GLI "ALLEATI" CAMBIANO CASACCA

Ancora oggi, l’ottuagenario Silvio Berlusconi evoca suggestioni ***, a luci rossissime. Dice a microfoni spenti un ex ministro, sornione, informato e decisamente volgare: “Qui ormai è una gigantesca apertura di cosce, una continua corsa ad offrirsi al Cavaliere”. Dove per “qui” s’intende il Senato, luogo nevralgico e decisivo di questa infinita legislatura. Un altro ex ministro, Gaetano Quagliariello, consegna invece all’Huffington Postun’efficace metafora autostradale: “Il controesodo verso Berlusconi è da bollino rosso ormai”.

È il controesodo dei cavalli di ritorno berlusconiani. Direzione unica e sola:Forza Italia. Gli scissionisti, alfaniani o verdiniani che siano, che adesso chiedono di rientrare, con la speranza, remota assai a dire il vero, di riottenere un seggio al prossimo giro. Berlusconi però frena, e spiegheremo perché: “Non tocchiamo nulla altrimenti casca tutto e si va a votare subito”. Il primo gruppo che sembra sciogliersi in questo caldo di luglio è Area Popolare, composta perlopiù dagli alfaniani di Ncd. L’ultimo avvistato dalle parti azzurre è il decano di Palazzo Madama: Francesco Colucci detto Ciccio, 85 anni. Colucci è stato eletto la prima volta in Parlamento che era il 1972, preistoria allo stato puro. Da uomo previdente ed esperto – è stato socialista – si è convinto che per sedere di nuovo qui l’unica strada è il ritorno da Berlusconi. Dicono: “Ciccio ha un filo diretto con il Cavaliere”. Degli altri alfaniani irrequieti si mormora da giorni e le loro faccine sono sui quotidiani: Roberto Formigoni, il sottosegretario Massimo Cassano, Pippo Pagano, Guido Viceconte. Anche per questo, raccontano da Ncd, ieri Angelino Alfano è stato costretto in un’intervista a dichiarare chiusa la collaborazione con il Pd. Una mossa disperata per fermare l’emorragia, provocata dall’annuncio del ministro Enrico Costa di abbandonare il governo per tornare al centrodestra primigenio

 

BaS

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Un altro che abbia votato no al referendum?........

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'impressione è che esiste una classe politica distaccata dalla gente, una classe politica che fa i propri interessi e non quelli dei cittadini che dice di rappresentare;   in queste ore certi si scandalizzano della posizione presa dall'Austria sul problema migranti, evidentemente il governo Austriaco   (CHE HA RAGIONE) nel prendere queste posizioni intende tutelare i propri cittadini,  cosa che evidentemente  la classe politica in questo momento al potere in Italia tutta affaccendata su altre problematiche  di ripartizione di potere e di poltrone  non fa .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963