siamo tutti italiani...grazie all'UE - 12%

8 messaggi in questa discussione

basta leggere i commenti per capire quanto tempo passerà ancora prima che vi leviate le corna dalla zucca, sig Frizz

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

basta leggere i commenti per capire quanto tempo passerà ancora prima che vi leviate le corna dalla zucca, sig Frizz

puoi sempre smontare punto per punto quel che è scritto sopra...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

4 minuti fa, director12 ha scritto:

puoi sempre smontare punto per punto quel che è scritto sopra...

Dopo aver imposto regole che ci hanno condotto alla miseria e a indecenti tagli alla spesa pubblica, e quindi sanitaria, la presidente della commissione UE finge di frignare dicendo: siamo tutti italiani. Questa intende?

Prima mi deve convincere che rimanere nella UE abbiamo da rimetterci, e perchè ci rimettiamo.

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

correggo il tiro:- 16%!! grazie...ciabatta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si sente bene? devo avvisare l'ospedale?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dopo il comunicato della Bce che ha annunciato tassi di interesse invariati e ha aumentato di 120 miliardi entro fine anno il Quantitative easing, le Borse sono in caduta libera. Piazza affari, in particolare, ha toccato una flessione di oltre il 14 per cento. Un risultato mai visto prima dal tragico anno 2008. A nulla dunque sono servite le rassicurazioni di Christine Lagarde su meno vincoli regolatori per le banche e nuova liquidità da prestare alle imprese in difficoltà per il coronavirus. Sembra infatti che l’emergenza stia allarmando tutti i settori. E, dopo quello sanitario, non poteva che esserci quello economico.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ahaha.ha ha scritto:

quindi?

La Banca centrale Usa, ieri, ha aumentato la liquidità a disposizione, rafforzando le aste dei titoli ‘pronti contro termine’ a un giorno (repo over night) a 175 miliardi di dollari dai 150 miliardi precedenti.

Di fatto, ha iniettato nel sistema finanziario 25 miliardi di dollari. Intanto, in Italia, Conte ha promesso 25 miliardi di euro. Promesso.

La differenza è tutta qui. Loro hanno una banca centrale. Noi no. Noi abbiamo la BCE, che per mandato non può stampare moneta, a causa dell’idiosincrasia weimariana tedesca nei confronti del rischio inflazione. Un rischio che mentre sprofondi nella depressione non esiste.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963