LA " COSA " PACATA ma quante bufale ha urlato

La " COSA "  pacata , ma  quante  bufale e  falsità  ha  urlato...

Lorenzo Tosa

“Parlerò con pacatezza” ha esordito.

E quello che ne è seguito è stato un quarto d’ora di urla, rabbia sguaiata, attacchi e sproloqui di una che sembra piombata oggi da Marte, come se non fossimo nel bel mezzo di una pandemia.

E poi quelle quattro frasi. Surreali nel loro totale sprezzo della realtà e del ridicolo.
Bisogna metterle in fila per capire. Per realizzare che sì, le ha pronunciate davvero. Lei, Giorgia Meloni. E che è accaduto in un’aula parlamentare.

Nell’ordine:

“Lei sta calpestando la Costituzione.”
“Chiede pieni poteri.”
“Nega i diritti fondamentali degli italiani.”
“È un precedente pericoloso.”

Giorgia che parla di Costituzione, e cinque giorni fa si è “dimenticata” persino di dire una parola sul 25 aprile.

Giorgia che accusa qualcuno di “pieni poteri” e si vanta di essere amica di un dittatore ungherese che li ha chiesti e ottenuti, nel cuore dell’Europa democratica.

Giorgia che accusa qualcuno di negare i diritti fondamentali e parla di bombardare i barconi nel Mediterraneo.

Guardi questa donna agitarsi e sproloquiare come fosse al mercato del pesce, a due passi dai banchi di governo, a dieci metri scarsi dal premier Conte, e capisci che, se solo le cose fossero andate diversamente, questo discorso, avrebbe potuto pronunciarlo a banchi invertiti e nel verso opposto.

E allora tutto sommato, anche oggi, in questa tragedia epocale, realizzi che sì, in fondo poteva andarci molto, molto, ma molto peggio.

@MamafricaO

L'immagine può contenere: 1 persona

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

ma  tace    sui  suoi  camerati  invischiati   con  mafie   varie 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, pm610 ha scritto:
La " COSA "  pacata , ma  quante  bufale e  falsità  ha  urlato...

Lorenzo Tosa

“Parlerò con pacatezza” ha esordito.

E quello che ne è seguito è stato un quarto d’ora di urla, rabbia sguaiata, attacchi e sproloqui di una che sembra piombata oggi da Marte, come se non fossimo nel bel mezzo di una pandemia.

E poi quelle quattro frasi. Surreali nel loro totale sprezzo della realtà e del ridicolo.
Bisogna metterle in fila per capire. Per realizzare che sì, le ha pronunciate davvero. Lei, Giorgia Meloni. E che è accaduto in un’aula parlamentare.

Nell’ordine:

“Lei sta calpestando la Costituzione.”
“Chiede pieni poteri.”
“Nega i diritti fondamentali degli italiani.”
“È un precedente pericoloso.”

Giorgia che parla di Costituzione, e cinque giorni fa si è “dimenticata” persino di dire una parola sul 25 aprile.

Giorgia che accusa qualcuno di “pieni poteri” e si vanta di essere amica di un dittatore ungherese che li ha chiesti e ottenuti, nel cuore dell’Europa democratica.

Giorgia che accusa qualcuno di negare i diritti fondamentali e parla di bombardare i barconi nel Mediterraneo.

Guardi questa donna agitarsi e sproloquiare come fosse al mercato del pesce, a due passi dai banchi di governo, a dieci metri scarsi dal premier Conte, e capisci che, se solo le cose fossero andate diversamente, questo discorso, avrebbe potuto pronunciarlo a banchi invertiti e nel verso opposto.

E allora tutto sommato, anche oggi, in questa tragedia epocale, realizzi che sì, in fondo poteva andarci molto, molto, ma molto peggio.

@MamafricaO

L'immagine può contenere: 1 persona

Secondo me è in atto un tentato soffocone al microfono....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Secondo me è in atto un tentato soffocone al microfono....

Speriamo  non  rigato...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963