Traduttrice e interprete per la Procura fa la squillo per pagare Equitalia

Che storia assurda!

VILLORBA - «Costretta a prostituirmi per pagare i 50mila euro di debiti che avevo con Equitalia», è la confessione choc che un'avvenente 40enne, originaria della Romania, ha fatto ieri nel corso del processo nel quale risulta vittima di estorsione e lesioni. «Sono sposata e ho due figli - ha spiegato la donna - e per un lungo periodo ho avuto una mia attività. Davo lavoro anche a due persone. Facevo l'interprete e spesso lavoravo per la Procura, il Tribunale ma anche per finanza e polizia. Ho tradotto anche per alcuni avvocati e per alcune aziende. Poi le cose sono andate male e ho accumulato debiti per oltre 50mila euro con Equitalia». La donna, guardando fisso negli occhi i giudici, ha trattenuto a stento le lacrime. «Non me la sono sentita di confessare il fallimento a mio marito. E così ho iniziato a prostituirmi».

http://www.leggo.it/news/italia/traduttrice_interprete_procura_squillo_debiti_equitalia_villorba-2140308.html

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

vergona, sempre difficile capire il perchè di certe cose

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, allegrafatt1 ha scritto:

vergognoso!

confermo Fattona

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963