l'insolente maggiordomo

oggi scrive:  Invece sto mungitore Veneto parla parla e non sa un caz.z.o di niente . Gli unici concetti che riesce a mettere insieme sono “ Lei che dice sig. Frizz”? , “ Lei che ne pensa Sig. Maggiordomo.?”  “ Che colore e’ la macchina sig Buggy” ? . Questo idio ta non va oltre !! Mistifica , scappa , cambia argomento e si arrampica sugli specchi . Cerca alleati per sentirsi più “forte” ma in realtà e’ un poveraccio senza arte né parte che fino a poco tempo fa gironzolava su 7/8 forum pietendo  visibilità . Siccome  però la verità e’ solo una e mai più di una ....oggi mi da l'occasione di fargli una semplice domanda. Una piccola semplice domanda che lui odia perchè lo fa sobbalzare sulla sedia. 

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Eccelso maggiordomo di sommo statista nonchè suo servile svuotatore di pitali, il testo da lei scritto, che vado a riportare qui sotto, è frutto del suo sacco, oppure come penso, lei ha copiato di sana pianta?

Caro PM , a te , e non a qualche idio ta circolante sul forum , posso spiegarti il mio giudizio sulla riunione di ieri all’Eurogruppo . Ribadisco: la natura del mio post era quella di sbriciolare il solito post pseudogrillino del Cazzaro che tra poco nominava Giuseppi papa e beato . Ecco qua .  Mettiamola così : 
Il risultato ottenuto dal governo italiano è un risultato appena appena sufficiente soprattutto considerando la linea “avventurosa” di partenza, utile solo a un calcolo dozzinale di propaganda interna, ma in grado di irrigidire, anziché convincere, gli interlocutori ancora prima che si sedessero attorno al tavolo. I quali hanno interpretato la rigidità del “No MES, Sì Corona Bond”, come una replica in doppio petto delle note sbracature antieuropeiste della destra nazionalsovranista. 
Era chiarissimo da almeno una settimana che quella linea non sarebbe mai passata. Il fatto positivo è che si sia trovata una larga convergenza di principio, sull’istituzione dei, così detti, Recovery Bond, isolando la sola Olanda, che alla fine ha dovuto accettare che su questo la trattativa resti aperta con l’obbiettivo di emettere questi nuovi titoli di debito comune, o ascrivendoli al bilancio europeo, come proposto dalla Spagna, o da un fondo apposito, come proposto da Italia e Francia, che tuttavia presupporrebbe un esborso ulteriore rispetto al bilancio. La discussione è aperta e lo sarebbe stata anche nel caso di un accordo immediato, considerando che l’emissione di titoli di debito comune devono presupporre una armonizzazione delle politiche fiscali di tutti i partecipanti. Un lavoro “storico”, assolutamente giusto, ma complesso che mal si adattava ad una misura di cui disporre subito. Ma questo si sapeva da prima di lanciare quella parola d’ordine scriteriata. E questo è stato l’argomento principale che ha smontato, anche agli occhi della maggioranza favorevole ai Recovery Bond, la linea granitica del tutto e subito. Dire “In caso contrario faremo da soli” è stato un atto di bullismo politico che può essere consentito alla destra sfascista, alla ricerca della rottura per poter dire che l’Europa ci ha lasciati soli, non ad un governo responsabile della sorte di 60 milioni di persone! 
Oggi la situazione è migliore di ieri, perché le tre misure varate unanimemente, mettono anche l’Italia in condizione di disporre di somme  sui quali si è già impegnata coi suoi cittadini coi decreti di marzo e aprile. Dire oggi “OK, ma non useremo il MES”, che è stato radicalmente riformato, appare una ripicca autolesionista prima ancora che una meschinità, che fa perdere credibilità a chi lo dice. E se lo dice un capo di governo appare evidente tutta la sua inadeguatezza e la scarsa credibilità nel prosieguio della trattativa sui Recovery. Che vuol dire che l’unica condizionalità per accedere al MES, quella di usarne i fondi ai soli scopi sanitari, lo rende impraticabile? Si sputa sopra a un finanziamento a interessi prossimi allo 0, che possono essere usati per ammodernare ospedali e servizi territoriali, attrezzarli e reperire personale per rilanciare un SSN pubblico più efficiente e diffuso? Una ripicca che denota infantilismo politico!
Tutto è risolto e stiamo nella migliore Europa possibile? Certo che no, ma negare qualche  passo in  avanti ( grazie alla pazienza di Gualtieri )  e avere aperto prospettive nuove è un risultato che il governo dovrebbe valorizzare, invece che rifare il verso alla destra, bugiarda e avventurista, come sta facendo il M5S con Conte alla coda. Pessima propaganda.
Sono tornati euroscettici, fomentano l’opinione pubblica seminando rancore verso l’Europa “che ci ha lasciati soli” o, scambiando l’Italia e la Germania con la Cina, chiedendo che il governo tedesco censuri un giornalaccio, peraltro unico esempio anti italiano in tutta la stampa tedesca.
Purtroppo scontiamo un vizio di origine di questa Legislatura: un certo numero di italiani, inconsapevoli, ha messo la maggioranza del Parlamento nelle mani di un gruppo di neofiti incompetenti, privi di Visione, cultura di governo, intelligenza politica e responsabilità istituzionale.

Mi permetto di aggiungere che già ieri sera le avevo rivolto la domanda che lei questa mattina si è ben guardato di rispondere, ma poichè lei continua a fare lo sbruffone e l'insolente accusandomi di bugie e nefandezze varie mi vedo costretto a dimostrare che il bugiardo matricolato è lei e non io.

Attendo una sua risposta in merito qualora non lo faccia proseguirò con la mia dimostrazione di quanto bugiardo lei sia.

Buonaserata

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

28 messaggi in questa discussione

Lei non si deve permettere niente !! Lei deve fare come me . Io quando parlo dimostro quel che affermo . Con i fatti !! Lei bla bla bla !! Stop . Ed ora glielo dimostro di nuovo !! 

 
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Lei ricorda credendo di essere furbo . Gliela rinfresco io la memoria partendo dal presupposto che quel che conta non e’ da dove “deriva” un provvedimento , ma conta la data e da chi fu ratificato quell’accordo che poteva tranquillamente essere bocciato e non sarebbe mai entrato in vigore se fosse stato bocciato . Invece sto mungitore Veneto parla parla e non sa un caz.z.o di niente . Gli unici concetti che riesce a mettere insieme sono “ Lei che dice sig. Frizz”? , “ Lei che ne pensa Sig. Maggiordomo.?”  “ Che colore e’ la macchina sig Buggy” ? . Questo idio ta non va oltre !! Mistifica , scappa , cambia argomento e si arrampica sugli specchi . Cerca alleati per sentirsi più “forte” ma in realtà e’ un poveraccio senza arte né parte che fino a poco tempo fa gironzolava su 7/8 forum pietendo  visibilità . Siccome  però la verità e’ solo una e mai più di una , gliela dico io la data esatta della ratifica del MES e ci allego , poi , gli elenchi dei votanti .

“Il MES è stato presentato in Senato il 3 aprile 2012.
Il voto favorevole di Palazzo Madama è arrivato poi il 12 luglio, mentre l’approvazione definitiva è stata data dalla camera una settimana dopo, il 19 luglio 2012.
All’epoca era in carica il governo tecnico di Mario Monti.
A Montecitorio il via libera alla ratifica è stato dato con 353 voti favorevoli, 53 contrari, 36 astenuti e 214 assenti.
Tutti i 168 deputati del Partito Democratico presenti votarono a favore, cos’ come gli 83 parlamentari del Popolo della libertà, 30 dell’unione di centro e 14 di Futuro e Libertà.

La LEGA (con Roberto Maroni come segretario) fu l’unica che votò CONTRO (51 NO secchi) insieme a due voti ribelli all’interno del PDL (Guido Crosetto e Lino Miserotti).

Il giorno della votazione la futura leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, all’epoca deputata del Popolo GV della Libertà invece era assente, quindi non votò.

Questo sta a dimostrare che Conte non conosce la storia italiana e il suo accanimento contro l’opposizione è manifestato solamente per giustificare la sua inettitudine. 
 

Se invece di consulenti come “Er Mutanda” Casalino , commercialisti a capo della protezione civile (stendiamo un velo pietoso sul fatto delle mascherine) bibitari, disc jockey e altri simili avesse messo a capo dell’emergenza qualcuno con le “pall le” avrebbe fatto una migliore figura.
Tralasciamo poi chi si è messo a ridere dicendo che era solo una semplice influenza e chi ha detto che il virus in Italia non sarebbe mai arrivato e mi fermo qui !! 

Ah , l’elenco 
Disegni di legge

Atto Senato n. 3240

XVI Legislatura
 

Ratifica ed esecuzione del Trattato che istituisce il Meccanismo europeo di stabilità (MES), con Allegati, fatto a Bruxelles il 2 febbraio 2012

Titolo breve: Ratifica Trattato Meccanismo europeo di stabilità


Seduta n. 764 del 12 luglio 2012 - Votazione elettronica

Oggetto: Votazione finale

L'Assemblea del Senato «vota normalmente per alzata di mano». È quanto detta l'articolo 113 (secondo comma) del Regolamento del Senato. 
Come specificato nel titolo, le votazioni elencate in questa pagina sono quelle avvenute mediante il dispositivo elettronico. Per tutte le *** sui sistemi di voto in vigore in Senato, vedi gli articoli del Regolamento dal 107 al 120 (Capo XIII)

<< Torna all'elenco delle votazioni

 
  • Presidente: Emma BONINO
  • Presenti: 229
  • In congedo o in missione: 13
  • Numero legale: 154
  • Maggioranza: 114
  • Votanti: 227
  • Favorevoli: 191
  • Contrari: 21
  • Astenuti: 15

Esito: Approvato

Hanno votato a favore: 

Hanno votato contro: 

Si sono astenuti: 

In congedo o in missione: 

Disegni di legge

Atto Senato n. 3240

XVI Legislatura
 

Ratifica ed esecuzione del Trattato che istituisce il Meccanismo europeo di stabilità (MES), con Allegati, fatto a Bruxelles il 2 febbraio 2012

Titolo breve: Ratifica Trattato Meccanismo europeo di stabilità


Seduta n. 764 del 12 luglio 2012 - Votazione elettronica

Oggetto: Votazione finale

L'Assemblea del Senato «vota normalmente per alzata di mano». È quanto detta l'articolo 113 (secondo comma) del Regolamento del Senato. 
Come specificato nel titolo, le votazioni elencate in questa pagina sono quelle avvenute mediante il dispositivo elettronico. Per tutte le *** sui sistemi di voto in vigore in Senato, vedi gli articoli del Regolamento dal 107 al 120 (Capo XIII)

<< Torna all'elenco delle votazioni

 
  • Presidente: Emma BONINO
  • Presenti: 229
  • In congedo o in missione: 13
  • Numero legale: 154
  • Maggioranza: 114
  • Votanti: 227
  • Favorevoli: 191
  • Contrari: 21
  • Astenuti: 15

Esito: Approvato

Hanno votato a favore: 

Hanno votato contro: 

Si sono astenuti: 

In congedo o in missione: 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

questa chiaramente non è farina del suo sacco, ed è inutile che si arrampichi in cerca di scuse.

Lei è un bugiardo matricolato e ora faccio come lei,  lo dimostro.

Questo signori è il testo che lo zotico eccelso maggiordomo spaccia per suo.

Caro PM , a te , e non a qualche idio ta circolante sul forum , posso spiegarti il mio giudizio sulla riunione di ieri all’Eurogruppo . Ribadisco: la natura del mio post era quella di sbriciolare il solito post pseudogrillino del Cazzaro che tra poco nominava Giuseppi papa e beato . Ecco qua .  Mettiamola così : 


Il risultato ottenuto dal governo italiano è un risultato appena appena sufficiente soprattutto considerando la linea “avventurosa” di partenza, utile solo a un calcolo dozzinale di propaganda interna, ma in grado di irrigidire, anziché convincere, gli interlocutori ancora prima che si sedessero attorno al tavolo. I quali hanno interpretato la rigidità del “No MES, Sì Corona Bond”, come una replica in doppio petto delle note sbracature antieuropeiste della destra nazionalsovranista. 
Era chiarissimo da almeno una settimana che quella linea non sarebbe mai passata. Il fatto positivo è che si sia trovata una larga convergenza di principio, sull’istituzione dei, così detti, Recovery Bond, isolando la sola Olanda, che alla fine ha dovuto accettare che su questo la trattativa resti aperta con l’obbiettivo di emettere questi nuovi titoli di debito comune, o ascrivendoli al bilancio europeo, come proposto dalla Spagna, o da un fondo apposito, come proposto da Italia e Francia, che tuttavia presupporrebbe un esborso ulteriore rispetto al bilancio. La discussione è aperta e lo sarebbe stata anche nel caso di un accordo immediato, considerando che l’emissione di titoli di debito comune devono presupporre una armonizzazione delle politiche fiscali di tutti i partecipanti. Un lavoro “storico”, assolutamente giusto, ma complesso che mal si adattava ad una misura di cui disporre subito. Ma questo si sapeva da prima di lanciare quella parola d’ordine scriteriata. E questo è stato l’argomento principale che ha smontato, anche agli occhi della maggioranza favorevole ai Recovery Bond, la linea granitica del tutto e subito. Dire “In caso contrario faremo da soli” è stato un atto di bullismo politico che può essere consentito alla destra sfascista, alla ricerca della rottura per poter dire che l’Europa ci ha lasciati soli, non ad un governo responsabile della sorte di 60 milioni di persone! 
Oggi la situazione è migliore di ieri, perché le tre misure varate unanimemente, mettono anche l’Italia in condizione di disporre di somme  sui quali si è già impegnata coi suoi cittadini coi decreti di marzo e aprile. Dire oggi “OK, ma non useremo il MES”, che è stato radicalmente riformato, appare una ripicca autolesionista prima ancora che una meschinità, che fa perdere credibilità a chi lo dice. E se lo dice un capo di governo appare evidente tutta la sua inadeguatezza e la scarsa credibilità nel prosieguio della trattativa sui Recovery. Che vuol dire che l’unica condizionalità per accedere al MES, quella di usarne i fondi ai soli scopi sanitari, lo rende impraticabile? Si sputa sopra a un finanziamento a interessi prossimi allo 0, che possono essere usati per ammodernare ospedali e servizi territoriali, attrezzarli e reperire personale per rilanciare un SSN pubblico più efficiente e diffuso? Una ripicca che denota infantilismo politico!
Tutto è risolto e stiamo nella migliore Europa possibile? Certo che no, ma negare qualche  passo in  avanti ( grazie alla pazienza di Gualtieri )  e avere aperto prospettive nuove è un risultato che il governo dovrebbe valorizzare, invece che rifare il verso alla destra, bugiarda e avventurista, come sta facendo il M5S con Conte alla coda. Pessima propaganda.
Sono tornati euroscettici, fomentano l’opinione pubblica seminando rancore verso l’Europa “che ci ha lasciati soli” o, scambiando l’Italia e la Germania con la Cina, chiedendo che il governo tedesco censuri un giornalaccio, peraltro unico esempio anti italiano in tutta la stampa tedesca.
Purtroppo scontiamo un vizio di origine di questa Legislatura: un certo numero di italiani, inconsapevoli, ha messo la maggioranza del Parlamento nelle mani di un gruppo di neofiti incompetenti, privi di Visione, cultura di governo, intelligenza politica e responsabilità istituzionale.

Quest'altro è il testo copiato di sana pianta dal bugiardo matricolato

 

Il risultato ottenuto dal governo italiano è un buon risultato, soprattutto considerando la linea “avventurosa” di partenza, utile solo a un calcolo dozzinale di propaganda interna, ma in grado di irrigidire, anziché convincere, gli interlocutori ancora prima che si sedessero attorno al tavolo. I quali hanno interpretato la rigidità del “No MES, Sì Corona Bond”, come una replica in doppio petto delle note sbracature antieuropeiste della destra nazionalsovranista.

Era chiarissimo da almeno una settimana che quella linea non sarebbe mai passata. Il fatto positivo è che si sia trovata una larga convergenza di principio, sull’istituzione dei, così detti, Recovery Bond, isolando la sola Olanda, che alla fine ha dovuto accettare che su questo la trattativa resti aperta con l’obbiettivo di emettere questi nuovi titoli di debito comune, o ascrivendoli al bilancio europeo, come proposto dalla Spagna, o da un fondo apposito, come proposto da Italia e Francia, che tuttavia presupporrebbe un esborso ulteriore rispetto al bilancio. La discussione è aperta e lo sarebbe stata anche nel caso di un accordo immediato, considerando che l’emissione di titoli di debito comune devono presupporre una armonizzazione delle politiche fiscali di tutti i partecipanti. Un lavoro “storico”, assolutamente giusto, ma complesso che mal si adattava ad una misura di cui disporre subito. Ma questo si sapeva da prima di lanciare quella parola d’ordine scriteriata. E questo è stato l’argomento principale che ha smontato, anche agli occhi della maggioranza favorevole ai Recovery Bond, la linea granitica del tutto e subito. Dire “In caso contrario faremo da soli” è stato un atto di bullismo politico che può essere consentito alla destra sfascista, alla ricerca della rottura per poter dire che l’Europa ci ha lasciati soli, non ad un governo responsabile della sorte di 60 milioni di persone!

Oggi la situazione è migliore di ieri, perché le tre misure varate unanimemente, mettono anche l’Italia in condizione di disporre di alcune centinaia di miliardi sui quali si è già impegnata coi suoi cittadini coi decreti di marzo e aprile. Dire oggi “OK, ma non useremo il MES”, che è stato radicalmente riformato, appare una ripicca autolesionista prima ancora che una meschinità, che fa perdere credibilità a chi lo dice. E se lo dice un capo di governo appare evidente tutta la sua inadeguatezza e la scarsa credibilità nel prosieguio della trattativa sui Recovery.

Che vuol dire che l’unica condizionalità per accedere al MES, quella di usarne i fondi ai soli scopi sanitari, lo rende impraticabile? Si sputa sopra a un finanziamento di 40 miliardi, a interessi prossimi allo 0, che possono essere usati per ammodernare ospedali e servizi territoriali, attrezzarli e reperire personale per rilanciare un SSN pubblico più efficiente e diffuso? Una ripicca che denota infantilismo politico!

Tutto è risolto e stiamo nella migliore Europa possibile? Certo che no, ma negare i passi avanti e avere aperto prospettive nuove è un risultato che il governo dovrebbe valorizzare, invece che rifare il verso alla destra, bugiarda e avventurista, come sta facendo il M5S con Conte alla coda. Pessima propaganda.

Sono tornati euroscettici, fomentano l’opinione pubblica seminando rancore verso l’Europa “che ci ha lasciati soli” o, scambiando l’Italia e la Germania con la Cina, chiedendo che il governo tedesco censuri un giornalaccio, peraltro unico esempio anti italiano in tutta la stampa tedesca.

Purtroppo scontiamo un vizio di origine di questa Legislatura: un certo numero di italiani, inconsapevoli, ha messo la maggioranza del Parlamento nelle mani di un gruppo di neofiti incompetenti, privi di Visione, cultura di governo, intelligenza politica e responsabilità istituzionale.

Andrà davvero tutto bene? Speriamo.

L'eccelso bugiardo ha copiato da qui https://bezzifer.***.it/2020/04/10/quale-risultato-a-bruxelles/

 

 

Modificato da ahaha.ha
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non l’avevo mica visto sto post , Ahahahahahah , quindi  ? Sai che fo ?? Uppo alla faccia dell’idio ta !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si sbaglia eccelso buffone bugiardo, lei uppa alla vergognosa e ignobile figura di kakka che ha fatto.

Ha copiato di sana pianta facendo passare un articolo di giornale come fosse farina del suo sacco prendendo in giro il caro amico Pm, (e conseguentemente tutto il forum)

Il suo post copiato, inizia così: " Caro PM , a te , e non a qualche idio ta circolante sul forum , posso spiegarti il mio giudizio sulla riunione di ieri all’Eurogruppo . Ribadisco: la natura del mio post era quella di sbriciolare il solito post pseudogrillino del Cazzaro che tra poco nominava Giuseppi papa e beato ...............

PS: e poi viene a raccontarci che non aveva visto il post. Ma certo, le crediamo sulla parola, infatti bisogna accuratamente far finta di evitare i post che dimostrano il plagio (furto) commesso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Egregio, devo riconoscere che non sei uno che porge l'altra guancia, anzi sei uno che non arretra, che non molla la presa e che picchia duro. Bene così: con i FALSARI bisogna essere intransigenti. Ogni tanto bastonalo anche per me. E per tutti i forumisti seri e onesti. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamente sig fosforo è l'unico sistema per trattare con le persone boriose, piene di sé,  insolenti, bugiarde e disoneste.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Uppo anche oggi, per non dimenticare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Uppo anch’io . Buongiorno Sanchina con l’esaurimento nervoso 😀

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Azzzzz.,..

I due neuroni due, questa mattina dormono?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mhmhmhmhmhm...!! Me li accarezzeresti ?? Ahahahaha 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/11/2020 in 19:07 , ahaha.ha ha scritto:

oggi scrive:  Invece sto mungitore Veneto parla parla e non sa un caz.z.o di niente . Gli unici concetti che riesce a mettere insieme sono “ Lei che dice sig. Frizz”? , “ Lei che ne pensa Sig. Maggiordomo.?”  “ Che colore e’ la macchina sig Buggy” ? . Questo idio ta non va oltre !! Mistifica , scappa , cambia argomento e si arrampica sugli specchi . Cerca alleati per sentirsi più “forte” ma in realtà e’ un poveraccio senza arte né parte che fino a poco tempo fa gironzolava su 7/8 forum pietendo  visibilità . Siccome  però la verità e’ solo una e mai più di una ....oggi mi da l'occasione di fargli una semplice domanda. Una piccola semplice domanda che lui odia perchè lo fa sobbalzare sulla sedia. 

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Eccelso maggiordomo di sommo statista nonchè suo servile svuotatore di pitali, il testo da lei scritto, che vado a riportare qui sotto, è frutto del suo sacco, oppure come penso, lei ha copiato di sana pianta?

Caro PM , a te , e non a qualche idio ta circolante sul forum , posso spiegarti il mio giudizio sulla riunione di ieri all’Eurogruppo . Ribadisco: la natura del mio post era quella di sbriciolare il solito post pseudogrillino del Cazzaro che tra poco nominava Giuseppi papa e beato . Ecco qua .  Mettiamola così : 
Il risultato ottenuto dal governo italiano è un risultato appena appena sufficiente soprattutto considerando la linea “avventurosa” di partenza, utile solo a un calcolo dozzinale di propaganda interna, ma in grado di irrigidire, anziché convincere, gli interlocutori ancora prima che si sedessero attorno al tavolo. I quali hanno interpretato la rigidità del “No MES, Sì Corona Bond”, come una replica in doppio petto delle note sbracature antieuropeiste della destra nazionalsovranista. 
Era chiarissimo da almeno una settimana che quella linea non sarebbe mai passata. Il fatto positivo è che si sia trovata una larga convergenza di principio, sull’istituzione dei, così detti, Recovery Bond, isolando la sola Olanda, che alla fine ha dovuto accettare che su questo la trattativa resti aperta con l’obbiettivo di emettere questi nuovi titoli di debito comune, o ascrivendoli al bilancio europeo, come proposto dalla Spagna, o da un fondo apposito, come proposto da Italia e Francia, che tuttavia presupporrebbe un esborso ulteriore rispetto al bilancio. La discussione è aperta e lo sarebbe stata anche nel caso di un accordo immediato, considerando che l’emissione di titoli di debito comune devono presupporre una armonizzazione delle politiche fiscali di tutti i partecipanti. Un lavoro “storico”, assolutamente giusto, ma complesso che mal si adattava ad una misura di cui disporre subito. Ma questo si sapeva da prima di lanciare quella parola d’ordine scriteriata. E questo è stato l’argomento principale che ha smontato, anche agli occhi della maggioranza favorevole ai Recovery Bond, la linea granitica del tutto e subito. Dire “In caso contrario faremo da soli” è stato un atto di bullismo politico che può essere consentito alla destra sfascista, alla ricerca della rottura per poter dire che l’Europa ci ha lasciati soli, non ad un governo responsabile della sorte di 60 milioni di persone! 
Oggi la situazione è migliore di ieri, perché le tre misure varate unanimemente, mettono anche l’Italia in condizione di disporre di somme  sui quali si è già impegnata coi suoi cittadini coi decreti di marzo e aprile. Dire oggi “OK, ma non useremo il MES”, che è stato radicalmente riformato, appare una ripicca autolesionista prima ancora che una meschinità, che fa perdere credibilità a chi lo dice. E se lo dice un capo di governo appare evidente tutta la sua inadeguatezza e la scarsa credibilità nel prosieguio della trattativa sui Recovery. Che vuol dire che l’unica condizionalità per accedere al MES, quella di usarne i fondi ai soli scopi sanitari, lo rende impraticabile? Si sputa sopra a un finanziamento a interessi prossimi allo 0, che possono essere usati per ammodernare ospedali e servizi territoriali, attrezzarli e reperire personale per rilanciare un SSN pubblico più efficiente e diffuso? Una ripicca che denota infantilismo politico!
Tutto è risolto e stiamo nella migliore Europa possibile? Certo che no, ma negare qualche  passo in  avanti ( grazie alla pazienza di Gualtieri )  e avere aperto prospettive nuove è un risultato che il governo dovrebbe valorizzare, invece che rifare il verso alla destra, bugiarda e avventurista, come sta facendo il M5S con Conte alla coda. Pessima propaganda.
Sono tornati euroscettici, fomentano l’opinione pubblica seminando rancore verso l’Europa “che ci ha lasciati soli” o, scambiando l’Italia e la Germania con la Cina, chiedendo che il governo tedesco censuri un giornalaccio, peraltro unico esempio anti italiano in tutta la stampa tedesca.
Purtroppo scontiamo un vizio di origine di questa Legislatura: un certo numero di italiani, inconsapevoli, ha messo la maggioranza del Parlamento nelle mani di un gruppo di neofiti incompetenti, privi di Visione, cultura di governo, intelligenza politica e responsabilità istituzionale.

Mi permetto di aggiungere che già ieri sera le avevo rivolto la domanda che lei questa mattina si è ben guardato di rispondere, ma poichè lei continua a fare lo sbruffone e l'insolente accusandomi di bugie e nefandezze varie mi vedo costretto a dimostrare che il bugiardo matricolato è lei e non io.

Attendo una sua risposta in merito qualora non lo faccia proseguirò con la mia dimostrazione di quanto bugiardo lei sia.

Buonaserata

 

Si continua con arringhe più o meno offensive..come se non ci fosse altro mestiere che screditare il prossimo..ma non fa di noi esseri migliori..questo è l'inappellabile concetto...serve a poco o nulla..tanto la visibilità...tanto bramata..Non arriverà mai in questo modo..e forse neppure in un altro..la verità...è la mancanza di educazione e talento..con quella si nasce..Non si diventa bravi...e in questo forum...come in altri...a nostro parere..vediamo solo gente comune..che non potrà mai emergere..perché oltre ha non avere i mezzi...crediamo..neppure le spinte giuste..anche queste possono fare la fortuna è la differenza ...insomma accontentiamoci

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buonanotte Sanchina , sogni d’oro .   Ah , io uppo eh ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ha fatto bene torsolo di testicolo avvizito. Colpa di insonnia o dello spirito di vino?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusate ma io continuo ad uppare

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nonostante questo lo votano ancora. Kaxzo!

E non saprebbe fare altro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963