Presto supereremo la Cina ma gli USA supereranno noi e la Cina

Inviata (modificato)

C'è un semplice criterio per stabilire quando un'epidemia ha superato il picco. Accade quando il numero dei contagi giornalieri comincia stabilmente a scendere. È la tendenza che speriamo tutti di vedere consolidata in Italia nel corso di questa settimana, ferma restando la cautela e la riserva legate al fatto che i contagi che contiamo con i test sono solo una frazione dei contagi effettivi (circa un decimo secondo il capo della Protezione Civile). Lievemente meno semplice è il criterio per stabilire che un'epidemia si sta avviando alla conclusione. Ciò accade quando il numero dei "rimossi", cioè la somma dei morti e dei guariti (ipotizzando che questi restino immuni) cresce stabilmente più del numero dei contagiati. È quello che accade in Cina e Corea del Sud. È dunque chiaro che in questa fase conclusiva il tasso di mortalità "grezzo", misurato come rapporto tra decessi e contagi sale (è quello che osserviamo in Cina e Corea). Nella fasi intermedie dell'epidemia la mortalità osservata dipende molto dalla quantità dei test effettuati e di conseguenza può variare in modo altalenante, ma tendenzialmente è ancora crescente nel tempo. Ciò è dovuto al fatto che passa un certo tempo tra il contagio e il decesso, ma anche (o soprattutto come accade in Italia) al fatto che quando l'infezione si espande si tende a restringere la platea dei testati (es. escludendo gli asintomatici) dato che i test hanno un costo e richiedono tempi, personale e strutture, e la disponibilità dei kit diagnostici non è illimitata. In effetti la mortalità cruda è in crescita un po' dappertutto. Specie nei paesi più colpiti, Italia, Spagna, Iran, ma anche in Germania (pur restando per ora ben sotto l'1%).

Ebbene, il 7 marzo scorso, nella mia discussione sui numeri dell'epidemia (che solo l'11 diventò pandemia per l'OMS) notavo già il valore abnorme della mortalità osservata in Italia. Era al 3,96%, oggi siamo oltre il 9% ma per me era già un valore assolutamente anomalo rispetto alla media mondiale e soprattutto a quella europea, e stranamente maggiore anche di quello della Cina dove, per i motivi che ho appena spiegato, la mortalità grezza avrebbe dovuto essere più alta che in tutto il resto del mondo. Quel giorno peggio di noi stavano solo gli USA con una mortalità al 4,24 %, la più alta al mondo in quel momento. Due giorni dopo, il 9 marzo, feci una previsione. Scrissi che la mortalità osservata negli USA sarebbe andata IN CONTROTENDENZA rispetto a quella degli altri paesi, cioè sarebbe andata via via diminuendo fino ad avvicinarsi all'1%, che allora era grosso modo il livello del resto d'Europa (esclusi noi). È esattamente quello che è accaduto. In questo momento la mortalità grezza negli USA è all'1,21%. I valori anomali di due settimane prima erano dovuti al fatto che si testavano poche persone (anche perché i test erano molto costosi e a carico dei privati). 

Oggi voglio sbilanciarmi in un'altra previsione. Dico che presto, purtroppo,  superemo la Cina anche nel numero dei contagiati (ovviamente mi riferisco sempre al numero osservato, quello effettivo è ignoto e molto più grande). Probabilmente, temo, ciò avverrà entro domenica prossima. Ma poco dopo (se non addirittura prima!) sia noi che la Cina saremo superati dagli Stati Uniti per numero di casi positivi testati. Successivamente, forse, anche da Spagna e Germania. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Cazzaroooooo ?? Basta , ci hai scartavetrato i co@lioni !!  Ma te guarda sto idio ta , nel mentre che nemmeno i più bravi virologi ed epidemiologi mondiali non hanno risposte a tanti quesiti che il Coronavirus pone , tutti i santi giorni ci riempie e ci inonda di certezze . Stambecille si crede di essere il Capo del comitato della Protezione  Civile ed il responsabile del Comitato Scientifico Italiano ed alle 17,30 emette un bollettino magari convinto che vada in Mondovisione . Sto idio ta , copiaincolla un po’ di qua ed un po’ di la , mette tutto insieme e dice tutto ed il contrario di tutto . Lo fa in modo furbesco per cadere sempre in piedi in modo che possa “difendersi “  ad una critica opponendo un tema , difendendosi  ad un ‘altra  , opponendo l’altro tema . Ma te vedi sto ebe te !! Inizialmente aveva individuato nella Sig.ra della domenica , la Gismondo , come sua mentore e “scienziata “ di riferimento , per poi abbandonarla quando ha capito che aveva detto una serie di putta nate. Inizialmente aveva previsto un “ qualcosa più che una influenza “, poi il Cazzaro ha virato e dice che siamo alla vigilia di una catastrofe . Sul numero dei decessi uguale . Quando dicevo che il numero dei morti solo per Coronavirus era il 20/25% del numero dei morti totali ( e lo dicevo perché lo affermavano gli esperti più bravi ) ironizzava ed opponeva fino a 100.000 contagi . Poi ha fatto una inversione ad U ed ha preso una  strada opposta . Ora gravità in una mezzeria ...!! Fautore fino a 5 giorni fa dello screening di massa su tutto il territorio nazionale ( sissignori il Cazzaro ha parlato della necessità di fare 60.000.000 di tamponi. Accortosi della panzana vomitata ora si accontenta di farlo a campione e su chi, tra gli asintomatici, per motivi di servizio , ne ha il pieno diritto per la sua e nostra sicurezza . Fa uno sforzo tremendo (fiuuu, che sforzo ) a dire che gli asintomatici sono molto di più dei sintomatici !! Lo sa pure il mio gatto !! E come se non bastasse ancora , sto pallone gonfiato riversa sui post conteggi , linee algebriche , teorie insiemistiche , calcoli probatori e quant’altro. Si lancia in previsioni che sostituirà dopo 3/4 giorni con altre previsioni che smentiscono le prime . Ed infine non potevano mancare i richiami al perché fa tutticio’. Quello di essere un pallone gonfiato e di godere di una fama di grande informato . Non e’ difficile , anzi , trovare nei suoi post frasi che così recitano :”  Come modestamente avevo detto nei giorni scorsi “ ,  “ Come avevo previsto “,  “ come avevo preannunciato sarebbe accaduto “ etc etc.   Chissà magari e’ invidioso del fratello che Professore a Princeton siede alla scrivania che fu di Einstein .  Concludo : Con il Sauro mi divide politicamente tutto e per anni l’ho combattuto ferocemente . Ma quando ti piglia per il Kulo dimostrando quanto Panzanaro e Cazzaro sei , fa un’opera meritoria che condivido al 100%. 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Dopo avere purtroppo superato e distanziato la Cina nel numero di morti (l'ha superata pure la Spagna, si stanno avvicinando Iran e Francia) domani la supereremo anche nei contagi (parliamo sempre del dato rilevato, i contagi effettivi sono molti di più in Cina e moltissimi di più da noi). Ma nel frattempo, come avevo previsto, gli USA hanno superato in trom.ba sia noi che la Cina. Al momento in cui scrivo i casi confermati sono  82177 negli USA, 81285 in Cina e 80.539 da noi (c'è un errore su Wiki che ce ne attribuisce 60 in più). Però il tasso grezzo di mortalità negli USA è ancora sotto l'1,5% mentre in Cina è sopra il 4 e da noi addirittura sopra il 10 (triste primato mondiale) ma in Lombardia ormai sfiora il 14% (che sarebbe una letalità da meningite se fosse vera, cioè valutata sui casi effettivi e non sui soli casi testati). Anche questo l'avevo previsto. Ma non voglio assolutamente vantarmi. Voglio solo sottolineare che questi dati e questi andamenti confermano una verità importantissima ed evidentissima ma da cui purtroppo si esita tuttora a trarre le conseguenze. In questa malattia molto contagiosa, ma in molti casi asintomatica o con lievi sintomi, i casi accertati sono solo la punta emergente di un iceberg. E i casi invisibili, che sono i maggiori responsabili della diffusione dell'infezione, si possono individuare solo moltiplicando i test e facendoli anche agli asintomatici. Il caso degli USA è illuminante. Nella prima settimana di questo mese avevano uno tasso di mortalità che in quel momento era superiore al nostro e tra i più alti al mondo (4% e oltre). Ovvio: facevano pochissimi test e costavano cari (oltre 3000 dollari per i privati non assicurati, oltre 1000 dollari per gli altri). Gli americani sono megalomani e amano primeggiare ma non con primati del genere.  E allora previdi che si sarebbero messi di buzzo buono a fare test facendo crollare la mortalità osservata intorno all'1%. Così è stato. Al momento sono il primo paese  al mondo per numero di test (oltre mezzo milione) e per numero di casi individuati. Anche se la mortalità sta risalendo. Come è ovvio dato che quelli che si infettarono 2 o 3 settimane fa ora cominciano a morire. Ma la cosa più importante in una malattia così contagiosa è individuare il maggior numero possibile di portatori asintomatici e tracciare i loro contatti recenti. Il modello coreano.

TEST, TEST, TEST!

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sei un cialtronissimo cazzaro seriale.

Grazie alla poderosa calcolatrice Petruzziellosoft modello Trianon P30 avevi calcolato il worst case di COVID19 per l'Italia.

Ecco cosa hai blaterato nel post del 21 febbraio 2020 (ore 18.15):

" ... prepariamoci ad avere anche 100.000 casi in Italia e fino a 2 o 3mila morti. Teniamo conto che la normale influenza provoca ogni anno dai 300 ai 400 morti in fase acuta e tra i 4.000 e i 10.000 morti per le complicanze cardiopolmonari. Quindi non facciamo drammi e soprattutto evitiamo il panico ".

TEST TEST TEST LA PIZZA DI MICHELE E FACCI SAPERE

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963