traforo santa Augusta Vittorio Veneto

Inviata (modificato)

traforo santa Augusta Vittorio Veneto

Memorie storiche. Al termine della prima guerra mondiale il traffico di auto e camion era assai limitato, ma già allora si cercavano soluzioni per superare la “stretta” di Serravalle. Non superabili problemi ambientali e geologici hanno bloccato tutto. Al termine della seconda guerra mondiale gli americani, per festeggiare la vittoria, si offrirono di effettuare il traforo del colle di santa Augusta. Subito le analisi del territorio dimostrarono la pericolosità e la non fattibilità del progetto. Nel mille novecento settanta l’ autostrada A.ventisette con i due saggi caselli di Vittorio sud e Vittorio nord risolse per allora il problema. Nel corso degli anni si ripresentò il problema locale delle due “strette” di Serravalle e della Se ga. Ecco che nel duemila e qualche anno si ipotizzarono due progetti. IL PRIMO viene realizzato da ingegneri e geologi vittoriesi. Esso prevede la variante lunga. Parte dalla bretella A.ventisette Vittorio sud (rotatoria Emisfero) e by-passando saggiamente le zone a rischio si collega con lo svincolo A.ventisette Vittorio nord, prevedendo anche l’ uscita verso il Cansiglio. Tra le altre cose è pure il progetto più economico e con minore impatto ambientale. IL SECONDO progetto realizzato da “lunari” e “marziani” che nulla sanno dei problemi vittoriesi, prevede la variante corta. Parte da sant Andrea (in piena zona urbana) ed esce in località la Se ga, proprio in una zona dove non possono transitare i camion per problemi di spazio e di altezza. DIMENTICAVO la struttura del colle di santa Augusta assomiglia a quella di un budino: trapanare significa far crollare tutto. Senza contare le numerose sorgenti e vene d’ acqua sotterranee che per nessun motivo possono essere bloccate e/o deviate. (smettiamo di dire “si spostano le zone naturali”, le sole cose da spostare sono i trafori e le strade). DOMANDA FINALE – secondo voi è stata scelta la variante logica e razionale (quella lunga) oppure quella lunare e marziana (quella corta) …/… bravi, avete indovinato.-

Sempre sulla autostrada “ventisette” da Venezia a Longarone, si sono “dimenticati” (hanno scordato) di realizzare il casello intermedio tra Treviso Nord e Conegliano. La così detta Area Piave. Assai importante sia per le numerose attività industriali, artigianali, agricole del posto e sia come nodo e snodo di importanti via di comunicazioni commerciali e turistiche.

Positivo e ben riuscito il collegamento ventisette / ventotto a casello di Conegliano.

Cordiali saluti – oggi sabato due giugno – 

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Inviata (modificato)

proprio in questi giorni è stato aperto il tracciato nord, in attesa del tracciato sud ancora nel mondo dei sogni. Mi siedo ed aspetto ... vedere il cadavere passare ... no del primo fiasco a metà galleria.- 

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963