Quarantena "fiduciaria" stamani in farmacia già due persone che la hanno violata

Vado in Farmacia a Milano, i farmacisti sono tutti con la mascherina, chiedo alla farmacista: "ma siete obbligati a tenerla?" E lei mi risponde, signora si, pensi che stamattina sono entrate già due persone in quarantena, non dovrebbero uscire di casa e invece erano qui, gli ho detto: "Ma dovete stare a casa!" e loro, ma stiamo bene... insomma noi qui in farmacia rischiamo e stiamo con la mascherina per proteggere noi e voi, ci sono persone che non capiscono... che ne pensi?Risultato immagini per farmacista mascherine

 



 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Premesso che un /(a) farmacista non conosce ne può conoscere tutti i *** che entrano nel negozio, quindi cara anoblu quello che stai dicendo lo avrai sognato dopo un paio di bicchieri di grappa, la salute è un diritto di tutti non è un privilegio consentito solamente ai clandestini, ma anche i cittadini italiani ne hanno diritto.. se nella tua pseudo farmacia sono entrati dei *** a pagare di tasca propria il TIKET che il governo italiano ha imposto per acquistare medicinali a loro necessari ne avevano tutto il dovere di farlo per la loro incolumità personale.e per non diffondere eventuali altre patologie .. se a Te personalmente non sta bene che un /a bisognoso di medicine entri in farmacia a comperare farmaci è SOLMENTE un problema TUO ti metti di fronte alla farmacia è gli impedisci di entrare … Se qualche BECERO politico che ha promesso  una sua  cura da cavallo  ha qualcosa da obbiettare sulla vendita di medicine allora si mettesse lui a fare il farmacista.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

BEH PERO'SE ERANO IN QUARANTENA MAGARI BASTAVA AVVISARE LA FARMACIA, AVREBBERO PREPARATO I MEDICINALI RICHIESTI E MAGARI FATTI PORTARE  AL DOMICILIO..PERCHE' INFETTARE X NULLA?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, mylord611 ha scritto:

Premesso che un /(a) farmacista non conosce ne può conoscere tutti i *** che entrano nel negozio, quindi cara anoblu quello che stai dicendo lo avrai sognato dopo un paio di bicchieri di grappa, la salute è un diritto di tutti non è un privilegio consentito solamente ai clandestini, ma anche i cittadini italiani ne hanno diritto.. se nella tua pseudo farmacia sono entrati dei *** a pagare di tasca propria il TIKET che il governo italiano ha imposto per acquistare medicinali a loro necessari ne avevano tutto il dovere di farlo per la loro incolumità personale.e per non diffondere eventuali altre patologie .. se a Te personalmente non sta bene che un /a bisognoso di medicine entri in farmacia a comperare farmaci è SOLMENTE un problema TUO ti metti di fronte alla farmacia è gli impedisci di entrare … Se qualche BECERO politico che ha promesso  una sua  cura da cavallo  ha qualcosa da obbiettare sulla vendita di medicine allora si mettesse lui a fare il farmacista.

Complimentoni, ecco il candidato al premio nobel!

Ma vai va...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, lara77bs ha scritto:

BEH PERO'SE ERANO IN QUARANTENA MAGARI BASTAVA AVVISARE LA FARMACIA, AVREBBERO PREPARATO I MEDICINALI RICHIESTI E MAGARI FATTI PORTARE  AL DOMICILIO..PERCHE' INFETTARE X NULLA?

Perché quello che porta i medicinali a domicilio deve rischiare la sua vita ed essere sacrificato al contagio ed il farmacista no! mandateci quel tipo che ha promesso la cura da cavallo a consegnare i medicinali  LA SALUTE è UN DIRITTO / DOVERE DI TUTTI

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/2/2020 in 14:24 , mylord611 ha scritto:

Premesso che un /(a) farmacista non conosce ne può conoscere tutti i *** che entrano nel negozio, quindi cara anoblu quello che stai dicendo lo avrai sognato dopo un paio di bicchieri di grappa, la salute è un diritto di tutti non è un privilegio consentito solamente ai clandestini, ma anche i cittadini italiani ne hanno diritto.. se nella tua pseudo farmacia sono entrati dei *** a pagare di tasca propria il TIKET che il governo italiano ha imposto per acquistare medicinali a loro necessari ne avevano tutto il dovere di farlo per la loro incolumità personale.e per non diffondere eventuali altre patologie .. se a Te personalmente non sta bene che un /a bisognoso di medicine entri in farmacia a comperare farmaci è SOLMENTE un problema TUO ti metti di fronte alla farmacia è gli impedisci di entrare … Se qualche BECERO politico che ha promesso  una sua  cura da cavallo  ha qualcosa da obbiettare sulla vendita di medicine allora si mettesse lui a fare il farmacista.

Il "paziente uno" (chiamiamolo Mattia da Codogno) non si è sentito bene. Febbre e tosse. È andato tre volte al Pronto Soccorso prima che lo ricoverassero, riconoscendo la patologia.

Nel frattempo ha infettato:

1) medici, infermieri ed altri pazienti;

2) mezza squadra di calcio;

3) la moglie incinta;

4) un imprecisato numero di maratoneti;

Il virus è stato portato in Liguria, in Trentino, in Sicilia, in Austria, in Spagna da coscienzosissimi cittadini lombardi che continuano a fare i turisti ed infettare il pianeta.

E lei si preoccupa di due milanesi in farmacia ?

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chi ha infettato "Mattia da Codogno"? non si sa !! sicuramente anche Lui sarà stato a sua volta contagiato da qualcun altro …. siccome si è accorto di essere infettato, solamente dopo essersi sentito male, malattia che tra l'altro non gli è stata subito riconosciuta … certo non per negligenza ma perché èra una novità a tutti gli effetti  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963