Il Codice Travaglio ...!!

Esistono, in Italia, tre codici di giustizia. Il codice penale, il codice di procedura penale e il Codice Travaglio. I primi due riguardano un numero ridotto di processi. Quelli che si svolgono nelle aule dei tribunali. Pochi. Spesso poi si concludono con le assoluzioni, e questo, da una parte consistente del giornalismo e dell’opinione pubblica italiana, è considerato un fatto non positivo.

Il Codice Travaglio invece riguarda la maggior parte dei processi, quelli che vengono originati da un avviso di garanzia o da un semplice articolo di giornale, e che si svolgono in forma mediatica e si concludono con la condanna. Il Codice Travaglio non prevede assoluzioni, né tantomeno prescrizioni. Anzi, la particolarità di questo processo è che può giungere molto rapidamente alla condanna (in genere questo avviene in poche ore) e poi comunque continuare anche per molti anni, con un numero indefinito di successive condanne.

lg.php?bannerid=25732&campaignid=6367&zo

Voi conoscete quel cervellotico principio del diritto romano (e di tutti i successivi “diritti”) che stabilisce il cosiddetto ne bis in idem? Vuol dire che non si può processare la stessa persona due volte per uno stesso reato. Nel Codice Travaglio esiste il principio opposto: se una persona viene processata una volta è giusto processarla ancora tre, quattro, cinque, “enne volte”. E condannarla, naturalmente.

Nel Codice Travaglio non esiste la necessità di esibire delle prove per condannare qualcuno. Le prove sono considerate una “azzeccagarbugliata” inventata dagli avvocati per buttare tutto in caciara. Il Codice Travaglio prevede la sacralità del sospetto. Il sospetto, secondo il Codice Travaglio, assai raramente porta fuori strada. Se sei indotto a sospettare di qualcuno ci sarà pure una buona ragione, altrimenti non sospetteresti di lui. E se c’è una buona ragione è altissima la possibilità che questa persona sia colpevole. La possibilità dell’errore nel sospetto esiste sempre, ma in quel caso si chiama “errore fisiologico” (è un concetto ripreso dal Codice Davigo) e l’errore fisiologico è un non errore, una percezione parzialmente inesatta della verità.

Ora, voi sapete che da qualche giorno noi poniamo una domanda all’autore del Codice Travaglio, che poi sarebbe Marco Travaglio. E gliela poniamo, gliela abbiamo sempre posta, utilizzando il buon senso e non uno dei codici dei quali abbiamo parlato fin qui. E cioè gli chiediamo di darci una spiegazione sul significato di una intercettazione, della quale abbiamo già pubblicato il verbale, e che riguarda il suo giornale e il caso

Per comodità dei lettori trascriviamo nuovamente questa intercettazione. È il 19 febbraio del 2017. L’intercettato è il dottor Francesco Licci, capo delle relazioni esterne di Consip e capo della commissione che doveva decidere sulle 18 gare di appalto che sono l’oggetto della inchiesta. Sta parlando con l’amministratore delegato di Consip, Luigi Marroni. Dice, testualmente, il verbale: «Licci Francesco chiama Marroni Luigi e gli dice: “Oggi il Fatto ce n’ha per tutti…”.

I due commentano un articolo de Il Fatto che attacca la Panozzo (dirigente anticorruzione di Consip), nell’articolo c’è scritto: “Sta lì a far niente”. Commenta Marroni: “Sempre che ci siano corrotti”. Licci: “I giornalisti danno sempre per scontato che i corrotti ci siano”. Marroni si pone la questione se conviene “fare una strategia con il Fatto”. Licci dice che ha già contattato una società “che fa questo di mestiere e gli ha passato tutto l’incartamento”. Dice di aver “contattato un amico che lavora a Roma ed è molto bravo: Gianluca Comin”».

lg.php?bannerid=25732&campaignid=6367&zo

Letta questa intercettazione, che è stata depositata dal Gip Gaspare Sturzo, ci siamo chiesti cosa sia successo dopo questa conversazione. Comin ha parlato con Il Fatto? Cosa ha detto? Cosa ha chiesto? Cosa ha offerto? Cosa ha proposto? Come è stato accolto? Ci aspettavamo una garbata risposta, garbata ed esauriente da parte del direttore de Il Fatto. Invece niente, silenzio.                                 S.P.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

 

Per essere uno che vende solo 20.000 copie la fa rodere parecchio, sig maggiordomo.

Se Travaglio  non risponde perché non chiede a Comin? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mica lo chiedo io che debba rispondere . Mi auguro che le domande gliene facciano i Magistrati. Lei , invece ,  non se lo augura ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come divulgatore di cultura lei può precedere  i magistrati sig maggiordomo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La cosa grave, molto grave, rimane il fatto che certa editoria (carta stampata, radiofonica, televisiva) di bassa e molto bassa qualità riceva finanziamenti per il solo fatto di essere “sinistrata” … scusate forse voi preferite “di sinistra”. Del resto i fatti dimostrano che le sinistre presentano gestioni sinistre. Quando si verifica un incidete, nessuno dice di avere subito un destro. Si dice di avere subito un sinistro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

La cosa grave, molto grave, rimane il fatto che certa editoria (carta stampata, radiofonica, televisiva) di bassa e molto bassa qualità riceva finanziamenti per il solo fatto di essere “sinistrata” … scusate forse voi preferite “di sinistra”. Del resto i fatti dimostrano che le sinistre presentano gestioni sinistre. Quando si verifica un incidete, nessuno dice di avere subito un destro. Si dice di avere subito un sinistro.

Basta precisare e si evitano imprecisioni.

Subire un destro fa parte del lessico comune in quanto sta a significare che si è subito un pugno in faccia, un c@azzotto.

Esattamente come sta capitando in questo periodo d'altronde visto che il destro (o il c@azzotto) ce lo hanno rifilato e stanno continuando a rifilarcelo soprattutto dalle parti di Lodi.  Non rimane altro che scansarlo o almeno fare di tutto per attutirne gli effetti. O altrimenti fare in modo di non incontrare i pugili.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
42 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

La cosa grave, molto grave, rimane il fatto che certa editoria (carta stampata, radiofonica, televisiva) di bassa e molto bassa qualità riceva finanziamenti per il solo fatto di essere “sinistrata” … scusate forse voi preferite “di sinistra”. Del resto i fatti dimostrano che le sinistre presentano gestioni sinistre. Quando si verifica un incidete, nessuno dice di avere subito un destro. Si dice di avere subito un sinistro.

"Libero" di incassare. Al quotidiano di Feltri 53 milioni di fondi pubblici solo dal 2003 a oggi.

 

Quel KOMUNISTA di Vittorio Feltri.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963