DOVE PORTA LA PROPAGANDA CELODURA

XENOFOBI RAZZISTI  BECERI  POLITICANTI 

"Fatevene una ragione: Howlader Dulal è italiano, anche se è nato in Bangladesh, e lui e la sua famiglia hanno diritto ad una casa. "Italiano picchiato perché ‘***’", è questa la vera notizia": http://fanpa.ge/hb6i5

di Valerio Renzi

http://roma.fanpage.it/tor-bella-monaca-italiano-picchiato-perche-***/

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

la ragione fattela tu xké, ke ne dicano i documenti, né lui né i suoi figli saranno MAI itaGliani.

con tutti gli itaGliani veri da generaz ke dormono in auto xké nn hanno un tetto sulla testa o pensionati con redditi da fame impossib pagare fitti onerosi, le case popol vengono vergognosam assegnate a sta gente. se vuole la casa quasi gratis, torni in bangla e poi ci dica se gliela tirano dietro...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

BLA  BLA  BLA    ECCO  LA  BADANTE  MANCA  IL BADATO A   CONFERMA   DI  QUANTO  SCRITTO

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, pm610 ha scritto:

BLA  BLA  BLA    ECCO  LA  BADANTE  MANCA  IL BADATO A   CONFERMA   DI  QUANTO  SCRITTO

bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla etc etc....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ahahahahh   che  fantasia    ma  sappiamo   i vostri  limiti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Era stato accolto in Val Susa come rifugiato di guerra “per motivi umanitari” e, dopo aver ottenuto il permesso di soggiorno, ha scelto di fuggire a Vicenza per spacciare droga. Mercoledì la polizia municipale della città veneta ha fermato in piazza Asiago, a Thiene, il 23enne nigeriano Osesumhen Destiny Ibhawoh: aveva con sé 8 dosi di cocaina e 12 di eroina, nascoste in un fazzoletto dentro gli slip. Grazie alle telefonate che continuavano ad arrivare sul suo cellulare durante il fermo, i vigili urbani sono riusciti a risalire ai vari *** italiani dello spacciatore, che hanno confermato l’acquisto di droga dal rifugiato. L’operazione è stata avviata a seguito di varie *** ricevute dagli abitanti del quartiere, tra cui una mail inviata alla polizia municipale da una mamma preoccupata per le attività illecite che svolgeva il giovane nel parco cittadino.

aggiuingo qualcosa di mio...personale:un rutto in faza!!!!

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ed  ecco  il  badato  con  la  solita  cronaca  nera  ma  solo se   di extracomunitari,  poi   non  vuole  essere   etichettato     come  becero  xenofobo e  razzista 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963