DEMOCRATICI I disHONESTI

14 minuti fa, pm610 ha scritto:

Naturalmente   guai  a  chiamarli  neofascisti  forse   è  il  neo  che  stona...

e  aggiungiamoci   pure  questo .  che  ne  pensate ??     Guai  a  chiamarli  fascisti...

http://www.corriere.it/politica/17_luglio_10/apologia-fascismo-legge-scontro-pd-m5s-d1219204-6555-11e7-a5ea-ffe2be8246f0.shtml

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

 «A me rimane per sempre la frase che disse Giacomo Matteotti: qui non si tratta di reati di opinione perché il fascismo non è un’idea, è un crimine»

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Folklore? Certo che c'è del folklore, insieme a una buona dose di ignoranza, in quelle scritte. Le quali, più che fare apologia del fascismo (tra l'altro io lo trovo un po' comiche) servono a quel furbetto gestore per attirare bagnanti al suo lido. Di veri fascisti in Italia ne sopravvivono pochissimi, ma abbondiamo di ignoranti fascistoidi ed esaltati che il fascismo non l'hanno mai visto e che credono fosse un'epoca felice. E poi ci sono i curiosi attirati dalle stravaganze e dal folklore. Quel soggetto è un privato imprenditore, di sicuro fa buoni affari, con quella trovata è riuscito perfino ad andare in tv. Se io fossi un giudice, lo obbligherei a rimuovere quelle scritte in base alle vigenti norme, ma francamente non mi sembra l'illegalità più preoccupante che viene tollerata nel paese di Pulcinella. La norma esiste dal 1952, ma quanti esaltati sono finiti effettivamente in galera per apologia del fascismo? I neofascisti della strage di Bologna condannati a 8/9 ergastoli ciascuno (anche per una decina di omicidi) hanno già scontato (si fa per dire) le loro pene, hanno la mia età e si godono la vita. Tempo fa scrissi un post sul sindaco di Predappio (città natale del duce), un uomo pubblico che chiedeva soldi pubblici al governo (milioni di euro) per restaurare la Casa del Fascio e farne un museo. Per caso ti ricordi, Los, di che partito era quel sindaco? Non era (per sua fortuna) dei 5Stelle. Ma era un caso molto più grave di quello del gestore di spiaggia, e mi fu risposto che quel sindaco pensava a sostenere il turismo. Molti anni prima ero stato di passaggio a Predappio: se fossi stato un giudice intransigente avrei dovuto porre sotto sequestro metà dei negozi e delle bancarelle del paese. Ma così ne avrei anche dimezzato l'economia. Trovo un po' comica anche l'iniziativa del patetico Fiano. Il quale, dopo non essere riuscito a scopiazzare in modo decente la legge elettorale tedesca, ora cerca di farsi perdonare confezionando una leggina bis sull'apologia del fascismo. Ma probabilmente è solo un modo per distrarre l'opinione pubblica dalle figuracce del Pd sui migranti (fu il governo Renzi a firmare l'accordo capestro sugli sbarchi e oggi in Europa ci prendono a pesci in faccia). Se invece questi guitti ridicoli vogliono fare qualcosa di sinistra, allora tassino le prime case dei ricchi e nazionalizzino le banche (e non solo i crediti deteriorati). Se poi vogliono fare una legge utile e necessaria, pensino alla legge elettorale. Il parlamento lavora due giorni e mezzo a settimana (quando va bene) e ci sono la pausa estiva e quella di Natale in mezzo, la legislatura ha i giorni contati ma non sappiamo ancora con che legge elettorale andremo a votare. E il Pd, dopo 65 anni, vuole cambiare la legge sull'apologia del fascismo. Roba da matti!

Saluti

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mah  cosa  centri   Renzi,  mi sa  che  ormai  Fosforo  è  andato  per  la tangente.  Ok  non  mi piace  Renzi ma  infilarlo  in ogni  discussione  mi sembra  esagerato. A  proposito   centrerà  anche  qui  ???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Folklore? Certo che c'è del folklore, insieme a una buona dose di ignoranza, in quelle scritte. Le quali, più che fare apologia del fascismo (tra l'altro io lo trovo un po' comiche) servono a quel furbetto gestore per attirare bagnanti al suo lido. Di veri fascisti in Italia ne sopravvivono pochissimi, ma abbondiamo di ignoranti fascistoidi ed esaltati che il fascismo non l'hanno mai visto e che credono fosse un'epoca felice. E poi ci sono i curiosi attirati dalle stravaganze e dal folklore. Quel soggetto è un privato imprenditore, di sicuro fa buoni affari, con quella trovata è riuscito perfino ad andare in tv. Se io fossi un giudice, lo obbligherei a rimuovere quelle scritte in base alle vigenti norme, ma francamente non mi sembra l'illegalità più preoccupante che viene tollerata nel paese di Pulcinella. La norma esiste dal 1952, ma quanti esaltati sono finiti effettivamente in galera per apologia del fascismo? I neofascisti della strage di Bologna condannati a 8/9 ergastoli ciascuno (anche per una decina di omicidi) hanno già scontato (si fa per dire) le loro pene, hanno la mia età e si godono la vita. Tempo fa scrissi un post sul sindaco di Predappio (città natale del duce), un uomo pubblico che chiedeva soldi pubblici al governo (milioni di euro) per restaurare la Casa del Fascio e farne un museo. Per caso ti ricordi, Los, di che partito era quel sindaco? Non era (per sua fortuna) dei 5Stelle. Ma era un caso molto più grave di quello del gestore di spiaggia, e mi fu risposto che quel sindaco pensava a sostenere il turismo. Molti anni prima ero stato di passaggio a Predappio: se fossi stato un giudice intransigente avrei dovuto porre sotto sequestro metà dei negozi e delle bancarelle del paese. Ma così ne avrei anche dimezzato l'economia. Trovo un po' comica anche l'iniziativa del patetico Fiano. Il quale, dopo non essere riuscito a scopiazzare in modo decente la legge elettorale tedesca, ora cerca di farsi perdonare confezionando una leggina bis sull'apologia del fascismo. Ma probabilmente è solo un modo per distrarre l'opinione pubblica dalle figuracce del Pd sui migranti (fu il governo Renzi a firmare l'accordo capestro sugli sbarchi e oggi in Europa ci prendono a pesci in faccia). Se invece questi guitti ridicoli vogliono fare qualcosa di sinistra, allora tassino le prime case dei ricchi e nazionalizzino le banche (e non solo i crediti deteriorati). Se poi vogliono fare una legge utile e necessaria, pensino alla legge elettorale. Il parlamento lavora due giorni e mezzo a settimana (quando va bene) e ci sono la pausa estiva e quella di Natale in mezzo, la legislatura ha i giorni contati ma non sappiamo ancora con che legge elettorale andremo a votare. E il Pd, dopo 65 anni, vuole cambiare la legge sull'apologia del fascismo. Roba da matti!

Saluti

Ma vai a caga re , ebe te !! Sei un ver. me che usa qualsiasi cosa per attaccare il PD . Ma ne conosci la storia ?? Sai da dove proveniamo , idio ta ?? Il Sindaco del PD di Predappio aveva ben altri scopi e ben altre finalità da quel che adombra una caga ta umana qual sei . Bufalaro di mer da !! Il Sindaco vi avrebbe fatto un museo per consentire alle giovani generazioni di visitarlo e capire i mali e le tragedie che il fascismo aveva portato .  Strinzo.lo !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo si è sempre saputo

 

Dopo tanti tentennamenti, il M5s getta la maschera e la svolta a destra diventa evidente: per i grillini il fascismo è un'idea da difendere. Ecco perché sono i più fieri oppositori della proposta per punire l'apologia di fascismo. Luca Soldini per italiaincammino.it

safe_image.php?d=AQDk1TkBvQ5cfYwX&w=476&
Il M5s getta la maschera e la svolta a destra appare evidente: alla Camera sono i più fieri oppositori della proposta che punisce l'apologia di fascismo.
ITALIAINCAMMINO.IT

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963