Maschere e parrucche ovvero "Favole o bufale"

Mia nonna soleva dire “A pensar male si fa peccato, il peccato è che quasi sempre ci si indovina”

 

Le maschere e le parrucche, entrambe servono a modificare l'aspetto, ma non sono esattamente la stessa cosa. La maschera nasconde, impedisce di scorgere chi si trova dall'altra parte, ma è onesta, sincera, non mente, ti dice chiaramente che si tratta di una “maschera” appunto che non rappresenta il volto di chi stiamo osservando, guardandola abbiamo la certezza che dietro, anche se non sappiamo chi, ci sia un altro, uno che non vuole farsi riconoscere ma che sappiamo che c'è. La parrucca invece, beh la parrucca è melliflua, menzognera, non ti nasconde ma ti mostra qualche cosa che non è tale, ti mostra qualche cosa che vuole apparire come tale, modifica l'aspetto pur non celando la persona, una persona che cerca di apparire per ciò che non è.

Sappiamo, o quanto meno ci è dato di sapere in base alle i.n.f.o.r.m.a.z.i.o.n.i che ci vengono fornite dai media che i terroristi islamici presenti nel Corno d'Africa passano per non essere degli stichi di santo, omicidi, stupri, violenze, decisamente sino a poco tempo fa delle maggior degli ostaggi caduti in loro possesso non c'è più stata traccia, o quei pochi che sono riusciti tornare in libertà, apparivano patiti, emaciati, distrutti nel fisico e nello spirito. Ma, c'è sempre l'eccezione alla regola, nel nostro mondo crudele e violento a volte accadono anche i miracoli. Si perché a quanto pare ci sono dei terroristi, buoni, gentili, amabili. Accade che un ostaggio rapito, dopo quasi due anni di “prigionia” venga “liberato”, e che dopo tale periodo appaia in perfetta forma in carne e sorridente e.... convertito all'Islam. Ci racconta di essere stata trattata sempre bene, di non aver subito alcuna violenza anzi, di avere fatto richiesta durante le sua prigionia di libri da leggere, e di avere ricevuto fra gli altri un testo del Corano, in italiano naturalmente, disponibile nel Corno d'Africa, ma recuperabile solo con qualche difficoltà nel nostro paese. Lettura che col trascorrere del tempo l'ha portata ad una conversione alla fede islamica.

 

Maschera o parrucca? Favola o bufala?

 

Ai poste(rio)ri l'ardua sentenza.

 

Ps. Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora