Tamurriata napoletana contro Corona O’Virussss ...

5 messaggi in questa discussione

47 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Questo , insieme alle ricette di Fosforo terranno lontano i napoletani da Corona O’ Virusss  https://youtu.be/3PmI-6hsnN8

Tengono distanze regolamentari ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Questo , insieme alle ricette di Fosforo terranno lontano i napoletani da Corona O’ Virusss  https://youtu.be/3PmI-6hsnN8

Burioni ha detto che a Benevento non si può battere il tamburello sul balcone che le vibrazioni fanno volare il virus, sig maggiordomo?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Iniziativa molto bella, filmato illuminante, per me quasi commovente. La musica, dai canti tribali a We are the world, dall'Inno alla Gioia ai canti di Wuhan, accomuna e avvicina i popoli e le persone. In questi frangenti difficili indossiamo la mascherina ma finalmente ci togliamo la maschera. Dimentichiamo il superfluo e ci ricordiamo di essere chi siamo. Nell'incombenza minacciosa della fine, lo Spirito prevale sulla materia e ci riporta alle origini. Come nacque la musica? Nacque nella notte dei tempi per superare, con la potenza del corno e del tamburo, le distanze tra i simili, sperduti nella foresta. E per lanciare, con la gradevole armonia dei suoni, un messaggio pacifico. Il suono di alcuni strumenti antichissimi, come il tamburo e il tamburello napoletano, serviva anche, per l'appunto, per scacciare gli spiriti maligni, i portatori invisibili di pestilenze e di morte. Ma il primo strumento in assoluto fu la bocca, la prima musica il canto. Se non fossimo animali sociali, non esisterebbe il linguaggio, ma nemmeno la musica e il canto. L'assonanza armoniosa tra voci diverse, come nel canto degli uccelli, fu esperienza comunicativa molto anteriore al linguaggio. La ninna nanna e il canto funebre erano i due terminali dell'esperienza comunicativa. Ambedue canti di speranza: per una vita che nasce  e per una vita che muore e che potrà rinascere. La cantillazione ebraica e i cori liturgici dei primi cristiani nelle catacombe erano la voce identitaria di comunità disperse e perseguitate. La musica è il suono dell'amore, il canto la voce della speranza. Le espressioni più alte della libertà dell'uomo. 

https://youtu.be/EBUa3WkStFg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi perdoni sig fosforo

Ma ora lei vuol mettersi in concorrenza col sig. Maggiordomo in fatto di divulgazione culturale?

Comunque, mi rendo conto di rasentare la trivialità, il secondo strumento,  quasi a parità  con la bocca, fu il Q.lo, o meglio, il suo orifizio. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche secondo me, si è trattato di una bella iniziativa. Colorata, simpatica e spontanea. E tutto ciò che è colorato, simpatico e spontaneo non è mai banale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963