URLATORI BUFALARI SOPRAFFATTORI

Occupano  tutto  l'occupabile  ,  non  lasciano  parlare  le  parti  avverse ,   nonostante   l'intervento  dell' AGICOM  che  ha  comminato  sanzione  per  la troppa    visibilità   continuano  imperterriti  con il loro  presenzialismo e  loro  si  senza  alcun  contradditorio  su tutte  le reti  nazionali ,  di mediaset   del Cairo etc etc  etc  per  non   parlare  di certa  carta  stampata  che   di vero non   ha  nemmeno la  testata. ma  questo  è  sul MES  il resto  sono   fanfalucche  per  inebetiti

Recepimento del MES con Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011: Giorgia Meloni era Ministro

di Redazione Bufale | Aprile 11, 2020

  •  
  •  
3 agosto 2011 Recepimento del MES con Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011: Giorgia Meloni era Ministro Bufale.net
Si continua a parlare oggi 11 aprile del ruolo avuto da Giorgia Meloni per quanto riguarda l’approvazione del MES durante il governo Berlusconi, con qualche informazione in più che arriva dal Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011. Dettagli significativi, dopo le accuse di Conte da noi documentate in tempo reale e le repliche da parte di coloro che hanno preso le difese dell’attuale leader di Fratelli d’Italia. A loro dire, infatti, non avrebbe avuto alcuna responsabilità al momento della discesa in campo di questa importante novità per gli equilibri economici europei.

Giorgia Meloni ed il famoso Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011

Nello specifico, un contributo ulteriore sul peso avuto da Giorgia Meloni con la ratifica del MES arriva dal report *** riguardante il famoso Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011. Il documento è tutt’ora consultabile liberamente tramite sulla pagina web del Ministero degli Interni. Cosa scopriamo? Che riascoltando le parole di Giuseppe Conte, non possiamo dargli torto.

Benché il voto finale sul MES è arrivato solo a luglio 2012 sotto il governo Monti, con il PdL favorevole e con Giorgia Meloni assente al momento del voto, il procedimento di ricezione e ratifica (atto essenziale perché una norma di rango sovranazionale, di suo già parte in nuce dell’Ordinamento Nazionale, sia da esso armonizzata, accolta e recepita in accordo con le altre norme) era già avvenuta undici mesi prima.

 

Sostanzialmente, viene ratificato un provvedimento riguardante accordi internazionali in ambito economico, tramite il quale si crearono a suo tempo i presupposti per parlare di MES. Insomma, il 3 agosto 2011 non c’è stata la sua approvazione *** e definitiva, ma una prova sul fatto che il PdL, allora al governo con Giorgia Meloni Ministro dalla Gioventù, fosse già allora favorevole al progetto. Questo lo stralcio dedicato al MES a proposito CdM numero 149:

“Decisione del Consiglio europeo 2011/199/UE, che modifica l’articolo 136 del Trattato sul
funzionamento dell’Unione europea relativamente ad un meccanismo di stabilità (ESM- European Stability
Mechanism) nei Paesi la cui moneta è l’euro; obiettivo della Decisione è far sì che tutti gli Stati
dell’Eurozona possano istituire, se necessario, un meccanismo che renderà possibile affrontare situazioni
di rischio per la stabilità finanziaria dell’intera area dell’euro”.

Insomma, se da un lato si può dire che il procedimento di recezione del MES sia stato portato a compimento nel 2012 in Italia, sotto il governo Monti, si potrebbe aggiungere che tale esordio risalga al Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011 con il governo Berlusconi e con Giorgia Meloni ministro. E che vi è stato tempo a sufficienza per discutere dello stesso… senza dover accusare chi nel 2011 non era neppure parte dell’agone politico di doverlo fare.

 

Questo, al di là delle scelte politiche successivamente fatte dall’attuale leader di Fratelli d’Italia, e confermando quanto riportato dalla stampa nazionale in queste ore.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

E QUANDO LA RAI HA CONCESSO VERGOGNOSAMENTE A SALVINI UNO SPAZIO MOLTO SUPERIORE AGLI ALTRI NON AVEVA NULLA DA DIRE??? MEMORIA CORTA???
"Tra il primo e il secondo tempo della partita sullo schermo è comparso Matteo Salvini, che in qualche minuto ci ha spiegato perché mettere la X sullo stemma della Lega alle imminenti elezioni. Un vero e proprio comizio unilaterale senza contraddittorio".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963