Progresso e Coronavirus...

E’ fuori discussione che antiche malattie virali siano in declino . Lo sono al punto che , almeno ad oggi , il Coronavirus ci fa un baffo . Lo fa pure all’epidemia di colera che colpì Napoli e che causò, se non ricordo male , una cinquantina di vittime nel 1973 . Negli ultimi 50 anni ,  lo sviluppo e il progresso tecnologico hanno completato una tendenza di 200 anni di avanzamento in tutti i campi. Il progresso ha debellato, numeri alla mano, una caratteristica del mondo, l'epidemia, l'infezione virale, la morte per malattia ( insieme alla fame, nda) come tecnica selettiva della Natura per difendersi dal sovraffollamento del mondo. Una tecnica spietata della Natura per difendere l'ecosistema. Qualcuno insegna a Greta la storia dell'ambiente? E' solo negli ultimi 200 anni ( sui 15 mila precedenti) che c'e' stata una svolta epocale: la decimazione ecologica per malattia e' stata battuta. I segni della vittoria del progresso hanno un nome ed un cognome e si chiamano: drastico abbassamento della mortalita' infantile, considerevole allungamento delle aspettative di vita, riduzione della poverta' estrema e della fame a meno, ormai, del 22% della popolazione mondiale. Gli ultimi 200 anni sono la vittoria dell'uomo e del progresso sulla Natura cieca: la popolazione mondiale si e' quadruplicata in pochi decenni ( cresceva solo di pochissimo o calava persino nei millenni precedenti). Andiamo verso i 9 miliardi di persone.  Viviamo piu' a lungo e non ci riduciamo piu' a causa di epidemie. Dobbiamo stare attenti quando quando qualcuno accusa il progresso di distruggere il Pianeta ( e su questo forum , qualche idio ta che lo fa , esiste , nda). Sinora ha fatto il contrario: ha adattato il pianeta alla salvaguardia della vita umana. Riuscendoci !!  Non moriamo piu' di epidemie. Non moriremo ne' di caldo e ne' di coronavirus. Non siamo morti di Ebola  o di Aids. Non scherziamo, eh ?? Anzi: l'idea cha ad un virus invadente e pericoloso ( i virus sono in natura e le loro mutazioni insidiose e pericolose ci saranno finche' saremo fatti di materia biologica), dopo poche settimane, ci sono persone tecniche istruite e laboratori che sintetizzano la contromisura biologica, il vaccino, e' il segno di cosa significhi il progresso degli ultimi due secoli. Teniamocelo stretto!! Così come dovremmo tenerci stretto tuttocio’ che il progresso impone e che ce lo impone per salvaguardare e migliorare la nostra vita e quella di coloro che verranno dopo di noi . Ecco perché Si alla Tav , al Tap , ai Gasdotti , ai Vaccini . Certo , con dei paletti chiari e ben definiti circa la qualità tecnologica degli interventi , la salvaguardia della salute della collettività , ma vadano retro gli idio ti , quelli per i quali , se il mondo civilizzato non fosse intervenuto , oggi , ci manderebbero in giro con le ruote quadrate ...Saluti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Tutta roba del suo sacco sig Mark?

Comunque stia tranquillo, il progresso, o meglio la tecnologia, troverà il modo anche per ridurre gli abitanti di questo pianeta quando saranno troppi, visto che già ora consumiamo in sette mesi quello che la natura è capace di rigenerare in un anno.

Ma non è detto che la natura non intervenga prima della tecnologia dell'uomo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No no !! Roba raccolta in una osteria di Belluno . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Azzzzz......

Non sapevo che i bellunesi fossero così colti, sig Mark.

Pensavo che fossero più ubriaconi che colti.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Neanche io lo credevo . Invece mi sono imbattuto in un mungitore e spazzolatore di cacche bovine che , davanti ad un bicchiere di Teroldego , mi ha finalmente aperto gli occhi sul problema Coronavirus .  Azzzz , una sorpresona !! 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Finalmente ha confessato che le basta un bicchiere di teroldego per strabuzzare gli occhi, sig Mark.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No no , ma che dice . Il vino lo beveva il Teroldeghino mungitore. Io solo acqua minerale gasata ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma  per  questo  virus   che  vaccino  ci  potrà essere se poi  ci  sono  dei  portatori  insani ....

C’è da preoccuparsi seriamente per questo virus. Se continueremo a sottovalutarlo non risparmierà nessuno, nessuno.

Non è allarmismo il mio, la pandemia è tangibile, certificata e si diffonde a macchia d’olio.

Solo 16 anni fa erano, in Italia, il 2,7% a negare l’Olocausto, di per sé già una cifra altissima che oggi, dall’ultimo rapporto Eurispes, è smisuratamente cresciuta sino a giungere al 15,6%.

Siamo a quasi un italiano su cinque che nega l’Olocausto. Lo stesso italiano su cinque afferma anche che “a parte qualche piccolo sbaglio” mussolini ha fatto cose buone.

Stiamo perdendo la memoria, capite? Stiamo perdendo la cosa più preziosa che possediamo: l’esperienza. Quella più vera, dura e cruda fatta sulla “pelle” dei nostri avi.

La memoria “marchiata” su quella pelle. Un italiano su cinque sta negando quell’atroce esperienza che ha trasformato in “numeri” donne e uomini, li ha schiavizzati e poi… sterminati nei modi più atroci e crudeli possibili.

Abili manipolatori stanno inculcando nelle menti più deboli la loro verità, falsa e artefatta.

Non possiamo permettere questo. Lo dobbiamo a chi ancora oggi ne porta i segni e a chi, purtroppo, nei campi di sterminio (STERMINIO! Che terribile termine) ha perso la vita. La vita!

Intere famiglie, donne, bambini, uomini… sono state “eliminate” da pazzi criminali che credevano in una, inesistente, razza pura.

Rimanere indifferenti di fronte a questo orribile tentativo di stravolgere la verità, ci renderebbe complici e quindi carnefici sia della passata che della futura generazione.

Perché se non si trova un rimedio a questo terribile virus, la prossima generazione sarà destinata a ripetere quegli orrori. E sarebbe terribile. Terribile.

Se non riusciremo a tenere vivo il ricordo, se non riusciremo a tramandare la memoria, se non leggiamo la storia ai nostri figli e nipoti; se non riusciremo noi a essere “credibili” che siamo stati -e siamo- a diretto contatto con chi quella tragedia l’ha vissuta e subìta, chi potrà riuscirvi in futuro?

Se non lo facciamo noi, ora, adesso: avremo perso.

Inesorabilmente.

E non vi è scienziato che ci possa aiutare, non vi è vaccino che possa riuscire a evitare questa tragedia se non la nostra parola, il nostro sforzo nel narrare la Storia, il nostro esempio.

Abbiamo questa enorme responsabilità: Tramandare la VERITA’.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

Ma  per  questo  virus   che  vaccino  ci  potrà essere se poi  ci  sono  dei  portatori  insani ....

C’è da preoccuparsi seriamente per questo virus. Se continueremo a sottovalutarlo non risparmierà nessuno, nessuno.

Non è allarmismo il mio, la pandemia è tangibile, certificata e si diffonde a macchia d’olio.

Solo 16 anni fa erano, in Italia, il 2,7% a negare l’Olocausto, di per sé già una cifra altissima che oggi, dall’ultimo rapporto Eurispes, è smisuratamente cresciuta sino a giungere al 15,6%.

Siamo a quasi un italiano su cinque che nega l’Olocausto. Lo stesso italiano su cinque afferma anche che “a parte qualche piccolo sbaglio” mussolini ha fatto cose buone.

Stiamo perdendo la memoria, capite? Stiamo perdendo la cosa più preziosa che possediamo: l’esperienza. Quella più vera, dura e cruda fatta sulla “pelle” dei nostri avi.

La memoria “marchiata” su quella pelle. Un italiano su cinque sta negando quell’atroce esperienza che ha trasformato in “numeri” donne e uomini, li ha schiavizzati e poi… sterminati nei modi più atroci e crudeli possibili.

Abili manipolatori stanno inculcando nelle menti più deboli la loro verità, falsa e artefatta.

Non possiamo permettere questo. Lo dobbiamo a chi ancora oggi ne porta i segni e a chi, purtroppo, nei campi di sterminio (STERMINIO! Che terribile termine) ha perso la vita. La vita!

Intere famiglie, donne, bambini, uomini… sono state “eliminate” da pazzi criminali che credevano in una, inesistente, razza pura.

Rimanere indifferenti di fronte a questo orribile tentativo di stravolgere la verità, ci renderebbe complici e quindi carnefici sia della passata che della futura generazione.

Perché se non si trova un rimedio a questo terribile virus, la prossima generazione sarà destinata a ripetere quegli orrori. E sarebbe terribile. Terribile.

Se non riusciremo a tenere vivo il ricordo, se non riusciremo a tramandare la memoria, se non leggiamo la storia ai nostri figli e nipoti; se non riusciremo noi a essere “credibili” che siamo stati -e siamo- a diretto contatto con chi quella tragedia l’ha vissuta e subìta, chi potrà riuscirvi in futuro?

Se non lo facciamo noi, ora, adesso: avremo perso.

Inesorabilmente.

E non vi è scienziato che ci possa aiutare, non vi è vaccino che possa riuscire a evitare questa tragedia se non la nostra parola, il nostro sforzo nel narrare la Storia, il nostro esempio.

Abbiamo questa enorme responsabilità: Tramandare la VERITA’.

PM610 hai ragione non si deve dimenticare si deve dire la verità tutta e sempre anche quando è scomoda, si è detto più e più volte    mai più,    mai più   e invece è accaduto di nuovo http://www.viaggiare-low-cost.it/choeung-ek-i-campi-di-sterminio-in-cambogia/

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, mark222220 ha scritto:

No no , ma che dice . Il vino lo beveva il Teroldeghino mungitore. Io solo acqua minerale gasata ...

Seeee......

Quell'acqua gasata puzzava di grappa che si sentiva fuori della porta del bar.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

PM610 hai ragione non si deve dimenticare si deve dire la verità tutta e sempre anche quando è scomoda, si è detto più e più volte    mai più,    mai più   e invece è accaduto di nuovo http://www.viaggiare-low-cost.it/choeung-ek-i-campi-di-sterminio-in-cambogia/

 

Tutte le ideologie hanno fatto morti. Il capitalismo sterminò milioni di africani, nativi sud e nordamericani, indiani e cinesi. Il comunismo fece milioni di morti in Russia, Cina o Cambogia.

Ma né il capitalismo né il comunismo hanno mai pianificato lo sterminio su base razziale.

Capitalismo e comunismo invece praticarono l'annientamento del (loro) "nemico". In ciò non sono stati diversi dalla Chiesa Cattolica o da quella Luterana, da Giulio Cesare o da Gengis Khan.

Il nazifascismo fu qualcosa di molto più osceno.

La bestialità del nazifascismo consiste in questo: tu sei mio amico, ma sei ebreo. Perciò devi morire.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

mai più   e invece è accaduto di nuovo

Sempre affermando che zucca pelata lo avevamo in casa...e adesso altri suoi emulatori lo rivorrebbero....

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963