storia e letteratura si confondono

Ricordando Alessandro Manzoni – l'avvocato Azzecca Garbugli amico di don Rodrigo era di centro, destra, sinistra. Forse più semplicemente era “ondivago” ed andava dove soffiava il vento a lui favorevole. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

Annuiva, con taluno, ed ammiccava con altri .... "ondivago"  diciamo in bonafede era.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mylord da d/b e ben arrivato. Come hai fatto a scoprire questo nuovo canale. Ora che ci sei cerca di restare e frequenta i settori di ambiente e natura, ma anche di scienza, tecnica, tecnologia come facevi un tempo nell'altra parte. A presto da d/b. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

secondo me era leghista. Citofonava, pardon, bussava alle porte delle case e chiedeva: "abita qui quello con la peste?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Risata, scusa ma penso che i fatti si siano svolti diversamente. L'avvocato “Garbugli Azzecca” era uomo di legge e di scienza. Ergo, lui nel suo laboratorio clandestino preparava l'olio balsamico con il quale “lubrificare” ed “oliare” le porte del tribunale per far assolvere i suoi protetti e condannare i nemici di don Rodrigo. Per la Peste di Milano non è riuscita nel contagiare tutti i designati, ma solamente i poverelli. Ricordi il brano pieno di umanità e sensibilità della madre che depone sul carro dei “monatti” la figlia di nove anni appena morta di peste e con indosso il vestito migliore, quasi dovesse partire per un lungo viaggio. Raccomanda ai carrettieri “abbiate cura del suo corpo ed a sera passate per prendere anche me e metteteci vicine” … si tratta del capitolo trentaquattro dal titolo “la madre di Cecilia”. - Ciao Risata da d/b – scusa ma alle volte mi tornano in mente i piacevoli ricordi di scuola. A presto ed una stretta di mano, buona serata e buona futura collaborazione. 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E le sembra piacevole la storia della bambina morta di peste, sig dune buggi?

Pensi piuttosto come sollevare il palo di illuminazione installato sulla campagnola color fucsia, quando affronterà il San Boldo, così le passeranno i piacevoli ricordi di scuola.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Risata, scusa ma questa volta hai letto male. - ho scritto un brano pieno di umanità e sensibilità (ripeto umanità e sensibilità) – mai scritto “piacevole” - chiedo cortesemente di essere riletto con attenzione. Grazie e mi faccia sapere, saluti rinnovati. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

---- il termine piacevole era riferito ai ricordi di scuola, mai certamente al brano di letteratura che rispetto ---- 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E a quelli mi riferivo

Ciao Risata da d/b – scusa ma alle volte mi tornano in mente i piacevoli ricordi di scuola. A presto ed una stretta di mano, buona serata e buona futura collaborazione. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scrivo da circa dieci anni e separo ben nettamente il confine tra scherzo e letteratura. In varie occasioni faccio ricorso alla “maieutica” (ricordi gli antichi filosofi greci e romani). - si potrebbe aprire un capitolo a parte su questo argomento. Si avrebbe parecchio da dire a certi vuoti polemici che si ritengono i padroni del mondo. - per badile e piccone della Fiat Campagnola ex militare pensavo di farli cromati lucidi, così li vedo da lontano. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sta scherzando vero?

Badile e piccone vanno verniciati col giallo fosforescente che si intona magnificamente con il colore fucsia. È un colore visibilissimo, tanto che viene usato sui giubbotti di chi lavora lungo, ma anche di traverso, le strade.

Se proprio non riesce a rinunciare alla cromatura, allora le suggerisco di cromare gli stivali di gomma. Con i pantaloni neri neri, farà un figurone.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Risata da d/b – tornati amici dopo il male inteso di ieri sera sul sensibile brano di Alessandro Manzoni. Torniamo a scrivere di badile e piccone. Allora, i due manici giallo fosforescente come il casco delle motocicliste svedesi. Le parti metalliche di pala e picco cromate ed in acciaio chirurgico, così se do una badilata o picconata sul “Q.lo” a certi disturbatori seriali della rubrica, almeno non si buscano il tetano. Per l'antenna, insisto. Fibra di vetro oscillante ed armonica. Prova a pensare ad un palo di due metri e settantacinque centimetri in cemento acciaio vibrato precompresso sul tetto della Fiat Campagnola ex esercito … troppo vistoso. Perché due metri e settantacinque … semplice perché rappresenta il quarto d'onda degli undici metri (ovvero la ventisette MHz della mitica C.B.). se questi discorsi tecnici li sente il tuo amico elettrico (quello con il cerchione della ruota di scorta) si iscrive anche lui ad un corso serale per corrispondenza. - ciao a presto ed alla prossima puntata. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ok vada per piccone e pala mezzi cromati e mezzi giallo fosforescente, ma il palo no, il palo deve essere alto 4 metri, duro e turgido come i pe ni di qualche decina di anni fa.

Un palo alto 4 metri, duro e turgido, collocato sulla campagnola fa tendenza e rende chic il proprietario.

Capisco che il peso e la lunghezza del palo la impensieriscono, ma deve anche pensare che con l'età le si sono centuplicate anche le forze.

Non se n'è ancora reso conto?

Basta che metta le mani sull'orga no che un tempo non riusciva nemmeno a piegare, se lo fa oggi, lo piega semplicemente con due dita, e se proprio vuole, riesce anche ad annodarlo, questo significa che l'età le ha dato molta più forza di quando era giovane, e allora non ci sono problemi nemmeno per levare e rimettere un palo di 4 metri da e sulla campagnola.

Un palo pieghevole....tse tse!

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Risata, per quanto riguarda “l'organo” maschile a settanta anni è ridotto come gli idranti del giardino. Arrotolato sul proprio trespolo, solo al bisogno lo estraggo, annaffio centrando il buco centrale del wa ter e poi lo arrotolo per riporlo in garage. Bisogna che ci metta l'avvolgitore motorizzato poiché alle volte nelle fasi di estensione e rientro si attorciglia. Sabato sera ho la lezione serale per corrispondenza (video conferenza) di elettricità ed automazione. Porrò il problema alla nostra istruttrice virtuale. - hai mai frequentato corsi serali per corrispondenza con istruttrice virtuale … io non ancora, sabato sera sarebbe la prima volta. Ciao, ti farò sapere come sarà andata. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963