PENSATE SE FOSSE AL GOVERNO E CON PIENI POTERI...

il  bavaglio  e  la censura   ...assicurati...

L'immagine può contenere: 1 persona

Questa sera su RAI 3 REPORT
inchiesta su Regione Lombardia
Invito tutti , soprattutto chi continua a dare fiducia a Fontana e ai suoi colleghi, di guardarlo
Anche se x 1 sera non guardate Mediaset o la7, può solo ar bene, aver *** più complete

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

15 messaggi in questa discussione

BENEDETTEO I

Interessante puntata di Report sui legami tra le organizzazioni della destra ultraconservatrice americana e russa, l'organizzazione fascista Forza Nuova, Lega e Fratelli d'Italia, in prospettiva anti-Papa (Francesco), visto come un Papa riformatore di sinistra. Finanziamenti, rete logistica, supporto social, fake news. Il "cuore immacolato di Maria", chiamato continuamente in causa da Salvini, risulterebbe estraneo al complotto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ieri il professorino antieuro Alberto Bagnai, personaggetto perennemente frustrato dall'insanabile (e un po' comico) contrasto tra il suo pacchiano atteggiamento da primadonna dell'economia e i veli pietosi che gli economisti seri stendono su di lui e sulle sue ridicole teorie; inconsueto e frustrante caso di musicista calvo, volenteroso dilettante assai più a suo agio con il cembalo che con la scienza economica; politucolo d'accatto passato dal populismo di sinistra cui diceva di ispirarsi (senza avere la più pallida idea di cos'è la Sinistra) al becero populismo fascioleghista dove ha finalmente trovato un partito dal livello culturale sufficientemente basso da farci quasi la figura dell'intellettuale; si è esibito e si è sfogato nell'aula del Senato inalberandosi a improbabile paladino della democrazia e della Costituzione in un attacco ampolloso, retorico, vuoto di contenuti e pieno di rabbia, ma soprattutto vergognoso rispetto al tragico momento che viviamo, contro il nostro presidente del Consiglio. Il nostro premier, cioè degli italiani seri, degli italiani veri che, a prescindere dal colore politico, si stringono intorno al leader che domani rappresenterà la Nazione in un Consiglio europeo in videoconferenza da cui dipendono il futuro nostro e dell'Europa. Ha cominciato a travasare bile il professorino antieuro contro il Pd e Zingaretti, insultandoli con il trito richiamo alla "dittatura del proletariato", degenerata nel suo immaginario in "dittatura dello scienziato". Che poi sarebbe il prof. Burioni (con il quale si era già scontrato sul web) al quale ha dato del "guitto", vigliaccamente, senza nominarlo per scansare la querela. Ma l'attacco isterico cui si è abbandonato Bagnai contro il presidente Conte è stato un'offesa non solo all'istituzione ma anche a quella cattedra universitaria che spetterebbe solo alle persone razionali, cioè misurate nel parlare e logiche nell'argomentare. Il professorino (dei miei stivali) ha argomentato il NULLA. Ha postulato che Giuseppe Conte sia il peggior premier possibile, lo ha paragonato a Caligola e a Frankestein ("frutto di un esperimento malriuscito come il virus cinese"), ha dato per scontato che si piegherà al MES e alle condizioni più vessatorie, e gli ha intimato di dimettersi subito. Sarebbe interessante capire cosa pensa, questa testa bacata e divorata dalla faziosità, del peso che avrebbe l'Italia presentandosi al vertice europeo più importante del secolo senza il suo premier o con un  premier dimissionario. Parlare di populismo per Bagnai e per il suo mandante Salvini è un'offesa ai populisti seri. Per me sono due teppisti incoscienti che confondono la politica e le istituzioni con la curva di uno stadio. Con la differenza che il teppista da stadio può essere fazioso, cioè tifoso, e odiare i tifosi della squadra avversaria in quanto tali, non personalmente. Ma dal livoroso e isterico professorucolo è strabordato ieri tutto l'odio personale covato per mesi nei confronti del leader serio e responsabile che precluse palazzo Chigi all'egoarca fascioleghista che chiedeva per sé i "pieni poteri". Con quelle parole totalmente fasciste Salvini si metteva sotto i piedi la Costituzione e 25 secoli di storia della democrazia ma veniva all'epoca applaudito dal collega senatore Bagnai. Lo stesso che oggi finge di indignarsi per qualche temporanea e necessaria restrizione delle libertà costituzionali nel paese più colpito dalla peggiore pandemia degli ultimi 100 anni. Nella quale alcuni leghisti lombardi hanno perpetrato disastri inerenti non solo alla Costituzione (che tutela la salute pubblica) ma probabilmente al codice penale. Il professor Conte ha già bacchettato più volte sulle mani il capo della Lega, facendogli fare la figura del nanerottolo ignorante, bugiardo e indisciplinato. Ma uno statista in questo momento non può certo abbassarsi a rispondere a un teppistello istituzionale come Bagnai. L'ho bacchettato io che avevo 15 minuti liberi prima di prendere sonno, e sono stati anche troppi. Ma all'alba, appena apre l'edicola, vado a prendermi il Fatto. Conoscendo Travaglio, di sicuro non si farà sfuggire questa ghiotta occasione. Temo che il cu.letto del professorino leghista si arrosserà come un lampone maturo. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già, Salvini e Meloni sono chiaramente foraggiati dai Poteri forti di mezzo universo e bastano 4 semianalfabeti grillini e una masnada di luridi guitti violenti e antidemocratici servitori delle banche e della dittatura comunista per usurparne la poltrona e continuare a mantenerla come se nulla fosse, calpestando palesemente numerosi articoli della nostra Costituzione.

Oggi più che mai ritengo sia lecito ogni mezzo per eliminare i suddetti. Coi suddetti è inutile ogni forma di confronto e di dialogo. Vanno isolati ed eliminati prima che il loro fanatismo ideologico ci faccia sprofondare in un abisso senza ritorno.

Modificato da permafrost75

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Ieri il professorino antieuro Alberto Bagnai, personaggetto perennemente frustrato dall'insanabile (e un po' comico) contrasto tra il suo pacchiano atteggiamento da primadonna dell'economia e i veli pietosi che gli economisti seri stendono su di lui e sulle sue ridicole teorie; inconsueto e frustrante caso di musicista calvo, volenteroso dilettante assai più a suo agio con il cembalo che con la scienza economica; politucolo d'accatto passato dal populismo di sinistra cui diceva di ispirarsi (senza avere la più pallida idea di cos'è la Sinistra) al becero populismo fascioleghista dove ha finalmente trovato un partito dal livello culturale sufficientemente basso da farci quasi la figura dell'intellettuale; si è esibito e si è sfogato nell'aula del Senato inalberandosi a improbabile paladino della democrazia e della Costituzione in un attacco ampolloso, retorico, vuoto di contenuti e pieno di rabbia, ma soprattutto vergognoso rispetto al tragico momento che viviamo, contro il nostro presidente del Consiglio. Il nostro premier, cioè degli italiani seri, degli italiani veri che, a prescindere dal colore politico, si stringono intorno al leader che domani rappresenterà la Nazione in un Consiglio europeo in videoconferenza da cui dipendono il futuro nostro e dell'Europa. Ha cominciato a travasare bile il professorino antieuro contro il Pd e Zingaretti, insultandoli con il trito richiamo alla "dittatura del proletariato", degenerata nel suo immaginario in "dittatura dello scienziato". Che poi sarebbe il prof. Burioni (con il quale si era già scontrato sul web) al quale ha dato del "guitto", vigliaccamente, senza nominarlo per scansare la querela. Ma l'attacco isterico cui si è abbandonato Bagnai contro il presidente Conte è stato un'offesa non solo all'istituzione ma anche a quella cattedra universitaria che spetterebbe solo alle persone razionali, cioè misurate nel parlare e logiche nell'argomentare. Il professorino (dei miei stivali) ha argomentato il NULLA. Ha postulato che Giuseppe Conte sia il peggior premier possibile, lo ha paragonato a Caligola e a Frankestein ("frutto di un esperimento malriuscito come il virus cinese"), ha dato per scontato che si piegherà al MES e alle condizioni più vessatorie, e gli ha intimato di dimettersi subito. Sarebbe interessante capire cosa pensa, questa testa bacata e divorata dalla faziosità, del peso che avrebbe l'Italia presentandosi al vertice europeo più importante del secolo senza il suo premier o con un  premier dimissionario. Parlare di populismo per Bagnai e per il suo mandante Salvini è un'offesa ai populisti seri. Per me sono due teppisti incoscienti che confondono la politica e le istituzioni con la curva di uno stadio. Con la differenza che il teppista da stadio può essere fazioso, cioè tifoso, e odiare i tifosi della squadra avversaria in quanto tali, non personalmente. Ma dal livoroso e isterico professorucolo è strabordato ieri tutto l'odio personale covato per mesi nei confronti del leader serio e responsabile che precluse palazzo Chigi all'egoarca fascioleghista che chiedeva per sé i "pieni poteri". Con quelle parole totalmente fasciste Salvini si metteva sotto i piedi la Costituzione e 25 secoli di storia della democrazia ma veniva all'epoca applaudito dal collega senatore Bagnai. Lo stesso che oggi finge di indignarsi per qualche temporanea e necessaria restrizione delle libertà costituzionali nel paese più colpito dalla peggiore pandemia degli ultimi 100 anni. Nella quale alcuni leghisti lombardi hanno perpetrato disastri inerenti non solo alla Costituzione (che tutela la salute pubblica) ma probabilmente al codice penale. Il professor Conte ha già bacchettato più volte sulle mani il capo della Lega, facendogli fare la figura del nanerottolo ignorante, bugiardo e indisciplinato. Ma uno statista in questo momento non può certo abbassarsi a rispondere a un teppistello istituzionale come Bagnai. L'ho bacchettato io che avevo 15 minuti liberi prima di prendere sonno, e sono stati anche troppi. Ma all'alba, appena apre l'edicola, vado a prendermi il Fatto. Conoscendo Travaglio, di sicuro non si farà sfuggire questa ghiotta occasione. Temo che il cu.letto del professorino leghista si arrosserà come un lampone maturo. 

Bagnai  sbaglio   oppure  è  quel  personaggio  che  ha  una  condanna   per  bancarotta  fraudolenta  ?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, permafrost75 ha scritto:

Già, Salvini e Meloni sono chiaramente foraggiati dai Poteri forti di mezzo universo e bastano 4 semianalfabeti grillini e una masnada di luridi guitti violenti e antidemocratici servitori delle banche e della dittatura comunista per usurparne la poltrona e continuare a mantenerla come se nulla fosse, calpestando palesemente numerosi articoli della nostra Costituzione.

Oggi più che mai ritengo sia lecito ogni mezzo per eliminare i suddetti. Coi suddetti è inutile ogni forma di confronto e di dialogo. Vanno isolati ed eliminati prima che il loro fanatismo ideologico ci faccia sprofondare in un abisso senza ritorno.

USURPARE    allora   la  hanno  usurpata   ben  peggio   i verdenero   nel  precedente   governo...  anche  loro  non  avevano  alcun  mandato   degli  elettori  per   fare  quel   governo .  In  quanto  a semianalfabeti   di  certo  non  dobbiamo  prendere   lezioni dai celti  adoranti  il Dio  Po  di  cui  ne  bevono  le acque ne  tantomeno  da  quelli  che  seguono  le  orme  del CRIMINALE  fascista  il  cosidetto  duce...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ci sono quelli condannati per bancarotta fraudolenta e ci sono quelli che falsificano i curriculum e riescono a diventare Presidenti del Consiglio. Con l'appoggio di un Parlamento che viola almeno 4 articoli della Costituzione Italiana. Ma ciò non desta l'interesse di Magistratura demokratika, sempre solerte quando si tratta di perseguitar il nemico politico attraverso interpretazioni arbitrarie della legge.

 

voglio ricordare le *** politiche così, con un'immagine emblematica. Disposte a lustrare qualsiasi deretano, dalla destra estrema alla sinistra estrema, pur di scalare la piramide.

 

 

 

 

Conte_salvini_dimaio.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

considerato che la millantata erudizione non serve a mettersi al riparo da condizioni socioeconomiche paragonabili quasi a quelle di un qualsiasi paese del terzo mondo, direi che buona parte del meridione dovrebbe metter da parte l'invidia sociale (per il settentrione) che la consuma letteralmente e farsi spiegare dai rozzi celti come si costruisce una civiltà. 

 

detto questo poi, mi si dovrebbe speigare per quale motivo la scarsa alfabetizzazione dei padani preoccupa cosi tanto i comunisti meridionali, quando poi gli stessi vorrebbero sommergerci di senegalesi e nigeriani. 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, pm610 ha scritto:

Bagnai  sbaglio   oppure  è  quel  personaggio  che  ha  una  condanna   per  bancarotta  fraudolenta  ?

 

No, forse lo confondi con Siri. 

Comunque ero stato facile profeta. Marco Travaglio ha smerdato il patetico Bagnai da par suo, con la sua satira sulfurea. Il professorino di scorta di Salvini aveva paragonato Conte a Caligola e a Frankestein. Marco stamane paragona il senatore Bagnai all'on. Trombetta. Sì proprio lui, l'on. Cosimo Trombetta dell'immortale scenetta di Totò con Mario Castellani. Un paragone perfetto. Il professorino antieuro farebbe bene a darsi allo studio della trombetta, visto che si diletta di musica (con assai migliori risultati che in politica ed economia).

https://themeticulous.altervista.org/blog/gli-onorevoli-trombetta/

https://vimeo.com/143127974

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

No, forse lo confondi con Siri. 

Comunque ero stato facile profeta. Marco Travaglio ha smerdato il patetico Bagnai da par suo, con la sua satira sulfurea. Il professorino di scorta di Salvini aveva paragonato Conte a Caligola e a Frankestein. Marco stamane paragona il senatore Bagnai all'on. Trombetta. Sì proprio lui, l'on. Cosimo Trombetta dell'immortale scenetta di Totò con Mario Castellani. Un paragone perfetto. Il professorino antieuro farebbe bene a darsi allo studio della trombetta, visto che si diletta di musica (con assai migliori risultati che in politica ed economia).

https://themeticulous.altervista.org/blog/gli-onorevoli-trombetta/

https://vimeo.com/143127974

 

o  forse  con  Borghi  altro  eccelso  economista...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, permafrost75 ha scritto:

ci sono quelli condannati per bancarotta fraudolenta e ci sono quelli che falsificano i curriculum e riescono a diventare Presidenti del Consiglio. Con l'appoggio di un Parlamento che viola almeno 4 articoli della Costituzione Italiana. Ma ciò non desta l'interesse di Magistratura demokratika, sempre solerte quando si tratta di perseguitar il nemico politico attraverso interpretazioni arbitrarie della legge.

 

voglio ricordare le *** politiche così, con un'immagine emblematica. Disposte a lustrare qualsiasi deretano, dalla destra estrema alla sinistra estrema, pur di scalare la piramide.

 

 

 

 

Conte_salvini_dimaio.jpg

Almeno 4 articoli della Costituzione violati? Citamene almeno uno. Mi sa che leggi troppi giornaletti della destraccia o guardi troppo Rete4, quella sì tv abusiva e incostituzionale (per una sentenza della Corte Costituzionale del 1994 doveva essere venduta o finire sul satellite).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, permafrost75 ha scritto:

considerato che la millantata erudizione non serve a mettersi al riparo da condizioni socioeconomiche paragonabili quasi a quelle di un qualsiasi paese del terzo mondo, direi che buona parte del meridione dovrebbe metter da parte l'invidia sociale (per il settentrione) che la consuma letteralmente e farsi spiegare dai rozzi celti come si costruisce una civiltà. 

 

detto questo poi, mi si dovrebbe speigare per quale motivo la scarsa alfabetizzazione dei padani preoccupa cosi tanto i comunisti meridionali, quando poi gli stessi vorrebbero sommergerci di senegalesi e nigeriani. 

Noi dovremmo farci spiegare dai rozzi celti come si costruisce una civiltà?? Scusa la curiosità, ma quando un certo Parmenide di Elea (provincia di Salerno) 25 secoli fa insegnava la matematica e la filosofia in una comunità civilissima e rifletteva sulla natura stessa dell'ESSERE, i rozzi celti dov'erano? Non è che per caso pendevano ancora dagli alberi? E non è che vi pendevano per le code? Scusami, eh.

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Noi dovremmo farci spiegare dai rozzi celti come si costruisce una civiltà?? Scusa la curiosità, ma quando un certo Parmenide di Elea (provincia di Salerno) 25 secoli fa insegnava la matematica e la filosofia in una comunità civilissima e rifletteva sulla natura stessa dell'ESSERE, i rozzi celti dov'erano? Non è che per caso pendevano ancora dagli alberi? E non è che vi pendevano per le code? Scusami, eh.

magari   da   questi   pseudo giornalisti  al  soldo  dai fasciodestri

 

Lo avevamo previsto stanotte e così è stato. Al Direttore di Libero dice male stavolta.

Denuncia, esposto e addirittura il Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti chiede pubblicamente scusa per lui

Ha sollevato un polverone l'intervento di Vittorio Feltri, essendo stato denunciato da Ruotolo e De Giovanni, prima dell'esposto all'OdG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, pm610 ha scritto:

magari   da   questi   pseudo giornalisti  al  soldo  dai fasciodestri

 

Lo avevamo previsto stanotte e così è stato. Al Direttore di Libero dice male stavolta.

Denuncia, esposto e addirittura il Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti chiede pubblicamente scusa per lui

Ha sollevato un polverone l'intervento di Vittorio Feltri, essendo stato denunciato da Ruotolo e De Giovanni, prima dell'esposto all'OdG

Feltri ha un'età e si droga con l'alcol per non pensare a quanto è caduto in basso. Bisogna capirlo, decenni fa era un buon giornalista, poi si è ridotto a fare il maggiordomo di Berlusconi, ora addirittura quello di Salvini e Meloni. E deve scrivere e dire stronz.ate per vellicare gli istinti più bassi della feccia che vota quei due e che legge quella carta da cesso che dirige. Ho visto il filmato e a me francamente mi ha indignato molto di più quello sguattero effeminato che non si è dissociato dalle parole dell'ubriaco, non gli ha chiesto di ritirarle e non ha tolto la parola al razzista. Ha solo commentato con il suo sorrisetto da ebete che quelle parole potevano costargli una fetta di audience. Poverino! Se Mediaset fosse un network nazionale serio e non la tv spazzatura di un delinquente, metterebbe alla porta a calci nel kulo quella latrina di conduttore. Quanto a Feltri, bisognerebbe ricoverarlo in una RSA. Nemmeno un alcolizzato oggi può ancora credere che la sanità lombarda sia un'eccellenza. Migliaia di pazienti campani andavano, ripeto andavano, in Lombardia solo perché qui non ci sono abbastanza posti letto. Ma in futuro con il cavolo che andranno negli ospedali di Formigoni, Fontana e Gallera. Penso che preferirebbero gli ospedali albanesi o quelli tunisini. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963