RENZI SEI UNA JENA.

Renzi al premier Conte: «Se i morti di Bergamo e Brescia potessero parlare ci direbbero di riaprire»

Adesso ascolta le parole di due Sindaci. Quelli di Alzano e Nembro.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://m.facebook.com/ReportRai3/videos/677955689626126/&ved=2ahUKEwjmuuObqo3pAhULAxAIHXwvBpQQo7QBMAJ6BAgBEAE&usg=AOvVaw2_Y3UENkfEfFGUt_6LNpdv

PERCHÉ TANTI A BERGAMO E BRESCIA SONO MORTI PERCHÉ LE JENE COME RENZI, SALVINI E MELONI NON HANNO VOLUTO CHIUDERE IN FRETTA.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Se potessero ritornare li prenderebbero a calci in Q.lo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Io  credo   che  i  morti   di Bergamo e  non  solo  meritino   il  rispetto  e  il loro  sacrificio  non  si  possa  usare  per   far  la  più  bassa  e  becera  politica   chiamandoli a  sostegno  di   qualcosa  che  certamente   non  appoggerebbero assolutamente , pensando  ai loro  figli e  ai loro  nipoti in pericolo   di  contagio .  Oggi  è certo  che   di  coronavirus    sono  morti e  non  di  fame  e/o  per  mancanza  di  soldi ed  infatti ad  oggi  nessuno  è morto  di fame  ma  tantissimi    per  il  virus .   Cosa  si  vuole  sterminare  gli  Italiani    per  quattro  soldi   che  poi   vanno in  mano  ai  soliti    noti  mentre  gli  altri  continuerebbero a  morire   "  DI FAME  "  ?

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una bassezza...per cercar voti, tra chi non avrebbe mai voluto chiudere, si tira in causa anche questo, se fossero vivi invece magari chiederebbero più incisività nelle restrizioni...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


C’e’ una Italia un po’ bugiarda ed incosciente che vive di pregiudizi e poi , fortunatamente , un’altra Italia che ragiona . 
Renzi al Senato ha ricordato gli anziani morti di Covid -19 dicendo che “quando chiediamo di riaprire, con gradualità e in sicurezza, che non sia sottovalutazione del virus, pensiamo di onorare la gente di Bergamo e Brescia che non c’è più, che ci avrebbe detto ripartite anche per noi, perché ha fatto della vita, in tutti i momenti, un’occasione di sacrificio e di fatica.”.
Che cosa c’è di poco dignitoso a ricordare chi ha contribuito, come loro, a costruire la nostra società col proprio lavoro e la propria intelligenza, aggiungendo che avrebbe di certo voluto vedere questa società “ripartire”, magari crescere, non declinare. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963