Siccità a Roma:

sicuramente colpa della Raggi che ha fatto chiudere alcune fontanelle invece di farne aprire altre, poi ha fatto la danza della siccità  infine ha promosso il sole a assessore del bel tempo ad oltranza. Per chi volesse approfondire queste notizie basta leggere la disunità o i post del fulminato PM610.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

“Da novembre – ricorda Anselmo – abbiamo allertato i tavoli con i rappresentanti di Acea sul territorio. Poi a marzo sono cominciate le riunioni periodiche in regione. Gli attori c’erano tutti, Acea, la Regione, l’unica sempre assente è stato la Città Metropolitana, che non si è mai presentata”. “Io ho avuto occasione di parlarle in un paio di occasioni di quello che stava succedendo sul lago – sottolinea Anselmo riferendosi a Virginia Raggi -. La situazione era visibile, c’erano anche le foto. L’ho invitata a venire a vedere con i suoi occhi”. E lei non è mai venuta? “Se è venuta, io non l’ho mai saputo. Non so se la cosa sia stata presa sottogamba, o se sia stata delegata Acea a gestire la situazione. Fatto sta che è stata gestita malissimo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In Italia ha sede uno dei più importanti istituti mondiali di ricerca sul clima, il CMCC (Centro euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) che tra l'altro dispone di uno dei più potenti supercalcolatori oggi esistenti al mondo (ubicato a Lecce). La cosa non è casuale. Infatti, i climatologi ce lo dicono da decenni, ce lo dicono i dati scientifici, ce lo dice lo scioglimento dei ghiacciai alpini e pirenaici, lo sperimentiamo tutti noi direttamente, ormai lo sanno anche le pietre, ma non quegli asini e quegli incompetenti dei nostri governanti: il Mediterraneo è un climate change hotspot, cioè una delle aree del pianeta dove si manifestano con maggiore intensità gli effetti del global warming. Dall'inizio delle rilevazioni (1880) a oggi la temperatura media in Italia è cresciuta di quasi il doppio della media mondiale. E le cose, ce lo dicono sempre i climatologi, andranno mediamente sempre peggio: da qui al 2050 avremo diverse altre estati simili a questa e alcune anche più secche, specie al CentroSud. Un problema epocale, un problema già grave (oltre 2 miliardi i danni della siccità all'agricoltura e all'allevamento stimati da Coldiretti per il 2017), che potrebbe diventare drammatico. E i nostri decisori politici che cosa decidono? Nulla. A parte qualche ordinanza emergenziale come quella del governatore del Lazio che blocca il prelievo idrico dal lago di Bracciano, o i tanti sindaci che si apprestano a chiedere lo stato di calamità naturale. Da qualche albergo della Toscana sono già scappati i turisti impossibilitati a usare la doccia e il water. Cosa aspettano i nostri politicanti ad avviare, oltre alle misure emergenziali, anche un grande piano di lungo termine, finalizzato soprattutto alla conservazione e alla gestione efficiente della vitale risorsa idrica, che metta il paese nelle condizioni di fronteggiare le siccità dei prossimi anni e decenni? Bisogna ridurre drasticamente gli sprechi, anche a livello domestico (io stabilirei un tetto ragionevole al consumo individuale oltre il quale triplicherei il prezzo a metro cubo), abbattere le dispersioni della rete di distribuzione (siamo oltre il 30% di media nazionale, contro il 6% della Germania), imponendo anche ai gestori privati di provvedere sotto pena del ritiro della concessione. E bisogna attuare e incentivare la realizzazione di invasi e bacini artificiali, piccoli, medi e grandi, per la raccolta e la conservazione dell'acqua destinata all'agricoltura (che è la frazione maggiore del consumo nazionale). Se avessimo un po' di coraggio e di lungimiranza penseremmo anche alla desalinizzazione. In Israele il 60% dell'acqua dolce consumata proviene dal mare. Il costo energetico ed economico oggi non è più un problema. L'ideale sarebbe dissalare l'acqua marina utilizzando l'energia rinnovabile e pulita di impianti eolici off-shore. In Israele hanno realizzato un dissalatore a osmosi inversa che produce 627.000 mc di acqua dolce al giorno (a titolo di confronto il prelievo idrico dal lago di Bracciano è 86.000 mc/giorno) al costo di mezzo euro al mc (contro oltre un euro al mc che è la tariffa che potete leggere sulla vostra bolletta). E come sottoprodotto dall'acqua di mare si ricava anche il litio, materiale prezioso e strategico per la green economy (es. usato per le batterie delle auto elettriche). Purtroppo il coraggio e la lungimiranza sono doti assenti nei nostri governanti.

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo31 ha scritto:

In Italia ha sede uno dei più importanti istituti mondiali di ricerca sul clima, il CMCC (Centro euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) che tra l'altro dispone di uno dei più potenti supercalcolatori oggi esistenti al mondo (ubicato a Lecce). La cosa non è casuale. Infatti, i climatologi ce lo dicono da decenni, ce lo dicono i dati scientifici, ce lo dice lo scioglimento dei ghiacciai alpini e pirenaici, lo sperimentiamo tutti noi direttamente, ormai lo sanno anche le pietre, ma non quegli asini e quegli incompetenti dei nostri governanti: il Mediterraneo è un climate change hotspot, cioè una delle aree del pianeta dove si manifestano con maggiore intensità gli effetti del global warming. Dall'inizio delle rilevazioni (1880) a oggi la temperatura media in Italia è cresciuta di quasi il doppio della media mondiale. E le cose, ce lo dicono sempre i climatologi, andranno mediamente sempre peggio: da qui al 2050 avremo diverse altre estati simili a questa e alcune anche più secche, specie al CentroSud. Un problema epocale, un problema già grave (oltre 2 miliardi i danni della siccità all'agricoltura e all'allevamento stimati da Coldiretti per il 2017), che potrebbe diventare drammatico. E i nostri decisori politici che cosa decidono? Nulla. A parte qualche ordinanza emergenziale come quella del governatore del Lazio che blocca il prelievo idrico dal lago di Bracciano, o i tanti sindaci che si apprestano a chiedere lo stato di calamità naturale. Da qualche albergo della Toscana sono già scappati i turisti impossibilitati a usare la doccia e il water. Cosa aspettano i nostri politicanti ad avviare, oltre alle misure emergenziali, anche un grande piano di lungo termine, finalizzato soprattutto alla conservazione e alla gestione efficiente della vitale risorsa idrica, che metta il paese nelle condizioni di fronteggiare le siccità dei prossimi anni e decenni? Bisogna ridurre drasticamente gli sprechi, anche a livello domestico (io stabilirei un tetto ragionevole al consumo individuale oltre il quale triplicherei il prezzo a metro cubo), abbattere le dispersioni della rete di distribuzione (siamo oltre il 30% di media nazionale, contro il 6% della Germania), imponendo anche ai gestori privati di provvedere sotto pena del ritiro della concessione. E bisogna attuare e incentivare la realizzazione di invasi e bacini artificiali, piccoli, medi e grandi, per la raccolta e la conservazione dell'acqua destinata all'agricoltura (che è la frazione maggiore del consumo nazionale). Se avessimo un po' di coraggio e di lungimiranza penseremmo anche alla desalinizzazione. In Israele il 60% dell'acqua dolce consumata proviene dal mare. Il costo energetico ed economico oggi non è più un problema. L'ideale sarebbe dissalare l'acqua marina utilizzando l'energia rinnovabile e pulita di impianti eolici off-shore. In Israele hanno realizzato un dissalatore a osmosi inversa che produce 627.000 mc di acqua dolce al giorno (a titolo di confronto il prelievo idrico dal lago di Bracciano è 86.000 mc/giorno) al costo di mezzo euro al mc (contro oltre un euro al mc che è la tariffa che potete leggere sulla vostra bolletta). E come sottoprodotto dall'acqua di mare si ricava anche il litio, materiale prezioso e strategico per la green economy (es. usato per le batterie delle auto elettriche). Purtroppo il coraggio e la lungimiranza sono doti assenti nei nostri governanti.

Mi sembrava strano che per il Cazzaro Napoletano non c'avesse la colpa il governo Gentiloni e quindi il PD e Renzi . Notevoli ed interessanti , poi , le sue proposte per il superamento del problema da vero stato di terrore e Polizia , tse !! Aspetteremo ancora poco per vederle applicate , presto Montanari sarà il nuovo pdc e risolverà tutti u problemi nel giro di pochi mesi . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Incolpare la raggi di qualcosa non serve, è più di un anno che non fà nulla......ma cercare di difenderla è ridicolo......xD

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora