Mangiare meno , mangiare tutti ...

 
Cari forumisti , parafrasando il Cazzaro napoletano sono arrivato alla conclusione emarginata in oggetto. Considerato che Due grandezze  coordinate sono 2 grandezze aggregate e non due grandezze approssimate  della reale funzione del consumo , mi sento di sposare le teoria del grande Keynes che , un tempo, e’ stato stagista dal cugino di mio padre alla High school Unuvetsity di Chiaia a Mare e del  prof . Ugo Pannone , credo che l’unico modo affinché tutti possiamo mettere insieme il pranzo con la cena sia quello di ridurre la quantità media dei cibi da ingurgitare . Come diceva l’allievo del cugino di mio padre , va scorporato il consumo globale (y), dal consumo nazionale al netto dei prezzi al consumo. Questo modello macroeconomico porterà enormi benefici all’uso costante del cibo equilibrato M=1/1-C in modo che la percezione dell’appetito reale sia inversamente proporzionale all’appetito di alta gamma che si abbasserà naturalmente  incrementando i percettori della teoria delle GRANDEZZE DIVERSE. Insomma smettere di avere tanta fame e posizionarsi su una fame così come , Keynes prima e Pannone poi , hanno tentato di spiegarci. Insomma , cari forumisti , così come ci dice il Cazzaro Napoletano , se noi Italiani, 60 milioni , abbiamo da spartirci una torta da mangiare , e’ profondamente ingiusto creare le condizioni per averne un’altra bensi ovviare il problema mangiandone tutti un po’ meno di quell’unica esistente . Insomma , come in Venezuela , che però , quando , si sono accorti che per mangiare quell’unica torta non rimanevano nemmeno 2 briciole a testa ed incominciavano a morire di fame qualche problema e’ sotto . Ma questo e’ un altro discorso . Come mettere in pratica una strategia simile ?? Intanto chiudere i supermercati dal giovedì alle ore 13 e riaprirli alle 14 del lunedì . Imporre ordinanze ai proprietari di negozi di cibo di predisporre tessere dove verranno inserite le quantità di cibo acquistate giornalmente con  i relativi massimi da non trasgredire . Si prevedono grosse sanzioni per quei commercianti e quei cittadini che derogheranno da detti parametri con punizioni cfr potranno arrivare fino a giorni sette e ore 12 di digiuno forzato . E poi una grande educazione alimentare . Anche io farò come il Cazzaro di Napoli che passerà dai 4 etti di pasta alla Pummarola n’coppa giornaliera ai grammi 70. Abolizione semi totale delle 15 ricottine di Agerola trisettimanali e per pasto , Kg 1 di pasta al forno da spalmare in 14 giorni, nientecchiu’ babà e pastiere . Neanche in miniporzioni. Alziamoci tutti in piedi , figli del popolo napoletano e del sud , ma anche quelli che hanno avuto la sfortuna di essere nati in altre regioni e tutti insieme gridiamo: Mangiare meno , mangiare tutti. Saluti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Caro amico, certamente ti sarai accorto che ormai lo stato non conta più nulla !!! lo stato è diventato una falange delle banche, un suddito da poter spremere a piacimento.., per cui stai tranquillo che mangeranno sempre i soliti …. Tutti gli altri non hanno bisogno di mangiare, e con la ricetta sangue e lacrime il pranzo è servito … Siccome l'industria e i politici degli anni scorsi hanno distrutto deliberatamente l'AGRICOLTURA ITALIANA ci si accorge ora che i conti non tornano… per cui non è più possibile mangiare tutti. i danni fatti sono enormi, la politica produrre di più a minor prezzo ha messo in crisi le piccole aziende agricole che hanno chiuso x sempre i battenti, le terre di quei piccoli agricoltori sono state espropriate perché certi personaggi dovevano costruire le autostrade, (riscuotere un pedaggio autostradale rende di più che un campo di grano..), la tav, capannoni e capannoni  industriali , poi abbandonati, ditte comperate dalla concorrenza e poi chiuse deliberatamente, botteghe artigiane di ogni mestiere costrette alla rovina perché le coop dovevano fare i loro grossi centri, perché gli asiatici devono aprire i loro , perché lo stato è in disfacimento , perché con le privatizzazioni le banche si arricchiscono facendo pagare i loro debiti alla popolazione , Siamo al limite dell'assurdo il quoziente intellettivo è sparito nel nulla !!!! es : far pagare la tassa di proprietà all' utente che ha noleggiato l'auto, ma chi prende un auto a noleggio non vuole avere questi problemi e non ne deve avere la tassa di proprietà la deve pagare la ditta che noleggia perché l'auto in fin dei conti e di sua proprietà e cmq nel prezzo chilometrico/ giornaliero è già inclusa la tassa di possesso, ma che vuole sto governo? trasformare i commercialisti in esattori/guardia di finanza ma pagare le tasse dovrebbe essere semplice un cittadino dovrebbe essere in grado di fare i calcoli da se, senza l'aiuto di alcun commercialista !!! Questi signori che studiano e impongono queste leggi hanno perso i contatti con la realtà , ma se un privato cittadino volesse vendere o acquistare un auto all'estero diciamo Francia, Svizzera, Germania, va incontro a cavilli burocratici che hanno dell'assurdo, dell' inconcepibile a livello di logica, ma non solo per l'auto per mille altre cose ! Lo stato sta facendo di tutto per distruggere l'economia, per distruggere la libertà, per distruggere, la capacità dell' individuo di progredire, questo sta facendo lo stato! tutta la peggiore ipocrisia dell' era fascista degli anni 30/40 è transitata alla chetichella nello stato attuale ! la favoletta? e ma e per colpire gli evasori! è Tu per colpire un evasore schiavizzi 60 milioni di persone , questa è l'Europa? questo è lo stato? Ma un lavoratore che paga contributi per 40 anni che cosa dovrebbe fare di più? se dovesse prendere una pensione in base  agli anni che ha versato ; se ha es 65 anni  dovrebbe percepirla fino al compimento di 105 anni (65 + 40 = 105) ma chi arriva all'età di 105 anni? se sei fortunato arrivi ad 80 ma devi essere fortunato ! quindi : 80 ( morte) - 65 (anno di pensionamento) = 15 un lavoratore si gode la pensione per 15 anni ( ma ha pagato 40 anni di contributi) … Ragionare meno ma ragionare bene !!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'umile ingegnere a suo tempo aveva suggerito la strada per sconfiggere la fame nel mondo: l'entomofagia

Le cavallette, che nell'immaginario collettivo associamo a flagelli e carestie, potrebbero essere un'autentica manna per l'uomo del XXI secolo. Un cibo abbondante, nutriente, saporito, e anche a buon mercato (a patto di sviluppare efficienti tecniche di allevamento), cosa che verrebbe a creare anche milioni di nuovi posti di lavoro.

Sinceramente non so quante cavallette abbia mangiato fosforo31. Di sicuro il nostro amico napoletano è il principale fattore di rischio per l'estinzione di cozze, vongole, lupini, telline, fasolare, patelle, tartufi, ricci e cannolicchi.

BFODIDSAT

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Permettetemi un applauso di incoraggiamento nei confronti del sig Mark per essersi impegnato nell'improbo compito di superare il sig ilsauro nella stesura della biografia del mio signore e padrone.

Nella speranza che prima o poi riesca nell'impresa di superare l'insuperabile sig ilsauro, gli consiglierei di esercitarsi nella presa per il Q.lo del Suo Signore e Padrone, senza avere la sensazione di archibugiarlo.

Secondo me attirerebbe l'attenzione di molti di più lettori.

 

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963