le nuove tasse e le nuove regole

Inviata (modificato)

Io espongo i fatti, le conclusioni le lascio ai posteri  ... /...  un tempo esisteva la marca da bollo sui certificati medici. Un tempo in lire, poi assai maggiorata in euro. Una tassa sulla salute, anzi sulla malattia, è assurda, ma facciamo finta vada bene. Un tempo questa marca da bollo poteva avere la data di emissione di alcuni giorni prima o alcuni giorni dopo, la sola cosa importante era ci fosse. Poi con il primo gennaio duemilaventi è arrivato l'attuale governo di sbalestrati (ovvero personaggi usciti dalla balestra) che ha stabilito che certificato e marca devono avere la medesima data, pena la perdita di validità del certificato medesimo e pesanti sanzioni economiche. Altra novità. I pagamenti per le visite e le prestazioni ospedaliere vanno pagati solo pochi minuti prima della visita o della prestazione ospedaliera. Quindi niente pagare il giorno prima, per guadagnare tempo al momento della visita. No di no. Proibito. Poi il pagamento va effettuato solamente alle macchinette automatiche e solamente tramite bancomat, niente contante. E coloro che non hanno il bancomat come fanno a pagare.?.?. Vi è poi da aggiungere che delle quattro macchinette in atrio, tre sono bloccate e la quarta funziona solo ad orari prestabiliti. Il tutto per complicare la vita a coloro che già hanno problemi di salute, anzi di malattia. - io mi limito ad esporre i fatti, rimane da pensare che questi gineprai attorcigliati siano stati creati da coloro i quali devono pagarsi le lampadine nuove nelle proprie nuove ristrutturazioni dei palazzi governativi. - oggi giovedì tredici febbraio -  

          

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

 (ripeto, si tratta di una novità introdotta il primo gennaio di quest'anno)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi sa che siamo arrivati al punto che i signori eletti dai cittadini con lo scopo di amministrare la cosa pubblica, alla fine fanno di tutto per non far nulla, ovvero si inventano un mucchio di regolamenti che dovrebbero migliorare l'amministrazione ma alla fine non fanno altro che complicarla, o addirittura renderla ancora più ingarbugliata, mal-funzionante, inefficiente; in poche parole un vero carrozzone che arranca di legislatura in legislatura.

Insomma, questi signori o sono degli incapaci, oppure fanno di tutto per peggiorare le cose, sempre che il loro operato non sia intenzionalmente ambiguo, nel senso che non fanno altro che tirare l'acqua verso il proprio mulino favorendo tutte quelle egemonie economiche che in Italia hanno il vero potere amministrativo.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Semplificare il modo e lo stile di vivere. Sia da parte del cittadino, sia da parte delle istituzioni. Ed in modo particolare da parte degli amministratori e dei governanti. A settembre si vota.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/2/2020 in 10:02 , vincent29264 ha scritto:

sempre che il loro operato non sia intenzionalmente ambiguo, nel senso che non fanno altro che tirare l'acqua verso il proprio mulino

Diciamo che molte leggi sono frutto di compromessi politici, scritte volutamente in modo ambiguo per permettere le interpretazioni,  così spesso ci sono magistrati che in base al loro sentire politico interpretano ogni singola legge in modo diverso da altri giudici chiamati ad intervenire in casi simili, poi quando viene promulgata una legge nessuno controlla se ci sono altre leggi precedenti che sono in conflitto con la nuova legge e conseguentemente la confusione interpretativa aumenta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora