la mozione dei celoduri, ecco il motivo...

Ecco perché la Lega voleva e vuole l'impunità per i dirigenti sanitariNessuna descrizione della foto disponibile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Ad inizio marzo la Regione Lombardia dava il via libera al ricovero di pazienti Covid nelle case di riposo. In cui ora la situazione è fuori controllo e gli anziani continuano a morire

«Gli anziani morivano e a noi, nonostante l’evidenza dei sintomi, dicevano che si trattava solo di bronchiti e polmoniti stagionali»: sono le parole del delegato Cgil, Pietro La Grassa, a proposito del Pio Albergo Trivulzio, oltre milletrecento anziani ricoverati, il polo geriatrico più importante d’Italia. «Il risultato è che ora al Trivulzio abbiamo sette reparti isolati completamente e due vuoti perché non accettiamo più nuovi pazienti. Nella struttura di Merate novanta sono sotto osservazione. Al Principessa Jolanda di via Sassi due reparti sono in isolamento». E poi «quando l’epidemia non si poteva più nascondere, ci è arrivato l’ordine di non trasferire più i pazienti nel pronto soccorso dove di solito ricevono le cure necessarie», prosegue La Grassa, «il che di fatto significa: lasciateli morire nei loro letti. Niente tamponi, ci mandano allo sbaraglio».

«Chiederci di ospitare pazienti con i sintomi del Covid 19 è stato come accendere un cerino in un pagliaio: quella delibera della giunta regionale l’abbiamo riletta due volte, non volevamo credere che dalla Regione Lombardia potesse arrivarci una richiesta così folle»: lo dice Luca Degani, il presidente di Uneba Lombardia, l’associazione di categoria che mette insieme circa 400 case di riposo lombarde.

C’è una delibera della giunta Lombarda, la numero XI/2906, dell’8 marzo 2020, che chiedeva alle Ats, le aziende territoriali della sanità, di individuare nelle case di riposo dedicate agli anziani strutture autonome per assistere pazienti Covid 19 a bassa intensità. «Come potevamo accettare malati ai quali non era stato fatto alcun tampone né prima né dopo? Senza dire che il nostro personale sarebbe stato comunque a rischio. Si sono infettati medici e sanitari in strutture molto più attrezzate della nostra. Non ci hanno dato i dispositivi di protezione ma volevano darci i malati… insomma», racconta Degani.

Insomma no, non è andato tutto bene e sarebbe ora di smetterla di credere che il giornalismo debba solo celebrare la retorica del state tutti a casa e del si è fatto tutto il possibile. Questi fatti sono avvenuti nella Lombardia che ogni giorno ci tiene a fare la voce grossa contro il governo. E indovinate un po’ chi aveva proposto lo scudo penale in difesa dei dirigenti sanitari lombardi? Sì, proprio la Lega, quello stesso partito che in Lombardia governa e nomina i dirigenti. Accadeva tutto mentre Salvini cercava di distogliere l’attenzione sostituendosi al papa e chiedendo l’apertura delle chiese a Pasqua. E intanto avveniva questa porcata.

No, non è andato tutto bene e qualcuno dovrà risponderne. Perché quando si poserà la polvere dell’emergenza sarebbe il caso che ognuno si assuma le proprie responsabilità. Ognuno.

Buon lunedì.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, pm610 ha scritto:
Ecco perché la Lega voleva e vuole l'impunità per i dirigenti sanitariNessuna descrizione della foto disponibile.

In pratica è come per Malpensa dove, se non è celodura, mandata da Papy o di C&F (Comunione e Fatturazione), non prendono neanche una ragazza per fare le pulizie. Se non proprio la laurea in Scienze Celodure (titolo preferito soprattutto se conseguito a Tirana, Facoltà in Celoduria, dipartimento in Scienze Celodure), come   minimo serve il timbro Bananas Celoduroso o Papyco. Altrimenti c'è il coprifuoco e il fuoco incrociato delle truppe e delle ronde celodure assetate di sangue è tremendo.

Peggio del Bataclan.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

38 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

In pratica è come per Malpensa dove, se non è celodura, mandata da Papy o di C&F (Comunione e Fatturazione), non prendono neanche una ragazza per fare le pulizie. Se non proprio la laurea in Scienze Celodure (titolo preferito soprattutto se conseguito a Tirana, Facoltà in Celoduria, dipartimento in Scienze Celodure), come   minimo serve il timbro Bananas Celoduroso o Papyco. Altrimenti c'è il coprifuoco e il fuoco incrociato delle truppe e delle ronde celodure assetate di sangue è tremendo.

Peggio del Bataclan.

 

Scommetto un caffè che la Lega si tira indietro, la Fascistella di Italia scatena la canea giustizialista e col cerino in mano del colpo di spugna rimangono quel pirlotto di Andrea Marcucci, il Partito Democratico e i Grullini.

Modificato da cortomaltese-im

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963