Carlo Urbani: il medico eroe che scoprì la Sars e ne fu vittima

Il coronavirus Covid- 19 che non è mortale come la Sars, ha fatto ricordare a molti la preparazione, competenza ed eroismo di Carlo Urbani, Medico infettivologo italiano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Urbani viene ricordato nella storia della medicina come l’uomo che per primo identificò la Sars, a sacrificio della propria stessa vita. Se oggi la Sars non fa più paura è soprattutto grazie a lui.

La SARS è una forma di polmonite atipica causata da un coronavirus responsabile dell’epidemia scoppiata in Estremo Oriente tra il 2002 e il 2003 che causò diverse centinaia di morti.
Grazie all’isolamento del virus si è potuto in poco tempo sviluppare un vaccino e delle cure efficaci che ne hanno controllato la diffusione. Era il 28 febbraio del 2003, e il dottor Urbani veniva chiamato presso un ospedale privato francese di Hanoi, per occuparsi di un caso di polmonite atipica. La situazione che si trovò di fronte nell’ospedale di Hanoi era impressionante: nessuno capiva cosa stava succedendo, infermieri che piangevano, medici terrorizzati, gente che correva e urlava, e l’amara consapevolezza che si diffondeva tra le corsie. 

Il medico italiano non si tirò indietro, capì subito che si trattava di un nuovo e pericoloso virus e lanciò l'allarme al governo e all'OMS, diffondendo un testo che rivelava la pandemia, ma soprattutto riusciva a convincere le autorità locali ad adottare misure di quarantena preventive per circoscrivere la diffusione del virus.

La sua segnalazione di quella che poi sarebbe stata chiamata Sars, ha permesso di salvare migliaia di vite. Mettendo in allarme il sistema di sorveglianza globale e attivando le procedure di sicurezza, Carlo Urbani favorì il riconoscimento precoce di nuovi casi, consentendo l’applicazione precoce dei protocolli di isolamento e quarantena a salvaguardia del personale sanitario e ospedaliero. 
il metodo anti-pandemie realizzato dal dottor Urbani nel 2003 rappresenta, ancora oggi, un protocollo internazionale per combattere le emergenze epidemiologiche mondiali. 
il 29 marzo 2003, il dottor Carlo Urbani morì presso l’ospedale di Bangkok a causa della Sars e solamente quel giorno l’Italia viene a sapere che tra i suoi cittadini c’era un medico eroe che era stato capace di isolare il virus ma di cui ne era purtroppo rimasto vittima.
https://www.huffingtonpost.it/entry/la-vedova-dellinfettivologo-carlo-urbani-mio-marito-infettivologo-mori-di-sars-lo-chiamarono-a-bangkok-e-non-si-risparmio_it_5e280adbc5b67d8874a96b0c

Risultato immagini per Carlo Urbani

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963