CHI CAVALCA LA PROPAGANDA ?

Ma purtroppo lei sa benissimo che cosi facendo aumenterà e rafforzerà i suoi consensi.......🤢🤢🤢🤢
L'immagine può contenere: 2 persone, primo piano

Siamo al colmo. E' il   colmo...
Al più colossale tentativo di ribaltamento della realtà.

Sentite queste parole: "Sono rimasta abbastanza stupita dal fatto che il presidente Conte abbia definito le nostre proposte sarebbero pretestuose e irrealizzabili….il governo preferisce fare propaganda".

Sono le ciniche parole della Meloni. Le ha dette poco fa. Le ha dette perché Giuseppe Conte, sfiancato dalle sue infantili “proposte”, le ha infine (gentilmente) definite come pretestuose e irrealizzabili. Quindi, automaticamente, sarebbe lui a preferire la propaganda.

Capito? Lei che propone di far piovere denaro “con un click” a tutti senza controlli preventivi è quella seria, concreta, collaborativa. Lui, che con un’educazione infinita ha definito quella sorta di “idea” per ciò che è, diventa uno che “preferisce la propaganda”. Non lei che vuole far piovere il denaro dal cielo. Quella non è propaganda. Ma lui che definisce quel “progetto” irrealizzabile.

Ci sarebbe da ridere. Ma davvero tanto.
Se non fosse che, purtroppo, il danno la Meloni l’ha già provocato. Perché l'intento è stato raggiunto: convincere una parte della gente che fosse Conte quello cattivo perché non fa avere mille euro a testa.

Ecco. Capiamo allora come funzione la macchina sovranista? Capiamo come alimenta l’ignoranza e diffonde il veleno?

Perché, ricordiamoci, solo tramite queste due cose può contare di avere successo. Solo tramite ignoranza. E veleno. Tanto, tantissimo veleno.

[Leonardo Cecchi]

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Senza parole ALLO SCIACALLAGGIO  NON   CI  SONO  LIMITI  PER  LA  LEGA 
 
 
 

Propaganda 365 giorni l'anno.
Neanche la pandemia li ferma: sciacallaggio oltre ogni immaginazione: vergogna.

L'immagine può contenere: una o più persone e persone sedute

Mentre in tutta Italia i cittadini di buon senso fanno il loro dovere civico rimanendo in casa per proteggere se stessi e i loro cari, in Toscana la destra sta sfruttando la penuria di presidi medici per fare la propria campagna elettorale.
A Massa, città già fortemente colpita dall'emergenza Coronavirus, l'amministrazione comunale leghista ha posizionato dei banchetti fuori dalle farmacie comunali per consegnare le mascherine alla cittadinanza, previa esibizione del DOCUMENTO DI IDENTITÀ e AUTODICHIARAZIONE dello STATO DI FAMIGLIA.
Un'azione incosciente che ha portato a creare code di un'ora e mezzo e un assembramento tale da richiedere l'intervento della Polizia Municipale.

A quale titolo l'amministrazione comunale deroga ai DPCM e sollecita le persone a riversarsi per strada?

Come vengono trattati i DATI PERSONALI delle persone che presso tali banchetti si recano per prendere mascherine?

Sono a conoscenza del fatto che la Protezione Civile è l'unico ente incaricato nella consegna delle mascherine?

Questo non è il momento della propaganda, ma della responsabilità.
Restiamo in casa.
Denunciamo comportamenti scorretti.
Proteggiamoci.

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2019: Salvini caccia Boeri e mette Tridico a capo dell'INPS
2020: Salvini invoca le dimissioni di Tridico
Sipario

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963