Curiosità' medicali

Acqua radioattiva. Ai primi del '900 si potevano facilmente trovare sui banconi delle farmacie ampolle di acqua radioattiva, ritenuta in grado di curare le malattie mentali e prevenire l'invecchiamento, per la sua capacità di "stimolare l'attività cellulare" (archivia sotto la voce "cancerogena"). Porzioni di acqua radioattiva furono impiegate anche per la produzione di dentifrici, supposte e contraccettivi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

Probabilmente il cane che fa la *** più grossa è l'alano: secondo le stime di alcuni volonterosi, i suoi escrementi pesano 500-700 grammi circa. Il San Bernardo, però, lo batte sulla distanza e sulla quantità: in un anno la fa molto più spesso, per circa 180 kg in più

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

le prove sig overdrivers, porti le prove altrimenti qui nessuno le crede.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Esimio collega forumista,la rivista Focus le sembra abbastanza attendibile'?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, overdrivers ha scritto:

Esimio collega forumista,la rivista Focus le sembra abbastanza attendibile'?

vorrebbe dirmi che Focus ha seguito la pesata delle kakke di un anno di un san bernardo e pure quelle di un alano?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi spiace,guardi che in questo forum ci vogliono prove altrimenti nessuno crede a nessuno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Mi spiace,guardi che in questo forum ci vogliono prove altrimenti nessuno crede a nessuno.

QUESTIONE DI RAZZA E DI DIETA. Esattamente come accade agli esseri umani, il volume degli escrementi canini dipende dalla stazza (e quindi dalla razza), dal metabolismo, dallo stato di salute e soprattutto dalla dieta: basti pensare che il fabbisogno di cibo di un alano (circa 1.200-1.500 grammi al giorno), o di un San Bernardo (900-1.200 gr/giorno), corrisponde a quello di una persona adulta, e non è paragonabile a quello del minuscolo chihuahua (40-70 gr/giorno).

NE FANNO TANTA. Secondo alcuni, più il cibo dato ai cani è industriale anziché casalingo (es. riso, verdura, carne), maggiore è il volume delle deiezioni, e quindi aumenta il superlavoro dei rispettivi padroni che, armati di sacchetto, sono giustamente obbligati a raccogliere i ricordini dai marciapiedi.

 

Un gesto da ripetere durante le passeggiate con Fido (che la fa almeno una volta al giorno), e che in molti casi equivale a una fatica quasi... titanica. Ma si sa, per i loro amici a quattro zampe, i padroni fanno questo e altro. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa non è una prova sig overdrivers, questa è una informazione culturale e, se anche lei vuole fare il deambulatore culturale oltre che scientifico, si metta in coda perché qui di deambulatori culturali eccelsi ne abbiamo a bizzeffe.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Questa non è una prova sig overdrivers, questa è una informazione culturale e, se anche lei vuole fare il deambulatore culturale oltre che scientifico, si metta in coda perché qui di deambulatori culturali eccelsi ne abbiamo a bizzeffe.

 

bella e simpatica la definizione - deambulatore culturale - mi fai venire in mente i "deambulatori religiosi" quelli che ti offrono i loro testi illustrati in ventotto volumi. Ma il febbaio bisestile ha ventinove giorni e così per un giorno resto senza lettura. Per non sbagliare rispondo ... vuoi veramente aiutare il prossimo ... cerca di ridipingere le strisce del passaggio pedonale che sono sbiadite ... (sperando passi un camion che li tiri sotto). - ciao sig. Risata, a presto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Le proprietà terapeutiche delle acque termali radioattive sono note fin dall'antichità. Cioè da molto prima che fosse scoperto il fenomeno della radioattività. Gli antichi romani prediligevano la Campania, regione vulcanica e ricca di sorgenti termali (Ischia, Agnano, Oplonti, Stabia, etc). In molte terme viene tuttora praticata la radonterapia: 

http://www.sanihelp.it/news/1878/quando-radioattivit-cura/1.html

Quando si parla di radioattività bisogna distinguere tra quella naturale, in genere assolutamente innocua e forse perfino benefica, e quella artificiale che al crescere dell'esposizione e della dose assorbita dall'organismo diventa pericolosa. La dose letale va da 4 a 8 Sv (Sievert). Dal fondo di radiazione naturale in cui siamo immersi per tutta la vita assorbiamo una dose annua di circa 3,3 mSv (millisievert). Un valore più alto della media mondiale (2,4 mSv) e che cresce ulteriormente nelle aree vulcaniche, per es. in Campania. La diagnostica medica (radiografie, mammografie, TAC,  etc.) comporta un ulteriore assorbimento (di radiazione artificiale) pari a una media di 1,2 mSv/anno. Tempo fa sorse una polemica sul caso di un ospedale veneto che nella nota informativa per i pazienti specificava che la dose assorbita in seguito a un certo esame radiologico era equivalente a trascorrere un mese a Napoli:

https://m.facebook.com/AngeloForgioneOfficial/posts/come-un-mese-di-radiazioni-napoletanesta-facendo-discutere-e-indignare-il-modulo/10156799939360423/

Ma io non mi indignai affatto. Se si parla di radioattività naturale noi napoletani siamo orgogliosi di vivere tra Vesuvio e Campi Flegrei, nel capoluogo più radioattivo d'Italia (la città più radioattiva in assoluto però dovrebbe essere Orvieto). Ci sono vecchie teorie secondo le quali la radioattività naturale stimolerebbe il sistema immunitario, la creatività e la fantasia. In ogni caso non dimentichiamo che la vita sulla Terra nacque quando la radioattività era molto più alta di oggi. La maggior parte della radioattività naturale deriva dal radon, un gas che traspira dal sottosuolo e si scioglie nelle acque, specie quelle termali. In certi casi però, specie nelle cantine, un eccesso di radon può essere pericoloso ed è bene areare gli ambienti. Ci sono poi contributi da isotopi naturali dell'uranio, del torio e del potassio. Per esempio la banana, essendo ricca di potassio, è un cibo particolarmente radioattivo. Si calcola che nei giorni in cui la nube radioattiva proveniente da Chernobyl attraversò l'Italia (tra aprile e maggio 1986) la dose di radiazioni che assorbivamo era equivalente al consumo di circa 12 banane al giorno. Un record anche per me che quando facevo sollevamento pesi ne mangiavo fino a 8 al giorno (e non mi sentivo una scimmia bensì un leone):

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Dose_equivalente_a_una_banana

Un altro significativo contributo alla radioattività naturale è di origine extraterrestre e in parte addirittura exragalattica. Sono i raggi cosmici che contribuiscono per circa 0,4 mSv, cioè il 12% della nostra dose media annua. Ma la dose cresce molto per chi va spesso in alta montagna (sopra i 3000 m), per gli aviatori e per chi viaggia molto in aereo. Generalmente i raggi cosmici non ci danno nessun fastidio, ma nel 1991 un rilevatore posto nello Utah registrò l'impatto di una particella microscopica e invisibile denominata Oh my God!  proveniente dalle profondità dell'Universo e avente l'energia cinetica di una palla da baseball (142 grammi) scagliata alla velocità di 94 km/h! Sono ignote l'origine e il meccanismo di generazione di simili raggi cosmici ad altissima energia. 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Visto sig overdrivers perché deve mettersi in coda?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da parte mia i "deambulatori" culturali sono bene accetti, come sono bene accette tutte le persone civili ed educate. E il sig. Overdrivers sembra proprio esserlo. Dunque

BENVENUTO! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 28/3/2020 in 12:28 , dune-buggi ha scritto:

 

bella e simpatica la definizione - deambulatore culturale - mi fai venire in mente i "deambulatori religiosi" quelli che ti offrono i loro testi illustrati in ventotto volumi. Ma il febbaio bisestile ha ventinove giorni e così per un giorno resto senza lettura. Per non sbagliare rispondo ... vuoi veramente aiutare il prossimo ... cerca di ridipingere le strisce del passaggio pedonale che sono sbiadite ... (sperando passi un camion che li tiri sotto). - ciao sig. Risata, a presto.

Questo 2020 rimarra' negli annali dell storia in negativo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963