nuovi casi di virus in libia

Il Centro nazionale per il controllo delle malattie in Libia ha annunciato altri  casi di coronavirus a Misurata e a Tripoli, nell’ovest del paese.

Sale così a tre il numero dei contagiati ufficiali in Libia. Ovviamente il numero reale è molto più alto. Secondo Jennifer Bose Ratka, responsabile dell’informazione pubblica presso l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) in Libia, se dovesse scoppiare un focolaio di Covid-19 nel paese nordafricano, il sistema sanitario nazionale già compromesso dalla guerra civile potrebbe collassare. “Un possibile focolaio del virus sarebbe catastrofico. La Libia è ad alto rischio diffusione di Covid-19 a causa dei suoi livelli crescenti di insicurezza, della frammentazione politica, del sistema sanitario debole e dell’alto numero di migranti. Il sistema sanitario della Libia non è pronto a far fronte a una diffusione del virus in questo fragile contesto causato dal conflitto prolungato”, ha detto Ratka all’agenzia di stampa russa “Sputnik”.

alla luce di queste novita', il governo italiano ha messo in atto qualcosa per fermare i barconi????

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Lei sig Frizz è disposto a trasformarsi in siluro?

Naturalmente prima faremo scorta adeguata di elmetti austroungarici  e poi io e lei vigileremo che non ci sia alcun barcone che punta verso l'Italia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, director12 ha scritto:

Il Centro nazionale per il controllo delle malattie in Libia ha annunciato altri  casi di coronavirus a Misurata e a Tripoli, nell’ovest del paese.

Sale così a tre il numero dei contagiati ufficiali in Libia. Ovviamente il numero reale è molto più alto. Secondo Jennifer Bose Ratka, responsabile dell’informazione pubblica presso l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) in Libia, se dovesse scoppiare un focolaio di Covid-19 nel paese nordafricano, il sistema sanitario nazionale già compromesso dalla guerra civile potrebbe collassare. “Un possibile focolaio del virus sarebbe catastrofico. La Libia è ad alto rischio diffusione di Covid-19 a causa dei suoi livelli crescenti di insicurezza, della frammentazione politica, del sistema sanitario debole e dell’alto numero di migranti. Il sistema sanitario della Libia non è pronto a far fronte a una diffusione del virus in questo fragile contesto causato dal conflitto prolungato”, ha detto Ratka all’agenzia di stampa russa “Sputnik”.

alla luce di queste novita', il governo italiano ha messo in atto qualcosa per fermare i barconi????

Quando li faranno umanitariamente sbarcare, faranno loro un umanitario tampone. Poi manderanno a casa sua i maschi gay ***. Per fare il tampone anche a lei.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Quando li faranno umanitariamente sbarcare, faranno loro un umanitario tampone. Poi manderanno a casa sua i maschi gay ***. Per fare il tampone anche a lei.

ha parlato di umanita'..lui,il benpensante di sx..il benevolo,il caritevole,l'altruista.... vale anche per i vari oseghale?? e i picconatori milanesi?? fattene una ragioen.sai nato stu-pido o lo sei diventato nel tempo??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963