IL NUOVO NOBEL PER L'ECONOMIA

Questo  era  successo  a  mio    padre,  aveva   10.000  lire  che   aveva  messo in società  con    una   ditta negli  anni  35  del  secolo  scorso   con  quella   cifra   avrebbe  potuto   comperare   una  bella   casa   ... purtroppo    fu  richiamato e  quei  soldi  non  li  pote spendere  ,  ritornato  dalla  guerra dopo  la  prigionia  in  Germania   sapete     cosa   compro  con  quei  soldi   ?  Due  copertoni  per  la  bicicletta  con  l'avanzo  di  2000 lire ....  ora  vedete    voi   cosa  e  dove ci  potrebbe  portare  il   coso  con  le  sue  idee da   esimio  economista...

L'immagine può contenere: testo

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

23 messaggi in questa discussione

Ma capire chi lo vota è più difficile....sicuramente i ladri, ancora più attratti che non con il berlu.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, pm610 ha scritto:

Questo  era  successo  a  mio    padre,  aveva   10.000  lire  che   aveva  messo in società  con    una   ditta negli  anni  35  del  secolo  scorso   con  quella   cifra   avrebbe  potuto   comperare   una  bella   casa   ... purtroppo    fu  richiamato e  quei  soldi  non  li  pote spendere  ,  ritornato  dalla  guerra dopo  la  prigionia  in  Germania   sapete     cosa   compro  con  quei  soldi   ?  Due  copertoni  per  la  bicicletta  con  l'avanzo  di  2000 lire ....  ora  vedete    voi   cosa  e  dove ci  potrebbe  portare  il   coso  con  le  sue  idee da   esimio  economista...

L'immagine può contenere: testo

Non sarebbe neanche una cattiva idea se si continua a stampare denaro in eterno per far fronte all'inflazione.

Ma chi è l'economista quello che ha diviso 400 milioni su 60 milioni?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Avevo già accennato al rischio inflazione. Che probabilmente sarà il modo con cui i ricchi spalmeranno i danni economici della pandemia sul resto della popolazione. Con il bel risultato di incrementare povertà e disuguaglianze. Come ben sanno gli economisti seri (specie in via di estinzione), il denaro non è ricchezza ma solo un mezzo di scambio. Quindi la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta. Perché anche se prendiamo tutto il denaro del mondo e lo buttiamo nel cesso, la vita continua. Ritorneremmo all'economia del baratto e all'economia del dono, cioè ai sistemi che hanno accompagnato l'umanità per almeno la metà della sua storia e per tutta la preistoria.  Se invece inondiamo il mondo di liquidità, come nella Repubblica di Weimar, milioni di persone moriranno di fame.

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Come ben sanno gli economisti seri (specie in via di estinzione), il denaro non è ricchezza ma solo un mezzo di scambio. Quindi la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta.

Come universalmente noto, se il PIL diminuisce allora le banche centrali devono ridurre l'offerta di moneta.

Il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 dimostra di non avere mai aperto un qualsiasi manuale di macroeconomia.

Non ho scritto "letto". Ho scritto "aperto".

Dirò di più: il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 un testo di macroeconomia non lo ha mai usato nemmeno come zeppola per stabilizzare un tavolo traballante.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Spiegalo ai vari Salvini, Bagnai & C. che vorrebbero stampare PIÙ moneta come se fosse una medicina antivirus, e magari stamparla pure in lire. Cioè vorrebbero INCREMENTARE l'offerta di moneta. Passi per il quadrupede leghista, ma chissà se il prof. Bagnai, che vuole regalare, giusto per iniziare, 1000 euro a cranio (cioè 60 miliardi), ha mai aperto un libro di macroeconomia, non è vero? Tu forse l'hai aperto ma ci hai capito poco. E ignori che le banche centrali europee ritirano le banconote usurate e stampano (letteralmente) ogni anno miliardi di nuove banconote (circa 2 miliardi di pezzi solo per quella da 50 euro). Quindi ripeto: il forte calo del PIL dovrà rallentare le stampanti delle banche centrali. 

Ma cerca di essere meno pedante. "Stampare moneta", per me come per Bagnai e tutti gli economisti, significa incrementare l'offerta di liquidità. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Risulta palese che ti mancano le basi. Nel senso che blateri senza avere la più pallida idea dell'argomento di cui blateri.

Un punto di partenza per rimediare potrbbe essere

https://danboak.files.wordpress.com/2017/09/dornbush-macro.pdf

Non mancare di farmi sapere in quale manuale di macroeconomia hai letto che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta ".

Per rendere più interessante la sfida: se trovi un manuale di macroeconomia dove si legge che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta " il sottoscritto sparisce dal forum.

Se non trovi un manuale di macroeconomia dove si legge che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta " sei tu che togli le tende, come avresti già dovuto fare da tempo.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Mi perdoni sig ilsauro ma lei prova degli or-gasmi nelle sue critiche al "cazzaro napoletano"?

Sembrerebbe proprio di sì, mi sbaglio?

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Mi perdoni sig ilsauro ma lei prova degli or-gasmi nelle sue critiche al "cazzaro napoletano"?

Sembrerebbe proprio di sì, mi sbaglio?

Egregio, ognuno raggiunge i suoi *** come può. E se un forumista non si rende conto del ridicolo in cui sprofonda, noi non possiamo stare dalla mattina alla sera a farglielo notare. Ma alla fine in questo periodo è più che naturale per il sig. Sauro essere più in confusione del solito. Chiede a me dove ho letto che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL".   Roba da matti! Non l'ho letto da nessuna parte, è un concetto ragionevole e ovvio, in condizioni normali, per una economia non gravemente bacata, sul medio e lungo periodo. Se il PIL non cresce ma cresce l'offerta di moneta (che è esattamente la quantità di moneta in circolazione nel sistema economico) vi possono essere effetti di breve periodo ma alla lunga, se l'offerta continua a essere sproporzionata rispetto al PIL (reale), non c'è niente da fare: si genera inflazione. E se si insiste si genera iperinflazione. Questo ci dice il ragionamento e questo ci dice la storia. Le chiacchiere e i pdf del rag. Fantozzi stanno a zero. Se cosi non fosse, la moneta sarebbe ricchezza e non esisterebbero paesi poveri. Tutti potrebbero arricchirsi, o almeno scongiurare la fame, semplicemente stampando moneta come propongono Salvini e i suoi pennivendoli.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Aggiungo: e non esisterebbe disoccupazione nei paesi ricchi. Oggi lo Stato non deve regalare soldi a pioggia. Deve aiutare solo chi non ha i soldi per mangiare e deve investire per creare occupazione.

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Chiede a me dove ho letto che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL".   Roba da matti! Non l'ho letto da nessuna parte

Il cazzaro seriale ammette candidamente che una ca_ga_ta del genere non ha avuto modo di leggerla da nessuna parte.

Come dicono a Roma: e te credo !

Adesso il cialtronissimo cazzaro seriale non deve fare altro che chiedersi per quale ragione non abbia letto da nessuna parte la ca_ga_ta che ha scritto.

27 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Le chiacchiere e i pdf del rag. Fantozzi stanno a zero.

Il pdf è firmato da Rudiger Dornbusch

https://it.wikipedia.org/wiki/Rudi_Dornbusch

30 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Questo ci dice il ragionamento e questo ci dice la storia.

Il ragionamento di chi? Che il ragionamento sia fatto da un economista è da escludersi. Basta studiare

https://danboak.files.wordpress.com/2017/09/dornbush-macro.pdf

Ma soprattutto di quale storia sta blaterando il cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31?

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Fai una cosa, fammi sapere tu dove sta scritto, nel PDF che hai allegato, che incrementando l'offerta di moneta si sostengono il PIL e l'occupazione sul medio e lungo periodo. Se Dornbush ha scritto questa provolonata pazzesca, allora buon per te. Potrà darti una mano a pulire le spiagge. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ricordo al cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 che stiamo parlando di questo:

"la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta " .

Nel manuale di Dornbusch una ca_ga_ta del genere non la troviamo scritta. Per convincersene basta leggere il testo di Dornbusch.

Sono tetragonamente certo che una ca_ga_ta del genere non la leggiamo nemmeno nel testo di Blanchard, non la leggiamo nemmeno nel testo di Mankiw, non la leggiamo nemmeno nel testo di Krugman. 

Un motivo deve pur esserci. Probabilmente ci azzecca il fatto che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta " è una sesquipedale ca_ga_ta.

L'ennesima sesquipedale ca_ga_ta economica firmata dal cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Se la mia considerazione non è esplicitata è perché è del tutto ovvia. Se il PIL europeo nel biennio 2020-2021 sarà decisamente più basso di quello del 2019, come tutto (salvo miracoli) lascia pensare che sarà, calerà forse in misura minore, ma sempre in modo netto, anche lo stock di moneta circolante. E la stessa cosa accadrà a livello mondiale (eccetto economie drogate e in preda all'inflazione). Accettasi s.commesse. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ricordo  benissimo  quando  l'inflazione   viaggiava    a  due  cifre  e  chi   aveva  la  fortuna    di  avere  un  prestito  dalla  banca   dopo   5  anni  si  vedeva  il  capitale   da  restituire    raddoppiato... allora  il  debito correva  e  come  correva   i  BOT   erano  arrivati  ad   avere  interessi  al  18  % e  anche  oltre   ma  già   chi  ha  messo  le  mani   nelle  tasche  degli  Italiani   sono   quelli   di  sx...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Sprechiamo acqua e sapone per lavare l'asino fosforo31, nella piena consapevolezza che lavare gli asini con acqua e sapone è il modo migliore per sprecare entrambi.

Ricordo al cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 che stiamo parlando di questo:

"la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta " .

Il PIL reale italiano negli anni 2008 e 2009 è diminuito

Real GDP for Italy.jpg

Nel medesimo periodo in Italia gli aggregati monetari sono aumentati

Aggregati monetari.jpg

La ovvia considerazione formulata dal cialtronissimo cazzaro seriale fosforo31 è che "la quantità di moneta in circolazione deve essere proporzionata al PIL. Dunque, se il PIL diminuirà, bisognerà stampare meno moneta" . Diversamente avremo iperinflazione, garantisce il cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31.

Negli anni in esame l'indice HICP (Harmonised Indices of Consumer Prices) per l'Italia ha fatto registrare a fine anno i dati seguenti:

2007 2,77%

2008 2,36%

2009 1,10%

2010 2,07%

Purtroppissimo per il cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31, la ovvia considerazione da lui formulata viene sbugiardata dalla realtà.

Per l'ennesima volta rivolgo al cialtronissimo coppoladiminchia panzanaro fosforo31 le parole che seguono

TEST TEST TEST LA PIZZA DI MICHELE E FACCI SAPERE

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Modificato da ilsauro24ore

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gli anni che devi considerare sono ovviamente quelli successivi al picco negativo del PIL, probabilmente i più difficili per le famiglie italiane che furono costrette a tirare la cinghia. Eppure, nonostante il calo di domanda, cioè dei consumi reali (a prezzi costanti)  l'inflazione crebbe: dal 1,1% del 2009 al 2,07% del 2010 e al 3,73% del 2011. E rimase alta anche nel successivo 2012 (quando i consumi crollarono). Motivo? C'era troppa moneta in circolazione in relazione a un PIL non ancora ritornato ai livelli pre-crisi. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vale appena il caso di sottolineare che tra il 2007 e il 2009 gli aggregati monetari aumentano del 17%.

Che la troppa moneta in circolazione rispetto al PIL abbia creato inflazione è l'ennesima ca_ga_ta del cialtronissimo cazzaro fosforo31

Vale appena il caso di riìcordare che il tasso di inflazione pari al 2% è l'obiettivo che la BCE sta fallendo da anni.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No  Komment    già  ma  vi  immaginate   se  ci  fosse  stato  ancora   Boeri  quanti  e  quali  beceri  commenti ? L'immagine può contenere: 1 persona, il seguente testo "NO CAPITAN MOJITO NON TE LA CAVI CON "NO Matteo Salvini @matteosalvinimi No comment. #INPSdown inps.it IL SERVIZIO NON E' AL DISPONIBILE TRIDICO PRESIDENTE DELL'INPS LO HAI MESSO TU. CHIEDI SCUSA AGLI ITALIANI"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Continua  imperterrito a  seminare  bufale    assorbite  da    menti labili ....
 
 
L'immagine può contenere: 1 persona

Da ormai diversi giorni, senza che alcun giornalista si prenda mai la briga di farglielo notare durante un'intervista, Matteo Salvini continua a ripetere che, in Svizzera, lo Stato garantirebbe fino a 500.000 franchi sul conto di ognuno compilando un semplice foglio.

Bene, è persino pietoso doverlo specificare, ma è una bufala.

1. La Svizzera NON versa sui conti dei cittadini fino a 500.000 franchi. Garantisce un PRESTITO alle aziende pari al 10% del loro fatturato, fino a un massimo di 500.000 franchi. In quanto PRESTITO, alle aziende spetta poi il compito di restituire la cifra ottenuta entro cinque anni;

2. Non solo il prestito non è versato ai cittadini, ma nemmeno a tutte le aziende. Per potervi beneficiare è necessario rispettare vari requisiti (il prestito può essere utilizzato solo per le liquidità correnti; l'impresa deve comprovare un calo del fatturato a causa del Covid-19; l'impresa non deve essere sottoposta a una procedura di fallimento o a una procedura concordataria; etc.)

3. I 600 euro che lo Stato italiano versa non alle imprese, ma ai cittadini con partita Iva, non sono un prestito e non vanno restituiti;

4. Il fondo per le imprese esiste anche in Italia, si chiama Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese, e non c'entra nulla con il bonus per le partite Iva;

5. Non è vero nemmeno che basta "un solo foglio". La richiesta di credito si compone di 7 passaggi online, alcuni dei quali richiedono (ovviamente) che ci si procuri la documentazione necessaria. Al termine dei 7 passaggi, viene generato il foglio con la richiesta di credito, da inoltrare alla banca.

Matteo Salvini è un bugiardo patologico e in malafede. Ma peggio di lui ci sono i cretini che gli vanno dietro e quei reggimicrofono che gli consentono di aumentare la platea dei cretini.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Oggi    sembra  che  il  governo  stanzi 200  Miliardi   a  quanto  rialzerà il  coso  per   essere  abbastanza   adesso  ?

Voleva  25  mil.  il  governo  li  stanzia  , non  sono abbastanza  ne  vuole  50 il  coso  , il  governo   ne  stanzia   50  il coso  rialza a 100   .....etc etc etc etc   ..

  CHI  E'  IL  CIARLATANO  ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2019: Salvini caccia Boeri e mette Tridico a capo dell'INPS
2020: Salvini invoca le dimissioni di Tridico
Sipario

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Mojito ci ha salvati. Papeete patrimonio dell'umanità. 😹😹😹😹 quando era al governo non ha trovato un centesimo per abbassare le accise , non ha abrogato la Fornero , non ha spedito a casa loro i 600 mila clandestini ora è diventato quello della bacchetta magica ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963