tratta delle schiave

E’ stata “comprata” in Nigeria al costo di tremila euro, poi con tanti altri “schiavi” ha attraversato l’inferno del deserto libico e il Mediterraneo su un barcone prima di giungere in Italia, a Castel Volturno, nel Casertano, dove è finita lungo la statale Domiziana come prostituta.

E’ la storia di un ragazza nigeriana di 32 anni ricostruita, nel suo lungo percorso tra due continenti, dalla DDA di Napoli e dai carabinieri della Compagnia di Mondragone che hanno fermato i suoi “aguzzini”, un uomo e una donna nigeriani, entrambi 32enni; i due, che convivono in un’abitazione di Castel Volturno, rispondono dei reati di tratta di esseri umani e riduzione in schiavitù con la finalità dello sfruttamento della prostituzione. (ANSA).la presidenta è al corrente?????

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

storia vera o creata ad hoc ke sia, come nn ne accadessero mai, pensi ke alla pasionaria da strapazzo SI+PD (specifico così qualcuno vive meglio) potrebbe importargliene qualcosa?  in fin dei conti gli aguzzini della ragazza x lei son risorse dis-umane.

Modificato da uvabianca111

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, uvabianca111 ha scritto:

storia vera o creata ad hoc ke sia, come nn ne accadessero mai, pensi ke alla pasionaria da strapazzo SI+PD (specifico così qualcuno vive meglio) potrebbe importargliene qualcosa?  in fin dei conti gli aguzzini della ragazza x lei son risorse dis-umane.

Siete 2 deficien.ti convlamati. Te e Direttoretto . Non siete buoni nemmeno per fare il brodo . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, mark20172 ha scritto:

Siete 2 deficien.ti convlamati. Te e Direttoretto . Non siete buoni nemmeno per fare il brodo . 

tu invece sei il solito PDisfatto.

dimmi, il brodo é vegetale o con cottura di carni? se nn é vegetale, bevilo pure tu.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora