Viene spontaneo chiedersi da cosa derivi questo odio sfrenato nei confronti dei vecchietti di Bergamo e zone limitrofe al punto di non volerne lasciare in vita neanche uno.

Continuando di questo passo, a parte i poveri vecchietti che non hanno fatto del male a nessuno se non essere finiti al Pio Albergo Trivulzio, e continuando con le manie di prestazione di Presidenti di Regione quali Toti e Attilio, parrebbe di cogliere la insana intenzione di voler eliminare tutti (ma proprio tutti) i vecchietti e i nonni Lombardi mettendoli in secondo piano rispetto a Confindustria.

Cosa hanno fatto di così terribile i vecchietti di Bergamo, Cremona e via discorrendo per volerli vedere tutti m@orti? 

Come minimo un po' di pazienza e tolleranza.

___Un'idea intelligente, per esempio, potrebbe essere quella di contattare Toti e farli ricoverare nelle navi per le quali Toti ha speso 10 volte di più che in ospedale. Tanto, vuote per vuote, almeno gli anziani potrebbero passare il tempo, socializzare e fare qualche partitina a briscola. E, visto che sono simpatici e meno impegnativi dei malati di coronavirus, Toti potrebbe chiedere uno sconto ad Aponte e risparmiare anche._____

NB: Notevole vedere il buon Toti prima preoccuparsi addirittura di creare Ospedali navali (a carissimo prezzo) e poi scimmiottare la Presidente della Calabria (alla quale non hanno dato retta neanche i Sindaci Calabresi) e voler aprire tutto in quanto....il pericolo non esiste più. Come per incanto.

NB.2: Se poi riaprono le scuole, in certe zone ci sarà da ridere davvero. Pardon... da piangere.

Modificato da ildi_vino
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Toti, Fontana, Santelli: ho diversi parenti e qualche vecchio amico residenti nelle regioni governate da questi sciagurati e francamente sono in ansia per tutti loro. Ma è tutta l'Italia che deve fare gli scongiuri (o invocare la protezione divina) davanti agli sciacalli che all'opposizione e nella stessa maggioranza hanno ormai la bava alla bocca nella logorante attesa del cadavere politico del timoniere che finora tiene a galla la nave. Fin dall'inizio della pandemia questi avvoltoi non si sono vergognati di strumentalizzare una tragedia epocale per i loro interessi politici. E di aizzare irresponsabilmente il popolo contro il governo. VERGOGNA!  Oggi il più svergognato di tutti ha tirato direttamente in ballo i morti di Bergamo. Non ci sono parole, c'è solo da vomitare per la nausea. Ma non tanto per il personaggetto, il cui squallore è arcinoto, quanto nell'assistere a una tale e abissale degenerazione della politica. Mentre è stato tragicomico sentire i capi fascioleghisti appellarsi addirittura alla Costituzione nata dalla Resistenza. Roba da matti! Ma a costo di sembrare anacronistico, io voglio tornare indietro di decenni e ricordare che i disgraziati che ho esplicitamente o implicitamente richiamato sono tutti figli o discendenti di un unico peccato originale: Silvio Berlusconi, il Serpente, con Prodi e D'Alema metaforici Adamo ed Eva. Nel '94 il grande Montanelli, da uomo di destra, profetava: "Se Berlusconi vince, la parola 'destra' diventerà impronunciabile in Italia per i prossimi 50 anni". Così è stato. Di anni ne sono passati 26 e temo che i disastri della destra non li abbiamo ancora visti tutti. Un paio ce li siamo scansati per un pelo: l'ltalicum e la riformaccia costituzionale di un populista di destra infiltrato a sinistra per scalare il potere. E pensare che pure questo signore oggi si appella alla Costituzione! Roba da matti! Berlusconi vinse quelle elezioni, ma era un piduista, era ineleggibile ed era in plateale conflitto di interessi. Prodi e D'Alema a un certo punto ebbero la possibilità (e il dovere) di liberarci da quella sciagura, ma non lo fecero, non vollero farlo. Ne paghiamo tuttora, a caro prezzo, le conseguenze.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963