E questo qui sarebbe il leghista serio?

In un recente editoriale Marco Travaglio, certo mai tenero con i leghisti, faceva un distinguo tra Luca Zaia, amministratore serio, e il resto della truppa salviniana, che è quella che è. Anch'io pensavo che il governatore del Veneto fosse la classica eccezione che conferma la regola. E invece purtroppo non è così. Il signor Zaia non è meno becero e meno razzista del peggior Borghezio. In un momento in cui dovremmo essere vicini al popolo cinese, in particolare ai cinesi che vivono e lavorano onestamente  in Italia e che stanno subendo le conseguenze più dure sul piano economico, il signor Zaia rilascia dichiarazioni da vomito che in termini manzoniani potremmo tradurre come un dagli all'untore!  VERGOGNA! 

https://video.repubblica.it/dossier/coronavirus-wuhan-2020/coronavirus-zaia-tutti-abbiamo-visto-i-cinesi-mangiare-topi-vivi/354868/355435?ref=RHPPTP-BH-I249675643-C12-P2-S2.4-T1

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

18 messaggi in questa discussione

Perché Cazzaro di Napoli ?? Vorresti paragonare la cultura alimentare italiana a quella cinese ?? Cosa c’entra il razzismo, Cazzaro ?? Non e’ forse vero che mangiare la carne del cane, in Cina , e’ una tradizione secolare così come in Occidente noi consumiamo carne di vitello , di maiale e di pollo ?? Non e’ forse vero che in quasi tutti i regimi comunisti orientali , per far fronte alle gravi crisi di natura alimentare , si mangia senza nessun problema la carne del cane e pure del gatto  ?? Ma come , idio ta ?? Ad un letterato come te , ti e’ sfuggita sta cosa ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E dove sarebbe, EBETE, il problema igienico-sanitario nel mangiare cani e gatti? Animali, specie i gatti, molto più "puliti" dei maiali. Peraltro il razzista ignorante del video non parla né di cani né di gatti, ma di topi, e dice che vedere un cinese mangiare un "topo vivo" è esperienza comune, tipo vedere un italiano mangiare un cornetto alla crema. Attenzione, EBETE: questo schifoso razzista non ha parlato di "topi cotti" e nemmeno di "topi crudi", ma esattamente di "topi vivi". Magari appena pescati in una fogna. Magari conditi con una spruzzata di limone, come frutti di mare, e poi addentati alla gola per dargli il colpo di grazia. DA VOMITO!

Una delle varie lezioni positive di questa piccola epidemia virale è questa: si conferma che le Regioni sono enti inutili, anzi dannosi, e che vanno abolite al più presto. Anche perché il livello medio, già bassissimo, della nostra classe politica scade molto spesso a livello di FECCIA quando parliamo di Regioni. E allora ecco quello che pretende di chiudere tutte le scuole senza neppure un caso positivo nella sua regione. E quell'altro che si mette la mascherina durante la videochat per non infettare il computer e per far scappare gli ultimi turisti stranieri. Oppure quell'altra faccia di bronzo che, non appena i suoi galoppini sparsi negli ospedali pubblici gli passano la notizia del primo caso "probabilmente" positivo in regione, convoca i giornalisti per fare lo scoop, senza attendere la conferma del ministero e dell'ISS, i soli titolati a dare notizie del genere. DA VOMITO!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eh siii , Cazzaro !!  Anche i topi !!!

Una tradizione “necessaria”

Il giornalista sposta poi l’attenzione su un altro aspetto importante: anche se le condizioni di vita della popolazione cinese sono migliorate complessivamente negli ultimi 20-30 anni, è anche vero che la maggior parte degli abitanti di questo paese vastissimo vivono ancora in una situazione di estrema povertà che comporta spesso la mancanza di cibo

“Non c’è da stupirsi che i cinesi mangino i cani, perché mangiano tutto quello che la natura gli offre – spiega – Non solo le “normali” carni o il pesce, ma anche cani, gatti, serpenti, cavalli, asini, rane, topi, volpi e persino insetti come le locuste”.

Insomma, quelle che a noi sembrano tradizioni disgustose e anacronistiche, forse non sono altro che il frutto di un bisogno primario da soddisfare, anche a scapito di quelli che in Occidente consideriamo solo come animali “da compagnia”.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nel web circolano filmati con topini vivi ingoiati di brutto, e rospi  vivi scarnificati sul posto. 

Potrebbero essere trucchi per rendere truculenta la scena, ma fin'ora non ho visto smentite.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Egregio, come sai, nel mondo, tra i residenti in Cina e gli emigrati, i cinesi sono circa un miliardo e mezzo. Che qualcuno di loro possa avere gusti molto particolari, o il gusto per la perversione o la provocazione, rientra nelle possibilità. Per giunta oggi ci si inventa di tutto pur di finire sul web. C'è chi alleva topini in casa, nella massima igiene. Un topino appena nato pesa pochi grammi, nulla osta che un pervertito se lo mangi vivo. Ma da qui a dire che "tutti abbiamo visto cinesi mangiare topi vivi" ce ne corre. Con la stessa "logica" da decerebrati un politico cinese potrebbe dire che noi italiani siamo mangiatori di ***. E senza riferirsi a quei siti per depravati dove si vede gente che beve urine e mangia escrementi, bensì a un film che, piaccia o no, fa parte della storia del nostro cinema. Chi ha visto Salò o le 120 giornate di Sodoma, di Pier Paolo Pasolini, sa che le scene di coprofagia abbondano. Autore geniale e pluripremiato nei più importanti festival cinematografici (Cannes, Venezia, Berlino), Pasolini fu premiato a Venezia anche per il discusso e contestato Salò, sia pure con un riconoscimento postumo. Mario Soldati lo defini "film tragico e magico, un capolavoro che resterà nella storia del cinema mondiale". Ma tornando al becero Zaia, dopo le proteste dell'ambasciata cinese e quelle del web (che per fortuna non è frequentato solo da pagliacci, da depravati e da razzisti), il politucolo ha fatto la sua patetica marcia indietro. Dice che si è espresso male, che è stato frainteso (poverino), e che chiede scusa ma solo se qualcuno si è sentito offeso. Ecco, questo è il livello della feccia che governa le più importanti regioni del nostro paese. Ripeto: le Regioni sono enti inutili, anzi dannosi, vanno abolite al più presto.

Saluti

https://www.corriere.it/politica/20_febbraio_28/zaia-la-frase-topi-cina-mi-scuso-uscita-male-0b17efc2-5a67-11ea-afa8-e7dfdde6e2a2.shtml

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ognuno di noi, sig fosforo, spara qualche kazzata.

Ma da qui a dire che Zaia è un politucolo lo ce ne corre.

Secondo me è una persona seria e rispettabile, politicamente molto più preparato (e pericoloso) del kapitone.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Ognuno di noi, sig fosforo, spara qualche kazzata.

Ma da qui a dire che Zaia è un politucolo lo ce ne corre.

Secondo me è una persona seria e rispettabile, politicamente molto più preparato (e pericoloso) del kapitone.

Beh, a essere più seri del Capitone ci vuol poco e anch'io, come ho scritto, pensavo che Zaia fosse serio. Che sia preparato (in campo amministrativo) può darsi, ma serio a mio avviso NO. Oggi devo escluderlo. Una kazzata del genere, che denota superficialità, pregiudizio e razzismo, poteva forse, dico forse, scappare in un altro momento a una persona seria, non in questo. Non contro un popolo e delle persone in difficoltà. Ho visto una ragazza cinese seduta con gli occhi umidi nella sua botteguccia. Dove da un mese non ci sono più ***, solo la sua bambina che gioca. 

Peraltro anche sulle capacità amministrative dei signori Zaia e Fontana emergono seri dubbi. Facile amministrare regioni ricchissime quando tutto va bene. Bisognerebbe vederli in Calabria o in Sardegna. Non c'è Ebola, non c'è il colera, ma "poco più di un'influenza" (A.Fontana) e già si aprono grosse falle nel celebrato sistema sanitario lombardo e veneto. Pare che in Lombardia si sia infettato il 10% del personale che cura i contagiati. Fontana e Zaia hanno trasferito risorse alla sanità privata. Il cui contributo in questa emergenza sembra essere pari a zero. 

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Egregio, come sai, nel mondo, tra i residenti in Cina e gli emigrati, i cinesi sono circa un miliardo e mezzo. Che qualcuno di loro possa avere gusti molto particolari, o il gusto per la perversione o la provocazione, rientra nelle possibilità. Per giunta oggi ci si inventa di tutto pur di finire sul web. C'è chi alleva topini in casa, nella massima igiene. Un topino appena nato pesa pochi grammi, nulla osta che un pervertito se lo mangi vivo. Ma da qui a dire che "tutti abbiamo visto cinesi mangiare topi vivi" ce ne corre. Con la stessa "logica" da decerebrati un politico cinese potrebbe dire che noi italiani siamo mangiatori di ***. E senza riferirsi a quei siti per depravati dove si vede gente che beve urine e mangia escrementi, bensì a un film che, piaccia o no, fa parte della storia del nostro cinema. Chi ha visto Salò o le 120 giornate di Sodoma, di Pier Paolo Pasolini, sa che le scene di coprofagia abbondano. Autore geniale e pluripremiato nei più importanti festival cinematografici (Cannes, Venezia, Berlino), Pasolini fu premiato a Venezia anche per il discusso e contestato Salò, sia pure con un riconoscimento postumo. Mario Soldati lo defini "film tragico e magico, un capolavoro che resterà nella storia del cinema mondiale". Ma tornando al becero Zaia, dopo le proteste dell'ambasciata cinese e quelle del web (che per fortuna non è frequentato solo da pagliacci, da depravati e da razzisti), il politucolo ha fatto la sua patetica marcia indietro. Dice che si è espresso male, che è stato frainteso (poverino), e che chiede scusa ma solo se qualcuno si è sentito offeso. Ecco, questo è il livello della feccia che governa le più importanti regioni del nostro paese. Ripeto: le Regioni sono enti inutili, anzi dannosi, vanno abolite al più presto.

Saluti

https://www.corriere.it/politica/20_febbraio_28/zaia-la-frase-topi-cina-mi-scuso-uscita-male-0b17efc2-5a67-11ea-afa8-e7dfdde6e2a2.shtml

 

Sig Cazzaro , lei e’ un imbexxille !! Mi meraviglio di lei che fa finta di non accorgersi che i Cinesi , storicamente , si cibano di tutto un po’ . E’ ovvio che Non tutti i cinesi mangiano topi , cani , gatti e quant’altro , ma e’ strano , lei che e’ un famoso e storico coliaincollatore , non si sia mai imbattuto nelle famose parole di Mao Tse Tung cge per ovviare alle carenze di cibo di un numero stratosferico di perdite disse che “tuttocio’ che cammina , eccetto l’uomo , che vola e che vive in acqua e’ commestibile “. Quindi la smetta di fare paragoni contenenti idiozie su idiozie . E’ chiaro che Zaia ha fatto un discorso , politicamente ed eticamente da idio ta quasi come lei , ma rispetto alle abitudini alimentari cinesi , ha detto la verità . Così come non tutti i napoletani mangiano cozze crude e mitili crudi in genere , ma e’ pure vero che in molti questa abitudine e’ rimasta e solo un imbexxille può negarlo . Chiaroooo, Cazzaro di Napoli ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Comunque sia, sig fosforo, nel web girano filmati di cucine cinesi da incubo con i cuochi che sorridono alla telecamera.

Non si comprende in quale luogo di questa terra sia collocata questa cucina, ma spero proprio che non siano cucine cinesi in Italia, anche se ho avuto modo di vedere e mangiare in ristoranti toscani le cui cucine meritavano la chiusura immediata.

Ma i Nas dove sono finiti?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Toscani ?? Ma vah , ci avrei giurato mediocre Sanchino sempre più ino ino è sempre più mazzolato , ahahahahaha !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, mark222220 ha scritto:

Perché Cazzaro di Napoli ?? Vorresti paragonare la cultura alimentare italiana a quella cinese ?? Cosa c’entra il razzismo, Cazzaro ?? Non e’ forse vero che mangiare la carne del cane, in Cina , e’ una tradizione secolare così come in Occidente noi consumiamo carne di vitello , di maiale e di pollo ?? Non e’ forse vero che in quasi tutti i regimi comunisti orientali , per far fronte alle gravi crisi di natura alimentare , si mangia senza nessun problema la carne del cane e pure del gatto  ?? Ma come , idio ta ?? Ad un letterato come te , ti e’ sfuggita sta cosa ?? 

Ed a un intelligentone come lei sfugge che non sono i regimi politici a determinare le abitudini alimentari, ma tradizioni ataviche e norme religiose ?

Gli ebrei aborriscono i crostacei e i frutti di mare, i mussulmani il maiale, gli indù la vacca...

Quanto a Zaia, abbiamo tutti visto i veneti mangiare "polenta e osei crui" (polenta e uccelli non spiumati).

PS: riguardo ai regimi politici, veda la storia della liberale Inghilterra e della carestia irlandese della metà del 1800, quando gli uomini brucarono erba e bollivano corteccia......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Comunque sia, sig fosforo, nel web girano filmati di cucine cinesi da incubo con i cuochi che sorridono alla telecamera.

Non si comprende in quale luogo di questa terra sia collocata questa cucina, ma spero proprio che non siano cucine cinesi in Italia, anche se ho avuto modo di vedere e mangiare in ristoranti toscani le cui cucine meritavano la chiusura immediata.

Ma i Nas dove sono finiti?

 

1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Ed a un intelligentone come lei sfugge che non sono i regimi politici a determinare le abitudini alimentari, ma tradizioni ataviche e norme religiose ?

Gli ebrei aborriscono i crostacei e i frutti di mare, i mussulmani il maiale, gli indù la vacca...

Quanto a Zaia, abbiamo tutti visto i veneti mangiare "polenta e osei crui" (polenta e uccelli non spiumati).

PS: riguardo ai regimi politici, veda la storia della liberale Inghilterra e della carestia irlandese della metà del 1800, quando gli uomini brucarono erba e bollivano corteccia......

Posso aggiungere quello che mi raccontava mio nonno. A Napoli nei mesi più duri dell'ultima guerra il piatto unico abituale (quando c'era) per molte famiglie era una zuppa a base di bucce di piselli, fagioli e altri legumi. Anche le bucce di banane e meloni erano molto appetite. Nei casi peggiori si arrivava a staccare la carta da parati dalle pareti per mangiare la colla di pesce (ittiocolla) all'epoca molto usata e ricca di proteine. 

La fame giustifica tutto, perfino il cannibalismo sui cadaveri (citato anche nella Bibbia). Altra cosa è parlare, come ha delirato Zaia, di superiorità e inferiorità "culturali" in relazione alle abitudini alimentari e igieniche. Da lì al razzismo il passo è breve. Non ricordo se fu Piero o Alberto Angela in un documentario a raccontare del progresso fatto dai militari inglesi quando occuparono Hong Kong a metà '800. Venendo a contatto coi cinesi cominciarono a lavarsi, cosa che prima facevano una volta ogni morte di papa, cioè quando rientravano a casa dalla loro mogli dopo mesi o anni di missione o di campagna di guerra. Sulla medesina lunghezza d'onda è sintonizzato il razzista pisano. Secondo lui mangiare cozze vive (come tuttora fanno alcuni napoletani, non io) è segno di inferiorità culturale. Mentre se si mangiano ostriche vive è uno status symbol da ricchi. 

https://it.businessinsider.com/perche-potresti-non-mangiare-mai-piu-ostriche-crude-e-4-miti-da-sfatare/

Quanto ai NAS, sono d'accordo con Ahaha. Nelle cucine dei ristoranti italiani (e di tutto il mondo) succedono cose turche. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Toscani ?? Ma vah , ci avrei giurato mediocre Sanchino sempre più ino ino è sempre più mazzolato , ahahahahaha !! 

Non giuri troppo sig maggiordomo, in Toscana ci sono diversi ristoranti che meriterebbero la visita dei Nas e degli ispettori dell'ufficio igiene.

O nega perfino questo?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Non giuri troppo sig maggiordomo, in Toscana ci sono diversi ristoranti che meriterebbero la visita dei Nas e degli ispettori dell'ufficio igiene.

O nega perfino questo?

Sono in tutta Italia.....Veneto compreso !!! Anche Cannavacciuolo l'hanno preso con le dita nella marmellata !!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Sono in tutta Italia.....Veneto compreso !!! Anche Cannavacciuolo l'hanno preso con le dita nella marmellata !!!!

Naaaaa.....in Veneto come in Toscana le cucine sono  a prova di Nas, sig cortomaltese.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

#leroedelgiorno per Fanpage.it? Il topolino di Zaia

Attenzione a non sottovalutare il topolino di Zaia, quel topo che Zaia asserisce essere il cibo preferito dei cinesi, da vivo, dice che li abbiamo visti tutti i cinesi mentre si infilano il ratto nel piatto e poi lo mangiano così fresco da essere sushi. Attenzione che quel topolino di Zaia in fondo sta stanando tutti i razzisti, li sta mostrando al resto del mondo per quello che sono e finalmente racconta quanto sia inguardabile quella classe dirigente.

Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, è da sempre considerato un leghista addirittura moderato, uno di quelli che non ha bisogno di sbraitare cretinate per farsi notare e la sua ultima uscita sull'edilità dei topi invece dimostra quanto i leghisti siano in difficoltà ogni volta che viene richiesta responsabilità nel governare e prudenza nelle parole. Con una sola frase Zaia ha mandato in fumo milioni di euro che la sua regione spende per promuoversi nel mondo, con buona pace delle aziende che da sempre lavorano per aumentare la propria credibilità internazionale e il proprio mercato.

È un'azione simile a quella del presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana mentre indossa (piuttosto goffamente, tra l'altro) una mascherina in un video che sta facendo il giro del mondo: mentre si cerca di tranquillizzare il mondo sulla Lombardia il presidente regionale si mette a fare la macchietta spaventata. Giudicate voi.

Zaia e Fontana sono considerati le punte di diamante della classe leghista (Salvini intanto briga per fare cadere il governo, sempre a proposito di responsabilità) eppure entrambi vengono da esperienze politiche locali (come nel caso di Fontana) o di ben poca eccellenza (come nel caso di Zaia).

La risposta dell'ambasciata cinese non lascia dubbi: "In un momento cruciale come questo, in cui Cina e Italia si trovano fianco a fianco ad affrontare l'epidemia, un politico italiano non ha risparmiato calunnie sul popolo cinese. Si tratta di offese gratuite che ci lasciano basiti. Ci consola il fatto che moltissimi amici italiani non sono d'accordo con tali affermazioni e, anzi, le criticano fermamente. Siamo convinti che le parole di un singolo politico non rappresentino assolutamente il sentire comune del popolo italiano, un popolo civile e nostro amico.
Il nuovo coronavirus è un nemico comune, che richiede una risposta comune. In un momento così difficile, è necessario mettere da parte superbia e pregiudizi, e rafforzare la comprensione e la cooperazione al fine di tutelare la sicurezza e la salute comune dell'umanità intera".

E allora sia lodato il topolino di Zaia che finalmente li stana tutti: razzisti, incapaci, fragorosi populisti e sciacalli del Coronavirus. Bisognerà vedere se loro, quelli, faranno la fine del topo.

https://www.fanpage.it/…/il-topo-di-zaia-e-la-sintesi-di-u…/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo articolo di Fanpage e ottima risposta dell'ambasciata cinese. Resta la figuradicacca mondiale del politicante (il caso ha avuto ampia risonanza) e del paese (il nostro) che lo ha messo a governare una regione. La patetica retromarcia e le blande scuse di questo razzista io le trovo insufficienti. A mio modo di vedere l'unica conseguenza proporzionale e l'unica per salvare la faccia erano le dimissioni. Mattarella è un galantuomo, ma spesso, troppo spesso, afono. Un capo dello Stato che in un caso del genere, in un'emergenza del genere, non lancia un monito esplicito, diretto, durissimo, come certo avrebbe fatto un Pertini, mi spiace dirlo ma perde una buona occasione per dimostrarsi all'altezza del ruolo. E per riportare la politica nei binari di una minima serietà e decenza. Ritengo che quel messaggio dell'ambasciata cinese, di stupore, di protesta e di confermata amicizia nel contempo, avrebbe meritato una risposta personale da parte del presidente della Repubblica. Se nei prossimi mesi o anni migliaia o forse milioni di turisti cinesi eviteranno l'Italia e in particolare il Veneto, come pure molti investitori, ce lo saremo meritato.  

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963