chi mi spiega cosa dice l'articolo 121 delle norme di attuazione del codice penale?

13 messaggi in questa discussione

D.Lgs. 28 luglio 1989, n. 271 - Norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale

Art. 121.
Liberazione dell'arrestato o del fermato

1. Oltre che nei casi previsti dall'articolo 389 del codice, il pubblico ministero dispone con decreto motivato che l'arrestato o il fermato sia posto immediatamente in libertà quando ritiene di non dovere richiedere l'applicazione di misure coercitive.

2. Nel caso di liberazione prevista dal comma 1, il giudice, nel fissare l'udienza di convalida, ne dà avviso, senza ritardo, anche alla persona liberata.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, pm610 ha scritto:

D.Lgs. 28 luglio 1989, n. 271 - Norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale

Art. 121.
Liberazione dell'arrestato o del fermato

1. Oltre che nei casi previsti dall'articolo 389 del codice, il pubblico ministero dispone con decreto motivato che l'arrestato o il fermato sia posto immediatamente in libertà quando ritiene di non dovere richiedere l'applicazione di misure coercitive.

2. Nel caso di liberazione prevista dal comma 1, il giudice, nel fissare l'udienza di convalida, ne dà avviso, senza ritardo, anche alla persona liberata.

 scusa la mia ignoranza (non conoscenza della legge)  cosa significa ..quando ritiene di non dovere richiedere l'applicazione di misure coercitive... quando ritiene in base a cosa? il giudice è libero di decidere quello che vuole in base alle sue idee o convinzioni personali?  quindi due fatti simili (supponiamo un furto) giudicati da due giudici diversi in un caso un ladro può rimanere in galere e in un altro caso analogo no?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

 scusa la mia ignoranza (non conoscenza della legge)  cosa significa ..quando ritiene di non dovere richiedere l'applicazione di misure coercitive... quando ritiene in base a cosa? il giudice è libero di decidere quello che vuole in base alle sue idee o convinzioni personali?  quindi due fatti simili (supponiamo un furto) giudicati da due giudici diversi in un caso un ladro può rimanere in galere e in un altro caso analogo no?

che   ne  so ,  chiedilo  ai  giudici , di sentenze  strane  o  indagini   altrettanto  strane  ne  è  piena  la  giurisprudenza... certo  che  molte  cose sono a  discrezione  del  giudice è  chiamato  così  mi  sembra  appositamente... o torna  comodo  solo  se  favorisce  chi  si  apprezza ???

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, pm610 ha scritto:

che   ne  so ,  chiedilo  ai  giudici , di sentenze  strane  o  indagini   altrettanto  strane  ne  è  piena  la  giurisprudenza... certo  che  molte  cose sono a  discrezione  del  giudice è  chiamato  così  mi  sembra  appositamente... o torna  comodo  solo  se  favorisce  chi  si  apprezza ???

 

Però se le cosa stanno così, si può dire che in Italia manca la certezze del diritto?  sono passati tanti anni e tanta acqua sotto i ponti ma mi sembra che una grande vecchi statista ( non vorrei sbagliarmi, forse  Giolitti? )  diceva :  le leggi si applicano ai nemici e si interpretano per gli amici...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

appunto ,  ma  le leggi non le  han fatte  i  magistrati...

21 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

Però se le cosa stanno così, si può dire che in Italia manca la certezze del diritto?  sono passati tanti anni e tanta acqua sotto i ponti ma mi sembra che una grande vecchi statista ( non vorrei sbagliarmi, forse  Giolitti? )  diceva :  le leggi si applicano ai nemici e si interpretano per gli amici...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo  comunque  è  un  diritto,  anche  la  discrezionalità  del  giudice   del non  incarcerare .  E'  anche  il  giudice  a  sua  discrezione  che  condanna   o assolve applicando  comunque  la  legge. Se  poi   hai memoria   quale e  unica  parte  politica che  si  è scatenata  contro i magistrati  naturalmente   perché   non erano gradite   certe  sentenze ???

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...."quale e  unica  parte  politica che  si  è scatenata  contro i magistrati  naturalmente   perché   non erano gradite   certe  sentenze ??? "... TUTTE    tutti i partiti a parole sono per l'indipendenza dei giudici (quando indagano sugli altri) salvo diventare garantisti quando indagano sugli amici e sugli amici degli amici, quando indagano sulle banche amiche e sugli amici delle banche amiche (basta pensare alla mancata pubblicazione dei fidi non rientrati che hanno fatto fallire certe banche)

Non prendiamoci in giro, esiste una classe politica che in nome del garantismo ha fatto e continua a fare indulti e amnistie , in teoria per le condizioni dei carcerati, di fatto perché in questo modo politici e amici beneficiano dell'impunità.

se avessero voluto veramente che la giustizia funzionasse avrebbero assunto giudici, assunto cancellieri nei tribunali, assunto guardie carcerarie, costruito carceri, abbreviato i tempi della giustizia per evitare le prescrizioni;  immaginate lo stato d'animo di un poliziotto quando con rischi personali insegue e cattura un malvivente e dopo poche ore lo vede di nuovo libero perché così ha deciso un giudice.. e pensiamo all'opinione pubblica quando viene a conoscenza di queste sentenze...poi non ci dobbiamo meravigliare se molti non vanno più a votare o se di fronte a certi programmi televisivi (di regime) cambiano canale....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

a  me  risulta   un  branco   con  cartelli  che   dicevano  magistrati peggio  delle  brigate  rosse  questo  è  quanto

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, pm610 ha scritto:

a  me  risulta   un  branco   con  cartelli  che   dicevano  magistrati peggio  delle  brigate  rosse  questo  è  quanto

diciamo piuttosto che un magistrato deve o dovrebbe essere al di sopra delle parti; è diritto di ogni cittadino di avere un proprio "credo" politico ma un magistrato proprio per la posizione che occupa dovrebbe astenersi dal fare politica per evitare che si possa anche solo dubitare della sua imparzialità;  invece accada che magistrati si presentino candidati per questo e quel partito, vengano eletti e dopo, quando non sono più deputati o senatori tornino a fare i magistrati; d'altronde la divisione della magistratura in correnti e fazioni politiche è una cosa nota a tutti e certamente questo non favorisce la fiducia dell'opinione pubblica nei confronti della magistratura.  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, pm610 ha scritto:

a  me  risulta   un  branco   con  cartelli  che   dicevano  magistrati peggio  delle  brigate  rosse  questo  è  quanto

Secondo me erano sostenitori del berlu, non che al berlu i magistrati fossero antipatici eh........:D

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

diciamo piuttosto che un magistrato deve o dovrebbe essere al di sopra delle parti; è diritto di ogni cittadino di avere un proprio "credo" politico ma un magistrato proprio per la posizione che occupa dovrebbe astenersi dal fare politica per evitare che si possa anche solo dubitare della sua imparzialità;  invece accada che magistrati si presentino candidati per questo e quel partito, vengano eletti e dopo, quando non sono più deputati o senatori tornino a fare i magistrati; d'altronde la divisione della magistratura in correnti e fazioni politiche è una cosa nota a tutti e certamente questo non favorisce la fiducia dell'opinione pubblica nei confronti della magistratura.  

e  questo  cosa   centra  ???  Fuori  argomento

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, pm610 ha scritto:

e  questo  cosa   centra  ???  Fuori  argomento

perché fuori argomento? si stava parlando di un articolo del codice penale e del fatto che in base a quell'articolo dei "presunti ladri" siano stati immediatamente scarcerati  visto  che i magistrati possano liberamente  interpretare quell'articolo a seconda del loro orientamento politico (o sbaglio?)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'orientamento  politico  è  una  cosa   personale che  non  dovrebbe  inficiare , e  lo  dimostrano  le  sentenze , il  giudizio. Altra  cosa   far  politica  attiva che  a  quanto ne  so non  è  proibito    ai  magistrati che  devono  comunque  chiedere la  sospensione   e  smettere  la loro  attività in  magistratura cosa  che  non  succede  agli  altri  cittadini.  Se  poi   ritornano  al  loro  mestiere  mi sembra  che  ci  siano delle   condizioni  ben  precise.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963