profugo non paga taxi:deve essere a carico degli italiani!!

La situazione è totalmente fuori controllo, il sentimento di impunità che ormai gli etnolesi dei media di distrazione di massa e del governo hanno inculcato nelle teste dei coloni africani è debordante.Ieri sera a Milano un sedicente profugo somalo ha chiamato un taxi per tornare a ‘casa’, dall’ospedale dove era ricoverato. Per inciso, il fancazzista abita al Memoriale della Shoah di piazza Safra, nei locali in gestione alla famigerata Comunità di Sant’Egidio. Tutto a spese nostre.

Il fancazzista africano, al momento di pagare i 42 euro della corsa, si è rifiutato adducendo la tesi che i soldi erano “a carico dell’ospedale”, ovvero dei contribuenti italiani.Il tassista ha chiamato la polizia, ma alla fine non ha nemmeno denunciato il fancazzista. Errore. Perché anche se probabilmente è inutile, aumenta il loro senso di impunità.

Il rifugiato somalo ha ribadito agli agenti di non avere alcuna intenzione di pagare la corsa, ostinandosi a dichiarare che la somma era a carico degli italiani.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora