Coronavirus: A Milano per lavoro, città in preda al panico

Ciao a tutti,
vengo spesso a Milano per lavoro e fino alla scorsa settimana sembrava tutto tranquillo, pochissime persone con le mascherine, metropolitane piene tanta gente in giro. Questo sabato tutto è cominciato a cambiare. Già in treno qualche colpo di tosse di un ragazzo ha scatenato la reazione inconsulta della donna che gli sedeva vicino, voleva cambiare posto ma la carrozza era piena e ha cominciato a urlare: "Coronavirus! Moriremo tutti" il povero ragazzo si è alzato e si allontanato restando per un pò in piedi.
Arrivo alla stazione, molte persone hanno la mascherina, chi non la ha, in metropolitana, si alza la sciarpa su naso e bocca per coprire le vie aree, tutti si guardano con aria sospettosa. 
Cominciano ad arrivare notizie drammatiche, il numero di contagiati che sale, l'isolamento di tanti paesi molto vicini a Milano, il contagio che arriva anche a Milano.
Domenica sera, decido di andare a fare un pò di spesa in un grande supermercato, avevo letto che era cominciato l'assalto ai supermercati ma non ci ho creduto fino a quando non ho visto con i miei occhi: interi scaffali vuoti, quelli della pasta e di prodotti che si conservano, il frigo delle carni svuotato completamente, pane introvabile, carrelli strapieni di ogni genere alimentare e di pacchi di carta igienica, gente con la mascherina che li spingeva con sguardo preoccupato.
Vorrei fare qualche considerazione non per sottovalutare il problema, che c'è ed è molto serio, ma credo che questo panico sia eccessivo, seguiamo i consigli degli esperti, teniamo a casa e protetti i nostri anziani o persone con difese immunitarie basse, laviamoci spesso le mani e stiamo a distanza da chi manifesta sintomi, siamo in periodo di influenza di stagione, se abbiamo un pò di febbre, monitoriamo e informiamo il medico, ma il coronavirus provoca febbre molto alta, tosse e difficoltà respiratorie.
Milano questa mattina è spettrale, forza Milano e un augurio a tutte le regioni colpite! Ce la faremo, i nostri presidi sanitari, medici e infermieri sono i primi a rischiare e stanno lavorando al massimo delle loro forze, ce la faremo! Niente Panico!
Risultato immagini per scaffali vuoti esselunga


 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963