Per la precisione

Lo SPRED scende a 150.

Mica come quando c era il PARTITO DEI LADRONI pdl. Lo SPRED  era a 560.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

chiede al tuo amico monti,voluto dall'emerito kompagno,quanto era lo spred con lui!! vabbè che sei un rinco...ma basta guardare su intenet!! o ti serve solo per guardare i *uletti dei tuoi amici con i boa??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 3/8/2017 in 16:43 , wronschi ha scritto:

Lo SPRED scende a 150.

Mica come quando c era il PARTITO DEI LADRONI pdl. Lo SPRED  era a 560.

Non hai ancora capito che chi muove i fili dello spread è il sistema finanziario?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, virus128 ha scritto:

Non hai ancora capito che chi muove i fili dello spread è il sistema finanziario?

Dovrebbe capirlo anche la tua parte antidemocratica, ma non lo capiscono..quando era arrivato a quasi 200 gridavate allo scandalo !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Il ‎03‎/‎08‎/‎2017 in 16:43 , wronschi ha scritto:

Lo SPRED scende a 150.

Mica come quando c era il PARTITO DEI LADRONI pdl. Lo SPRED  era a 560.

Solo "per la precisione" (cioè il titolo di questa discussione) e non certo per difendere il Delinquente (che con Tremonti fece disastri inenarrabili e fece crollare sotto zero la credibilità dell'Italia nei mercati finanziari, fino a renderci oggetto di speculazioni selvagge), ma lo spread Bund-BTP salì a quei valori abnormi che citi solo nell'ultima fase del suo governo. In precedenza i valori erano prossimi a quelli attuali, anche inferiori, ma in un contesto molto diverso e per noi assai più sfavorevole. All'epoca non c'era (o era appena insediato) San Mario Draghi alla BCE e non c'era il suo provvidenziale (per noi) Quantitative Easing  (60 miliardi al mese di titoli di Stato acquistati dalla BCE). Il cambio euro/dollaro era assai meno favorevole di quello attuale per le nostre esportazioni, ma anche per quelle della Germania che esporta molto più di noi. Il costo del denaro era molto più alto, ed è chiaro che 150 punti di spread del 2017 non possono essere banalmente equiparati a 150 punti di spread del 2010 quando il tasso di sconto o di riferimento (quello praticato dalla BCE verso le banche private) era ben maggiore di quello attuale (pari a zero o addirittura negativo). L'unico indicatore che ci sfavorisce rispetto ai tempi di Berlusconi è il tasso di inflazione che oggi è sensibilmente più basso e appesantisce, a parità di tassi nominali, il costo reale del nostro debito pubblico. In effetti oggi l'inflazione in Italia è di oltre mezzo punto più bassa che in Germania mentre negli anni 2009-2011 i due tassi erano circa uguali. 

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

 

Solo "per la precisione" (cdivertente

 

ioè il titolo di questa discussione) e non certo per difendere il Delinquente (che con Tremonti fece disastri inenarrabili e fece crollare sotto zero la credibilità dell'Italia nei mercati finanziari, fino a renderci oggetto di speculazioni selvagge), ma lo spread Bund-BTP salì a quei valori abnormi che citi solo nell'ultima fase del suo governo. In precedenza i valori erano prossimi a quelli attuali, anche inferiori, ma in un contesto molto diverso e per noi assai più sfavorevole. All'epoca non c'era (o era appena insediato) San Mario Draghi alla BCE e non c'era il suo provvidenziale (per noi) Quantitative Easing  (60 miliardi al mese di titoli di Stato acquistati dalla BCE). Il cambio euro/dollaro era assai meno favorevole di quello attuale per le nostre esportazioni, ma anche per quelle della Germania che esporta molto più di noi. Il costo del denaro era molto più alto, ed è chiaro che 150 punti di spread del 2017 non possono essere banalmente equiparati a 150 punti di spread del 2010 quando il tasso di sconto o di riferimento (quello praticato dalla BCE verso le banche private) era ben maggiore di quello attuale (pari a zero o addirittura negativo). L'unico indicatore che ci sfavorisce rispetto ai tempi di Berlusconi è il tasso di inflazione che oggi è sensibilmente più basso e appesantisce, a parità di tassi nominali, il costo reale del nostro debito pubblico. In effetti oggi l'inflazione in Italia è di oltre mezzo punto più bassa che in Germania mentre negli anni 2009-2011 i due tassi erano circa uguali. 

Saluti

Si ok tutto quello che vuoi...ma fammi capire perche'  quando era a 560 o forse +  non si scandalizzava m5s...o PDL...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963