Nessuno apre bocca !! Nemmeno il Bufalaro Napoletano . Chissà perché ...!!

Strano , oggi tutti zitti . Eppure la notizia meritava qualche commento . Invece , Cazzari , ebe ti , destrebeti , professionisti della menzogna , incolpatori di Renzi in particolare e del PD in generale , non aprono bocca . Chissà se ricordami quel che dicevano sul Job Act. Non lo ricordate ?? Lo rammento io . Dicevano che avrebbe fatto sfracelli è che la disoccupazione sarebbe andata alle stelle è che Renzi ed il PD avrebbero messo il Paese in ginocchio . Invece ....,,,,,,,,,,,,..,,,,,,,,,,,,,,,,...,....,,...,,,,,,,,,..,,,..,,,,,,..,Il tasso di disoccupazione a giugno scende all’11,1% in calo di 0,2 punti rispetto a maggio. Lo rileva l’Istat spiegando come il valore torni ai livelli di settembre-ottobre 2012, dopo il lieve aumento di maggio. La stima degli occupati a giugno cresce dello 0,1% rispetto a maggio (+23 mila) e il tasso di occupazione – altra variabile da valutare per una analisi più attendibile del mercato del lavoro – si attesta al 57,8%, in aumento di 0,1 punti percentuali. Continuano dunque ad arrivare dati più che positivi riguardanti la nostra economia: se si considerano le principali variabili macroeconomiche risulta evidente come l’Italia stia recuperando terreno, peraltro in maniera più rapida rispetto ai primi segnali che giungevano nel 2016 (segnale di un evidente consolidamento). È recente la notizia di una stima positiva sul Prodotto interno lordo, che sembra andare di pari passo con l’aumento dei consumi, vero “casus” per una solida ripresa. Il deficit scende, il debito si è stabilizzato e l’avanzo primario gode di buona salute. Certo, la strada da percorrere è ancora molto lunga: la disoccupazione è in doppia cifra e i dati dicono che la distanza tra il Nord e il Sud non si è ancora attenuata (nonostante qualche piccolo segnale positivo). E soprattutto, confrontando la nostra economia con quella degli altri big dell’Eurozona, l’Italia sta facendo molta fatica. Ma la direzione, notano ormai tutti gli osservatori, è quella giusta.

disoccupazione istat

Molto positivo è il commento del titolare del Lavoro sui dati diffusi stamane. “Il dato è incoraggiante ed è la conferma – fa notare Giuliano Poletti – della costante crescita di medio lungo periodo dell’occupazione e della contestuale diminuzione dei disoccupati e degli inattivi”. D’altra parte, ricorda Poletti, “su base annua l’occupazione cresce di 147mila unità. Da febbraio 2014 gli occupati sono 821mila in più, di cui 553 mila permanenti; i disoccupati sono 421mila in meno e gli inattivi 707mila in meno." Da sottolineare – si legge ancora nella nota diffusa dal ministero – il dato del tasso di occupazione delle donne, storicamente uno degli elementi di debolezza del nostro mercato del lavoro, che raggiunge il livello massimo dal 1977, anno di inizio delle rilevazioni”. Infine la disoccupazione giovanile, il cui calo, sottolinea Poletti, pur restando a livelli troppo alti, “si attesta a 8 punti percentuali in meno rispetto a febbraio 2014″.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

quello che dic e poletti,attaccatel oal tran...questi sono i dati INPS!!!!!!!

Era naturale che fosse così. Esaurito il «doping» al mercato del lavoro con la fine degli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato è immediatamente sceso il numero degli impieghi stabili. Nei primi sette mesi dell’anno - secondo l’Osservatorio sul precariato dell’Inps - le assunzioni a tempo indeterminato sono state 743.695 con un calo del 33,7% sullo stesso periodo del 2015 ma con un arretramento anche sui primi sette mesi del 2014 (quando furono oltre 808.000). Se si guarda al saldo tra nuovi rapporti a tempo indeterminato (comprese quindi anche le trasformazioni di contratti a termine) e le cessazioni di contratti stabili registrate tra gennaio e luglio la variazione netta è positiva (+76.324) ma il dato è inferiore dell’83% rispetto a quello del 2015 (+465.143). Le assunzioni stabili sono diminuite del 33,7%, le trasformazioni si sono ridotte del 30,5% mentre le cessazioni di rapporti fissi sono diminuite del 9,1%. Sempre nei primi 7 mesi del 2016 sono stati venduti 84,3 milioni di voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un incremento, rispetto ai primi sette mesi del 2015, pari al 36,2%. «I dati diffusi oggi dall'Inps evidenziano il flop del governo Renzi anche in materia di occupazione» ha dichiarato il presidente dei senatori di Forza Italia, Paolo Romani.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, director12 ha scritto:

quello che dic e poletti,attaccatel oal tran...questi sono i dati INPS!!!!!!!

Era naturale che fosse così. Esaurito il «doping» al mercato del lavoro con la fine degli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato è immediatamente sceso il numero degli impieghi stabili. Nei primi sette mesi dell’anno - secondo l’Osservatorio sul precariato dell’Inps - le assunzioni a tempo indeterminato sono state 743.695 con un calo del 33,7% sullo stesso periodo del 2015 ma con un arretramento anche sui primi sette mesi del 2014 (quando furono oltre 808.000). Se si guarda al saldo tra nuovi rapporti a tempo indeterminato (comprese quindi anche le trasformazioni di contratti a termine) e le cessazioni di contratti stabili registrate tra gennaio e luglio la variazione netta è positiva (+76.324) ma il dato è inferiore dell’83% rispetto a quello del 2015 (+465.143). Le assunzioni stabili sono diminuite del 33,7%, le trasformazioni si sono ridotte del 30,5% mentre le cessazioni di rapporti fissi sono diminuite del 9,1%. Sempre nei primi 7 mesi del 2016 sono stati venduti 84,3 milioni di voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un incremento, rispetto ai primi sette mesi del 2015, pari al 36,2%. «I dati diffusi oggi dall'Inps evidenziano il flop del governo Renzi anche in materia di occupazione» ha dichiarato il presidente dei senatori di Forza Italia, Paolo Romani.

Ahahahaha , ma che fai idio ta ?? Lanci i dati e gli articoli di un anno fa ?? Ahahahaha , solo Uvetta Bianca può essere paragonata a te noto imbexille a tutto tondo .... ahahahaha 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, mark20172 ha scritto:

Ahahahaha , ma che fai idio ta ?? Lanci i dati e gli articoli di un anno fa ?? Ahahahaha , solo Uvetta Bianca può essere paragonata a te noto imbexille a tutto tondo .... ahahahaha 

quindi,smentisci l'inps...e allora dici che i ragazzi/giovani hanno risolto tutti i loro problemi..come diceva una congolese:tutti (gli extra) assunti nella Pa a tempo indeterminato!!  non oso neppure pensare se al governo ci fosse quella con qualche altra....non oso...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, director12 ha scritto:

quindi,smentisci l'inps...e allora dici che i ragazzi/giovani hanno risolto tutti i loro problemi..come diceva una congolese:tutti (gli extra) assunti nella Pa a tempo indeterminato!!  non oso neppure pensare se al governo ci fosse quella con qualche altra....non oso...

Ahahahaha , ho detto che per smentire i positivi dati odierni hai pubblicato dei dati di un anno fa . Questo comportamento e' da idio ti . Punto e a capo ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, mark20172 ha scritto:

Ahahahaha , ma che fai idio ta ?? Lanci i dati e gli articoli di un anno fa ?? Ahahahaha , solo Uvetta Bianca può essere paragonata a te noto imbexille a tutto tondo .... ahahahaha 

ma xké mi intrometti sempre in discussioni alle quali, al momento nn partecipo?  vedi di darti una calmata e trovare altro trastullo alle tue paranoie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, uvabianca111 ha scritto:

ma xké mi intrometti sempre in discussioni alle quali, al momento nn partecipo?  vedi di darti una calmata e trovare altro trastullo alle tue paranoie.

Il mio "compito " principale e' quello di educare quelli come voi facilmente inclini alle bufale e quelli che delle bufale ne fanno il loro pane quotidiano . Quindi niente trastullo ma opere caritatevoli con personaggi come voi che hanno bisogno di essere aiutati . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, mark20172 ha scritto:

Strano , oggi tutti zitti . Eppure la notizia meritava qualche commento . Invece , Cazzari , ebe ti , destrebeti , professionisti della menzogna , incolpatori di Renzi in particolare e del PD in generale , non aprono bocca . Chissà se ricordami quel che dicevano sul Job Act. Non lo ricordate ?? Lo rammento io . Dicevano che avrebbe fatto sfracelli è che la disoccupazione sarebbe andata alle stelle è che Renzi ed il PD avrebbero messo il Paese in ginocchio . Invece ....,,,,,,,,,,,,..,,,,,,,,,,,,,,,,...,....,,...,,,,,,,,,..,,,..,,,,,,..,Il tasso di disoccupazione a giugno scende all’11,1% in calo di 0,2 punti rispetto a maggio. Lo rileva l’Istat spiegando come il valore torni ai livelli di settembre-ottobre 2012, dopo il lieve aumento di maggio. La stima degli occupati a giugno cresce dello 0,1% rispetto a maggio (+23 mila) e il tasso di occupazione – altra variabile da valutare per una analisi più attendibile del mercato del lavoro – si attesta al 57,8%, in aumento di 0,1 punti percentuali. Continuano dunque ad arrivare dati più che positivi riguardanti la nostra economia: se si considerano le principali variabili macroeconomiche risulta evidente come l’Italia stia recuperando terreno, peraltro in maniera più rapida rispetto ai primi segnali che giungevano nel 2016 (segnale di un evidente consolidamento). È recente la notizia di una stima positiva sul Prodotto interno lordo, che sembra andare di pari passo con l’aumento dei consumi, vero “casus” per una solida ripresa. Il deficit scende, il debito si è stabilizzato e l’avanzo primario gode di buona salute. Certo, la strada da percorrere è ancora molto lunga: la disoccupazione è in doppia cifra e i dati dicono che la distanza tra il Nord e il Sud non si è ancora attenuata (nonostante qualche piccolo segnale positivo). E soprattutto, confrontando la nostra economia con quella degli altri big dell’Eurozona, l’Italia sta facendo molta fatica. Ma la direzione, notano ormai tutti gli osservatori, è quella giusta.

disoccupazione istat

Molto positivo è il commento del titolare del Lavoro sui dati diffusi stamane. “Il dato è incoraggiante ed è la conferma – fa notare Giuliano Poletti – della costante crescita di medio lungo periodo dell’occupazione e della contestuale diminuzione dei disoccupati e degli inattivi”. D’altra parte, ricorda Poletti, “su base annua l’occupazione cresce di 147mila unità. Da febbraio 2014 gli occupati sono 821mila in più, di cui 553 mila permanenti; i disoccupati sono 421mila in meno e gli inattivi 707mila in meno." Da sottolineare – si legge ancora nella nota diffusa dal ministero – il dato del tasso di occupazione delle donne, storicamente uno degli elementi di debolezza del nostro mercato del lavoro, che raggiunge il livello massimo dal 1977, anno di inizio delle rilevazioni”. Infine la disoccupazione giovanile, il cui calo, sottolinea Poletti, pur restando a livelli troppo alti, “si attesta a 8 punti percentuali in meno rispetto a febbraio 2014″.

ma che posti solo quanti i dati (taroccati) sono buoni, quando invece aumenta il debito pubblico o l'inflazione ti chiudi nel kesso e scompari per qualche settimana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, monello.07 ha scritto:

ma che posti solo quanti i dati (taroccati) sono buoni, quando invece aumenta il debito pubblico o l'inflazione ti chiudi nel kesso e scompari per qualche settimana.

Quando governa o govenava il vostro "governo"  non avevi bisogno di uscire dal ce ss o...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

7 minuti fa, wronschi ha scritto:

Quando governa o govenava il vostro "governo"  non avevi bisogno di uscire dal ce ss o...

Tu razzista degli italiani non sei mai uscito dal  c e s s o perchè e strunz com e te restano sempre a galla !

Modificato da monello.07

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, monello.07 ha scritto:

Tu razzista degli italiani non sei mai uscito dal  c e s s o perchè e strunz com e te restano sempre a galla !

Io resto a galla, tu affondi nella melma di scampia...melma o mer..da ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, mark20172 ha scritto:

Strano , oggi tutti zitti . Eppure la notizia meritava qualche commento . Invece , Cazzari , ebe ti , destrebeti , professionisti della menzogna , incolpatori di Renzi in particolare e del PD in generale , non aprono bocca . Chissà se ricordami quel che dicevano sul Job Act. Non lo ricordate ?? Lo rammento io . Dicevano che avrebbe fatto sfracelli è che la disoccupazione sarebbe andata alle stelle è che Renzi ed il PD avrebbero messo il Paese in ginocchio . Invece ....,,,,,,,,,,,,..,,,,,,,,,,,,,,,,...,....,,...,,,,,,,,,..,,,..,,,,,,..,Il tasso di disoccupazione a giugno scende all’11,1% in calo di 0,2 punti rispetto a maggio. Lo rileva l’Istat spiegando come il valore torni ai livelli di settembre-ottobre 2012, dopo il lieve aumento di maggio. La stima degli occupati a giugno cresce dello 0,1% rispetto a maggio (+23 mila) e il tasso di occupazione – altra variabile da valutare per una analisi più attendibile del mercato del lavoro – si attesta al 57,8%, in aumento di 0,1 punti percentuali. Continuano dunque ad arrivare dati più che positivi riguardanti la nostra economia: se si considerano le principali variabili macroeconomiche risulta evidente come l’Italia stia recuperando terreno, peraltro in maniera più rapida rispetto ai primi segnali che giungevano nel 2016 (segnale di un evidente consolidamento). È recente la notizia di una stima positiva sul Prodotto interno lordo, che sembra andare di pari passo con l’aumento dei consumi, vero “casus” per una solida ripresa. Il deficit scende, il debito si è stabilizzato e l’avanzo primario gode di buona salute. Certo, la strada da percorrere è ancora molto lunga: la disoccupazione è in doppia cifra e i dati dicono che la distanza tra il Nord e il Sud non si è ancora attenuata (nonostante qualche piccolo segnale positivo). E soprattutto, confrontando la nostra economia con quella degli altri big dell’Eurozona, l’Italia sta facendo molta fatica. Ma la direzione, notano ormai tutti gli osservatori, è quella giusta.

disoccupazione istat

Molto positivo è il commento del titolare del Lavoro sui dati diffusi stamane. “Il dato è incoraggiante ed è la conferma – fa notare Giuliano Poletti – della costante crescita di medio lungo periodo dell’occupazione e della contestuale diminuzione dei disoccupati e degli inattivi”. D’altra parte, ricorda Poletti, “su base annua l’occupazione cresce di 147mila unità. Da febbraio 2014 gli occupati sono 821mila in più, di cui 553 mila permanenti; i disoccupati sono 421mila in meno e gli inattivi 707mila in meno." Da sottolineare – si legge ancora nella nota diffusa dal ministero – il dato del tasso di occupazione delle donne, storicamente uno degli elementi di debolezza del nostro mercato del lavoro, che raggiunge il livello massimo dal 1977, anno di inizio delle rilevazioni”. Infine la disoccupazione giovanile, il cui calo, sottolinea Poletti, pur restando a livelli troppo alti, “si attesta a 8 punti percentuali in meno rispetto a febbraio 2014″.

Non ne parlano semplicemente perchè i segnali positivi ci sono, e sono così evidenti da mettere in imbarazzo chi gode a vedere l'Italia sull'orlo del baratro, giusto per parlar male di Renzi.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, mark20172 ha scritto:

Il mio "compito " principale e' quello di educare quelli come voi facilmente inclini alle bufale e quelli che delle bufale ne fanno il loro pane quotidiano . Quindi niente trastullo ma opere caritatevoli con personaggi come voi che hanno bisogno di essere aiutati . 

compito principale? educare?  

ti conviene votarti all'  "aiutati ke il ciel ti aiuta" ... credimi, ne hai davvero bisogno...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora