo orgoglioso di poter d'ora in poi guardare io dall'alto in basso tutte quelle persone, compresi quelli che facevano gli spiritosi portando perfino il domicilio fiscale all'Estero (per mania di grandezza ovviamente) e che ora non riescono neanche più a mettere assieme il pranzo e la cena e che, fra poco, dovranno andare a mangiare alla Caritas. Da oggi a me Agnelli, Ferrero, Papy mi fanno un baffo perché, in realtà altro non sono, al mio cospetto, che dei mistificatori e dei poveracci.

Anche perché allora non era vero niente mentre in realtà erano degli spendaccioni e semplicemnte facevano finta.

Però poi ci ripenso un po' e mi chiedo... possibile che nessuno, ma proprio nessuno di loro, sia riuscito a mettere da parte parte qualche spicciolo per la bisognabe non facciamo altro che gridare al lupo al lupo? (ma proprio nessuno nessuno?).

Sono convinto che i problemi ci sono, per carità, però se dico che in questo periodo mi sono rivalutato molto, secondo voi, mi sto sbagliando e mi sto montando la testa?

 

Sai  che  io  penso  che  molti  si  siano  fatti   anche  molto  più  ricchi , ma  non  sei  tu,   ritornando  indietro alla  crisi  più  recente   i  dati   dicevano  che  i ricchi  avevano  aumentato il loro  plafond  a  scapito  pensa  un  pò  dei  meno abbienti  e   credo  che    è  o sarà  così   anche   con  questa  crisi .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Non è che ti stai sbagliano, stai semplicemente facendo confusione, confondi quelli che hanno il panfilo a Montecarlo con il piccolo negoziante che quando le cose vanno bene riesce a malapena a mettere assieme il pranzo con la cena oppure il piccolo avvocato che fra le cause che perde, quelle che non riscuote, quando ha pagato l'affitto dello studio , il telefono e la corrente elettrica riesce se ha fortuna a portare  casa a fine mese uni stipendio non superiore a quello di un metalmeccanico.

Nulla vietava al piccolo azzeccagarbugli o al pizzicagnolo di fare gli operai edili o i braccianti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

leggo tanti ragionamenti confusi, parziali ma,nessuno si lamenta dell'imbecillità e dell'incompetenza di chi ci governa e dovrebbe essere lì per cercare di risolvere i problemi del Paese invece di crearne di nuovi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Nulla vietava al piccolo azzeccagarbugli o al pizzicagnolo di fare gli operai edili o i braccianti.

magari  andare  a  fare  la  pacchia  in  quel  di  Rosarno con  vitto  alloggio gratis 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salvi non può fare ragionamenti complicati come questo, a lui basta poter attingere ai voti, e molte persone annuiscono arrabbiate a quello che dice, semplicemente perchè sono come lui....il suo partito era nato per salvare l'Italia dai corrotti, ed il suo leader fù condannato per finanziamento illecito, salvi elogia i "poveretti" che come lui i soldi magari li hanno portati in Svizzera, e qui sono dimenticati dal Gov....a proposito anche salvi è inquisito per ammanco di soldi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, fosforo311 ha scritto:

 Tutto questo per non parlare dei redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti, e di tutto il NERO che fanno e che, almeno qui al Sud, è un segreto di Pulcinella.

Se è un segreto di Pulcinella allora non ci sono ragioni per non credere che l'Agenzia delle Entrate abbia gioco facile nel procedere a rettificare i VERI redditi di avvocati, notai e commercialisti dopo le necessarie attività di verifica.

Quindi i redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti sono noti alle rispettive Casse professionali.

Se poi il cialtronissimo pulcinella panzanaro fosforo31 ha notizie di tutto il NERO che fanno avvocati, notai e commercialisti, denunci gli stessi alla Guardia di Finanza senza esitare ulteriormente.

Sarà comunque difficile denunciare tutto il NERO che fanno i giovani avvocati, che si recano in tribunale vestiti con completi e scarpe cinesi, per una spesa complessiva non superiore a 40/50 euro. Perché oggi molti giovani professionisti non possono permettersi di più.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ilsauro24ore ha scritto:

Se è un segreto di Pulcinella allora non ci sono ragioni per non credere che l'Agenzia delle Entrate abbia gioco facile nel procedere a rettificare i VERI redditi di avvocati, notai e commercialisti dopo le necessarie attività di verifica.

Quindi i redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti sono noti alle rispettive Casse professionali.

Se poi il cialtronissimo pulcinella panzanaro fosforo31 ha notizie di tutto il NERO che fanno avvocati, notai e commercialisti, denunci gli stessi alla Guardia di Finanza senza esitare ulteriormente.

Sarà comunque difficile denunciare tutto il NERO che fanno i giovani avvocati, che si recano in tribunale vestiti con completi e scarpe cinesi, per una spesa complessiva non superiore a 40/50 euro. Perché oggi molti giovani professionisti non possono permettersi di più.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Potevano fare gli operai edili e comprarsi la BMW o Mercedes.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilgiornaledivicenza.it/territori/schio/con-la-bmw-a-chiedere-i-buoni-spesa-1.8037480/amp&ved=2ahUKEwiK9omovrrpAhUqxaYKHdwYDioQFjAAegQIBxAB&usg=AOvVaw3FS6ydyqXv0nRIUsEnRi82&ampcf=1

Ognuno di noi ha vicini di casa, conoscenti, parenti. Non sono mai riuscito a capire perché modesti artigiani possiedano auto, moto, campers che difficilmente si permette un direttore di banca....

Miracoli dei commercialisti ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Potevano fare gli operai edili e comprarsi la BMW o Mercedes.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilgiornaledivicenza.it/territori/schio/con-la-bmw-a-chiedere-i-buoni-spesa-1.8037480/amp&ved=2ahUKEwiK9omovrrpAhUqxaYKHdwYDioQFjAAegQIBxAB&usg=AOvVaw3FS6ydyqXv0nRIUsEnRi82&ampcf=1

Ognuno di noi ha vicini di casa, conoscenti, parenti. Non sono mai riuscito a capire perché modesti artigiani possiedano auto, moto, campers che difficilmente si permette un direttore di banca....

Miracoli dei commercialisti ??

Ho fatto esperienze analoghe. Ho già accennato a una mia ex vicina, vedova di un semplice ragioniere dipendente di uno studio notarile, e alla sua casa principesca (o quasi). Avevo una carissima zia che era una santa e che quando andò in pensione si diede al volontariato gestendo per la sua parrocchia un banco alimentare. Me ne raccontava a decine di casi di parassiti con la mercedes o con l'omega d'oro al polso che venivano a prendersi la pasta, l'olio e gli altri prodotti destinati ai poveri. Lei li metteva alla porta ma quelli protestavano e insistevano: la mercedes non è mia, quando capita mi arrangio facendo l'autista, l'orologio è falso, e via dicendo. E c'erano pure camorristi che minacciavano: un paio di volte dovette chiamare il 113. Gli artigiani di cui parli lavorano prevalentemente in nero, dichiarano, pro forma, un 10% massimo 20% delle entrate. Mettici dentro anche idraulici, carrozzieri, meccanici, barbieri e parrucchieri, falegnami, imprese di ristrutturazione. E mettici pure dentisti e altri specialisti che alla prima visita ti rilasciano la fattura poi solo se la chiedi ma se non la chiedi ti fanno lo sconto. Io generalmente mi rivolgo a professionisti onesti, ma devo cercarmeli con il lanternino. In almeno una dozzina di occasioni mi è stato proposto il classico doppio prezzo, con o senza fattura. Io ho preteso il prezzo minore con fattura. In una metà dei casi la controparte ha protestato e allora gli ho mostrato lo smartphone con il 117 in bella evidenza sullo schermo. Le reazioni sono andate da un "va bene faccia lei" a uno "scusi, mi aveva frainteso". 

2 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

Se è un segreto di Pulcinella allora non ci sono ragioni per non credere che l'Agenzia delle Entrate abbia gioco facile nel procedere a rettificare i VERI redditi di avvocati, notai e commercialisti dopo le necessarie attività di verifica.

Quindi i redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti sono noti alle rispettive Casse professionali.

Se poi il cialtronissimo pulcinella panzanaro fosforo31 ha notizie di tutto il NERO che fanno avvocati, notai e commercialisti, denunci gli stessi alla Guardia di Finanza senza esitare ulteriormente.

Sarà comunque difficile denunciare tutto il NERO che fanno i giovani avvocati, che si recano in tribunale vestiti con completi e scarpe cinesi, per una spesa complessiva non superiore a 40/50 euro. Perché oggi molti giovani professionisti non possono permettersi di più.

Per un giovane avvocato che non può permettersi nemmeno l'abito da lavoro, delle due l'una: o lavora in proprio e allora gli suggerirei di cercarsi un nuovo mestiere (gli avvocati in Italia sono decisamente troppi) e di chiedere subito il Rdc; o è associato a uno studio che lo sfrutta come uno schiavo e allora deve denunciare subito il titolare all'ordine professionale e al sindacato. In ogni caso un abito professionale completo più scarpe per 50 euro non si trova nemmeno dai cinesi. Delle due l'una: o è merce rubata, o è merce pezzottata malissimo che può durare due o tre udienze al massimo prima che si squarcino la giacca o i pantaloni (ma la toga può coprire) e che si scollino i tacchi dalle scarpe. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Per un giovane avvocato che non può permettersi nemmeno l'abito da lavoro, delle due l'una: o lavora in proprio e allora gli suggerirei di cercarsi un nuovo mestiere (gli avvocati in Italia sono decisamente troppi) e di chiedere subito il Rdc; o è associato a uno studio che lo sfrutta come uno schiavo e allora deve denunciare subito il titolare all'ordine professionale e al sindacato. In ogni caso un abito professionale completo più scarpe per 50 euro non si trova nemmeno dai cinesi. Delle due l'una: o è merce rubata, o è merce pezzottata malissimo che può durare due o tre udienze al massimo prima che si squarcino la giacca o i pantaloni (ma la toga può coprire) e che si scollino i tacchi dalle scarpe. 

Fatti un giro in tribunale e poi vedi se non trovi giovani avvocati vestiti con 40/50 euro (scarpe comprese).

Chiedi loro quanto hanno pagato abiti e scarpe che indossano, fai due conti e poi non mancare di farci sapere quanti ne hai trovati.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, ilsauro24ore ha scritto:

Fatti un giro in tribunale e poi vedi se non trovi giovani avvocati vestiti con 40/50 euro (scarpe comprese).

Chiedi loro quanto hanno pagato abiti e scarpe che indossano, fai due conti e poi non mancare di farci sapere quanti ne hai trovati.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Cercano braccianti, lo dice lei ai giovani avvocati ?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Cercano braccianti, lo dice lei ai giovani avvocati ?

Dovremmo prima dirlo a quelli che percepiscono il reddito di cittadinanza.

Detto questo, stiamo parlando di notai, avvocati e commercialisti, dei loro redditi VERI e di tutto il NERO che fanno sulla base delle provolonate scritte dal cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Alla cortese attenzione dell'ingenuo Sauro24 affinché possa finalmente cadere dal pero e cominciare a capire come lavorano gli avvocati in Italia. Non tutti, per carità, ma nemmeno pochi. Questo che segue, dal sito dell'ADUC, è solo un piccolo esempio della diffusissima pratica della parcella (in tutto o, più spesso, in parte) in nero. L'ingenuo legga con attenzione anche e soprattutto i due commenti. In uno dei quali si cita non un avvocato qualsiasi ma uno storico presidente dell'Ordine di Milano (Milano non Napoli):

https://sosonline.aduc.it/lettera/parcella+avvocato+nero+senza+quietanza_264958.php

Mentre qui l'ingenuo potrà rendersi conto di un'altra vergognosa pratica degli studi legali (non tutti, per carità, ma molti, al Sud moltissimi). Ovvero lo schiavismo praticato sui giovani avvocati collaboratori in nero o quasi. Mi spiace dirlo, ma è un pessimo modo di iniziare la carriera forense quello di farsi schiavizzare senza denunciare, e se il caso portare in tribunale, gli schiavisti. 

https://www.ilmattino.it/AMP/salerno/salerno_avvocati_sindacato-1103736.html

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Qui invece abbiamo un esempio dei trucchi usati dai notai disonesti per frodare il fisco. Si parla del più famoso notaio di Catania e di una tecnica piuttosto sofisticata. Ma ce ne sono di più semplici, e forse meno rischiose:

https://catania.meridionews.it/articolo/49408/processo-ciancico-condannato-a-tre-anni-il-notaio-avrebbe-truffato-per-necessita-di-vivere-nel-lusso/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vedo che il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 salta di palo in frasca, dimostrando ancora una volta di ignorare dove la logica stia di casa.

Stiamo parlando di quanto scritto dal cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 in data 16 maggio 2020 (post delle ore 18.15): "tutto questo per non parlare dei redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti, e di tutto il NERO che fanno e che, almeno qui al Sud, è un segreto di Pulcinella".

Il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 tira in ballo il più famoso (?) notaio di Catania. Nella notizia riportata di NERO fatto dal notaio più famoso (?) di Catania nemmeno l'ombra. Il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 ancora una volta dimostra di non avere ancora imparato a leggere.

il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 tira in ballo la signora Rosa di Milano, la quale denuncia un non meglio precisato avvocato. Di Milano, di Torino, di Roma, di Casalpusterlengo? Mistero, nessuno lo sa. La signora Rosa viene supportata dalla testimonianza dell'affidabilissimo signor Avvocati_ladri, il cui esposto è stato archiviato dal competente ordine profesionale.

Ovviamente nessuno dei due si è rivolto alla Guardia di Finanza, per motivi probabilmente legati al fatto che i due stanno inventando balle.

Rimango in attesa che il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 dia prova "dei redditi VERI di avvocati, notai e commercialisti, e di tutto il NERO che fanno e che, almeno qui al Sud, è un segreto di Pulcinella".

Di Pulcinella per il momento abbiamo solo il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 , che farebbe bene ad informarsi sui gioani avvocati che vanno in tribunale con abiti di 40/50 euro (scarpe comprese).

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Modificato da ilsauro24ore

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sig. Lucertolona, la smetta per una volta di fare il bastian contrario.

Sa perfettamente pure lei che il nero circola abbondantemente in Italia, in ogni lavoro di ordine e grado.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963