vivere in un hotel è dura...non ci stanno...loro

 ALPIGNANO. «È un periodo complesso. Non uscire è faticoso, ma ognuno deve avere senso di responsabilità». La funzionaria del commissariato Barriera di Milano, catapultata ad Alpignano per un servizio di ordine pubblico, cerca di riportare alla calma alcuni ‘‘profughi” ospiti dell’Hotel Parlapà. Le tensioni vanno avanti da una settimana, da quando all’interno della struttura è stato riscontrato un caso di positivo al Covid19, ora in isolamento. Nell’hotel, adibito a centro accoglienza, ci sono 250 migranti: nigeriani, gambiani, senegalesi.

Le proteste sono frequenti. Ieri per le sigarette. «Vogliamo il tabacco e il caffè. Adesso usciamo». Le teste più calde sono una decina. «Vogliamo andare in paese» dicono. Per loro, come per tutti in questo momento, capire l’importanza del «non uscire» non è facile

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Alpignano e Piossasco sono sorte le prime due fabbriche (a livello europeo) di lampadine a filamento metallico. Ricordo che quelle di Edison erano a filamento vegetale. Il “ge nio” della lampada ad incandescenza era Alessandro Cruto. Un artigiano di lunghe vedute. Le sue idee, evolute poi nelle lampade alogene, sono ancora attuali. Interessante il “museo sogno di luce” dedicato proprio ad Alessandro Cruto e sorge nella sua prima fabbrica sulle rive del fiume Dora Riparia. Come vedi fornisco una risposta “tecnica”, in ricordo e rispetto al lavoro che prima svolgevo.

Per gli ospiti a spese nostre dell'albergo … chi li ha fatti entrare paghi le varie bollette in sospeso. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Scusate, sento doveroso riprendere il tema “lampade ed illuminazione” (quando sento parlare di Alpignano e Piossasco il collegamento è automatico). Ricordiamo anche Arturo Malignani di Udine vissuto nella seconda metà del mille ottocento ed ideatore delle pompe a vuoto specifiche per il settore lampade. - importante – rispettare i colori per i conduttori elettrici – celeste per il filo neutro; giallo/verde (nessun riferimento politico) per il filo di terra; mentre per quelli di fase sono raccomandati i colori marrone, nero, grigio. - Per ulteriori spiegazioni tecniche, consultare il sito – Vito Barone ; sicurezza elettrica. - Ringrazio per la cortese attenzione. Quando mi viene offerta l'opportunità di ricordare il mio antico lavoro, lo faccio volentieri. - saluti mattutini da me medesimo –

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Faceva lampadine?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Ciao Risata, buona mattinata ventosa, impianti elettrici, anche se a livello modesto.

A Treviso località Castagnole vi è una importante fabbrica (la Osram) specializzata nelle micro lampade e led ad elevata tecnologia. Ad esempio lampade per cruscotti auto, strumentazioni mediche, ed altro di specifico. Se desideri approfondire il settore sicurezza in casa, consiglio - la banda dei sei - si apre una lunga carrellata di rubriche e sotto rubriche. Spazia dalla cultura generale a quella specifica nei vari settori. - oppure - energoclub / energopedia - anche qui si aprono numerosi collegamenti, approfondimenti e fogli di calcolo. - Se desideri possiamo trovarci nella rubrica - ambiente e natura – oppure – scienzahi tech - dove ho già pubblicato varie notizie. 

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi sono dimenticato, Proprio sulle rive del fiume Dora Riparia vi era una fabbrica di auto elettriche. Eravamo ai primi anni del mille novecento. Per avere la conferma scrivere - auto elettriche dora - buona serata da d/b - 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora